Anpi duisburg – testo pubblicato



Scaricare 58.91 Kb.
Pagina4/19
21.06.2019
Dimensione del file58.91 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19
Una spirale perversa
Un salto di qualità improvviso? Macché! La spirale perversa della grande criminalità italiana si è sviluppata gradualmente. Sulla possibilità di espandere i tentacoli all’estero – si legge negli atti della Commissione antimafia della passata legislatura – hanno influito due fattori: da un canto «il progressivo abbattimento delle frontiere nazionali, sia fisiche che burocratiche, la libera e non controllata circolazione delle persone e dei beni hanno determinato una significativa ricaduta sullo sviluppo e sull’interconnessione fra le economie ed i soggetti criminali dei vari Paesi»; dall’altro – ha rilevato qualche anno fa Antonio Laudati, sostituto della Direzione Nazionale Antimafia – «la “miopia” degli Stati che, pur abbattendo frontiere e controlli, non hanno ancora adottato regole comuni, a partire dalla definizione di “criminalità organizzata”, per contrastare il crimine sul piano internazionale. La stessa Europa è un’area a “legalità variabile” e le differenze fra le legislazioni penali europee aprono varchi insperati a tutte le organizzazioni criminali».


Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale