Appunti del corso di



Scaricare 353.18 Kb.
Pagina1/8
03.06.2018
Dimensione del file353.18 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8

Appunti del corso di

Gestione della innovazione tecnologica

Laurea magistrale in Ingegneria Gestionale

Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Palermo


Prof. Umberto La Commare

recapiti:

Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica

Viale delle Scienze, 90128, Palermo



umberto.lacommare@unipa.it

cell. 3204363064


Notizie generali

Il corso è inserito al primo anno del programma formativo per il conseguimento della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale ed il superamento della prova finale prevede l’assegnazione di 6 CFU. Il corso è articolato su due moduli di 6 settimane e prevede 30 ore di lezioni e 30 di esercitazioni incluso lo sviluppo di un project work su un tema a scelta dello studente. L’esame finale prevede una prova orale.


Perché un corso di gestione dell’innovazione tecnologica?

Perché la base tecnologica dell’impresa e la gestione della filiera dell’innovazione si è rivelata una insostituibile fonte di vantaggio competitivo per le imprese nel mercato globale e, più in generale, per l’innalzamento del benessere nella società.



Inquadramento

L’attuale contesto economico internazionale, caratterizzato da crescenti livelli di competizione indotti da una maggiore permeabilità ed interdipendenza dei mercati e da nuovi modelli di divisione del lavoro, pone nuove sfide competitive alle imprese di produzione di beni e servizi. In Europa, ed in genere nelle economie più avanzate caratterizzate da alti valori di PIL pro-capite e da alti costi del lavoro, le industrie sono costrette ad evolvere verso produzioni, o segmenti delle catene produttive, connotate da più elevati contenuti di studio e ricerca mettendo al centro delle strategie di sviluppo delle imprese il tema della innovazione come principale fonte di vantaggio competitivo e di generazione di valore. Innovazione che, anche grazie ad un’impressionante accelerazione degli sviluppi delle conoscenze, si connota sempre di più come innovazione science-based in cui cioè le conoscenze scientifiche, patrimonio di lavori e lavoratori a sempre più alta qualificazione, vengono utilizzate in modo creativo per fornire nuove soluzioni tecnologiche ed economicamente sostenibili ai bisogni spesso inediti della società.

Si parla sempre più spesso di ecosistema dell’innovazione, infatti, oltre alla emergente natura di un’innovazione a forte contenuto scientifico, l’innovazione nei contesti più avanzati è il frutto di network organizzati di gestione dell’innovazione in cui creatività imprenditoriale, combinazione interdisciplinare della conoscenza, finanza di supporto, sistemi locali per lo sviluppo, nuovi modi di uso di tecnologie esistenti, interagiscono per accelerare e rendere più efficienti i processi di innovazione e cioè, in estrema sintesi, la capacità di tradurre conoscenze scientifiche e tecnologiche di frontiera in prodotti e servizi competitivi, generatori di profitti sul mercato e strumenti di miglioramento della vita.

Il corso si propone di fornire i principali riferimenti metodologici per la gestione dell’innovazione tecnologica nelle imprese per le sfide che queste dovranno affrontare nei mercati dei prossimi anni.


Programma del corso

I rapporti tra scienza, tecnologia e innovazione – La catena del valore della conoscenza

Prospettive storiche

Ricerca, Invenzione e Innovazione

Imprenditorialità e Innovazione

Innovazione, diffusione e mercato

I diversi tipi di innovazione

Il contesto economico internazionale

Il modello lineare dell’innovazione e quello chain-linked

Crescita economica e innovazione

Competizione e crescita delle imprese attraverso l’innovazione

Gestione dell’innovazione nel sistema impresa

Tutela della proprietà intellettuale
Argomenti opzionali:

Finanza per l’innovazione

Start-up tecnologiche

Sistemi locali per l’innovazione

Il modello di Etzkowitz della tripla elica

Il Mezzogiorno e l’innovazione

Il sistema produttivo italiano

Le politiche per l’innovazione dell’Europa

Il caso francese: dal rapporto Beffa ai pole de competitivitè

Il caso spagnolo: Barcellona Activa e il trampolino

European Innovation Scoreboard 2010
Linee guida per la stesura del project work

La stesura del project work è parte integrante del corso ed è oggetto di valutazione per il superamento dell’esame finale.



Finalità


Il project work è un documento redatto in autonomia dagli allievi ed è l’occasione per approfondire un tema di loro specifico interesse. Negli anni scorsi la maggior parte degli allievi hanno scelto di studiare specifici prodotti, tecnologie, servizi e di studiare la natura dei processi di innovazione collegati in cui aspetti scientifici, tecnologici, economico-gestionali e di mercato sono fortemente integrati. Altri allievi hanno invece preferito approfondire le situazioni di contesto che contraddistinguono gli scenari in cui le imprese si trovano ad operare e che certamente influenzano modalità e natura dei processi innovativi delle imprese. Altri hanno approfondito gli approcci all’innovazione in alcune grandi aziende.

I project work svolti negli anni precedenti sono a disposizione degli allievi per la consultazione.

Attraverso la presentazione dei project work gli allievi potranno reciprocamente integrare le conoscenze apprese. E’ pertanto importante partecipare attivamente alle presentazioni in aula.

Articolazione del documento


Nel caso di project work individuale il documento prevederà 25 – 30 cartelle precedute da un executive summary in lingua inglese di una pagina.

Nel caso di project work di gruppo (max tre allievi) la lunghezza del documento ed i risultati presentati dovranno essere estesi in maniera commisurata alla numerosità del gruppo.

In funzione del materiale bibliografico e sitografico reperito, il project work dovrà presentare in modo bilanciato aspetti tecnologici ed economici delle innovazioni studiate. Nel caso dello studio di prodotti/servizi dovranno essere descritte sia le caratteristiche tecniche innovative che i benefici per gli utenti che ne inducono l’acquisto e ne influenzano il prezzo di vendita. Sarà importante acquisire dati di mercato tendenti a interpretare le modalità di diffusione dell’innovazione.



Il quarto percorso



  1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale