Ο Scuola Primaria “San Francesco d’Assisi”



Scaricare 151.71 Kb.
Pagina1/4
26.01.2018
Dimensione del file151.71 Kb.
  1   2   3   4



PIANO DIDATTICO

PERSONALIZZATO
ALUNNI CON

DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO (DSA)

A.S. 2017/2018




SCUOLA ________________________________________________

Anno Scolastico ____________ Classe __________ Sezione __________

Referente DSA d’Istituto ______________________________________

Docenti di classe ____________________________________________

__________________________________________________________

Docente coordinatore di classe _________________________________


  1. INFORMAZIONI GENERALI


DATI RELATIVI ALL’ALUNNO

Cognome ____________________________ Nome _____________________________

Luogo e data di nascita ____________________________________________________

Residente a ________________________________________ Prov. ________________

In via ______________________________________________________ n° _________

Telefoni di riferimento: abitazione _____________________________________





  1. DATI DELLA SEGNALAZIONE SPECIALISTICA ALLA SCUOLA (DIAGNOSI)

Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da:



Ο AUSL Ο Privato (specificare ________________________________)

il _______________ dal dott. ___________________________________________



Ο neuropsichiatra Ο psicologo

reperibile al numero telefonico ______________________________________________

Se redatta da privato, convalidata dall’ AUSL in data _____________________________

a firma dello specialista ____________________________________________________



Ο neuropsichiatra Ο psicologo

reperibile al numero telefonico ______________________________________________




  1. DIAGNOSI CLINICA

(art. 3, Legge 170/2010)
TIPOLOGIA DEL DISTURBO (dalla diagnosi)

Ο DISLESSIA

Ο DISGRAFIA

Ο DISORTOGRAFIA

Ο DISCALCULIA
DIAGNOSI E RELATIVI CODICI ICD-10 (dalla diagnosi)

________________________________________________________________________________________________________________


STILE DI APPRENDIMENTO PREVALENTE (se l’indicazione è presente)

Ο Uditivo Ο Visivo Ο Tramite letto-scrittura

COMPENSAZIONE DEL DISTURBO (per la scuola secondaria, se l’indicazione è presente)

Ο Assente Ο Limitata Ο Parziale Ο Completa
Si ricorda che anche in presenza di compensazione, tutte le difficoltà correlate ai DSA permangono.

  1. INTERVENTI EXTRASCOLASTICI EDUCATIVO-RIABILITATIVI


INTERVENTI RIABILITATIVI:

[] in orario scolastico [] in orario extrascolastico
Ο Logopedia

Ο Psicomotricità

Ο Interventi didattici specifici in orario extrascolastico

Ο Altri interventi riabilitativi (specificare)______________________________________
Operatore di riferimento____________________________________________________

Tempi (n° incontri settimanali) e modalità _____________________________________


INTERVENTI EDUCATIVI TERRITORIALI (quartiere, comune, provincia, regione)

Tipo di intervento_________________________________________________________

Operatore di riferimento ___________________________________________________

Tempi e modalità _________________________________________________________

Metodologia di raccordo scuola/operatore______________________________________



  1. OSSERVAZIONI SULL’ALUNNO


INFORMAZIONI DALLA FAMIGLIA ________________________________________________________________________________________________________________
OSSERVAZIONI DEI DOCENTI
a. Aspetti emotivo-affettivo-motivazionali (1) ________________________________________________________________________________________________________________

b. Caratteristiche del percorso didattico pregresso (2) ________________________________________________________________________________________________________________

c. Altre osservazioni (3)______________________________________________________

________________________________________________________________________________________________________________

NOTE


  1. Relazioni con compagni e adulti (sa relazionarsi/interagire, partecipa a scambi comunicativi); approccio agli impegni scolastici (è autonomo, necessita di supporto, …); capacità organizzative (sa gestirsi e gestire il materiale scolastico, sa organizzare un piano di lavoro, …); consapevolezza delle proprie difficoltà (ne parla, le accetta, elude il problema,…).

  2. Documentazione del percorso scolastico pregresso attraverso colloqui e/o informazioni (continuità con ordini o classi precedenti di scuola).

  3. Rilevazione delle specifiche difficoltà che l’alunno presenta e dei suoi punti di forza.


EVENTUALI ALTRE OSSERVAZIONI DELLO SPECIALISTA

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



  1. OSSERVAZIONE DELLE ABILITÀ STRUMENTALI

(Eventualmente desumibili dalla diagnosi e da un’osservazione sistematica dell’alunno)

LETTURA (Legge170/2010, art.1, comma 2)


QUALITÀ DELLA LETTURA

CARATTERE UTILIZZATO

COME LEGGE

COMPRENSIONE


Ο Stentata

Ο Lenta

Ο Sillabata

Ο Buona

Ο Imprecisa:

 con sostituzioni (legge una parola per un’altra)

 con scambio di grafemi (b/p, b/d, f/v, r/l, q/p, …)

 con inversioni di lettere

 non rispetto della punteggiatura

 prosodia (accento, tono e intonazione)





Ο Stampato maiuscolo
Ο Stampato minuscolo
Ο Corsivo



Ο Mentalmente
Ο Ad alta voce



Ο Comprende semplici frasi
Ο Comprende brani di breve lunghezza
Ο Accede in modo autonomo alla comprensione di tutto il testo


Rilevazione di modifiche significative avvenute in corso d’anno:

QUALITÀ DELLA LETTURA

__________________

_________________

_________________



CARATTERE UTILIZZATO

_________________

________________

________________



COME LEGGE
_________________

________________

________________


COMPRENSIONE
________________

________________

________________



SCRITTURA (Legge170/2010, art.1, commi 3 e 4)


QUALITÀ DELLA SCRITTURA

DIFFICOLTÀ RILEVATE


Ο Lenta

Ο Veloce

Ο Normale

Ο Stampato maiuscolo

Ο Stampato minuscolo

Ο Corsivo

Ο Errori fonologici: omissioni, sostituzioni, omissioni/aggiunte, inversioni, scambio di grafemi (b/p, b/d, f/v, r/l, q/p, a/e)

Ο Errori non fonologici ( fusioni illegali, raddoppiamenti, accenti, scambio di grafema omofono-non omografo)

Ο Errori fonetici (omissione/aggiunta doppie o accento)

Ο Qualità del tratto grafico (realizzazione, pressione, regolarità,…)

Ο Seguire la dettatura

Ο Copia (lavagna/testo o testo/testo)

Ο Lentezza nello scrivere

Ο Composizione di testi

Ο Difficoltà grammaticali e sintattiche


Rilevazione di modifiche significative avvenute in corso d’anno:

QUALITÀ DELLA SCRITTURA

_____________________________________

__________________________________

__________________________________




DIFFICOLTÀ RILEVATE

_____________________________________

__________________________________

__________________________________




CALCOLO (Legge170/2010, art.1, comma 5)


DIFFICOLTÀ RILEVATE

Ο Ragionamento logico

Ο Errori di processamento numerico (difficoltà nel leggere e scrivere i numeri, negli aspetti ordinali e cardinali, nella corrispondenza tra numero e quantità)

Ο Uso degli algoritmi di base del calcolo (scritto e a mente)

Ο Scarsa comprensione del testo in un problema

Ο Difficoltà nella manipolazione del numero con errori:

 nel memorizzare le tabelline

nel calcolo a mente e scritto

 nell’incolonnamento

 nelle operazioni

 altro ______________________________________________________________




Rispetto alla diagnosi specialistica riportare le eventuali osservazioni riguardo la correttezza e la velocità di esecuzione.

_____________________________________________________________________

_____________________________________________________________________


Rilevazione di modifiche significative avvenute in corso d’anno:

_____________________________________________________________________



______________________________________________________________

______________________________________________________________



PROPRIETÀ LINGUISTICA

Ο Difficoltà di esposizione orale e di organizzazione del discorso

Ο Difficoltà o confusione nel ricordare nomi/giorni della settimana/mesi… e date


  1. CARATTERISTICHE DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO

(Eventualmente desumibili dalla diagnosi e da un’osservazione sistematica dell’alunno)
Difficoltà rilevate:

Ο Nel recuperare rapidamente dalla memoria nozioni già acquisite e comprese, cui consegue difficoltà e lentezza espositiva

Ο Nella lingua straniera (comprensione, lettura e scrittura)

Ο Scarsa capacità di concentrazione prolungata

Ο Facile faticabilità e lentezza nei tempi di recupero

Ο Lentezza ed errori nella lettura cui può seguire difficoltà nella comprensione del testo
DIFFICOLTÀ NEL MEMORIZZARE:

Ο Tabelline, formule, algoritmi, forme grammaticali

Ο Sequenze e procedure

Ο Categorizzazioni, nomi dei tempi verbali, nomi delle strutture grammaticali italiane

Ο Categorizzazioni, nomi dei tempi verbali, nomi delle strutture grammaticali straniere
GRADO DI AUTONOMIA NELLO SVOLGIMENTO DI UN COMPITO ASSEGNATO A SCUOLA:

Ο Insufficiente Ο Scarso Ο Buono Ο Ottimo

Ο Ricorre all’aiuto dell’insegnante per ulteriori spiegazioni

Ο Ricorre all’aiuto di un compagno

Ο Utilizza strumenti compensativi

PRASSIE E MOVIMENTO

Difficoltà rilevate:

Ο Nella coordinazione oculo-manuale

Ο Nelle attività che coinvolgono la motricità globale

Ο Nelle attività che coinvolgono la motricità fine (no scrittura)

Ο Nelle attività che coinvolgono la motricità fine (fluidità, leggibilità, affaticabilità)

Ο Nella pianificazione dei movimenti (difficoltà nell’organizzare l’atto motorio)

Ο Nell’adattare il movimento al variare della situazione (pianificazione di strategie motorie per risolvere problemi nuovi)

Ο Altro:________________________________________________________________
Punti di forza rilevati: ______________________________________________

______________________________________________________________________________________________________________________________



  1. CONSAPEVOLEZZA DA PARTE DELL’ALUNNO DEL PROPRIO MODO DI APPRENDERE




APPLICAZIONE CONSAPEVOLE DI COMPORTAMENTI E STRATEGIE ADEGUATI AL PROPRIO STILE COGNITIVO

APPLICAZIONE CONSAPEVOLE DI COMPORTAMENTI E STRATEGIE ADEGUATI AL PROPRIO STILE COGNITIVO

(Segnalare solo in caso di modifiche significative avvenute in corso d’anno)



Ο Acquisita

Ο Da rafforzare

Ο Da sviluppare

Ο Acquisita

Ο Da rafforzare

Ο Da sviluppare




AUTOSTIMA DELL’ALUNNO

AUTOSTIMA DELL’ALUNNO

(Segnalare solo in caso di modifiche significative avvenute in corso d’anno)



Ο Nulla

Ο Scarsa

Ο Sufficiente

Ο Buona

Ο Ipervalutazione

Ο Nulla

Ο Scarsa

Ο Sufficiente

Ο Buona

Ο Ipervalutazione



  1. STRATEGIE UTILIZZATE DALL’ALUNNO NEL LAVORO SCOLASTICO

(Barrare le voci corrispondenti a ciò che l’alunno mette in atto)


STRATEGIE UTILIZZATE NELLO STUDIO

STRATEGIE UTILIZZATE NELLO STUDIO

(Segnalare solo in caso di modifiche significative avvenute in corso d’anno)



Ο Sottolinea guidato dall’insegnante

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Sottolinea

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Identifica parole-chiave

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Utilizza schemi, tabelle, diagrammi, mappe forniti dall’insegnante

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Costruisce schemi, tabelle, diagrammi, mappe

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Ripete ad alta voce

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Ripete nel gruppo di compagni

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto


Ο Sottolinea guidato dall’insegnante

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Sottolinea

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Identifica parole-chiave

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Utilizza schemi, tabelle, diagrammi, mappe forniti dall’insegnante

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Costruisce schemi, tabelle, diagrammi, mappe

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Ripete ad alta voce

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto

Ο Ripete nel gruppo di compagni

Ο È autonomo

Ο Necessita di azioni di supporto





MODALITÀ NELL’AFFRONTARE IL TESTO SCRITTO

MODALITÀ NELL’AFFRONTARE IL TESTO SCRITTO

(Segnalare solo in caso di modifiche significative avvenute in corso d’anno)



Ο Utilizzo di programmi di videoscrittura con correttore ortografico

Ο Utilizzo di procedure per la pianificazione (definizione del compito di scrittura, ideazione, scaletta/traccia)


Ο Utilizzo di programmi di videoscrittura con correttore ortografico

Ο Utilizzo di procedure per la pianificazione (definizione del compito di scrittura, ideazione, scaletta/traccia)





MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL COMPITO ASSEGNATO

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL COMPITO ASSEGNATO

(Segnalare solo in caso di modifiche significative avvenute in corso d’anno)



Ο È autonomo

Ο Talvolta necessita di azioni di supporto

Ο Necessita di guida costante

Ο È autonomo

Ο Talvolta necessita di azioni di supporto

Ο Necessita di guida costante




UTILIZZO DI STRATEGIE PER RICORDARE

UTILIZZO DI STRATEGIE PER RICORDARE

(Segnalare solo in caso di modifiche significative avvenute in corso d’anno)



Ο Memoria visiva (uso immagini, colori, …)

Ο Memoria uditiva

Ο Altro ____________________________


Ο Memoria visiva (uso immagini, colori, …)

Ο Memoria uditiva

Ο Altro ____________________________


GLI INSEGNANTI GUIDERANNO E SOSTERRANNO L’ALUNNO AFFINCHÈ IMPARI:

  • A conoscere le proprie modalità di apprendimento, i processi e le strategie mentali più adeguati e funzionali per lo svolgimento dei compiti richiesti.

  • Ad applicare consapevolmente comportamenti e strategie operative adeguati al proprio stile cognitivo.

  • A ricercare in modo via via più autonomo strategie personali per compensare le specifiche difficoltà.

  • Ad accettare in modo sereno e consapevole le proprie specificità, a far emergere le proprie potenzialità e a sviluppare la capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati.



  1. CARATTERISTICHE COMPORTAMENTALI









IN

PARTE

NO

Partecipa a scambi comunicativi e conversazioni collettive










Collabora nel gruppo di lavoro scolastico










Sa relazionarsi ed interagire positivamente










Accetta e rispetta le regole










È motivato nei confronti del lavoro scolastico










Sa gestire il materiale scolastico










Sa gestire un piano di lavoro










Rispetta gli impegni e le responsabilità










Accetta l’utilizzo di strumenti informatici










Accetta l’utilizzo di strumenti compensativi














  1. Individuazione di eventuali modifiche agli obiettivi previsti dai programmi
    Criteri e modalità di verifica e valutazione



    Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale