Analfabetismo: un tentativo di definizione



Scaricare 262 Kb.
12.11.2018
Dimensione del file262 Kb.


Analfabetismo: un tentativo di definizione

  • Analfabetismo: un tentativo di definizione




Questa definizione introduce concetti nuovi rispetto al passato e prevede ai fini dell’alfabetizzazione,

  • Questa definizione introduce concetti nuovi rispetto al passato e prevede ai fini dell’alfabetizzazione,

  • non solo una competenza

  • di codificazione (a partire dalla semplice trascrizione)

  • e decodificazione (a partire dalla semplice decifrazione)

  • della lingua scritta, ma anche la piena comprensione di quanto viene letto e scritto.

  • In quest'ottica possiamo considerare analfabeta

  • una persona che non sa né leggere né scrivere, capendolo, un brano semplice in rapporto con la sua vita quotidiana

  • (azioni, pensieri, relazioni personali e sociali, …)



  • Altro dato rilevante

  • è il riferimento all’uso della lettura e della scrittura

  • in relazione alla vita quotidiana,

  • dunque ai loro usi sociali.

  • Questa prospettiva introduce

  • la distinzione tra due tipi di analfabetismo:

  • uno totale (primario o strumentale) e uno funzionale.



Analfabetismo totale

  • Analfabetismo totale

  • (primario o strumentale)

  • Sono analfabeti totali coloro che

  • non sanno né leggere né scrivere, spesso perché,

  • per ragioni diverse, non hanno avuto accesso

  • ad un percorso di scolarizzazione oppure non hanno mai ricevuto alcuna forma di istruzione

  • mirata o comunque efficace

  • ai fini dell'acquisizione della lettura e della scrittura.



Analfabetismo funzionale

  • Analfabetismo funzionale

  • Sono analfabeti funzionali coloro i quali

  • pur avendo (o avendo avuto) esperienza di codifica e decodifica della lingua scritta, non dispongono in misura adeguata dell’abilità di produrre e comprendere testi.

  • Dunque l'analfabeta funzionale non è in grado di partecipare pienamente a tutte quelle attività

  • in cui le abilità di lettura e scrittura sono necessarie

  • allo sviluppo della persona

  • e al funzionamento efficace della sua comunità



In breve, quando sono posti di fronte a materiali stampati, gli adulti funzionalmente analfabeti non possono operare efficacemente nella società moderna e non possono svolgere adeguatamente compiti fondamentali come riempire una domanda d'impiego, capire un contratto legalmente vincolante, seguire istruzioni scritte, leggere un articolo di giornale, leggere i segnali stradali, consultare un dizionario o comprendere l'orario di un autobus.

  • In breve, quando sono posti di fronte a materiali stampati, gli adulti funzionalmente analfabeti non possono operare efficacemente nella società moderna e non possono svolgere adeguatamente compiti fondamentali come riempire una domanda d'impiego, capire un contratto legalmente vincolante, seguire istruzioni scritte, leggere un articolo di giornale, leggere i segnali stradali, consultare un dizionario o comprendere l'orario di un autobus.

  • “Alfabetizzare”, in questo caso, significa agire per promuovere competenze linguistico-comunicative che vanno al di là della semplice competenza fonologica e grafemica e investono le competenze lessicali, morfosintattiche, pragmatiche, testuali della lingua.









  • Il primo compito è individuare gli apprendenti

  • adulti analfabeti o a debole scolarizzazione da inserire eventualmente in classi dedicate o da esporre

  • a specifici momenti di apprendimento.

  • A prescindere dall’uso eventuale di strumenti mirati (dall’osservazione sistematica al testing, ai colloqui individuali, agli inventari informali, ecc.) risulta fondamentale, a questo fine, tenere in considerazione alcuni fattori specifici:

  • :: Età degli apprendenti

  • :: Livello di scolarizzazione pregressa

  • :: Livello di conoscenza dell'italiano orale



Età degli apprendenti

  • Età degli apprendenti

  • Negli adulti analfabeti, il fattore età gioca un ruolo importante. Occorre tener conto di almeno due elementi che possono attivare il filtro affettivo e ostacolare l’apprendimento:

  • - paura di “perdere la faccia”, particolarmente spiccata nell’adulto

  • - la frustrazione derivante dalla lentezza nell’apprendimento della lettura e scrittura vs le urgenze che l’apprendente adulto avverte.





In base alla scolarizzazione pregressa avremo diversi tipi di apprendenti:

  • In base alla scolarizzazione pregressa avremo diversi tipi di apprendenti:

  • prealfabeti: la lingua madre non ha ancora un sistema di scrittura;

  • analfabeti totali: la lingua madre ha una forma scritta ma l’apprendente non l’ha imparata, per mancanza di scolarizzazione o altro motivo;

  • debolmente alfabetizzati: l’apprendente ha un’alfabetizzazione minima in lingua madre, corrispondente per esempio a tre-cinque anni di scuola;

  • alfabetizzati in scritture non alfabetiche: può avere anche una competenza di scrittura alta nella sua lingua madre, ma non conosce l’alfabeto latino;







Ma che cosa significa

  • Ma che cosa significa

  • saper scrivere e saper leggere?









Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale