4 sintesi del testo: G. Mormino, per una teoria dell’imitazione, Cortina 2016


L’uso del termine "autoimitazione" non è usato impropriamente



Scaricare 116.55 Kb.
Pagina6/35
07.11.2019
Dimensione del file116.55 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   35
L’uso del termine "autoimitazione" non è usato impropriamente poichè il primo moto compiuto funge esattamente da modello, nella misura in cui non è un moto qualunque ma precisamente quello, selezionato tra molti inutili o dannosi, che ha lasciato una traccia nel corpo dell'individuo.

  • L'autoimitazione non è un caso particolare del copiare gli altri, ma piuttosto l'unico vero meccanismo all'opera anche con modelli esterni.

  • L'autoimitazione precede infatti sia logicamente sia nel tempo l'imitazione degli altri e rende superfluo ipotizzare l’esistenza di azioni che vengono abitualmente definite istintive.

  • L'osservazione dei bambini molto piccoli, come quella dei cuccioli di altre specie, mostra che anche i comportamenti più elementari sono prima di tutto trovati e poi ripetuti, una volta che l'esperienza abbia mostrato la loro utilità.



  • Condividi con i tuoi amici:
  • 1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   35


    ©astratto.info 2019
    invia messaggio

        Pagina principale