1 Introduzione


Fig. 2. 5 2.1.2 La classe “WxDragImage5”



Scaricare 459.5 Kb.
Pagina8/15
29.03.2019
Dimensione del file459.5 Kb.
1   ...   4   5   6   7   8   9   10   11   ...   15
Fig. 2. 5

2.1.2 La classe “WxDragImage5”:
La classe WxDragImage5 è quella che implementa la finestra “Progetto”.

La finestra presenta in alto i pezzi che possono essere combinati per creare il circuito:



Il generatore pseudocasuale: Il codificatore Rsencoder:

Il codificatore Enpuncture: Il codificatore Cencoder:

Il decodificatore Depuncture: Il decodificatore Rsdecoder:

Il decodificatore Vdecoder: Il canale:

Il Confrontatore:

Ogni codificatore è accoppiato ad un decodificatore, l’unico in grado di decodificare il suo segnale:




CODIFICATORI

DECODIFICATORI

Enpuncture

Depuncture

Rsencoder

Rsdecoder

Cencoder

Vdecoder

Per agevolare gli accoppiamenti, il codificatore ed il rispettivo decodificatore sono stati disegnati dello stesso colore.


Per iniziare a costruire il circuito è necessario trascinare il Generatore sullo spazio sottostante la barra dei componenti. Per trascinare un componente è sufficiente fare doppio clic sull’oggetto e tenere premuto il pulsante sinistro del mouse. Per rilasciare il componente è sufficiente lasciare il pulsante sinistro del mouse.

Ci sono alcuni vincoli da rispettare per una corretta costruzione del circuito:



  • Il circuito inizia sempre con un Generatore che è unico.

  • Dopo il Generatore può essere posizionato un canale o un codificatore o il Confrontatore.

  • Dopo un codificatore deve essere inserito un canale o un decodificatore oppure un altro codificatore.

  • Dopo un canale deve essere inserito un decodificatore o un canale o un codificatore oppure il Confrontatore.

  • Dopo un decodificatore deve essere inserito un codificatore o un canale o un decodificatore oppure il Confrontatore.

  • Il Confrontatore deve essere l’ultimo pezzo inserito ed è unico.

Nel caso in cui uno di questi vincoli sia violato comparirà una finestra di errore contenente un messaggio (il tipo di errore) ed il pezzo verrà automaticamente risistemato nella barra dei componenti. (Fig. 2.6)


Fig. 2.6

E’ importante tenere presente che, durante la costruzione del circuito, un decodificatore non può essere inserito se precedentemente non è stato inserito il corrispettivo codificatore; nel caso in cui si verifichi questo tipo di errore verrà segnalato con un apposita finestra alla fine della costruzione del circuito. (Fig. 2.7)





Fig. 2.7

Per quanto riguarda la disposizione dei pezzi l’uno accanto all’altro non è necessario che i lati combacino perfettamente o siano allineati tutti esattamente sulla stessa riga, infatti è stato programmato un margine (grande circa il quadruplo dell’area occupata da un componente) entro il quale i pezzi vengono riconosciuti dal programma ed allineati automaticamente.

Se non si sono verificati errori di composizione il programma provvederà a far apparire una finestra di conferma (Fig. 2.8) ed in seguito, per ogni pezzo che compone il circuito, appariranno una serie di finestre per l’inserimento dei parametri. (Fig. 2.9)






Condividi con i tuoi amici:
1   ...   4   5   6   7   8   9   10   11   ...   15


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale