É cittadino dell'Unione Europea chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro



Scaricare 14.41 Kb.
13.12.2017
Dimensione del file14.41 Kb.

"É cittadino dell'Unione Europea chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro". Ma cosa vuol dire essere cittadini d'Europa?

Vuol dire pensare ad essa come una realtà comune, non come qualcosa di astratto, potersi sentire non solo cittadini del paese in cui si è nati, ma figli di un continente, nati da un puzzle di culture variopinte. Significa poter viaggiare attraverso i miei sogni e le mie aspirazioni. 

Tutti questi valori, alla base dell'UE mi sono sempre stati particolarmente a cuore, ma non avrei mai potuto immaginare, fino a poche settimane fa, la sorprendente notizia che mi avrebbe aspettato quel normalissimo lunedì a scuola. Ero stata scelta, insieme ad altri quattro ragazzi italiani per visitare un paese dell'Unione a mia scelta. Devo ammettere di aver riflettuto molto sullo Stato in questione e infine ne sono venuta a capo scegliendo un paese affascinante, progredito e tecnologico, ma allo stesso tempo ricco di storia: la Germania. 

Sarò ospite di una famiglia tedesca nella piccola cittadina di Brilon, in una posizione perfetta per visitare Berlino e Amburgo, le mie due principali mete.

Già mi immagino, nel fresco clima primaverile, dopo essere uscita dall' Hauptbahnhof, la ferrovia più grande d'Europa, ad attraversare la porta di Brandeburgo, simbolo della guerra fredda, con le sue imponenti colonne; il Reichstag, sede del Parlamento tedesco, ma anche i monumenti costruiti in memoria del genocidio degli ebrei e così via. 

Si, perché la Germania è riuscita a superare dittature e divisioni, e tutt'ora la sua crescita economica non si è mai fermata. 

Inoltre non vedo l'ora di frequentare, con la mia corrispondente, la scuola tedesca per poterla confrontare con la nostra, in modo da far migliorare entrambe. 

Non riesco ancora a credere che per una settimana mi sentirò cittadina d'Europa, per una settimana vivrò uno fra i miei più grandi sogni, una settimana in cui non ci saranno più confini, né pregiudizi, né differenze, verrò accolta con cordialità in un mondo ancora da scoprire!



Sono fiera di essere cittadina europea, di far parte di questa grande famiglia, per poter considerare ognuno di questi ventisette paesi la mia CASA.

Roberta Falco, 3ª G Scuola media A. Balzico 


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale