Al dottor Federico Minghetti, dermatologo, che dedicò la sua professione di medico alla continua ricerca di nuove formulazioni galeniche, modificando continuamente ciò che la letteratura gli offriva, per ottenere farmaci



Scaricare 1.28 Mb.
Pagina123/123
29.03.2019
Dimensione del file1.28 Mb.
1   ...   115   116   117   118   119   120   121   122   123
Bibliografia breve
A.A. V.V.: Dizionario de’ medicamenti ad uso dei medici e dei farmacisti. – Vicenzi G. & c.. MO, 1836.

A.A. V.V.: Dizionario enciclopedico Melzi-Vallardi. – Garzanti. 1978.

Benedice R.: Saperi, linguaggi e tecniche nei sistemi di cura tradizionali. – L’Hartmattan It.. TO, 2001.

Biagi G.L.: Compendio di farmacognosia. – Patron. BO, 1971.

Campana A.: Farmacopea. – Mi, 1832.

Corvi A.: L’officina farmaceutica. – Primula medica. PI, 1999.

Devoto G.- Oli G.C.: Dizionario della lingua Italiana. – Le Monnier. FI, 1971.

Ghigi E.: Lezioni di chimica organica e tossicologica organica. – Tinarelli. BO, 1965.

Negri G.: Nuovo erbario figurato. – Hoepli. MI, 1991.

Nelaton G.: Elementi di patologia chirurgica. – Iovene. NA, 1881.

Passini A.: Storie, tradizioni e leggende della medicina popolare. – Ist. It. Arti Grafiche. BG, 1940.

Pende W.: Terapia medica speciale. – Siset. Mi, 1932.

Sergent A.-Tommaseo N. e a.: Vocabolario della lingua italiana. – Pagnoni. MI, 1873.

Witrel O.: Semeiotica e diagnostica chirurgica generale. – Vallardi. MI.





1 Citrus aurantium, var. amara - Citracee.

Quando non è indicato amaro, s’intende, per arancio, l’arancio dolce (Citrus sinensis).



2 Menyanthes trifoliata - Genzianacee.

3 Artemisia absinthium - Composite.

4 O cardo santo. Cnicus benedictus - Composite.

Da non confondere col cardo della Madonna, Sylibum marianum - Composite.



5 Erythraea centaurium - Genzianacee, detta anche popolarmente biondella.

6 Betula alba - Betullacee.

7 Arctostaphylos uva ursi - Ericacee.

8 Detti barba del granturco (Zea mais - Graminacee).

9 Glycyrrhiza glabra - Papilionacee.

10 Agrophyrum repens, Cynodon dactylon e a. - Graminacee, dette pop. caprinella, grano delle formiche, granaccio.

11 Eugenia caryophillata - Mirtacee. I cosiddetti “chiodi di g.” sono i frutti in boccio essiccati al sole. Il principio attivo primario è l’eugenolo.

12 Lavandula latifoglia - Labiate.

13 Salvia off. - Labiate.

14 Thymus serphyllum - Labiate, detto pepolino.

15 Angelica archangelica - Ombrellifere.

16 Acorus calamus - Aracee.

17 Curcuma zedoaria o zerumbet - Zingiberacee.

18 Menta piperita - Labiate. Il principio attivo essenziale è il mentolo.

19 Origanum majorana - Labiate.

20 Matricaria camomilla - Composite.

21 Elettaria cardamomum - Zingiberacee.

22 Valeriana off. - Valerianacee.

23 Semi essiccati di Pimpinella anisum - Ombrellifere. Con essi in molte regioni italiane si fanno i caratteristici biscotti detti anicini, o i liquori come l’omonima anice.

24 Apium carvi - Ombrellifere.

25 Coriandrum sativum - Ombrellifere.

26 Anethum foeniculum - Ombrellifere.

27 Ossido di magnesio calcinato, polvere leggera.

28 Sassofras albidum - Lauracee.

29 Prunus spinosa - Rosacee, detto anche prugnolo.

Con il nome di pruno s’intendono però anche altri tipi di piante, come, ad esempio, il biancospino, e, soltanto in alcune regioni il prugno ed il mandorlo.



30 Guajacum sanctum - Zingofillacee, dal cui legno s’estrae l’omonima resina. Il nome è d’origine amaca, lingua dell’America del sud. Uno dei principi attivi è il guaiacolo.

31 Smilax aspera - Liliacee.

32 Juglans regia - Juglandacee. In farmacia s’usò anche il mallo, che è il frutto immaturo.

33 O senna. Cassia acutifolia - Papilionacee.

34 La viola del pensiero (Violacee).

35 Diaforesi deriva dal greco diàphoreo = disperdere.

36 Pterocarpus santalinus, var. rossa. Epicharis (o Disoxylon) Loureri, var. bianca e citrina - Santalacee.

37 Cincona calysaya - Rubiacee. Il nome deriva da quina, di lingua indigena peruviana.

38 Ilicium anisatum - Magnoliacee. Da non confondersi con l’anice comune.

39 Petroselinum hortense - Ombrellifere.

40 Juniperus com. - Cupressacee.

41 Ligusticum off. - Ombrellifere, da non confondere con il ligustro (Oleacee), che ha azione tonico-stomachica.

42 Ononis spinosa - Papilionacee.

43 Althaea off. - Malvacee, detta di Dioscoride o di Plinio, e pop. malvavischio.

44 Malva silvestris - Malvacee.

45 Linum usitatissimum - Linacee.

46 Detto sale di Seignette.

47 Sambucus nigra - Caprifoliacee.

48 Verbascum phlomoides - Scrofulariacee.

Era invece detto tasso barbasso l’affine Verbascum thapsus.



49 Tussilago farfara - Composite.

50 Papaver rhoeas - Papaveracee. Chiamato popolarmente rosolaccio, bamboccia, eretteo e pittadonna, perché usato, un tempo, dalle contadinelle per tingersi le gote.

51 Tilia europea - Tiliacee.

52 Le erbe contenenti acido salico e suoi sali erano impiegate come demineralizzanti, adsorbenti, anche nei catarri delle vie aeree; inoltre come antisettici, collutori ed antiemorragici.

53 Galeopsis tetrahit - Labiate.

54 Equisetum arvense - Labiate.

55 O centinodia. Polygonium aviculare - Poligonacee.

56 La creta preparata è il calcio carbonato nativo, detto anche bianco di Spagna, costituito da gusci fossili microscopici di alcuni Foraminiferi, che viene porfirizzato, cioè ridotto a polvere impalpabile. Contiene piccole quantità di fosfati, silicati, magnesio, ferro, alluminio e sostanze organiche, ma chimicamente si comporta come il carbonato di calcio puro.

57 Cinnamomum zeylanicum - Lauracee.

Il nome deriva da canna, la forma nella quale è messa in commercio, arrotolandone la corteccia.



58 Seme della Miristica fragrans - Miristicacee. L’arillo essiccato è detto macis.

59 La miscela d’enzimi del malto d’orzo (maltina), del pancreas di maiale o di bue (pancreatina), e dello stomaco degli stessi e della pecora (pepsina) hanno un’azione digestiva sia sugli amidi e gli zuccheri, per effetto delle amilasi e delle diastasi saccarifere, sugli albuminoidi e le proteine, per effetto della tripsina, e sui grassi per azione della steapsina.

60 O scamonea. Convulvulus scamonia - Convulvulacee.

61 O scialappa. Exogonium purga - Convolvulacee.

62 O ginger. Ammomum off. - Zingiberacee.

63 La polvere di spugna ha un alto tenore di iodio; l’ammonio cloruro pareva favorisse la secrezione della tiroide; il carbone vegetale, che, ad un primo esame, può sembrare fuori luogo, per la sua azione assorbente, di fatto, non diminuisce l’effetto dei due principi attivi, ma ne provoca una sorta d’azione ritardata.

64 Piper cubebe - Piperacee.

65 Balsamo estratto dalla Copaifera off. - Papilionacee, detto anche balsamo dei Gesuiti.

66 Cola vera - Sterculiacee.

67 Citrus medica - Rutacee, da cui s’estrae l’odoroso estratto, usato anche in profumeria, in liquoreria e in pasticceria, e, del cui frutto se ne fanno canditi. Da non confondere con il Cedrus libani delle Conifere.

68 Lo zucchero del latte.

69 Tartrato acido di potassio. E’ il tartaro che si forma naturalmente nei tini durante la fermentazione dell’uva.

70 Aldeide aromatica che è presente in gran quantità nella Vanilla planifolia, fragrans e a. - Orchidacee.

71 Questa polvere era così detta perché era la panacea per chi affrontava un lungo viaggio. Digestiva, blandamente lassativa, diuretica e, antiluetica.

72 Citrus limonia - Rutacee. Il nome deriva dall’arabo limùm.

73 Le “magnesie” Brioschi o Galeffi, con le quali, in estate, si usava preparare una gradita e fresca bevanda, ad azione digestiva, blandamente lassativa, che sono tuttora in commercio.

74 Uno dei precursori della famosa polvere commerciale “Idrolitina superlitiosa”.

75 Acqua gassata artificialmente in sifoni, di sapore frizzante, usata per allungare bibite o bevande alcoliche. Dal nome francese della città tedesca di Selters.

76 Rubus idacus - Rosacee.

77 Non possiamo non ricordare il monastero delle Benedettine della nostra città, detto “di Sala”, in cui si preparavano queste cartine antigottose, che erano, in passato, richieste da tutti i paesi europei, ed inviate dalle monache in una caratteristica scatola di latta decorata. La farmacia è tuttora in funzione, e, fra le altre cose, vi si prepara un ottimo rosolio.

78 Colchicum autumnalis - Liliacee, detto popolarmente freddolina.

79 Gentiana lutea - Genzianacee.

80 Brionia dioica - Cucurbitacee, detta anche zucca selvatica.

81 Stachis off. - Labiate.

82 Sottonitrato.

83 Strychnos nux vomica - Loganiacee. Il principio attivo prevalente è la stricnina.

84 Sostanza odorosissima, cerosa, secreta dal capodoglio, che si trova galleggiante in alcuni mari orientali; molto usata anche in profumeria.

85 Nitrato di potassio.

86 Bicloruro di mercurio.

87 Estratto delle calatidi (capolini immaturi) del santonico: Artemisia cina ed a. - Composite, detto anche seme santo o semen contra. Il nome, dal latino Santones, popolazione gallica.

88 Alcool prodotto dalla condensazione di trementina ed acqua.

89 Composta d’oppio, succo condensato, ottenuto per incisione delle capsule del papavero bianco o indiano. Papaver somniferum - Papaveracee) p. 1/ipecacuana (Cephalis ipecacuanha - Rubiacee) p. 1/lattosio p. 8.

90 Ottenuto per distillazione in corrente di vapore.

91 Polvere cristallina, bianca, dall’aroma grato, ottenuta per distillazione in corrente di vapore, e successiva sublimazione, del legno di Cinnamomum canphora ed a. - Lauracee.

92 Acido organico di cui è ricco il benzoino, balsamo ottenuto da varie piante orientali, come lo Styrax benzoin - Lauracee. Dall’arabo (lu)ban giawi = incenso di Giava.

93 Croton Eleuteria - Euforbiacee, simile per sapore ed effetti alla china. Il nome, come del resto quello della cascara, significa corteccia.

94 Claviceps purpurea - Ascomiceti. Parassita della Secale cereale - Graminacee. Principio attivo è l’ergotina.

95 Principio attivo estratto dal legno di Picraena excelsa o di Quassia amara - Simarubacee.

96 Miscela farinosa, amara, ottenuta dalle ghiandole dell’inflorescenza femminile (coni) dell’Humulus luppulus - Cannabinee.

97 Sinonimo di litio.

98 Prodotto della condensazione della formaldeide con l’ammoniaca, noto anche con il nome di urotropina, per l’azione antisettica sull’apparato urogenitale. Qualcuno ricorderà ancora l’”Elmitolo” Bayer.

99 Erythroxylon coca, var. bolivianum - Eritroxilacee.

100 Danno una leggera effervescenza, poste in bocca.

101 Gomma adragante. Mucillagine ottenuta da diverse specie d’Astragalus (verus, gummifer, creticus, ecc.) delle Leguminose. L’origine del nome è greca: traga kantha = spina del caprone.

102 Panax ginseng - Araliacee, detto pianta della vita. Dal cinese jen-shen = pianta uomo, per la forma caratteristica della radice, simile ad un corpo umano.

103 Acacia catechu - Mimosacee. Chi non ha mai assaggiato i gustosi granuli “Tabù”, con la caratteristica scatolina dispensatrice di latta!

104 Cetraria islandica - Licheni.

105 Detto anche sapone amigdalino, s’ottiene per saponificazione dell’olio di mandorle con soda.

Molto diffuso come eccipiente, assieme al sapone di potassa, o sapone verde che s’ottiene, invece, da olio di lino e potassa.



106 Succo concentrato delle foglie d’Aloe vera o barbadensis - Liliacee, da non confondere con l’omonimo legno odoroso, fornito dall’Aquilaria, impiegato in ebanisteriae una volta ritenuto farmaco eroico.

107 Rheum off. - Poligonacee.

108 Croton tilium - Poligonacee.

109 Principio attivo del Podofillum peltatum - Berberidacee, talmente irritante e caustico, che vedremo impiegato in soluzioni per uso esterno, contro condilomi, verruche, ecc..

110 Citrullus colocyntis - Cucurbitacee.

111 Principio attivo dell’Evonimus europaeus - Celestracee, detto pop. berretta del prete. Euònymus in greco significa “di buon augurio”.

112 Frutti essiccati col pericarpo del Piper nigrum - Piperacee. I semi danno invece il pepe bianco.

113 Hyoschyamus niger - Solanacee. Dal greco = fava porcina.

114 Semi dell’Ignatia amara, o Faba febbrifuga ed a. Loganiacee, detti anche grani delle Filippine. Contengono notevole quantità di stricnina.

115 Aconitus napellus - Ranuncolacee, detto volgarmente malapelle, storciano, risigallo.

116 Cannabis sativa, var. indica - Cannabinee. Il nome dell’hascisc, la droga che se ne ricava, significa, in molte lingue orientali, pianta eccelsa.

117 Datura stramonium - Solanacee.

118 Atropa belladonna - Solanacee. Il nome dal gallico bladonia.

119 Balsamo delle Myroxylon toluiferum - Papilionacee. Il nome dall’omonima città della Colombia.

120 Fenobarbitale.

121 Crataegus oxyacantha - Rosacee.

122 Sostanza fosfo-azotata contenuta in tutti gli organismi viventi, animali e vegetali, che abbiano, fra i loro componenti, un olio o un grasso. Ne sono particolarmente ricchi il tuorlo d’uovo e la soia.

123 Cynoglossum off. - Borraginee, detto lingua di cane.

124 Gommoresina estratta dalla Commiphora myrrha - Burseracee, usata nell’antichità per imbalsamare i cadaveri. “I Deci e i Fabi ebber la fama che volentier mirro”(Dante).

125 Sinonimo, ma anche una qualità, d’incenso.

126 Stimmi del Crocus sativus - Iridacee.

127 Liquido untuoso, dall’odore penetrante e sgradevole, secreto dalle ghiandole perigenitali del castoro, usato come fissativo.

128 Gommoresina dall’odore sgradevole, ottenuta per incisione del tronco della Ferula asafoetida - Ombrellifere.

129 Gommoresina della Ferula galbaniflua - Ombrellifere.

130 Convallaria majalis - Liliacee, detto figlio delle convalli, o di maggio.

131 Principio attivo della Spartium scoparium - Ginestracee. Vari i sinonimi popolari: amaracciola, maggio, scornabecco, roggiuolo.

132 Scilla marittima o lanata - Liliacee, detta cipolla di mare.

133 Digitalis purpurea - Scrofulariacee. Ha la corolla a forma di dito, da cui il nome.

134 Polyporus off. - Funghi, dalla caratteristica forma a ferro di cavallo, detto anche fungo del larice.

135 Ruta graveolens - Rutacee.

136 Juniperus sabina - Cupressacee.

137 Krameria triandria - Papilionacee.

138 Principio attivo della china.

139 Si estrae dalla Toluifera (o Myroxylon) pereirae - Leguminose. Detto variamente: balsamo nero delle Indie, o di San Salvador, opobalsamo liquido.

140 Prodotto della distillazione dal catrame del legno di faggio (Fagus silvatica - Cupulifere).

141 Alcaloide dell’oppio.

142 Oleoresina del Larix europaea - Pinacee.

143 Estratta dalla Garcinia Cambogia - Guttifere.

144 Dryopteris filix max - Filicinee.

145 Punica granatum - Punicacee.

146 Rhamnus purshiana - Ramnacee, detta corteccia santa.

147 Per evitare l’ossidazione del ferro.

148 Nome generico di molti derivati dell’acido tannico, assai diffusi nel mondo vegetale, dalla spiccata attività astringente. Si combina poi con le proteine e, per questo, è impiegato come antidoto nell’avvelenamento da sostanze proteiche tossiche, o nell’industria della concia delle pelli.

149 Prodotto ottenuto dalle ossa e dalle cartilagini dei mammiferi, il cui costituente principale è la glutina.

150 Alcaloide estratto, da Leger, dai germi dell’orzo. Se ne usa il solfato perché solubile in acqua.

151 La cheratina è una materia fondamentale di tessuti animali come quello corneo. Insolubile negli acidi, è impiegata per ricoprire pillole, capsule, compresse, ecc., che si vogliono far passare indenni nell’intestino.

152 Justicia stricta - Acantacee.

153 Miscuglio di parecchie specie d’alghe Rodoficee: Corallina off., Gelidium corneum e a.. Sinonimi: muschio vermifugo, corallina corsicana grigia o nera, mousse marine.

Da non confondere col musco, pianta delle briofite e con il generico muschio, secrezione di ghiandole odorifere di vari animali, usato, per il forte aroma, in profumeria.



154 Linfa raccolta per incisione, e successiva essiccazione all’aria, dal Fraxinus ornus, excelsior e a. - Oleacee.

155 Antica preparazione di miele e aceto, cui era aggiunto il principio attivo, facendo poi evaporare a bagnomaria.

156 Poligala senega o virginiana - Poligalacee. Il nome dal latino = molto latte, per il copioso succo bianco che contiene.

157 Lactuca sativa - Composite.

158 Jattrorrhiza palmata - Cocculee.

159 Thymus vulg.-Labiate.

160 Eucalyphtus globulus - Mirtacee, il cui olio essenziale è composto principalmente d’eucaliptolo.

161 Una miscela d’alcool/etere ana.

162 Hagenia abyssinica - Rosacee. O Brayera anthelmintica - Sanguisorbe.

163 La maggiore: Centaurea cantarium - Composite.

164 Marsdenia condurango - Asclepiaidee.

165 Arctium lappa - Composite.

166 Era preparata con le specie aromatiche (20%) in alcool 70°.

Lo spirito etereo vinoso con una miscela d’etere, alcool ed acqua (o vino).



167 Apium graveolens - Ombrellifere.

168 Asparagus off. - Liliacee.

169 Ruscus aculeatus - Liliacee, detto anche pungitopo, bussolo, spumeggiolo, agrifoglio (ma impropriamente, poiché quest’ ultimo è l’Ilex aquifolium).

170 Miscela di sciroppo d’oppio e sciroppo semplice in rapporto 1: 4.

171 Cichorium intibus - Composite. Usata spesso come succedaneo del caffé.

172 Spina cervina - Ramnacee, detta popolarmente spinomerlo o prugnolino purgativo.

173 Frutto privato delle glume di Hordeum distichon e a.. Da non confondersi con l’orzo perlato, che è il frutto ridotto al puro endosperma amilaceo. O con l’orzo tallito, cioè germogliato ed essiccato, che ha un forte potere ricostituente; in proposito ricordiamo il famoso granulato solubile “Ovomaltina”.

174 Frutto della Vitis vinifera - Vitacee, appassita in appositi locali areati, per evitarne la fermentazione. In genere s’impiegano uve ad alto tenore zuccherino, come le varietà zibibbo o malaga.

175 Frutto essiccato del Ficus carica - Moracee. In genere si tratta di varietà a polpa gialla e succosa come quella del Casentino.

176 Drupa dello Ziziphus sativum, detta anche zizzola. Curioso notare come l’etimologia nei due termini giuggiola e zizzola sia la stessa: derivano entrambi dal greco zisyphon = giuggio da cui deriva la deformazione dialettale toscana giuggiola.

177 Allium sativum - Liliacee.

178 Rosmarinus off. - Labiate. Dal latino ros marinus = rugiada di mare.

179 Sinonimo di fenolo.

180 Le boccette per sali (in genere cloruro d’ammonio) che le dame del ’700 portavano con sé. In inglese erano dette smelling bottles = flaconi odorosi.

181 Principio attivo della corteccia e delle foglie del salice (Salix alba - Salicacee). I suoi derivati sono antipiretici antireumatici e sono impiegati come conservanti.

182 Un aceto diluito e variamente aromatizzato.

183 Le embarcazioni sono preparati a base di sostanze oleose emulsionate, che hanno azione calmante, emolliente, ecc.. Per esemplificare si ricorda la popolare “chiarata d’uovo”.

184 Allium cepa - Liliacee.

185 Assoluto, concentrato, glaciale per la sensazione di freddo che dà, se posto sulla pelle.

186 Albuminoide del sangue con funzione di trasporto dell’ossigeno, dal polmone ai tessuti. Contiene circa lo 0,5% di ferro.

187 Peumus boldus - Monimiacee.

188 Enzima proteolitico presente nella Carica papaia - Papaiacee.

189 Derivato imidico dell’acido orto-solfo-benzoico, noto anche col nome di zuccherina, per il suo alto potere edulcorante.

190 Galipea cusparia - Rutacee.

191 Alcaloide del caffé, che gli conferisce il potere nervino.

192 Alcaloide della Thea sinensis o a. - Cameliacee.

193 Nome commerciale di una fortunata serie d’estratti per brodi estemporanei.

194 Una delle innumerevoli qualità di china. In questo caso si tratta di un nome commerciale.

195 Trifolium incarnatum - Papilionacee.

196 Tartrato d’antimonio e di potassio.

197 Prunus avium - Rosacee.

198 Vincetoxicum off. - Asclepidacee.

199 Drymis winteri - Magnoliacee. Da non confondere con il wintergreen, la gaulteria, da cui s’estrae il salicilato di metile.

200 Melissa off. Labiate.

201 Soluzione alcolica, aromatizzata con zafferano, per questo detta anche tintura d’oppio crocata, ad azione antispastica, con un tenore in morfina del 1%.

202 Artemisia vulg. - Composite.

203 Coclearia off. - Crucifere. Detta anca cocchiera.

204 Nasturtium vulg. - Crucifere, noto col nome di crescione.

205 Brassica nigra - Crucifere. Meno impiegata, ma analoga la Brassica alba.

206 Nome generico di Crucifere come la landra, il ramolaccio, il ravanello; quest’ ultimo noto anche come barbaforte, pizzicalingua. In medicina s’usò, di solito, il Nasturtium (o Coclearia) amoracia.

207 Lipsia citrodora - Verbenacee, detta volgarmente limoncino, erba Luisa, erba limonina, cedronella.

208 Ocimomum basilicum - Labiate. Letteralmente, dal greco, erba regale.

209 Hibiscus sabdariffa - Malvacee, pianta d’origine eritrea. Nel periodo fascista, quanto vigeva il regime sanzionatorio contro l’importazione di beni, dagli stati nemici, si faceva venire, dalle nostre colonie, per usarlo come succedaneo del tè.

210 Altro nome della melissa e della Nepitella (o Satureia) calamintha - Labiate.

211 Citrus paradisi - Rutacee.

212 Adiantus capillus Veneris - Polipodiacee, detto anche erba montanina.

213 Il colore carminio estratto dalle femmine essiccate dell’emittero Coccus cacti, raccolte prima che depongano le uova.

214 Prodotto della distillazione del comino (Cuminum cyminum - Ombrellifere), originario dell’omonima isola dell’arcipelago Maltese.

215 Dracunculus vulg. - Aracee, dal rizoma avvolto su di sé, da cui il nome di serpentaria. Si tratta di una pianta molto tossica, dall’odore ripugnante di cadavere, di ormai dubbio effetto farmacologico.

216 Nitrito d’etile in soluzione alcolica.

217 Che calma (Sergent). E’ la tintura d’oppio benzoinata descritta nelle prime edizioni del Codex.

218 Polimero dell’aldeide acetica, ad attività ipnotica.

219 Ipomoea turpethum, Convolvulus t., Operculina t. Turpethum indicum e a. - Convolvulacee, denominate popolarmente tassia. Da non confondersi con il turbitto minerale, che è il solfato basico di mercurio.

220 Ricinus com. - Euforbiacee.

221 Pigmento naturale, in genere la clorofilla.

222 Sinonimo d’alcanna.

223 In questo caso si tratta del frutto del prugnolo, già visto, detto, nelle nostre campagne toscane, strozzapreti.

224 Soluzione alcolica 50% d’ossi-canfora.

225 Mediante aggiunta di tintura di iodio.

226 Paullinia sorbilis - Sapindacee, ricca di caffeina. La pasta, ottenuta dalla pianta e seccata in cilindretti, si usa, in Brasile, per la preparazione di una bevanda nervina.

227 Due famosi liquori di un recente passato, a base d’anice, il primo, e d’arancio bugania, originario delle Antille, il secondo.

228 Viburnum planifolium o lobatum - Caprifoliacee.

229 Fenil-dimetil-iso- pirazolone, molto impiegato, un tempo, come analgesico e antipiretico.

230 Hydrastis canadensis - Ranuncolacee.

231 Citrus bergamia - Rutacee.

232 Achillea millefolium - Composite. In memoria d’Achille, che la usò per curare le proprie ferite.

233 Eupatorium veterum, Acrimonia pilosa, e a. - Rosacee e Sanguisorbee. Sinonimi: erba vetonica, erba dannata.

234 O fumosterno, per la credenza che provochi lacrimazione. Fumaria off. - Papaveracee.

235 Artemisia ginipi - Composite, impiegata per la fabbricazione del liquore genepì.

236 Cynara (Cardunculus) scolymus - Composite.

237 Parietaria judaica - Urticacee, detta vetriola.

238 Strophantus hispidus - Apocinacee. Il nome significa cordone, liana.

239 Piscidia erythrina - Leguminose.

240 Antinevralgiche, antidolorifiche.

241 Prunus laurocerasus - Rosacee, detto lauro di Trebisonda.

242 Cloruro di mercurio ottenuto per sublimazione.

243 Chrysophyllum glycyphloceum - Sapindacee, detto anche corteccia di Qurasanhem, corteccia del Brasile.

244 Il succo della lattuga velenosa o cavolaccio (Lactuca virosa - Cicoriee).

245 Etere dimetil-aldeidico.

246 Ribes rubrum - Sassifragacee.

247 Idrato di tricloraldeide.

248 Teucrium chamaedris - Labiate, detto anche querciola o calamandrina.

249 Mallotus philippinensis - Euforbiacee.

250 Tamarindus indica o Siliqua arabica - Leguminose.

251 Alcaloide secondario della china, fu preconizzato come antimalarico e regolatore del ritmo cardiaco.

252 Triclorometano. Per la sua azione anestetica, entrò in varie composizione antidolorifiche e sedative. Visto anche in precedenza ma come semplice solvente.

253 Aspidoderma quebraco - Apocinacee.

254 Lobelia inflata - Campanulacee, detto popolarmente tabacco indiano.

255 Sotto il nome d’energetens, gli stabilimenti Byla di Gentyly (Fr.) produssero una serie di succhi vegetali ottenuti da piante fresche.

256 Il frutto dell’Amygdalus com., var. dulcis - Rosacee. Più avanti vedremo la varietà amara.

257 Tuberi essiccati, dopo immersione in acqua bollente, per fermare la germinazione, di varie specie d’Orchidacce (Orchis macula, latifoglia) ed anche d’altri generi come Loroglossum hircinum, Anacamptis pyramidalis, Aceras antropophora.

258 Distillato di legno di Junniperus oxicedrus e di bacche di lauro nobile, preparato per la prima volta nell’omonima città olandese.

In commercio era però sinonimo dell’olio cadino, e di una miscela d’oli così costituita: olio di Cade, essenza di trementina ana p. 100/olio animale di Dippel p. 50/canfora del Giappone p. 7.



259 Dall’arabo looq = leccare. Preparato della consistenza del miele, che era somministrato con un pennellino, o una piccola spatola.

260 O Argilla bianca. E’ il silicato d’alluminio idrato.

261 Il carbonato di creosoto.

262 L’acido ossalico è presente negli animali, come prodotto del metabolismo, e in vegetali come l’Acetosella (Oxalis acetosella - Ossalidacee).

263 L’olio di fegato di merluzzo (Gadus morrhua - Gadidei), e quello d’ippoglosso, furono molto impiegati, e lo sono tuttora, come ricostituenti d’elezione, nei bambini, negli adulti debilitati, e, in particolare nel rachitismo.

264 Fuco carageo o muschio d’Irlanda, o altre alghe delle Floridee, come il Chondrus crispus o la Gigartina mamellosa.

265 Qualità di gomma simile all’arabica; a volte si tratta di una sinonimia.

266 Chiamato anche polvere dei Certosini, è l’ossisolfuro d’antimonio.

Il Kermes animale è invece la cocciniglia.



267 O giuleppe: è una forma sciropposa in cui lo zucchero è sostituito dal miele.

268 O trionale. Ipnotico, sedativo, antiepilettico.

269 Principio attivo del Coto coto - Rubiacee.

270 Acido organico presente in piante del genere Cinnamomum, come la cannella, la canfora e in resine e balsami naturali, come lo storace, il Perù, ecc..

271 Siero di sangue umano. Si somministra in genere per via endovenosa.

272 Cydoma vulg. - Rosacee.

273 Icica amyris e a. Burseliacee.

274 Balsamo estratto dalla corteccia di Liquidambar orientalis - Amamelidacee.

275 La minore è la Galanga off.; la maggiore l’Alpinia galanga; non officinale la Kaempheria galanga (Zingiberacee).

276 Laurus nobilis - Lauracee, detto anche alloro od orbano (I frutti si chiamano orbacche).

277 Origanum dictamus - Labiate, vulnerario e risolutivo sulle piaghe, ma molto usato anche per via orale, in varie malattie.

278 Acido organico derivato dalla fermentazione del latte.

279 Para-formaldeide.

280 Triiodometano.

281 Acido pirogallico, un fenolo dotato di un forte potere riducente.

282 Salicilato di fenile.

283 Meta-ossi-fenolo.

284 Lytta vescicatoria - Coleotteri, detta mosca di Spagna, cantarella.

La polvere è fortemente rubefacente e caustica. Fu preconizzata anche come afrodisiaca.



285 O antralina (diossiantranolo), usata nella psoriasi.

In natura gli antranoli si trovano nel catrame vegetale: di qui l’uso dello stesso nella psoriasi. Detta reina, acido reico, giallo di rabarbaro. Contenuta nel Rumex obtusi­folium, nella sena e nel rabarbaro.



286 Diossimetilantrachinone; ha le stesse azioni della cignolina.

287 Succo della Palaquium gutta, oblungifolium, borneense, e della Payena Leerii - Saponacee, che è impastato coll’ acqua ed essiccato al sole; riposto in acqua questi rammollisce, diventando elastico.

288 Argento colloidale di sintesi.

289 Il grasso ottenuto dalla lana degli ovini.

290 La mistura oleo-balsamica, composta variamente di limone, lavanda, macis, garofani, lauro, cannella, arancio fiori, Perù, in spirito aromatico, o alcool ed acqua.

291 Metile salicilato, estratto dalla Gaultheria procumbens - Ericacee.

Da non confondere col winter, già visto.



292 Ioduro d’isobutil-orto-dicresolo, detto sale sedativo di Homberg.

293 Acido organico che s’estrae naturalmente da emissioni vulcaniche come i soffioni di Larderello, o i geiger.

294 Metil-amina-bromo-tannica. Prodotto della condensazione dell’aldeide formica con urea e bromotannino.

295 O indaco solubile, d’origine sintetica; mentre l’indaco naturale o azzurro d’indaco, s’estrae da alcune specie d’Indigofera, piante erbacee dell’India e della Cina.

296 Iodo-cloro-idrossi-chinolina.

297 Detto di rocca. Solfato d’alluminio e potassio, che possiamo trovare allo stato naturale (crudo) o calcinato (usto).

298 Tetra-iodo-pirrolo.

299 Atrofia della mucosa nasale con accumulo di secrezioni fetide. Mentre la coriza, vista prima, è sinonimo di rinite, raffreddore.

300 Asarum europaeum - Aristolochiacee, detto mazzarello, ma anche erba renella. Panacea delle febbri quartane, molto attivo anche come iperemizzante, ma alquanto pericoloso, per l’alta tossicità.

301 O deutossido di mercurio, preparato per sublimazione.

302 In genere usato l’isomero beta. E’ un fenolo derivato dalla naftalina.

303 Detto anche acido delle formiche, dalle quali fu estratto per la prima volta.

304 Letteralmente fluido che reintegra. Fu usato soprattutto contro i dolori reumatici.

305 Capsicum annuum o fructescens - Solanacee, che dà i cosiddetti “chichies”, i grani di Cayenna.

306 Che espelle il dolore.

307 Che mangia, corrode.

308 La frazione volatile ottenuta dalla raffinazione del petrolio greggio, distillando a temperatura inferiore ai 70°. E’ detto anche olio etereo leggero.

309 Pilocarpus pennatifolium e a. - Rutacee. Il principio attivo primario è la pilocarpina.

310 Olio cadino, od olio empireumatico nero di ginepro (Juniperus oxicedrus - Cupressacee).

311 Carbone fossile dell’era paleozoica.

312 Quillaia smegmodermus - Rosacee.

313 Prodotto di riduzione dell’acido crisofanico, detto polvere di Goa. S’estrae dalla cavità del tronco dell’Andira ipariariba - Leguminose.

314 Di-ossi-antrachinone, usato anche come purgativo e colorante (giallo).

315 Verbena off. - Verbanacee.

316 Soluzione diluita di potassa caustica.

317 Quercus robur, var. passiflora - Cupressacee.

318 Essenza rettificata ottenuta per distillazione in corrente di vapore, previa leggera fermentazione in sacco di tela, delle foglie di Malaleuca leucodendron, var. cajeputi - Mirtacee. Detto anche olio di niaouli.

319 L’acido stearico si saponifica con soda, ottenendo stearato di sodio. Il processo di dialisi (che separa, fisicamente, mediante un sistema a membrana, soluti e solvente) serve ad eliminare l’eccesso di soda.

320 Cera vegetale ottenuta dalla Copernicia cerifera - Palme, d’origine brasiliana.

321 O cera artificiale. Sinonimi di paraffina solida. Si ricava dall’ozocerite grezza (cera minerale), e, più raramente, dai bitumi e dal catrame minerale.

La paraffina liquida, detta anche olio di cosmolina o di vaselina, si ottiene invece per distillazione frazionata del petrolio grezzo.



322 Gommoresina della Dorema ammoniacum - Umbrellifere.

323 Olio d’oliva p. 2/litargirio (protossido di piombo), acqua ana p. 1.

324 Resina della Picea excelsa - Conifere, il pino, detta anche pece bianca o dei Vosgi.

325 Cilindri di pasta, che sono poi tagliati nella quantità necessaria per un impiastro.

326 O cetina, ambra bianca, bianco di balena, cerato bianco. Sostanza solida che si separa, per raffreddamento, dall’olio contenuto nelle cavità pericraniche e scapolari del Physeter (o Capodon) macrocephalus e a. - Capodonti.

327 Cera gialla, imbiancata con il procedimento detto a marzuolo. La cera è fusa e posta in acqua, su di un cilindro rotante. Si formano, così, grossolani filamenti, che vengono poi raffinati, con una nuova fusione.

328 Ottenuta, per distillazione in corrente di vapore, dei petali di Rosa gallica o damascena - Rosacee.

329 Reseda odorata - Resedacee.

330 Arachis ipogea - Papillionacee.

331 Questo tipo di crema, ancor’ oggi usatissima, come base, per l’alto potere d’assorbimento, e la minima untuosità, andrebbe però classificata come emulsione O/A.

332 Borato di sodio.

333 Principio attivo della Fava tonka, Coumarouna odorata - Leguminose.

334 Sinonimo d’essenza d’arancio.

335 Pelargonium roseum - Geraniacee.

336 Ireos fiorentina - Liliacee.

337 Con questo nome malese = fiore dei fiori, s’indicano due essenze d’origine diversa: Atabotrys odoratissimum o ylang vero - Xiloficee; e Uvaria odorata - Anonacee.

338 Detto anche Sudan IV; chimicamente è un derivato del naftolo beta.

339 Principio attivo dell’Olea europea - Oleracee, l’ulivo.

340 Esistono essenzialmente due tipi di catrame: quello vegetale, una resina empireumatica ottenuta per distillazione di piante come il Pinus silvestris e il Larix siberica (Conifere) o di faggio, ricco di creosoto, o di ginepro; il coaltar, prodotto secondario della distillazione secca del carbone fossile.

341 O lattocaseina, fosfoproteina del latte.

342 Solfo-ittiolato d’ammonio. Prodotto della distillazione di schisti bituminosi, con attività risolvente e debolmente antisettica. Un succedaneo è il petrosulfolo, ottenuto da schisti ricchi di pesci fossili, molto diffusi a Seeberg (Tirolo).

343 Vaselina filante.

344 Resina del Pterocarpus draco - Leguminose, ed altre svariate piante orientali e dell’America del sud.

345 O pece greca, residuo della distillazione della trementina.

346 In effetti, si tratta di due formulazioni diverse, ma simili per elementi compostivi, che spesso furono confuse una con l’altra.

347 Daphne mezereum o a. - Dafnee.

348 Populus nigra - Salicacee.

349 Alcanna tintoria - Borraginee. Colorante rosso, se in ambiente acido e alcolico; azzurro, in ambiente alcalino ed acquoso.

Esiste anca un’alcanna d’Oriente, la Lawsonia inermis - Litracee, dalla quale s’estrae l’henné, colorante usato per tingere i capelli.



350 O morella, e ballerina. Solanum nigrum - Solanacee.

351 Sinonimo dell’olio di niauli.

352 Sinonimo dell’essenza di geranio.

353 La limonite. L’ocra rossa è invece l’ematite.

354 Sinonimo di fagedenico.

355 L’olio narcotico di giusquiamo composto.

356 Il balsamo.

357 Pezzuole.

358 Erano dette mosche (di Milano) piccoli cerotti revulsivi, contenenti, in genere, polvere di cantaridi (dette anche mosche di Spagna), usati nelle affezioni broncopolmonari e scheletriche.

359 Solfuro rosso di mercurio.

360 Sinonimo di sapone di potassa.

361 Idrocarburo contenuto nel carbon fossile.

362 Versamento sieroso in cavità articolare.

363 Ottenuto, per pressione a caldo, dai semi torrefatti di Teobroma cacao - Sterculiacee.

364 Cloruro di mercurammonio.

365 Sinonimo della quillaia, detto anche legno saponoso.

366 Timolo iodato.

367 Da stibium, nome latino dell’antimonio.

368 Veratrum sabadilla - Colchicoidee. Il principio attivo primario è la veratrina.

369 O precipitato giallo.

370 Sinonimo d’estratto d’oppio.

371 Cucumis sativa - Cucurbitacee.

372 Diamide carbonica.

373 Ormone della parte midollare delle ghiandole surrenali. Simpaticolitico.

374 Le tuzie (grigia o alessandrina) sono miscele di carbonato ed ossido di zinco, ottenute come prodotto secondario nella lavorazione dell’ottone.

375 Argilla rossa. Silicato d’alluminio con tracce d’ossidi di ferro, che le conferiscono il colore. Emostatica ed astringente.

376 Detto impropriamente precipitato rosso, in quanto si prepara per sublimazione.

377 Antibiotico prodotto dallo Streptomyces Venezuelae.

378 Teofillina (di-metil-xantina)-etilen-diamina, detta anche carena.

379 Digitalina (glucoside della digitale), isolata per la prima volta in forma cristallina nei laboratori dell’industria farmaceutica Merck.

380 Etere glicerico dell’acido salicilico.

381 Licopodium clavatum - Licopodinee. Le spore costituiscono una polvere inerte, untuosa al tatto, usata come aspersoria, ma anche per cospargere pillole o, come in questo caso, ovuli.

382 Di-iodo-idrossi-propano, detto anche apojodo o iodazone.

383 Lo stearato di sodio, indicato come eccipiente d’elezione delle supposte, per la proprietà di indurirle e come principio attivo (nelle evacuanti), per l’azione irritante sull’alveo.

Altri eccipienti per le supposte di un tempo furono il burro di cacao, la gelatina, e la cera, soprattutto bianca.



384 Olio solforato preparato per sintesi. Contiene il 10% circa di solfo organico.

385 Argento proteinato.

386 Piper angustifolium - Piperacee.

387 O acqua II di calce. Si preparava ponendo p. 1 di calce caustica in p. 5 d’acqua, aggiungendo, dopo idratazione, ancora p. 100 d’acqua. S’agitava bene e ripetutamente, lasciando poi riposare in recipiente chiuso; quindi si decantava il liquido chiaro e lo si sostituiva con altrettanta acqua distillata, agitando ancora per alcuni giorni. Occorreva il filtraggio, prima della dispensazione.

388 Etere etilcarbamico.

389 Noto come vetro solubile di soda.

390 Principio attivo della Periploca graeca - Asclepidacee.

391 Resorcinftaleina.

392 Cloruro di tetra-metil-tionina.

393 Flos aquae (da cui flossina) era detta l’alga che colora in rosso le acque d’alcuni laghi, come quello di Tovel, in Trentino.

Ora la floxina B (di sintesi) s’impiega in microscopia come colorante per preparati istologici o citologici.



394 Letteralmente dal greco = senza pesci.

395 Principio attivo di molte composite come l’Anthemis pyretrum (piretro romano) o Chrysanthemum roseum (piretro del Caucaso).

396 Formalina, o formaldeide liquida.

397 Gommoresina della Pistacia lentiscus - Terebintee.

398 Gomma della Thuya articulata e a. - Cipressinee.

399 Sta per gomma lacca.

400 Tri-nitro-fenolo, detto, per il colore, giallo di Welter.

401 O pirossilina, un derivato della nitro-cellulosa.

402 Etere amil-acetico.

403 Resina estratta da varie specie di Papilionacee, usata anche come vernice per proteggere il legno dalle intemperie, e, per le barche, dall’acqua e dalla salsedine.

404 Rosa tea o tè.

405 Viola odorata, o Maura.

406 Liquore che s’ottiene per distillazione del sugo di canna o della melassa fermentata.

407 Prodotto della condensazione del tannino e del cloralio.

408 Distillato delle foglie d’alloro.

409 Per capigliature increspate.

410 Solfuro giallo d’arsenico.

411 Coccus nucifera - Palme.

412 Era composto di tintura di benzoino (p. 1,5)/Tolù (p. 2)/acqua di rose (p. 96,5).

413 L’imbianchimento delle mandorle si esegue semplicemente ponendole in acqua bollente per alcuni secondi. Si separa così l’endocarpo membranoso e il seme assume un colore candido.

414 L’acqua artificiale di mare è, attualmente, ancora in commercio, ma si usa, soprattutto, per il lavaggio delle cavità nasali, nella rinorrea.

Per i sali va detto che sono ancora utilizzati quelli ad alto potere osmotico, o con una gran concentrazione di iodio, come quelli del mar Morto.



415 La colla di pesce.

416 Delphinium staphysagra - Ranuncolacee, detta anche tusano, e, popolarmente, erba dei pidocchi.

417 Il componente principale del curaro, veleno presente in molte piante dell’America del sud, appartenenti alle Stricnee come la Strychnos castelneana, crevauxiana, toxifera, o alle Menispermaceee, gen. Chondodendron, con il quale gli indigeni usano intingere le frecce. Ha, infatti, la proprietà di paralizzare le terminazioni dei nervi motori.

418 O nitrobenzolo, detto anche essenza di mirbana. Si usa, nella pratica domestica per allontanare animali sgraditi, in virtù del forte odore di cianuro.

419 Essenza di cedrina.

420 O sapone oleoso, detto anche sapone di Spagna, preparato per saponificazione dell’olio d’oliva con idrato di sodio.

421 Detta anche gomma d’amido. Prodotto intermedio della trasformazione dell’amido in glucosio.

422 Roccia eruttiva effusiva dall’aspetto vetroso, ricca di pori, e pertanto, leggerissima, che si usa come abrasivo.

423 O xilene; è il di-metil-benzene.

424 Fossili di ciliofori - Protozoi.

425 Thapsia fagedenica e a. – Ombrellifere.

426 Acetato basico di rame. Ma anche sinonimo di solfato di rame.

427 Base azotata terziaria, che s’ottiene dalla distillazione secca di numerosi composti organici.

428 Dal latino = assorbente.

429 Oenanthe phellandrium - Ombrellifere, detta volgarmente cicuta delle marce, finocchio o prezzemolo acquatico.

430 Nicotiana tabacum - Solanacee, detta erba regina, e. sacra, santa croce, virginia, e. dell’ambasciatore, e. del gran priore, tornabona, petum.

431 Polygonatum odorosus, o Convallaria polygonatum - Liliacee.

432 Mentolo valerianato.

433 Phoenix excelsa - Palme.

434 Glicoproteina della bile.

435 Polisaccaride naturale ottenuto dalla Sterculia urens - Sterculiacee. Il nome per l’odore nauseabondo dei fiori.

436 Solfuro d’arsenico. Dall’arabo rahg al ghar = polvere di miniera.




elenco: libri
libri -> Monica Puggioni Daniela Branda Cinzia Binelli
libri -> R. T. E. (Un Sogno Riformista)
libri -> Mauro orsatti per lui, con lui, in lui
libri -> Traduzioni telematiche a cura di Rosaria Biondi, Nadia Ponti, Giulio Cacciotti, Vincenzo Guagliardo (Casa di reclusione Opera) Oscar Wilde. IL ritratto di dorian gray. Indice
libri -> Primo Levi. Se questo e' un uomo. Giulio Einaudi editore, Torino 1958. Indice. Prefazione. IL viaggio. Sul fondo. Iniziazione. Ka-Be. Le nostre notti. IL lavoro. Una buona giornata
libri -> Lev N. Tolst�j. Guerra e pace. Libro secondo. Indice. Parte prima: pagina Note: pagina 115. Parte seconda: pagina 118. Note: pagina 282. Parte terza: pagina 289. Note: pagina 449. Parte quarta: pagina 454
libri -> Lorenzo Milani. Lettere alla madre. Marietti, Genova 1997. A cura di Giuseppe Battelli. Indice. Introduzione (di Giuseppe Battelli). Nota editoriale. Bibliografia essenziale. Lettere alla madre
libri -> Ossessione (The Swan thieves)
libri -> Appunti d’idrologia medica


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   115   116   117   118   119   120   121   122   123


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale