Andà per bréc andare a cercare qualche pericolo Brèc o Brìc posto scosceso disagevole, monte, colle, altura



Scaricare 28.12 Kb.
Pagina2/5
30.10.2019
Dimensione del file28.12 Kb.
1   2   3   4   5

Il governo


Oltre ad essere un'alleanza militare la Lega Lombarda fu uno dei primi esempi di sistema confederale nel mondo dei Comuni. Infatti la Lega aveva un consiglio distinto da quello dei suoi membri, denominato universitas, composto da rappresentanti nominati dai singoli comuni e che deliberavano, a maggioranza, in vari campi come l'ammissione di nuovi membri, la guerra e la pace con l'Imperatore, poteri che con gli anni aumentarono sempre di più, tanto che l'universitas ottenne poi potere normativo, impositivo e giudiziario, sistema assimilabile a quello di un'odierna repubblica direttoriale.

Se nel primo periodo della Lega i comuni avevano poca voce in capitolo negli affari confederali e i membri dell'universitas erano indipendenti, nel secondo periodo i comuni ottennero una certa influenza, che però vide come contrappeso un maggiore impegno in politica comunale dei consiglieri. Inoltre la Lega abolì i dazi, costituendosi dunque come unione doganale.

Dopo la pace di costanza (1187) il comune di Brescia decide di darsi una sede nel vecchio mercato del brolo

attuale Broletto verrà innalzata la torre del Pegol (torre del popolo) edificio in pietra di 54 metri

e la loggia delle grida dalla quale si mandavano le comunicazione alla popolaione adunate con uno

squillo di tromba, distrutta nel 1797 e ricostruita nel 1902.

Inglobate nell’edificio romanico costruito tra il 1223 e il 1225 all’indomani del terremoto del 1222
Il broletto (dal latino brolo, cortile o campo recintato), o arengario, a partire dall'XI secolo identifica nelle città lombarde l'area recintata dove si solevano svolgere le assemblee cittadine e l'amministrazione della giustizia. In seguito il termine venne usato per indicare il palazzo dei consoli, del podestà e genericamente il palazzo municipale.
Dopo la pace di Costanza si decide il rinnovo delle mura inglobando il quartieri da San Faustino e Sant’Agata

via pace e la Pallata.

Un incendio nel 1184 colpiva il quartiere di Sant’ Agata giungendo fino alla porta milanese ancora oggi

conosciuta come porta bruciata.



Martinengo

I Martinengo sono una nobile famiglia bresciana, la cui origine deriva probabilmente dai longobardi conti di Martinengo, in provincia di Bergamo. Abbandonata la bergamasca nel XII secolo si trasferirono a Brescia dapprima come vassalli del vescovo, poi divennero potenti feudatari, famosi come condottieri al servizio di Ducato di Milano e della Serenissima.




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale