§. 1 L’arte e la vita di Andrea Camilleri


§. 1.2 Il commissario Montalbano, nascita di un caso letterario



Scaricare 46.67 Kb.
Pagina2/4
28.05.2019
Dimensione del file46.67 Kb.
1   2   3   4

§. 1.2 Il commissario Montalbano, nascita di un caso letterario

Oltre alle opere ambientate nella Vigàta di un tempo, da Il birraio di Preston (1995)12 - il libro ai suoi tempi più venduto con quasi 70 mila copie - a La concessione del telefono (1999), ci sono i gialli della Vigàta odierna che vedono la comparsa del Commissario Montalbano, la cui invenzione porta allo scrittore agrigentino il grande successo. Montalbano è il protagonista di romanzi (il primo, già citato, è La forma dell’acqua, del 1994) e racconti che non abbandonano mai le ambientazioni e le atmosfere siciliane e che non presentano alcuna concessione a motivazioni commerciali o a uno stile di più facile lettura. Da anni ormai le indagini del sarcastico Commissario, nonché le atmosfere e il divertente e azzeccato linguaggio italo - siculo dei romanzi e dei personaggi di Camilleri, affascinano migliaia di lettori.

Salvo Montalbano è un simpaticissimo e umanissimo commissario di polizia di Vigatà, una cittadina immaginaria della Sicilia attuale. Ghiotto di specialità isolane, fedele, fino a un mese, alla fidanzata genovese Livia Burlando, bravissimo nel risolvere casi di omicidi mafiosi e non, rispettoso e ammirato di certe persone anziane, sensorialmente sinestetico (associa odore a colore), Montalbano viene presentato anche con le sue debolezze umane, quali per esempio, la sua dipendenza psicologica dalla situazione meteorologica, i modi bruschi e anche burberi nei riguardi dei suoi dipendenti, l’impazienza per certe maniere delle persone anziane.

Nei romanzi di Montalbano l’intreccio poliziesco è fondamentale, ma in fondo è solo il pretesto per la creazione dei personaggi. L’aspetto e il carattere di questi è la parte del lavoro di creazione che Camilleri privilegia; i protagonisti delle sue storie sono spesso, infatti, molto divertenti ed ironici; ma anche molto malinconici, e questo vale in misura maggiore per il commissario Montalbano. Raccontati come d’uso in una lingua ibrida, metà italiano metà dialetto siculo, la detection di questo Maigret di Trinacria, più colto, teso ed irregolare (più «nirbùso e squieto», direbbe l’autore) dell’originale, si svolge, come si è detto, ovviamente nello scenario suggestivo dell’immaginaria Vigàta.

La nascita di Montalbano, e della serie di romanzi polizieschi a lui legati, viene ricordata dallo stesso Camilleri nella sua biografia La forma dell’acqua; lo scrittore, infatti, ricorda di quel giorno in cui, facendo una scommessa con se stesso, si chiese se sarebbe stato «capace di scrivere un romanzo dalla A alla Zeta come Dio comanda: capitolo primo – Era una notte buia e tempestosa…Chiamatemi Ismaele… -, trecento pagine o quelle che sono, e poi la fine?»13. L’idea della sfida con se stesso trova motivo nel fatto che lo stesso Camilleri aveva sempre pensato a sé come ad uno scrittore anarchico che, partendo da un’idea, poteva creare tutta una storia, senza una vera e propria costruzione a priori.

La possibilità di raggiungere un tale obiettivo, comunque, lo portò a ragionare su cosa potesse aiutarlo a trovare una griglia che gli imponesse dei confini e, a tale proposito, pensò a quanto aveva scritto Sciascia «Il romanzo giallo in fondo è la migliore gabbia dentro alla quale uno scrittore possa mettersi, perché ci sono delle regole, per esempio che non puoi barare sul rapporto logico, temporale, spaziale del racconto»14. Fu così che Camilleri provò a scrivere un romanzo giallo, La forma dell’acqua, come una sorta di pensum, di compito che gli era dato, perché già stava scrivendo Il birraio di Preston del quale non riusciva a calibrare la struttura.

Sempre in quel periodo, Camilleri stava leggendo un romanzo di Vasquez Montálban, Il pianista – che non ha nulla a che fare con i suoi Pepe Carvalho – che gli suggerì una strada possibile per strutturare Il birrario di Preston (1995); in seguito Camilleri dirà di sentirsi grato all’autore spagnolo, che non conosceva personalmente, e di avere per tale motivo deciso di chiamare il commissario, del quale stava scrivendo la prima avventura, Montalbano, che è, di fatto, un cognome siciliano diffusissimo.

Dopo la pubblicazione de La forma dell’acqua, che ebbe grande successo, Camilleri decise che non avrebbe continuato con Montalbano. Il personaggio, però, era entrato a far parte in modo alquanto prepotente della sua immaginazione e da qui l’esigenza di svilupparne aspetti, movenze e intensità. Scrisse, così, Un cane di terracotta (1996), che decretò il successo del personaggio e segnò, per certi aspetti, la strada letteraria di Camilleri. A tale proposito lo stesso scrittore racconta: «Da ragazzo ho letto un romanzo di avventure russo, Come divenni calmucco, in cui c’era una slitta inseguita dai lupi. Ma c’è un furbo che si è portato della carne congelata dentro un sacco, butta pezzi di carne ai lupi che si fermano a mangiare e la slitta può proseguire. Ecco: i racconti sono come la carne per il lupo Montalbano, ogni tanto gli scrivo un racconto per tenerlo buono e permettermi di continuare a scrivere altro»15.

Dai romanzi incentrati sulla figura del commissario Montalbano è stata tratta una fortunata serie di film per la TV, andata in onda su RaiDue tra il 1999 e il 2000, alla realizzazione della quale Camilleri ha collaborato come sceneggiatore e che ha visto Luca Zingaretti indossare i panni del famoso commissario. Per il successo del libro prima e per quello televisivo poi, Montalbano è entrato a far parte dell’immaginario collettivo, come il Maigret di Simenon; tanto successo di pubblico e di lettori, tuttavia, ha trovato discorde la critica che ha teso a bollare il libro di Camilleri come letteratura di intrattenimento. A queste provocazioni non sono mancate le repliche, come quella di Pacchiano, che ha teso a sottolineare che si tratta pur sempre di «alto intrattenimento», di una letteratura «garbata, non dozzinale, e lontana da quelle forme di sensazionalismo che, oggi, stanno riducendo la narrativa poliziesca all’anticamera della macelleria»16.




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale