Alimentazione, disbiosi intestinale e parassitosi


Deformazione delle arcate dentali e affollamento dei denti. “Questa deformazione non è dovuta all’eredità” afferma il dottor Price



Scaricare 9.23 Mb.
Pagina124/335
29.03.2019
Dimensione del file9.23 Mb.
1   ...   120   121   122   123   124   125   126   127   ...   335
Deformazione delle arcate dentali e affollamento dei denti. “Questa deformazione non è dovuta all’eredità” afferma il dottor Price.
Il contraltare della situazione di Loetschental fu analizzato successivamente dal dottor Price in una simile ricognizione a St. Moritz, famosa località turistica dove era assieme allo uno stile di vita e di alimentazione moderno si era diffusa anche la caire (vedi capitolo precedente).

Nel suo libro il dottor Weston Price segnala che furono fatti dei tentativi per rinforzare la salute dei denti degli abitanti di queste comunità, sia integrando lo iodio che esponendo i bambini e gli adolescenti ai raggi del sole (in modo che i loro corpi sintetizzassero naturalmente la vitamina D), ma entrambi i tentativi furono infruttuosi. 

In seguito il dottor Price visitò altre vallate, sia quelle più in alto e più isolate, dove si conservavano le antiche tradizioni alimentari, che quelle più basse e più accessibili dove i cibi moderni sono arrivati più facilmente. Questo è quanto egli ha riscontrato:

Un altro cambiamento che si vede passando dai gruppi isolati col loro sviluppo facciale sostanzialmente normale, ai gruppi delle vallate inferiori, è la marcata irregolarità dei denti con restringimento delle arcate e di altre strutture della faccia (…) Mentre nei gruppi isolati non è stato trovato un singolo caso di persona che respira con la bocca, molti di tali casi sono stati osservati tra i bambini del gruppo delle vallate inferiori.

Quando ho chiesto ad un ufficiale governativo quali fossero le principali malattie della comunità, egli ha risposto che il più grave e più universale era la carie dentale, seguito per importanza dalla tubercolosi, e che entrambi erano in larga parte malattie moderne in quella regione.

Alta immunità alle carie dentali, nessuna deformità delle arcate dentali e del volto, fisici vigorosi con un’alta immunità nei confronti delle varie malattie sono stati tutti riscontrati in associazione con l’isolamento fisico [che ha permesso di mantenere le usanze alimentari tradizionali - N.dT.], e con forzata limitazione della scelta dei cibi. Questo ha avuto come conseguenza un uso molto generoso di latte e prodotti derivati e di pane di segale integrale, assieme a vegetali ed a carne consumata all’incirca una volta a settimana.

Negli individui dei distretti moderni è stato riscontrata una grande diffusione di decadimento dentale. Molti avevano deformità a livello delle arcate dentarie e della faccia e maggiore suscettibilità alle malattie. Queste condizioni erano associate all’uso di farine cereali raffinate, un alto consumo di dolci, cibi inscatolati, frutta zuccherata, cioccolata; ed un uso fortemente ridotto di latte e derivati.

È da notare che i prodotti caseari di cui parla il dottor Price non sono certo quelli di oggi, processati, industrializzati, e per altro essendo ancora all’inizio dell’era farmaceutica, non erano ancora diffusi quei farmaci che causano la disbiosi e quindi la difficoltà a digerire caseina e lattosio.

Le stesse differenze tra individui che seguono un’alimentazione tradizionale e individui che sono stati corrotti dai beni di lusso della modernità (pane bianco, prodotti a base di farina bianca e zucchero, cibi in scatola) sono state osservate dal dottor Price in ripetute osservazioni eseguite nel corso di viaggi che lo hanno portato in quasi ogni parte del mondo (Isole Ebridi, Svizzera, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Africa, Perù). I risultati sono sempre gli stessi: il consumo di alimenti naturali e cereali integrali predispone alla salute fisica, mentale e dentale, mentre il passaggio al cibo moderno predispone alla malattia, fisica, mentale e dentale, nonché alle deformazioni delle arcate dentarie, allo sviluppo di problemi ortodontici (denti affollati, denti sporgenti, etc.), allo sviluppo di volti innaturalmente assottigliati, narici troppo strette che impediscono una regolare respirazione (e costringono a volte a respirare per mezzo della bocca, con tutte le conseguenze negative che ne derivano). 

A maggior conferma di queste osservazioni il dottor Price riporta nel suo libro come i problemi di ortodonzia fossero pressoché sconosciuti nelle generazioni passate, e come il loro apparire in epoca moderna abbia indotto i medici e i dentisti a cercare una spiegazione per tale fenomeno. La spiegazione che ha più ottenuto successo, per quanto possa apparire ridicola, è che le doformità delle arcate dentarie e l’affollamento dei denti sono il risultato dell’incrocio tra due razze con caratteristiche fisionomiche differenti (per esempio dall’incrocio della razza bianca con la razza nera come è avvenuto in America).

Come scrive il dottor Price:

C’erano molti Eschimesi e Indiani di razza pura provenienti da comunità modernizzate dove si erano alimentati di cibi moderni per tutta la propria vita. Questo ha dato un’opportunità di studiare il ruolo delle carenze nutrizionali nello sviluppo delle deformità e delle irregolarità delle fattezze del volto, nella disposizione dei denti, e nelle interrelazioni tra le arcate dentali. Le tipiche irregolarità e divergenze dalla normalità erano presenti tanto nei ragazzi Eschimesi e Indiani di razza pura quanto in quelli di sangue misto. Alcuni dei giovani con genitori appartenenti a razze differenti avevano bellissime fatture.






Condividi con i tuoi amici:
1   ...   120   121   122   123   124   125   126   127   ...   335


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale