Al signor sindaco del comune di carpi



Scaricare 171.5 Kb.
20.11.2017
Dimensione del file171.5 Kb.











AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CARPI






RICHIESTA DI ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITA’ PAESAGGISTICA

art. 167 D.LGS. 22 gennaio 2004 n. 42
N







VERIFICA PROCEDIBILITA’

PROTOCOLLO GENERALE

Marca da bollo da

Euro 16,00

DATA ___________________
L’ADDETTO ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­______________



IL/LA SOTTOSCRITTO/A ____________________________________________________________________________________________________________________



q PERSONA FISICA

C.F.
















































nato/a a _________________________________________________________________________________________________________ il ______________________________

residente in _______________________________________________________________________________________________________________________________________

via/piazza/fraz. _______________________________________________________________________________________________________________ n. _________________

IL/LA SOTTOSCRITTO/A ____________________________________________________________________________________________________________________


q PERSONA GIURIDICA

P. IVA

































nella sua qualità di rappresentante legale della ditta ___________________________________________________________________________________

con sede in _________________________________________________________________________________________________________________________________________

via/piazza/fraz. _______________________________________________________________________________________________________________ n. _________________

in qualità di


q proprietario

q avente titolo (specificare) ___________________________________________

CHIEDE

A codesta Amministrazione, il rilascio dell’accertamento di compatibilità paesaggistica

ai sensi dell’art.167 del D.Lgs. 42/2004




Descrizione intervento: ________________________________________________________________________

___________________________________________________________________________________________

___________________________________________________________________________________________

L’immobile ubicato in:

Località: _________________________________ Via ______________________________________ n. ______

Identificazione catastale: Foglio _____________ Mappale__________________ sub ______________________


in conformità al progetto allegato redatto da:




Dati del progettista

Cognome e Nome o ragione sociale

P.Iva/Codice Fiscale

Ordine o collegio e n. iscrizione

Nato il

a

Residente a

Via e n. civ.

Studio professionale in

Via e n. civ.

PEC

Tel.

Fax

A TAL FINE SI DICHIARA


- che il professionista incaricato di asseverare la conformità dell’intervento è: ____________________________

- che l’immobile è da assoggettare ad accertamento di compatibilità paesaggistica in quanto ubicato:




  • In ambito assoggettato a tutela paesaggistica ai sensi dell’art. 142 lettera c) e D.Lgs 42/2004.

Fiumi, torrenti, corsi d’acqua iscritti negli elenchi previsti dal T.U. R.D. 11 dicembre 1933, n.1775, e le relative sponde o piedi degli argini, per una fascia di 150 metri ciascuna.

q Fiume Secchia

q Cavo Lama

q Cavo Tresinaro

q Fossa Raso

q Cavo Gavasseto


q Fossetta di Mezzo

q Cavo Fossanuova

(ora anche canale Quistella e condotto Bruciate)

q Scolo Cavone

q Cavetto Gherardo

(ora Cavetto Inferiore e Diversivo Gherardo)



  • In ambito assoggettato a tutela paesaggistica ai sensi dell’art.

142 lettera m) del D.Lgs 42/2004

Zone d’interesse archeologico






  • che le opere previste sono attribuite alla competenza di codesta Amministrazione ai sensi dell’art. 40-undecies

della Legge Regionale Emilia-Romagna 24/03/2000 n.20 e s.m.i.:


  • che la presente richiesta di autorizzazione paesaggistica è preliminare al procedimento di:

_________________________________________________________________________________________

 che l’unità immobiliare è stata interessata a suo tempo dai seguenti titoli abilitativi:

_________________________________________________________________________________________

_________________________________________________________________________________________




  • che la presente domanda apporta modifiche alla precedente autorizzazione paesaggistica n. _____ del ________


SI CHIEDE ALTRESÌ
che ogni comunicazione o notificazione degli atti amministrativi inerenti il procedimento venga inoltrata a :

sig. ______________________________________________________tel. ______________________________

via ____________________________________________n._________ Comune _________________________

Cap_________________ PEC _________________________________________________________________



SI ALLEGA ALLA PRESENTE LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA

q ALLEGATO AL PUNTO N°1 Relazione paesaggistica relativa alle opere di cui si chiede accertamento di compatibilità con particolare riguardo al contesto dei luoghi interessati all’intervento, redatta ai sensi del D.P.C.M. 12.12.2005, con Documentazione fotografica (esterno/interno) con indicazione grafica dei punti di presa.

 Estratto di PRG con indicazione dell’immobile oggetto di intervento e dell’area sottoposta a vincolo.

 Estratto di mappa catastale con indicazione dell’immobile oggetto di intervento e relative visure.

 ALLEGATI AL PUNTO N°14 Elaborati grafici rappresentanti lo stato di fatto legittimato dell’immobile, il progetto e la tavola degli interventi, relativamente a planimetria (sistemazioni aree esterne, comprensiva delle dotazioni di verde ai sensi del vigente regolamento), piante, prospetti, sezioni render ed eventuali particolari costruttivi.
Spazio per ulteriori precisazioni:

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

___________________________________________________________________________________________


N.B. Tutta la documentazione deve essere prodotta e firmata digitalmente dal progettista e inoltrata tramite pec al seguente indirizzo: comune.carpi@pec.comune.carpi.mo.it

Gli interessati dichiarano di essere informati secondo quanto previsto dall’ Art. 13 D.Lgs 196/2003 di quanto segue: “Il Comune di Carpi e’ in possesso dei sopraccitati dati personali, identificativi per adempiere alle normali operazioni derivanti da obbligo di legge e/o istituzionali e/o da regolamenti previsti per le finalità indicate in questo modulo. In qualunque momento l’interessato potrà esercitare i diritti degli interessati di cui all'art. 7 del D. Lgs. n.196/2003 contattando il Responsabile del Settore A2 Ambiente nella persona Dirigente pro-tempore, con sede in Via Peruzzi 2 - Carpi (Mo), tel. 059 649081, fax 059 649152. L’informativa completa denominata Utenti Settore A2 Ambiente, può essere consultata su www.carpidiem.it/informative oppure richiesta telefonando a QuiCittà allo 059/649213”
Dichiarano di essere consapevoli che ai sensi degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000, in caso di false dichiarazioni accertate dall’amministrazione procedente verranno applicate le sanzioni penali previste e la decadenza dal beneficio ottenuto sulla base della dichiarazione non veritiera. Sono a conoscenza che la mancata accettazione della presente dichiarazione, quando le norme di legge o di regolamento ne consentono la presentazione, costituisce violazione dei doveri d’ufficio (art. 74 del D.P.R. 445/2000). Ai sensi dell’art.13 del D.Lgs 196/2003, i dati personali forniti dal sottoscritto dovranno essere trattati, dall’ente al quale la presente dichiarazione viene prodotta, per le finalità connesse all’erogazione del servizio o della prestazione per cui la dichiarazione stessa viene resa e per gli eventuali successivi adempimenti di competenza. Mi riservo la facoltà di esercitare in qualunque momento i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs stesso.

Carpi, _______________


IL PROGETTISTA IL RICHIEDENTE

_____________________________ _______________________________





SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE ORDINARIA. (RELAZIONE PAESAGGISTICA - SCHEDA ALLEGATA AL D.P.C.M. 12/12/2005)

ALLEGATO AL PUNTO N°1



RELAZIONE PAESAGGISTICA

Procedura ordinaria




in questa categoria intendono tutti gli interventi presenti ai sensi dell’art. 146 del D.Lgs. 42/2004 e D.P.C.M. 12 dicembre 2005 ss.mm.ii.

Il sottoscritto professionista _____________________________________


incaricato da _____________________________________

Relativamente alle opere di _________________________________________________________________________________________________________________

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________





  1. TIPOLOGIA DELL’OPERA E/O DELL’INTERVENTO

(Descrizione sintetica della tipologia dell’opera che deve essere accompagnata dal riferimento preciso alle disposizioni del PRG):







  1. OPERA CORRELATA A:

□ edificio □ area di pertinenza o intorno dell’edificio □ lotto di terreno

□ strade, corsi d’acqua □ territorio aperto




  1. CARATTERE DELL’INTERVENTO:

□ temporaneo o stagionale

□ permanente: □ a) fisso □ b) rimovibile




  1. DESTINAZIONE D’USO del manufatto esistente o dell’area interessata

□ residenziale □ turistico- ricettiva □ industriale/artigianale

□ agricola/attività connesse □ commerciale □ altro ________________________




  1. USO ATTUALE DEL SUOLO

□ agricolo □ boscato

□ naturale non coltivato □ altro _____________________________________




  1. CONTESTO PAESAGGISTICO DELL’INTERVENTO E/O DELL’OPERA

(descrizione sintetica area intorno specificando morfologia e vegetazione)







  1. UBICAZIONE DELL’OPERA E/O DELL’INTERVENTO sul quale sia riportato se ricadente in area urbana:


Estratto n° 1: Stradario con indicazione precisa dell’edificio, via, piazza, n. civico se ricadente in territorio extraurbano o rurale



Inserire immagine




Estratto n° 2: ORTOFOTO con indicazione distanza dal piede dell’argine

Inserire immagine



Estratto n° 3 PRG relative norme che evidenzino: l’edificio o sua parte; area di pertinenza / il lotto di terreno; l’intorno su cui si intende intervenire con legenda


Inserire immagine


Estratto n° 4 Pianificazione paesistica quali P.T.C.P.; che evidenziano il contesto paesaggistico e l’area dell’intervento con legenda


Inserire immagine



Estratto n° 5 PTPR Pianificazione Regionale che evidenziano il contesto paesaggistico e l’area dell’intervento con legenda


Inserire immagine

Estratto PTCP2009 “tutela paesaggistica e Storico culturale”

Estratto rete ecologica di progetto: corridoi ecologici

Estratto PTCP2009 “sistema insediativo”

Estratto PTCP2009 “tutela delle risorse naturali”




Estratto n° 6 Planimetria con coni foto- oltre i 4 prospetti inserire anche almeno 2 punti di vista in cui sia chiaro il rapporto con l’argine del fiume

Inserire immagine




  1. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

(minimo 6 fotogrammi di cui 4 prospetti e 2 in relazione con l’argine):

Le riprese fotografiche devono permettere una vista di dettaglio dell’area di intervento e una vista panoramica del contesto da punti dai quali è possibile cogliere con completezza le fisionomie fondamentali del contesto paesaggistico, le aree di intervisibilità del sito. Le riprese fotografiche vanno corredate da brevi note esplicative e dall’individuazione del contesto paesaggistico e dell’area di intervento.




foto n° 1:  nord  sud  ovest  est;  rapporto con fiume foto dalla fabbrica;  rapporto con fiume foto dall’argine
Inserire foto n° 1


foto n° 2:  nord  sud  ovest  est;  rapporto con fiume foto dalla fabbrica;  rapporto con fiume foto dall’argine
Inserisci foto n° 2






foto n° 3:  nord  sud  ovest  est;  rapporto con fiume foto dalla fabbrica;  rapporto con fiume foto dall’argine
Inserire foto n° 3



foto n° 4:  nord  sud  ovest  est;  rapporto con fiume foto dalla fabbrica;  rapporto con fiume foto dall’argine
Inserisre foto n° 4


foto n°5:  nord  sud  ovest  est;  rapporto con fiume foto dalla fabbrica;  rapporto con fiume foto dall’argine
Inserisci foto n° 5



foto n° 6:  nord  sud  ovest  est;  rapporto con fiume foto dalla fabbrica;  rapporto con fiume foto dall’argine
Inserire foto n° 6





  1. PRESENZA DI AREE TUTELATE PER LEGGE (art. 142 del D.Lgs. 42/2004 e ss.mm.ii.):

 fiumi, torrenti, corsi d’acqua ___________________________________ (specificare quale)

 zona archeologica.




  1. NOTE DESCRITTIVE DELLO STATO ATTUALE DELL’IMMOBILE O DELL’AREA TUTELATA

Elementi o valenze paesaggistiche che interessano l’area di intervento, il contesto paesaggistico

(Devono essere descritti, in modo dettagliato, i caratteri che effettivamente connotano l’area di intervento ed il contesto paesaggistico, in cui si colloca l’opera da realizzare, al fine di fornire l’esatta informazione in relazione alla sua ubicazione rispetto agli aspetti o elementi di rilievo paesaggistico. In particolare descrivere tipologia infissi esterni, copertura, aggetti, impianti tecnologici esterni, colore iniziale dell’immobile e tipologia di finitura esterna, vegetazione esistente al suo contorno.)








  1. DESCRIZIONE SINTETICA DELL’INTERVENTO E DELLE CARATTERISTICHE DELL’OPERA DI PROGETTO

(dimensioni, materiali, colore, finiture, modalità di messa in opera, ecc.) è consigliabile allegare documentazione del prodotto industriale o prefabbricato che si intende installare o utilizzare):








  1. EFFETTI CONSEGUENTI ALLA REALIZZAZIONE DELL’OPERA:

(Lo scopo di tale punto è quello di fornire, con buona approssimazione, l’informazione sugli eventuali effetti conseguenti alla realizzazione dell’opera ed in particolare degli elementi o degli aspetti tutelati. Tale valutazione si ricava dal confronto fra le caratteristiche dello stato attuale, gli elementi di progetto e gli obbiettivi della tutela. Al fine di orientare la compilazione di tale sezione si elencano qui di seguito alcune delle possibili modificazioni dell’immobile o dell’area tutelata:


  • cromatismi dell’edificio;

  • rapporto vuoto / pieni;

  • sagoma;

  • volume;

  • aspetto architettonico;

  • copertura; pubblici accessi,

  • impermeabilizzazione del terreno;

  • movimenti di terreno/sbancamenti;

  • aumento superficie coperta;

  • realizzazione di infrastrutture

  • accessorie;

  • alterazione dello skyline (profilo dell’edificio o profilo dei crinali),

  • alterazione percettiva del paesaggio rapportata all’intrusione o ostruzione visuale);

  • interventi su elementi arborei e vegetazione)















  1. MITIGAZIONE DELL’IMPATTO DELL’INTERVENTO:

Qualificazione o identificazione degli elementi progettuali finalizzati a ridurre o migliorare l’impatto del bene tutelato sui caratteri del contesto paesaggistico e dell’area di intervento. La finalità è lo sviluppo di aree naturali lungo la fascia fluviale al fine di ridurre l’impatto del costruito ovvero dei fattori antropici. Ad esempio alcune strategie mitigative potrebbero essere:

  • mimetizzare l’oggetto dell’intervento mediante barriera naturale, composta da arbusti e piante ad alto fusto, al fine di recuperare la continuità paesaggistica e vegetativa tipica fluviale. Tale soluzione non dovrebbe consentire, nella fase post intervento, di percepire dall’argine fluviale l’intervento di trasformazione o l’elemento costruito;

  • mimetizzazione dei corpi tecnologici emergenti mediante rivestimenti naturali (pietra o legno) in estrema ratio utilizzare pellicole adesive che riproducono elementi di natura (pietre, vegetazione, legno);

  • utilizzo della cromia degli edifici e relativi elementi tipici dell’habitat urbano consolidato (specificare colore e tipologia dei finimenti);

Si precisa che la strategia di mitigazione dell’impatto dell’intervento può contenere anche più azioni d’intervento.





Per la realizzazione della mitigazione vegetativa, il progettista si riferisca alle specie autoctone e naturalizzate consigliate nelle Norme di Attuazione PS1- PRG 2000 e in riferimento al PTCP UP3-UP5- UP7.

Si riportano essenze:
PIANTE

Specie autoctone: Acero campestre (acer campestre L.); Ontano Bianco (alnus incana Moench); Ontano nero (Alnus glutinosa Gaetner); Carpino bianco(carpinus betulus L.); Carpino bianco piramidale (carpinus betulus var. fastigiata); Melo selvatico (Malus sylvestris Miller); Pioppo bianco* (Populus alba); Pioppo grigio* (Popouòus nigra)Farnia (quercus robur L) è consigliabile per durata e struttura, Salice bianco (Salix alba L), Salice grigio (Salice cinerea L); Salice fragile (Salix fraililis); Salice da ceste (Salix triandra L); Tasso (Taxus baccata L.); Olmo comune (Ulmus Lewis); Olmo campestre (Ulmus minor Miller)

* N.B. la vita media di tale essenza è bassa ed ha costi di manutenzione e fitosanitari elevati.
Specie Naturalizzate: Acero minore (Acer monspessulanunum); Acero riccio (Acer platanoides L); Ippocatano (Aesculus hippocastanum L.); Ontano Napoletano (Alnus cordata Desf.); Bagolaro spacca sassi (Celtis Australis L); Olivello di Boemia (eleagnus angustifolia); Fico (Ficus carica); Frassino maggiore (Fraxinus excelsior); Oriniello (Fraxinus ornus); Frassino meridionale (Fraxinus oxycarpa Bieb); Ginko (Ginko biloba); Noce nero (Juglans nigra); Noce (Juglans regia L.); Metasequoia (meta sequoia glyptostroboides); Gelso Bianco (Morus Alba); Gelso nero (Morus nigra); Pero Ornamentale (Pyrus calleriana); Noce del Caucaso (Pterocarya fraxinifolia Spach); Cerro (Quercus cerris); Salice piangente (Salix babilonica); Salicone (Salix caprea); Salice da vimini (Salix vicinali); Sorbo comune (Sorbus domestica)

ARBUSTI

Specie autoctone: Sanguinella (Cornus sanguinea); Nocciolo (Corylus avellana); Ligustro (Ligustrum vulgare); Madreselva o Caprifoglio (Lonicera carpifolium); rosa di macchia (Rosa canina); Sambuco (Sambucus nigra); Pallon di maggio (Viburnum opulus)


Specie Naturalizzate: Bossolo o Bosso (Boxus sempervirens); Albero delle farfalle (Buddleia davidii franch); Corniolo (Cornus spp.); Ibisco (Hibiscus syriacus); Agrifoglio (Ilex aquifolium); Gelsomino di San Giuseppe (Jasminum nudiflorum); Maggiociondolo (Laburnum anagyroides); Nespolo europeo (Mespilus germanica); Paliuro (Paliurus spina christi); Fiore d’angelo (Philadelphus coronarius); Melograno(Punica granatum); Scotano (Rhus cotinus); Rose (Rosa spp.); Lillà o Serenella (Syringa vulgaris); Lantana (Viburnum lantana); Lentaggine (Viburnum tinus)


  1. DOCUMENTAZIONE TECNICA ED ELABORATI GRAFICI DA ALLEGARE ALLA RELAZIONE:

(barrare casella corrispondente):

 Estratto di mappa catastale in scala originale con individuazione, mediante segno grafico o coloritura, dell’immobile (edificio, area, ecc.) su cui si intende intervenire con riferimenti catastali dei sub coinvolti;


 Planimetria dello stato di fatto dei luoghi, che evidenzi i caratteri e i valori paesistici ed ambientali presenti, riferibili sia ad un ambito significativo di riferimento, sia all’immediato contesto paesaggistico interessato dall’intervento;
 Planimetria dell’intera area di intervento esistente: (scala 1:200 o 1:500 o in relazione alla sua dimensione) conforme al punto 3.1 lettera b) e al punto 1. lettera a) dell’allegato al D.P.C.M. 12/12/2005. Si precisa che la planimetria deve contenere la vegetazione dell’intorno, la sistemazione delle aree esterne (tipo di pavimentazione, tipo di marciapiede ecc.) e la tipologia degli impianti tecnologici (serbatoi, pali pubblica illuminazione ecc.);
 Sezioni-Profili dell’intera area in scala 1:200 o 1:500 o altre in relazione alla sua dimensione come da punto 3.1 lettera B) punto 1. lettera b) dell’allegato al D.P.C.M. 12/12/2005;
 Piante, sezioni e prospetti quotati (scala 1:100) stato esistente e futuro. Indicare dettagliatamente nei grafici (di progetto e stato esistente) la tipologia costruttiva dei seguenti elementi:

  • finitura superficiale esterna e relativa colorazione (definire colore attraverso scale note come RAL o similari) se possibile definire il riferimento alla colorazione originale.

  • infissi specificando materiale impiegato e relativa colorazione (porte, finestre, portoni);

  • copertura, se si utilizzano tegole specificare il tipo e la stima della capacità di recupero;

  • la pavimentazione delle aree esterne al corpo di fabbrica;

  • eventuale recinzioni o muretti delimitanti aree;

  • eventuali impianti tecnologici e corpi illuminanti esterni;

  • pensiline o corpi aggettanti;

 Sovrapposizione (giallo/rosso) come da punto 3.1 lettera B) punto 3. lettera a) del D.P.C.M. 12/12/2005; riguardante le piante i prospetti e le sezioni (scala 1:100 o 1:200);


Render con fotoinserimento al fine di dimostrare i rapporti con il paesaggio circostante;
 Relazione tecnica descrittiva, come da punto 3.1 lettera B) e da punto 3. lettera c) del D.P.C.M. 12/12/2005. In particolare oltre alle normali notizie tecniche richieste, specificare i colori esterni, materiali, apparati tecnologici esterni, finimenti aree esterne, tecniche costruttive da utilizzare, nonché la forma e il rapporto volumetrico e/o architettonico con la preesistenza e quant’altro previsto nel D.P.C.M. 12/12/2005, giustificando le scelte operate);
 Eventuale documentazione storica relativa al singolo edificio, veduta o con minor dettaglio all’intorno (per interventi su edifici e manufatti esistenti);


  • Elenco ulteriore documentazione (esempio: fotografie, notizie storiche con riferimenti bibliografici, schede tecniche, ecc):

Dichiaro Consapevole che ai sensi degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000, in caso di false dichiarazioni accertate dall’amministrazione procedente verranno applicate le sanzioni penali previste e la decadenza dal beneficio ottenuto sulla base della dichiarazione non veritiera. Sono a conoscenza che la mancata accettazione della presente dichiarazione, quando le norme di legge o di regolamento ne consentono la presentazione, costituisce violazione dei doveri d’ufficio (art. 74 del D.P.R. 445/2000). Ai sensi dell’art.13 del D.Lgs 196/2003, i dati personali forniti dal sottoscritto dovranno essere trattati, dall’ente al quale la presente dichiarazione viene prodotta, per le finalità connesse all’erogazione del servizio o della prestazione per cui la dichiarazione stessa viene resa e per gli eventuali successivi adempimenti di competenza. Mi riservo la facoltà di esercitare in qualunque momento i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs stesso.
Carpi, ____________

Firma del Progettista dell'intervento


____________________________

Pagina di 4



Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale