Anno Scolastico 2015/16 Pag. 03 Premessa


Valutazione intermedia/finale o sommativa



Scaricare 467.83 Kb.
Pagina18/19
28.03.2019
Dimensione del file467.83 Kb.
1   ...   11   12   13   14   15   16   17   18   19
Valutazione intermedia/finale o sommativa consente un giudizio sulle conoscenze e abilità acqui- site dallo studente nei due periodi quadrimestrali adottati dal Collegio dei Docenti. Pertanto, i Consigli di classe e interclasse avranno sistemi di riferimento omogenei sia per elaborare le prove di verifica, sia per stabilire criteri di valutazione condivisi.

  • (Fine I quadrimestre): somministrazione delle prove disciplinari di verifica orale e

scritta con compilazione della scheda personale relativa al 1° quadrimestre

notificata alle famiglie entro i primi giorni di febbraio;



e scritta per valutare abilità, conoscenze, competenze acquisite alla fine

dell’anno, con compilazione della scheda personale relativa al 2° quadrimestre notificata alle famiglie nel mese di giugno

Per la rilevazione degli apprendimenti ogni insegnante adotta schede, questionari, griglie, interrogazioni, conversazioni, attività grafico-pittoriche, con l’obiettivo di rendere tali strumenti il più possibile condivisi e oggettivi.

La valutazione si trasforma in comunicazione nel momento in cui gli insegnanti informano le famiglie del quadro relativo al processo formativo dell’alunno, rilevato durante l’insieme delle procedure messe in atto.



Nella scuola dell’infanzia le modalità di comunicazione sono le seguenti:

  • assemblee di sezione: si tengono 2/3 volte all’anno per presentare e valutare insieme la

programmazione elaborata individualmente o di gruppo .

  • consigli di intersezione: si tengono 4 volte all’anno con i rappresentanti dei genitori per

discutere problemi educativi ed organizzativi nei mesi di Novembre, Febbraio, Aprile dalle ore 16:00 alle ore 18:00;

richiesta.

Nella scuola primaria le modalità di comunicazione sono le seguenti:

  • assemblee di classe: si tengono 2/3 volte all’anno per presentare e valutare insieme la

programmazione elaborata individualmente o di gruppo e per la discussione di problematiche di particolare rilevanza;

  • consigli di interclasse: si tengono 3 volte all’anno con i rappresentanti dei genitori per

discutere problemi educativi ed organizzativi un giorno nei mesi di Novembre, Febbraio,

Aprile dalle ore 16:00 alle ore 18:00;



  • colloqui individuali: si tengono ogni volta che insegnanti e/o genitori ne facciano

richiesta

Nella scuola secondaria di primo grado le modalità di comunicazioni sono le seguenti:

  • Consigli di cl asse :si tengono ogni mese solo con la componente docenti, ed a

mesi alterni con i rappresentanti dei genitori

    • Colloqui individuali: si tengono ogni volta che insegnanti e/o genitori ne

facciano richiesta.

  • Incontri con le famiglie: Novembre, Febbraio, Aprile, Maggio, Giugno.


wordart 26
Al fine di rendere l'attività della scuola sempre più rispondente alle attese del contesto interno ed esterno alla scuola, viene attivato un sistema di autovalutazione, riferito alla D.M.18 settembre 2014 e agli aspetti organizzativi, didattici ed amministrativi del servizio scolastico, in grado di rilevare, in particolare:

  • la capacità di individuare aspettative ed esigenze;

  • la coerenza tra individuazione di bisogni, attività proposte e risultati raggiunti;

  • la capacità di adeguarsi a situazioni impreviste;

  • la presenza di disfunzioni, disservizi, contraddizioni.

  • la rilevazione dei punti di forza e di debolezza

  • le azioni volte a migliorare ed integrare l'offerta formativa.

La valutazione viene effettuata in corso d'anno ed a conclusione delle attività didattiche attraverso:

  • le riunioni bimestrali dei Consigli di classe, interclasse ed intersezione;

  • incontri scuola-famiglia;

  • le verifiche periodiche del Collegio dei docenti e del Consiglio di Istituto

  • l'esame dei reclami eventualmente proposti e dei provvedimenti adottati dal Dirigente

Scolastico;

attraverso appositi questionari che, utilizzando indicatori relativi ai diversi aspetti del servizio scolastico, consentano la raccolta di informazioni e di proposte.

Nella consapevolezza che il miglioramento della produttività scolastica è strettamente connesso anche alla organizzazione ed allo sviluppo di un sistema di autovalutazione affidabile, il docente referente della specifica funzione ha il compito di:



  • predisporre e tenere aggiornati gli strumenti di rilevazione anche sulla base di

indicatori proposti da organi dell'amministrazione scolastica, dagli Enti locali, dagli stessi utenti;

  • organizzare la distribuzione e la raccolta dei questionari stessi e la tabulazione dei dati

raccolti;

  • fornire al Collegio dei docenti i risultati dell'indagine.

Valutazione del POF

La valutazione dell'efficacia del POF avverrà su un duplice livello:



  • diffusione del progetto all'interno della scuola;

  • diffusione del progetto all'esterno della scuola.



Pag.41 utilizzazione delle risorse finanziarie
Il piano dell’offerta formativa
N.sezioni docenti
Giornate commemorative
Docenti dell’organico di potenziamento
Articolazione
Costituiti da docenti individuati per particolari competenze e per funzioni connesse con incarichi già conferitigli.
La verifica didattica dovrà garantire
La tipologia degli strumenti di verifica
Il primo momento per la valutazione


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   11   12   13   14   15   16   17   18   19


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale