4 sintesi del testo: G. Mormino, per una teoria dell’imitazione, Cortina 2016


Il "simile a me" è quell'elemento dell'ambiente la cui imitazione si è rivelata più frequentemente vantaggiosa



Scaricare 116.55 Kb.
Pagina18/35
07.11.2019
Dimensione del file116.55 Kb.
1   ...   14   15   16   17   18   19   20   21   ...   35
Il "simile a me" è quell'elemento dell'ambiente la cui imitazione si è rivelata più frequentemente vantaggiosa.

  • Può trattarsi di chiunque, ma è certo che una costituzione fisiologica simile rende in linea di massima più probabile che si tratti di un individuo della stessa specie e in condizioni fisiche comparabili.

      1. Scegliere un modello è come adottare un utilitarismo della regola anziché un utilitarismo dell'atto.

      1. Constatiamo che seguire un certo esempio ha maggiori probabilità di procurarci dei vantaggi della semplice adozione del metodo che alterna esplorazione e autoimitazione.

      2. Attraverso l'osservazione dei modelli più atti a essere imitati si produce da un lato un perfezionamento della capacità di soddisfare i bisogni, dall'altro una maggiore conoscenza di sé e dell'altro; complessivamente la vita in società favorisce enormemente la possibilità di apprendere le modalità d'azione più utili, oltre a fornire la prima definizione della propria identità.

      1. A uno stadio già avanzato di sviluppo, il soggetto può divenire consapevole del carattere mimetico di una propria azione vantaggiosa e iniziare a compiere azioni imitative in quanto imitative, solo per il piacere che l'esperienza ha associato a esse.
  • 1   ...   14   15   16   17   18   19   20   21   ...   35


    ©astratto.info 2019
    invia messaggio

        Pagina principale