Anpi duisburg – testo pubblicato



Scaricare 58.91 Kb.
Pagina3/19
21.06.2019
Dimensione del file58.91 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19
La storia si ripete
Fatti sorprendenti? Senza dubbio. Ma se certe cose si verificano nella provincia più periferica del Paese, poco esplorata dalla “grande stampa nazionale”, figuriamoci cosa è successo e succede in quelle in cui operano i vertici delle varie organizzazioni.

Particolarmente preoccupante, negli ultimi tempi, la situazione verificatasi in Calabria, dove varie inchieste sugli intrecci del malaffare hanno coinvolto, oltre a politici di spicco, alti esponenti delle istituzioni investigative e giudiziarie: l’arresto di un magistrato in carica, il trasferimento o l’apertura di procedimenti disciplinari per errori, omissioni ed incompatibilità ambientale a carico di altri, l’incriminazione di alti ufficiali della Guardia di Finanza e di agenti dei servizi segreti.

A circa vent’anni di distanza, dunque, le parole di Pertini sono così tornate di vibrante attualità. Ma soprattutto l’uccisione di Francesco Fortugno, vice presidente del Consiglio regionale della Calabria e la strage di Duisburg, particolarmente eclatante per numero ed età delle vittime e località di attuazione, hanno portato nel modo più drammatico all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale l’esistenza, in più di un terzo del territorio del nostro Paese, di una situazione paradossale nella quale le attività delle tradizionali organizzazioni mafiose e la degenerazione della politica e della prassi amministrativa, potenziate da una certa massoneria che fa spesso da volano, coinvolgono ampie fasce dell’economia ed inquinano la politica e le istituzioni locali con inevitabili riflessi in ambito nazionale e internazionale.



Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale