Analisi del territorio Popolazione a rischio di abuso di sostanze psicotrope


La cornice metodologica dell’intervento



Scaricare 56.5 Kb.
Pagina8/10
28.03.2019
Dimensione del file56.5 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10
La cornice metodologica dell’intervento
L’approccio preventivo, che caratterizza questo tipo d’intervento, assume specificatamente i caratteri della limitazione dei rischi connessi all’uso ed abuso di sostanze psicotrope, legali ed illegali.

Avere scelto di presidiare i luoghi di ritrovo e consumo di sostanze significa esprimere azioni di contrasto, a comportamenti individuali, finalizzate alla tutela della salute pubblica.

Agiamo stimolando una presa di coscienza in relazione ad eventuali comportamenti di abuso, rendendo possibile il collegamento esplicito tra il consumo di sostanze e sintomi correlati, rilevando le situazioni critiche e contenendo quelle problematiche.

Ci siamo proposti di promuovere un intervento caratterizzato da una sorta di “azione di consapevolezza” nel “qui ed ora” del momento del divertimento.

Il pensiero condiviso è stato quello che fosse importante stimolare e favorire la tutela della salute, propria e dell’altro, per fare questo abbiamo indirizzato il nostro lavoro su tre distinte aree tematiche che sono state sviluppate parallelamente:


      • l’area del lavoro di rete,







      • l’area degli strumenti.

• Il lavoro di rete, ovvero la necessità di sviluppare alleanze con gli altri attori, siano essi figure delle istituzioni oppure figure dell’industria del divertimento, che hanno una vicinanza significativa con le persone che vivono contesti di consumo di sostanze. Interlocutori impegnati ad agire per la tutela della salute pubblica ed interessati alla promozione di luoghi territoriali di confronto, necessari per una migliore ed efficace azione nei diversi contesti della notte.

La disponibilità espressa è stata finalizzata, pertanto, alla costruzione di una rete di sistema che promuovesse il dialogo tra la strada, i fenomeni incontrati, il sapere appreso e il sistema di intervento, sia sanitario, sia di ordine pubblico.

• La relazione, ovvero la necessità di conoscere i presupposti che caratterizzano le persone che incontriamo e conseguentemente di adeguare le nostre modalità di approccio.

Essere consapevoli che molte delle persone che vivono i luoghi del consumo di sostanze sia essi formali, discoteche, rave parties….., sia essi informali piazze, quartieri….;esprimono la difficoltà a riconoscere i nessi sequenziali esistenti fra i propri comportamenti e le possibili conseguenze permette di intervenire con azioni e strumenti adeguati al contesto. Il comportamento che ci siamo proposti di “correggere” ha le caratteristiche dell’immediatezza, fra l’oggetto del desiderio ed il desiderio realizzato, e cerca automaticamente di azzerare le distanze fra l’insorgere del desiderio e la realizzazione dello stesso. I nostri progetti cercano di inserirsi in questo processo quasi automatico di pensiero ed azione e, soprattutto, di inserire in questo processo, delle considerazioni volutamente/strumentalmente disturbanti, che permettono sia la rappresentazione di ciò che si vuole o ci si aspetta da quel comportamento, sia quanto potrebbe accadere come conseguenza di quel comportamento, sopratutto, il non desiderato.. Cerchiamo quindi di favorire l’elaborazione di alcuni concetti di causa-effetto, e quindi di possibili conseguenze negative e non volute, di far comprendere, in senso letterale, questo principio logico elementare della relazione, che fra un “prima” ed un “dopo” può realizzarsi un “dopo non voluto”, soprattutto se il “prima” ne costituiva una premessa, anche se non voluta e non cercata.
• Gli strumenti, ovvero i mezzi e gli ausili di cui ci avvaliamo, affinché il ragionamento sia meno astratto e più concreto, e che permettano di facilitare la comprensione del processo che si vuole evidenziare.

In prima battuta non servono grandi ragionamenti ma molto di più fatti facilmente fruibili, comprensibili: da ciò la scelta del materiale, la sua configurazione, la sua struttura.

Si è dimostrata efficace la scelta di utilizzare strumenti quali l’etilometro ed il misuratore dei tempi di reazione nei luoghi del divertimento notturno, la determinazione delle sostanze nella saliva in altri contesti.

Si sono concretizzati così interventi presso luoghi del loisir notturno; discoteche, Tavagnasco Rock festival, Alpette rock festival, Ivrea in occasione del Carnevale e della festa patronale



1   2   3   4   5   6   7   8   9   10


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale