Alimentazione, disbiosi intestinale e parassitosi


Indiani che seguono l’alimentazione tradizionale e che hanno dentature perfette



Scaricare 9.23 Mb.
Pagina119/335
29.03.2019
Dimensione del file9.23 Mb.
1   ...   115   116   117   118   119   120   121   122   ...   335
Indiani che seguono l’alimentazione tradizionale e che hanno dentature perfette
Il paragone tra le persone dell’occidente moderno e le popolazioni indigene che avevano ancora conservato uno stile di vita tradizionale ha lasciato il dentista Weston A. Price senza alcun dubbio sul fatto che la dieta sempre più artificiale (per esempio farine raffinate e consumate settimane dopo la macina, consumo di zucchero raffinato) abbia causato una degenerazione che, in maniera preoccupante, peggiora di generazione in generazione ad un ritmo crescente. L’osservazione dei popoli cosiddetti “primitivi” è particolarmente indicativa quando si confrontano i membri di tali popolazioni che hanno ceduto alle lusinghe della società e dell’alimentazione occidentale con quelli che invece hanno mantenuto uno stile di vita e di alimentazione tradizionale, basato su una tradizione millenaria e su una saggezza sedimentata nel corso dei secoli: se i primi manifestano presto carie, deformazione dell’arcata dentaria, affollamento dei denti, degenerazioni a livello scheletrico e salute malferma, i secondi hanno una dentatura ancora perfetta, una perfetta conformazione scheletrico ben visibile anche a livello del volto, ed una salute invidiabile. Le foto incluse nel libro del resto parlano da sole.

Non deve meravigliare il fatto che lo sviluppo mentale segue di pari passo quello fisico, e se le popolazioni che seguono ancora le consuetudini alimentari tradizionali hanno capacità intellettive ottimali, non altrettanto si può dire delle popolazione che seguono uno stile di vita ed un’alimentazione tipico della società occidentale moderna. A tal riguardo in particolare il dottor Price afferma:



Applicando questi metodi di studio alle nostre famiglie americane, scopriamo prontamente che una considerevole percentuale delle nostre famiglie mostrano lo stesso deterioramento nei membri più giovani. La percentuale degli individui così colpiti nelle nostre comunità americane nelle quali ho condotto i miei studi variano entro un range piuttosto vario, dal 25 al 75 per cento.

Una percentuale di questo gruppo non solo presenta queste evidenze di danni a livello fisico, ma anche disturbi della personalità, il più comune dei quali è una efficienza ed acutezza mentale più bassa del normale, principalmente osservata come cosiddetta ritardo mentale che incluse quel gruppo di bambini che a scuola non sono in grado di stare al passo coi propri compagni di classe. I loro quozienti intellettivi sono generalmente più bassi del normale ed essi sviluppano rapidamente complessi di inferiorità che originano dal loro handicap. In questo gruppo o parallelamente ad esso una certa percentuale sviluppa disturbi della personalità che trovano principalmente la propria espressione nei tratti asociali.






Condividi con i tuoi amici:
1   ...   115   116   117   118   119   120   121   122   ...   335


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale