Alimentazione, disbiosi intestinale e parassitosi


– Amalgama di mercurio e sclerosi multipla



Scaricare 9.23 Mb.
Pagina113/335
29.03.2019
Dimensione del file9.23 Mb.
1   ...   109   110   111   112   113   114   115   116   ...   335
52.7 – Amalgama di mercurio e sclerosi multipla

Cristiana Di Stefano e Matteo dall’Osso sono guariti dalla sclerosi multipla rimuovendo le amalgame (otturazioni metalliche contenenti mercurio) e utilizzando dei metodi per chelare (eliminare) i metalli pesanti. Del resto il mercurio causa disbiosi, ed è difficile correggere la disbiosi fintanto che ci si porta il mercurio in bocca.

Cristiana Di Stefano è una persona che ha lottato con grande tenacia e forza d’animo contro la sclerosi multipla, contro la diagnosi infausta dei medici, non arrendendosi, non fidandosi della sentenza di irreversibilità del processo degenerativo, leggendo, studiando, informandosi, fino a quando non è arrivata alla scoperta che l’avrebbe portata ad invertire il corso della sua malattia: le otturazioni dentali in amalgama (e quindi a base di mercurio) che aveva in bocca erano state la causa scatenante del suo problema, rilasciando quotidianamente il velenoso metallo pesante.

Da questa scoperta è passata alla rimozione protetta delle amalgame con sostituzione delle otturazioni con resine bio-compatibili (attenzione non tutti i dentisti sono attrezzati per farlo, servono diga, respiratore per evitare di respirare frammenti e vapori di mercurio, altrimenti l’organismo rischia una, seppure momentanea, intossicazione ancora più massiccia).

Ha quindi disintossicato (per quanto possibile) l’organismo dal mercurio presente nel suo corpo tramite l’assunzione di alcuni integratori e finalmente ha assistito al miracolo: la sua malattia, “inarrestabile e difficilmente curabile” secondo la medicina ufficiale, si è bloccata senza più progredire.

Esistono terapie più o meno valide, ufficiali e non, il cui scopo sarebbe quello di fermare o rallentare il processo degenerativo, anche se una volta che si è passati dalla fase R/R e si entra nella fase SP nessuno mai è riuscito a fermare la degenerazione in alcun modo; i farmaci ufficiali sono molto costosi e a carico della sanità pubblica, la percentuale di chi riesce a vedere rallentata la patologia non supera il 30% ed in più hanno forti, a volte gravissimi effetti collaterali, dato che si parla di interferoni e dei mortali chemioterapici613; si tratta di cure di cui diffido fortemente, anche perché ho conosciuto una collega che ha avuto notevoli giovamenti da una cura naturale a base di integratori, consigliatale da un medico che segue le orme del prof. Di Bella.

Cristiana di Stefano ha realizzato un sito internet (http://www.cristianadistefano.it/) per condividere le sue informazioni con tutti quelli che sono nelle sue condizioni, per raccogliere e divulgare materiale informativo sulla tossicità delle amalgame, su come rimuoverle e come disintossicarsi dal mercurio e da altri metalli pesanti, ed ha collaborato alla stesura di un proposta di legge. Il sito di Cristiana è stato attaccato dagli hacker per ben 3 volte e per 3 volte lei si è rimboccata le maniche e ha ricominciato, anche se ogni volta è stata costretta a partire da zero con gli iscritti ai forum ... chi lotta per la giustizia, la salute, la libertà di cura è sempre soggetto ad ogni sorta di attacco, repressione, minaccia.

Fino a pochi anni fa continuavano a circolare negli studi dei dentisti documenti sulla presunta innocuità delle amalgame, nonostante i dentisti stessi siano i primi a rischiare, dal momento che quelli che utilizzano le amalgame si intossicano respirando vapori di mercurio (vittime indottrinate ed inconsapevoli di un sistema nel quale recitano al tempo stesso la parte degli avvelenatori).

La sua sclerosi multipla “miracolosamente” secondo il neurologo, è rimasta ferma a più di 6 anni fa, e la sua qualità di vita è migliorata tantissimo, perché ha recuperato delle funzioni che credeva perse per sempre, è più forte, e cosa importantissima non assume chemioterapici che hanno gravissimi effetti collaterali, ma solo Tiobec che non è un farmaco ma un antiossidante (acido alfa lipoico + acido folico) perché i ricercatori mondiali hanno provato che blocca i linfociti T, responsabili dell’attacco alla mielina, impedendo loro di oltrepassare la barriera ematoencefalica. Purtroppo deve farselo preparare galenicamente per risparmiare, poiché il prodotto “Tiobec400 Retard” che si trova in farmacia costa 23 euro a scatola, le dura una settimana, dato che ha una dose precisa da rispettare. Questo “integratore”, che ovviamente non essendo un farmaco con effetti collaterali, non viene passato dal sistema sanitario, deve assumerlo continuamente, altrimenti i linfociti T tornano ad attaccare la mielina e la malattia potrebbe riprendere a degenerare.

Devo dire che la storia di Cristiana è molto simile alla mia; anche se le mie malattie erano un po’ meno gravi, l’iter è stato lo stesso. Medici che non sanno come affrontarle, mille consulti inconcludenti, pareri discordi, e poi piano piano il faticoso lavoro di studio delle menzogne della scienza ufficiale e di scoperta della medicina naturale, fino a quando non ho scoperto anche io la velenosità delle amalgame (ne avevo 8 in bocca!), le ho rimosse pian piano e poi ho scoperto che dovevo anche cambiare dieta ed assumere qualche sostanza naturale (semi di pompelmo, fermenti lattici, magnesio) per intervenire sulla disbiosi.

Mi fa notare Cristiana che per evitare fraintendimenti ed illusioni è giusto precisare che dopo aver rimosso le amalgame non si guarisce per questo da qualsiasi malattia. Tutto dipende dal tipo preciso di patologia, da quanto è grave, da quanto tempo perdura ... per il momento non sono note delle tecniche per invertire certi processi e se tutto va bene si riesce ad arrestare il decorso della malattia e (disintossicando l’organismo) a recuperare alcune delle funzionalità perse.

Ci sono degli studi in atto che fanno ben sperare nel futuro sul fatto che in caso di danneggiamento di alcune cellule che avevano alcuni compiti specifici, il cervello è capace di creare dei percorsi alternativi, cioè utilizzare altre cellule per supplire alle funzioni dei neuroni danneggiati.



Dice Cristiana:

La cosa certa è che l’avvelenamento e l’intossicazione cronica da elementi tossici sono deleteri per l’organismo e quindi vanno evitati. Le amalgame sono fonti tossiche continue e quindi devono essere rimosse in protocollo protetto, per non peggiorare e soprattutto perchè non è possibile disintossicarsi se si hanno fonti tossiche nel corpo.

Addirittura assumere chelanti o disintossicanti aiuta la fuoriuscita dalle amalgame e manda in circolo ancora più elementi che si andranno a fissare nel cervello, negli organi, nelle ossa, dato che il nostro corpo può espellere solo piccole quantità di elementi tossici e nel nostro corpo non ci sono solo quelli entrati a causa delle amalgame, ma anche quelli entrati con aria, cibo e acqua... viviamo in mezzo ad un totale inquinamento.

Nel corso dei miei studi ho scoperto di essere intossicata cronicamente dai metalli tossici e non solo dell’amalgama, ma anche quelli entrati nel mio organismo a causa del cibo, aria, acqua ... contaminazione ambientale.

La mia disintossicazione è stata totale e completa. Il mio organismo, grazie all’integrazione mirata personalizzata di oligoelementi si è riequilibrato. Ora come ora, devo solo fare attenzione ad evitare di accumulare di nuovo gli elementi tossici, che giornalmente ci contaminano, poiché tutto ciò che ci circonda è inquinato e ci contamina. Quindi, una volta all’anno, faccio il mineralogramma a cui segue l’integrazione mirata di oligoelementi che mi evita di intossicarmi di nuovo. Questo lo faccio per prevenzione.

Ho sempre dichiarato che sono affetta da sclerosi multipla secondariamente progressiva a stadio avanzato, quindi disabile, ma che poi dopo aver scoperto che ero intossicata cronicamente, una volta eliminate le fonti tossiche, ho iniziato ad avere miglioramenti, sempre maggiori poi una volta disintossicata completamente, ma i medici non credono che il merito sia della disintossicazione ed io non posso provarlo, dato che nessun ricercatore ha mai fatto studi in questo senso. Per i medici sono un caso a sé stante che non fa testo e non credono che una persona possa ammalarsi gravemente a causa dell’intossicazione cronica... anche perché ancora oggi si rifiutano di credere agli esiti del test chiamato mineralogramma... quindi fondamentalmente i miei medici non credono, nonostante i referti del mineralogramma, riconosciuto dall’OMS, ma non da loro, che ero intossicata da metalli pesanti.

Siccome il neurologo non trova una spiegazione scientifica, parla di intervento divino ... quindi questo prova che anche i medici, che sono i più laici in assoluto, preferiscono credere ai miracoli di Dio che ai risultati del mineralogramma, esame ripeto usato da sempre, con il quale si è scoperto anche che Napoleone è morto avvelenato da arsenico, test che usano i RIS da sempre, ecc. ...però i medici e gli specialisti non ci credono... che dobbiamo fare se non ci credono? Aspetto che il ministro lo renda uguale come importanza, alle analisi ematochimiche e spero che passi la legge...

Io non ho mai detto e non ho nessuno strumento per dire o provare PURTROPPO che la mia sclerosi multipla è stata causata dall’intossicazione cronica, ma è scientificamente provato il contrario, cioè che l’intossicazione cronica da metalli tossici può causare anche una patologia come la mia; nessuno ha mai scientificamente provato il contrario... nessuno ha fatto ricerca in questo senso... non è assurdo tutto ciò?

Ad occhi profani e semplici può sembrare la stessa cosa, ma per la scienza non è così, perché mentre per la prima non ci sono studi scientifici, per la seconda ci sono. Quindi io non potrò mai affermare che la causa della mia sclerosi multipla è stata l’intossicazione cronica... non potendolo mai provare non potrò mai fare causa a nessuno per avermi avvelenato fin da piccola coi vaccini al thiomersal, proseguendo con le amalgame, i cibi contaminati da elementi tossici “in misura ammessa dalla legge” per i quali non si tiene mai conto del pericolo accumulo però, dato che la maggior parte una volta entrati nel corpo non possono essere eliminati.

Io non ho assistito a un miracolo... per me il miracolo è avvenuto quando il Padre Eterno mi ha aiutato a trovare digitando su internet molte risposte alle mie domande, quando mi ha aiutato a studiare, a capire e a trovare le persone giuste per disintossicarmi.

Quello che si può affermare senza che nessuno possa fare nessuna obiezione è che l’intossicazione cronica da elementi tossici è causa di tantissime malattie anche neurodegenerative e nessuno può più negare che le amalgame siano la fonte principale dell’intossicazione cronica da mercurio.

NB: non mi occupo solo di amalgame, anche se devo ammettere che è il motivo principale per il quale vengo contattata.
La storia della guarigione di Matteo Dall’Osso la racconto con alcune righe tratte dall’home page del suo sito internet www.matteodallosso.org da cui, tra le altre cose, è possibile scaricare o acquistare il suo libro.



Condividi con i tuoi amici:
1   ...   109   110   111   112   113   114   115   116   ...   335


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale