Alimentazione, disbiosi intestinale e parassitosi



Scaricare 9.23 Mb.
Pagina175/335
29.03.2019
Dimensione del file9.23 Mb.
1   ...   171   172   173   174   175   176   177   178   ...   335
Il compianto prof

Pantellini
L’uso dell’ascorbato di potassio contro il cancro trae origine da un fortuito fraintendimento. Nel 1947, il Dott. Pantellini consigliò ad un malato di cancro terminale allo stomaco (con un’aspettativa di pochi mesi di vita) di bere limonate con bicarbonato di sodio per calmare i forti dolori di cui pativa. Quando, a distanza di un anno, lo rivide e lo trovò in piena forma, potè verificare di persona, anche attraqverso le radiografie, la sua effettiva guarigione ((il paziente morì infatti d’infarto vent’anni più tardi). Indagando il dottor Pantellini scoprì che quel suo paziente, per errore, non aveva usato il bicarbonato di sodio, ma quello di potassio.

Allora fece un primo esperimento di controllo, somministrando ad alcuni malati di cancro in fase terminale, citrato di potassio, tartrato di potassio ed esperidato di potassio, senza ottenere alcun effetto. Somministrando invece ascorbato di potassio (che è poi una forma della vitamina C, ovvero un sale dell’acido ascorbico), ottenne i primi riscontri positivi, con miglioramenti apprezzabili nell’arco di 10-15 giorni, scomparsa o attenuazione del dolore, nonché capacità di riprendere la normale attività lavorativa.

Dopo questi risultati incoraggianti il dottor Pantellini proseguì le sue ricerche per quarant’anni, scoprendo che l’ascorbato di potassio aveva una sua validità terapeutica anche in alcune malattie degenerative ed autoimmuni, e cercò di informare la comunità medica delle sue scoperte, tenendo conferenze, partecipando a vari congressi di oncologia, e pubblicando le sue scoperte su riviste mediche (oltre a curare migliaia di persone).

Il risultato di tutto questo lavoro furono alcune denunce da parte dell’Ordine dei Medici (terminate con l’assoluzione), continue diffamazioni ed altri problemi. Ma le sue ricerche, i suoi studi, le sue scoperte non furono mai confutate; piuttosto venne denigrato o ignorato dalla grande maggioranza dei suoi colleghi. Chiaramente le industrie del farmaco, che guadagnano almeno mille euro per un ciclo di chemioterapia non vedono di buon occhio un prodotto che può costa pochi euro e che non è nemmeno brevettabile.



Riporto qui sotto un breve stralcio di un’intervista801 fatta da qualche anno fa da Giuseppe Cosco al dottor Pantellini (che nel frattempo è deceduto).



Condividi con i tuoi amici:
1   ...   171   172   173   174   175   176   177   178   ...   335


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale