Analisti metodisti di macchine a cnc



Scaricare 0.73 Mb.
Pagina1/5
10.12.2017
Dimensione del file0.73 Mb.
  1   2   3   4   5





I.T.S.G.

Carlo

Scarpa

FASCICOLO DOCUMENTO

DEL CONSIGLIO DI CLASSE

I.P.S.I.A. “E. Mattei”




Istituto conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001 ed. 2008


Cod./Rev.:DIFDC00
Data rev.: 04/09/2012

Pagina di

Cod. Mecc. VEIS021001



















Protocollo n. 3346/ 2015 del 15 maggio 20015


DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE
CLASSE 5A4S


  1. Diploma di Istruzione Professionale

  2. Indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”

  3. Opzione “Manutenzione mezzi di trasporto”



a. s. 2014 - 2015

15 maggio 2015




INDICE




  1. Presentazione dell’Istituto pag. 3

  2. Composizione del consiglio di classe pag. 4

  3. Profilo professionale pag. 5

  4. Presentazione della classe pag. 5

  5. Finalità culturali prefisse e raggiunte pag. 7

  6. Attività realizzate dalla classe pag. 9

  7. Criteri e strumenti della misurazione pag. 11

  8. Attività di preparazione all’Esame di Stato pag. 14

  9. Scheda informativa per singola materia pag. 34

  10. Firme dei componenti del Consiglio di Classe pag. 55

  11. Allegati: Programmi svolti pag. 56


1. PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO
La scuola inizia la sua attività nel 1962 come sezione staccata dell’IPSIA “Sanudo” di Venezia; nel 1970 acquisisce l’autonomia amministrativa e, nello stesso anno, amplia l’offerta formativa, aggiungendo all’indirizzo Meccanico quello di Chimica, trasformato successivamente in Chimico-Biologico. Nel 1989 accorpa la sede di Fossalta di Piave con i corsi di qualifica di Operatore Elettrico e di Operatore Meccanico, trasformato poi in Operatore Termico.

L'adeguamento dei programmi scolastici e di quelli dei corsi professionalizzanti alle nuove procedure d'indagine scientifica e delle tecniche di lavorazione, teso a soddisfare la pressante domanda di formazione culturale e professionale avanzata dai vari settori della vita associata e lavorativa del territorio, ha reso necessari gli interventi per la costruzione di nuovi locali, da adibire in particolare a laboratori. I lavori di ristrutturazione ed ampliamento sono stati realizzati dalla Provincia di Venezia, ente responsabile delle strutture e degli impianti della scuola.

Dall’anno scolastico 2011-2012 nella sede di Fossalta di Piave è attivo un nuovo percorso formativo che porterà al diploma di Tecnico nella comunicazione audiovisiva e di massa; si tratta di una nuova figura adeguata alle esigenze del mercato in evoluzione, che si occuperà di comunicazione visiva e multimediale (internet, cinema, fotografia, televisione). 

A seguito di varie delibere sul dimensionamento scolastico (Delibera Giunta Provinciale di Venezia, n. 87 del 6/7/2011 e Delibera Giunta Regionale del Veneto n. 120 del 31/01/2012), dall’anno scolastico 2012-2013 nella sede di Santo Stino di Livenza è attivo il percorso di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) che prevede la qualifica professionale e la possibilità di proseguire gli studi, tramite corsi integrativi, nel percorso di istruzione professionale per conseguire il Diploma di Stato.

Dall’a.s. 2012/13 l’Istituto è stato associato all’I.T.S.G. “ C. Scarpa” assumendo la denominazione I.I.S. “ SCARPA-MATTEI” .

L’Istituto è socio della rete interdistrettuale delle scuole di Portogruaro e della Si.Scu.Ve per la sicurezza delle scuole, inoltre l’Istituto è già accreditato presso la Regione Veneto per la Formazione Superiore e possiede la certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001: 2008.

Il "Mattei", in particolare, mantiene costanti rapporti di collaborazione con le famiglie, le imprese, le Associazioni di categoria, gli Enti del territorio e le Associazioni di volontariato, completando l’offerta formativa professionalizzante con i percorsi scolastici. In particolare, l’ordinamento previgente prevede:


  • a San Stino di Livenza:


INDIRIZZO CHIMICO-BIOLOGICO

  • Operatore delle Produzioni Chimiche (IeFP): iscritti a.s. 2012-2013 e 2013-2014 (triennio di qualifica)

  • Tecnico delle Produzioni Industriali e Artigianali – Articolazione industria – Nuovo ordinamento iscritti a.s. 2010-2011 e 2011-2012



INDIRIZZO MECCANICO

  • Operatore meccanico (IeFP): iscritti a.s. 2012-2013 e 2013-2014 (triennio di qualifica)

  • Tecnico per la Manutenzione ed Assistenza Tecnica, opzione Apparati, Impianti e Servizi Tecnici Industriali e Civili - Nuovo ordinamento iscritti a.s. 2010-2011 e 2011-2012



2. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE


Classe 5aA4

Disciplina




Ore d’insegnamento

Docente


Lingua e Letteratura Italiana


4

Prof.ssa Gloria PANCINO

Storia

2

Prof.ssa Gloria PANCINO

Lingua Inglese


3

Prof.ssa Donatella PAVANELLO

Matematica


3

Prof.ssa Elena M.L. ROMEO

Tecnologie elettro-elettroniche ed applicazioni


3 di cui

2 in codocenza




Prof.ssa Cinzia DANELUZZI

Prof. Federico NOSELLA



Tecnologia meccanica e applicazioni


4 di cui

2 in codocenza



Prof. Antonio DE MATTEIS

Prof. Roberto MARIUZZO



Tecnologie e tecniche di diagnosi e di manutenzione dei mezzi di trasporto


6 di cui

2 in codocenza



Prof. Federico TRONCO

Prof. Roberto MARIUZZO



Laboratori tecnologici ed esercitazioni

3


Prof. Roberto MARIUZZO

Scienze Motorie e Sportive

2


Prof.ssa Isabella DAL MOLIN

Religione

1


Prof. Massimo LEANDRIN

Coordinatore di Classe: Prof. Roberto Mariuzzo



3. PROFILO PROFESSIONALE
Il diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica” opzione “Manutenzione mezzi di trasporto” possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici, anche marittimi.

Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica ed altri) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato in “Manutenzione e assistenza tecnica” - opzione “Manutenzione mezzi di trasporto” acquisisce le seguenti competenze:


  • Comprendere, interpretare e analizzare la documentazione tecnica relativa al mezzo di trasporto.

  • Utilizzare, attraverso la conoscenza e l’applicazione della normativa sulla sicurezza, strumenti e tecnologie specifiche.

  • Seguire le normative tecniche e le prescrizioni di legge per garantire la corretta funzionalità del mezzo di trasporto e delle relative parti, di cui cura la manutenzione nel contesto d’uso.

  • Individuare i componenti che costituiscono il sistema e i vari materiali impiegati, allo scopo di intervenire nel montaggio, nella sostituzione dei componenti e delle parti, nel rispetto delle modalità e delle procedure stabilite.

  • Utilizzare correttamente strumenti di misura, controllo e diagnosi, eseguire le regolazioni dei sistemi e degli impianti relativi al mezzo di trasporto.

  • Garantire e certificare la messa a punto a regola d’arte del mezzo di trasporto e degli impianti relativi, collaborando alle fasi di installazione, collaudo ed assistenza tecnica degli utenti.

  • Agire nel sistema di qualità, gestire le esigenze del committente, reperire le risorse tecniche e tecnologiche per offrire servizi efficaci ed economicamente correlati alle richieste.


4. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE
La classe 5A4 è composta da 13 studenti, tutti provenienti dalla classe 4A4. La classe solo in poche materie risulta interessata agli argomenti proposti, ma per alcuni elementi si evidenzia un atteggiamento di continua stanchezza e poca partecipazione. Il lavoro messo in atto è stato quindi finalizzato ad omogeneizzare la classe, attraverso un ripasso degli argomenti fondamentali e la trattazione di quelli non svolti negli anni precedenti.

Si è passati ad affrontare i temi proposti per il quinto anno, evidenziando quali sono le competenze fondamentali, in funzione anche del prossimo ESAME DI STATO. Il Consiglio di Classe ha cercato di instaurare un clima sereno all’interno della classe e di suscitare interesse verso le proposte educative, al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati.




Continuità didattica:

Nel secondo biennio non si è potuta mantenere, quasi del tutto, la continuità didattica nelle discipline.


Situazione didattico-disciplinare della classe nell'anno scolastico in corso.

Alcuni insegnanti hanno lamentato il non completo raggiungimento di alcuni obiettivi didattici dovuto ad un difficile approccio allo studio e non di meno a pregresse lacune in alcuni argomenti fondamentali. La maggior parte degli allievi si è dimostrata comunque disponibile al dialogo educativo, fatta eccezione per alcuni momenti in cui l’attenzione si è dovuta sollecitare.

Solo un ristretto gruppo di allievi, dotato di una migliore preparazione e di un metodo di studio più adeguato, ha conseguito risultati più che positivi. Il resto della classe, anche a causa del permanere delle suddette lacune di base, ha conseguito un profitto mediamente sufficiente.

Un’esigua parte degli allievi ha elaborato dei lavori personali da sottoporre all’attenzione della Commissione d’Esame.

La programmazione didattica formulata in ciascuna materia è risultata sostanzialmente adatta nei contenuti, nei metodi e nei tempi.





Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale