1930 (Denguin – Francia) – 2002 (Parigi)



Scaricare 1.68 Mb.
26.01.2018
Dimensione del file1.68 Mb.



1930 (Denguin – Francia) – 2002 (Parigi)

  • 1930 (Denguin – Francia) – 2002 (Parigi)

  • Nel 1953 ottiene la laurea in filosofia presso l’ École Normale Supérieure.

  • Nel 1955 prestò servizio militare per due anni in Algeria, dove studiò la cultura contadina dei Berberi

  • Studiò antropologia e sociologia, insegnando a Parigi dal 1960 al 1962 e a Lille dal 1962 al 1964, anno in cui entrò a far parte dell’ École pratique des hautes études.



Nel 1975 Bourdieu lanciò il giornale Actes de la Recherche en Sciences Sociales.

  • Nel 1975 Bourdieu lanciò il giornale Actes de la Recherche en Sciences Sociales.

  • Nel 1981 gli fu assegnata la prestigiosa cattedra di sociologia del Collège de France.

  • Negli anni '80 prese anche parte a diverse attività al di fuori dei circoli accademici: supportò lo sciopero dei ferrovieri, si fece portavoce dei senzatetto, fu ospite di programmi televisivi e nel 1996 fondò la casa editrice Liber/Raison d’Agir.



  • Con Jean-Claude Passeron, La reproduction. Èlements d’une théorie du système d’enseignement (1970).

  • La Distinction: critique sociale du jugement (1979)

  • Homo Academicus (1984)

  • La Noblesse d'État (1989)

  • Les règles de l’art (1992)

  • La domination masculine (1990)

  • Le structures sociales de l’économie (2000)

  • Raisons pratiques (1994)



  • Ogni atto di ricerca deve essere sia empirico che teorico.

  • Ogni più piccola operazione empirica – come la scelta di una scala di misura, o l’inserimento di un item in un questionario … - implica delle scelte teoriche coscienti o incoscienti, e anche la più astratta delle difficoltà concettuali non può essere risolta se non attraverso un confronto sistematico con la realtà empirica.



  • Parlare di concetti costruiti significa parlare di concetti sistematici che si trovano interrelati mutuamente in un contesto strutturale, di modo che il loro uso suppone il riferimento permanente al sistema totale delle relazioni in cui sono inseriti.



Le azioni sociali vanno spiegate - fin dove è possibile – da una prospettiva sociologica, e come se fossero totalmente spiegabili sociologicamente.

  • Le azioni sociali vanno spiegate - fin dove è possibile – da una prospettiva sociologica, e come se fossero totalmente spiegabili sociologicamente.

  • In questo senso Bourdieu si avvicina a Marx quando vieta di eternizzare nella natura tutto ciò che è prodotto dalla storia,

  • e al precetto durkheimiano che esige che il sociale sia spiegato soltanto attraverso il sociale.



  • È quello del senso comune – e del razzismo – che tratta le attività o le preferenze proprie di certi individui o gruppi di una determinata società in un certo momento, come delle proprietà sostanziali, inscritte una volta e per sempre in una sorta di essenza biologica o culturale, producendo gli stessi errori della comparazione tra società differenti, ma anche tra periodi successivi della stessa società.



Il sociale ha una doppia esistenza, nelle cose e nei corpi :

  • Il sociale ha una doppia esistenza, nelle cose e nei corpi :

    • Le strutture sociali esterne, il sociale fatto cose, contenuto nelle condizioni oggettive (campo);
    • Le strutture sociali interiorizzate, il sociale fatto corpo, incorporato nell’agente (habitus).


  • Il modo di pensare oggettivista sottolinea le relazioni oggettive che condizionano le pratiche, però non può dar conto della percezione delle stesse, né della dialettica che si stabilisce tra soggettivo e oggettivo.

  • Al contrario il pensiero soggettivista prende in conto soprattutto le percezioni e le rappresentazioni degli agenti.



Bourdieu definisce il suo punto di vista teorico come costruttivismo strutturalista o strutturalismo costruttivista.

  • Bourdieu definisce il suo punto di vista teorico come costruttivismo strutturalista o strutturalismo costruttivista.



Il campo si riferisce a spazi di posizioni sociali storicamente costituiti …

  • Il campo si riferisce a spazi di posizioni sociali storicamente costituiti …

  • mentre gli habitus sono sistemi di disposizioni incorporate dall’agente nel corso della sua traiettoria sociale.

  • Attraverso la dialettica tra campo e habitus, Bourdieu cerca di superare la falsa dicotomia esistente nelle scienze sociali tra oggettivismo e soggettivismo.



Rappresentano due momenti dell’analisi sociologica che si trovano in relazione dialettica.

  • Rappresentano due momenti dell’analisi sociologica che si trovano in relazione dialettica.

  • La scienza sociale deve quindi assumere come oggetto di analisi, nello stesso tempo, la realtà e la percezione della realtà.

  • Poiché le strutture oggettive esterne sono il fondamento e la condizione delle percezioni e delle rappresentazioni delle stesse, si postula un primato logico del momento oggettivista.

  • la costruzione del mondo e degli agenti si realizza all’interno di condizioni strutturali; pertanto, le rappresentazioni degli agenti variano secondo la posizione (e gli interessi a questa associati) e secondo il proprio habitus, come sistema di schemi di percezione e di valutazione, come strutture cognitive e valutative che sono acquisite attraverso l’esperienza duratura di una posizione nel mondo sociale. (Bourdieu, 1987: 134)



  • Il mondo sociale è come un’opera di Calder, in cui tanti piccoli universi si muovono gli uni rispetto agli altri, in uno spazio a più dimensioni

  • Pierre Bourdieu, Lire les Sciences Sociales



Dalla tradizione strutturalista, Bourdieu assume il punto vista che identifica il reale con le relazioni.

  • Dalla tradizione strutturalista, Bourdieu assume il punto vista che identifica il reale con le relazioni.

  • Si oppone al punto di vista sostanzialista che riconosce come sole realtà quelle che si offrono alla intuizione diretta: l’individuo, il gruppo, le interazioni.

  • Pensare relazionalmente significa centrare l’analisi sulla struttura delle relazioni oggettive (in un determinato spazio e tempo).



"un sistema di schemi percettivi, di pensiero e di azione acquisiti in maniera duratura e generati da condizioni oggettive, ma che tendono a persistere anche dopo il mutamento di queste condizioni".

  • "un sistema di schemi percettivi, di pensiero e di azione acquisiti in maniera duratura e generati da condizioni oggettive, ma che tendono a persistere anche dopo il mutamento di queste condizioni".

  • (P. Bourdieu in Critica sociale del gusto)



  • “L’habitus è un principio generatore e unificatore che ritraduce le caratteristiche intrinseche e relazionali di una posizione in stile di vita unitario, cioè in un insieme unitario di scelte (di persone, di beni, di pratiche)”.

  • (Bourdieu, Raisons pratiques, p. 23)



  • Il campo sociale (che è una costruzione teorica) si organizza intorno a due dimensioni:

    • il volume globale delle risorse detenute
    • e la sua ripartizione tra capitale economico e capitale culturale (conoscenze, diplomi, buone maniere).


  • Il campo è una sorta di microcosmo, relativamente omogeneo e autonomo, che si riferisce ad una funzione sociale (ad es. il campo artistico, giornalistico, universitario)

  • I campi sono fondamentalmente dei luoghi di concorrenza e di lotta.

  • Il campo è uno spazio di gioco con regole specifiche. Le persone (agenti) perseguono la posta in gioco (enjeu) in un campo dato, possedendo risorse relative differenti.

    • Ad esempio, nel campo letterario è meglio esibire capitale culturale che economico.


  • nei campi si producono costantemente definizioni e ridefinizioni a partire dalle relazioni di forza tra gli agenti e le istituzioni coinvolte nel gioco.

  • I confini e le regole di ogni campo dipendono anche dalle relazioni con gli altri campi. Queste relazioni definiscono e ri-definiscono l’autonomia relativa di ogni campo.



  • Il “capitale” è principio di differenziazione dei diversi campi sociali, ciò che distingue l’uno dagli altri, che rappresenta anche il principio fondamentale di costruzione di un campo specifico.

  • In altri termini, il principio di differenziazione è rappresentato dal capitale che sta in gioco. L’oggetto centrale delle lotte e del consenso in ogni campo è costituito da una delle differenti varietà di capitale.



  • Il capitale può essere definito come un insieme di beni che si accumulano, che si producono, che si distribuiscono, che si consumano, che si convertono, che si perdono.

  • Questo concetto non ha una connotazione meramente economica, ma è esteso a qualsiasi tipo di bene suscettibile di accumulazione e intorno al quale può costruirsi un mercato (un processo di produzione, distribuzione, consumo).



Bourdieu distingue fondamentalmente, oltre al capitale economico:

  • Bourdieu distingue fondamentalmente, oltre al capitale economico:

  • il capitale culturale

  • il capitale sociale

  • il capitale simbolico

  • che servono sia come mezzi che come fini.



è legato a conoscenze, scienza, arte e si impone come una ipotesi indispensabile per rendere conto delle disuguaglianze nei risultati scolastici.

  • è legato a conoscenze, scienza, arte e si impone come una ipotesi indispensabile per rendere conto delle disuguaglianze nei risultati scolastici.

  • Può esistere sotto tre forme:

  • Nello stato incorporato, cioè sotto forma di disposizioni durature (habitus) collegate con determinati tipi di conoscenze, idee, valori, abilità, ecc.;

  • nello stato oggettivato, sotto forma di beni culturali, quadri, libri, dizionari, strumenti musicali, ecc.;

  • e nello stato istituzionalizzato, che costituisce una forma di oggettivazione, come i differenti titoli scolastici.



  • La maggior parte delle proprietà del capitale culturale possono essere dedotte dal fatto che nel suo stato fondamentale è legato al corpo e presuppone un processo di incorporazione. Quindi un certo numero di proprietà si definiscono soltanto in relazione al capitale culturale in forma incorporata. Per esempio, per consumare un quadro o utilizzare determinati strumenti è necessario il possesso di specifiche abilità, conoscenze, ecc ...



  • Menzionare il capitale culturale istituzionalizzato come forma specifica di capitale culturale ci porta a segnalare l’esistenza di istituzioni sociali cui si riconosce la capacità legittima di amministrare quel bene. Si tratta di istituzioni di consacrazione e legittimazione specifiche del campo, la cui apparizione e permanenza sono strettamente legate alla stessa esistenza del campo e alla sua autonomia relativa.



  • Il capitale sociale è legato a un circolo di relazioni stabili che si definisce come appartenenza a un gruppo, cioè a un insieme di agenti che non sono soltanto dotati di proprietà comuni, ma che nello stesso tempo sono uniti da legami permanenti e utili. Si tratta di un capitale di relazioni mondane di onorabilità e rispettabilità, che può procurare benefici materiali o simbolici come quelli che sono soliti essere associati alla partecipazione ad un gruppo raro e prestigioso.

  • La rete di relazioni è il prodotto di strategie di investimento sociale coscientemente o incoscientemente orientate verso l’istituzione o la riproduzione di relazioni sociali direttamente utilizzabili.



  • La nozione di capitale simbolico era utilizzata da Bourdieu in un primo momento come un modo per distinguere l’accumulazione di certi beni non strettamente economici come onore, prestigio, salvezza, relazioni, conoscenze. In scritti posteriori si trovano definizioni come: “forma che rivestono le differenti specie di capitale quando sono percepite e riconosciute come legittime”.



  • Si tratterebbe allora di una specie di capitale che gioca come valore aggiunto di prestigio, legittimità, autorità, riconoscimento agli altri capitali, principi di distinzione e differenziazione che vengono messi in gioco di fronte agli altri agenti del campo, che si aggiungerebbero alla posizione detenuta (nel campo) per il controllo del capitale specifico che è oggetto di lotta in quel campo.



  • Il capitale simbolico è una proprietà qualunque –forza fisica, ricchezza, coraggio– che, percepita da alcuni agenti sociali dotati delle categorie di percezione e di valorizzazione che permettono di percepirla, conoscerla e riconoscerla, diventa simbolicamente efficiente come una vera forza magica: una proprietà che, poiché risponde a delle aspettative collettive, socialmente costituite, a delle credenze, esercita una specie di azione a distanza senza contatto fisico. (Bourdieu, Ragioni pratiche, 1994)






Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale