Associazione Culturale "Pietro Ghizzardi"



Scaricare 42.7 Kb.
22.12.2017
Dimensione del file42.7 Kb.

Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi”
Associazione Culturale “Pietro Ghizzardi”
Centro Documentale e Archivio Storico

Comunicato Stampa |

con cortese richiesta di pubblicazione e/o diffusione



GIOVANNI SCOTTI
La città del disincanto

 
Casa Museo al Belvedere "Pietro Ghizzardi"

a cura di Giovanni Chiaramonte

Opening: sabato 7 maggio 2016 h. 16.00






Mostra promossa da Nicolò Cecchella e Giulia Morelli


realizzata nell’ambito di
FESTIVAL FOTOGRAFIA EUROPEA – LA VIA EMILIA. STRADEVIAGGICONFINI



7 MAGGIO – 5 GIUGNO 2016
Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” – Boretto (RE)




La Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” e l’Associazione Culturale “Pietro Ghizzardi” – Centro Documentale e Archivio Storico sono liete di presentare, nell’ambito del Festival Fotografia Europea 2016, la mostra La città del disincanto, del giovane fotografo napoletano Giovanni Scotti.

La mostra inaugurerà, alla presenza dell’autore e del curatore Giovanni Chiaramonte, sabato 7 maggio 2016 alle ore 16.00 e resterà aperta al pubblico, ad ingresso gratuito, per tutti i week-end del mese di maggio.

La Casa Museo “Pietro Ghizzardi” si inserisce per il secondo anno nel circuito di Fotografia Europea, dopo il successo dell’esposizione Ghizzardi/Berengo Gardin dello scorso anno, proseguendo il proprio percorso fotografico all’insegna della qualità della proposta estetica: il lavoro di Scotti che verrà presentato è stato infatti precedentemente segnalato al festival Photissima (Torino).

La cornice della mostra sarà la sala espositiva principale della Casa Museo “Pietro Ghizzardi” in cui sarà possibile esplorare un progetto artistico di grande interesse, che rivisita e rivela un luogo in abbandono, un parco dei divertimenti napoletano ormai desertificato.

Come la proposta di Scotti si inserisce nella cornice tematica di Fotografia Europea 2016, incentrata sulla Via Emilia? La città del disincanto interseca in diversi “luoghi” il concept di questa edizione: la mostra è nata da un incontro e un percorso condiviso – quello tra i promotori Nicolò Cecchella e Giulia Morelli della Casa Museo “Pietro Ghizzardi” e l’autore – , ha implicato un viaggio, fisico ed emotivo, e rivolge al pubblico l’invito a varcare un confine, a scoprirne le contraddizioni drammatiche che, filtrate dallo sguardo dell’artista, svelano la bellezza di ciò che sembrava finito per sempre.


Il fatto che il luogo in cui le fotografie di Scotti si inseriranno sia stato per anni la casa di un grande protagonista della vita culturale della Via Emilia del ‘900, Pietro Ghizzardi, chiude il cerchio su un percorso attorno all’antica asse viaria che taglia e unisce l’Emilia Romagna, che ad un primo sguardo potrebbe apparire eccentrico.

Ne La città del disincanto Scotti allinea una serie di scatti che ritraggono il degrado in cui versa Edenlandia, il primo parco tematico realizzato in Europa, nel 1965, nella periferia di Napoli, che versa in stato di abbandono dal 2011. Il fotografo rievoca con immagini rarefatte, poetiche ma al contempo spietate, la perdita dell’illusione dell’infanzia che si trova a coincidere con un’effettiva morte – fisica – dell’incanto di cui il parco giochi era diventato emblema negli anni del boom, quasi a riprova di un tramonto simbolico di una porzione di quella civiltà e della sua idea di spazio pubblico.

Per la Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” la realizzazione di questa mostra inserita all’interno del circuito di Fotografia Europea 2016 rappresenta un ulteriore momento per promuovere e valorizzare il patrimonio artistico ed archivistico che essa conserva, rafforzando la propria presenza sul territorio ed allo stesso tempo aprendosi ad una fruizione più ampia legata alla circuitazione di un pubblico eterogeneo per composizione ed interessi – quello del Festival – offerta dalla manifestazione, particolarmente in forza della qualità estetica della proposta espositiva.

L’opportunità di ospitare un giovane talento della fotografia italiana ed un curatore che di essa è tra i massimi rappresentanti, Giovanni Chiaramonte, testimonia quanto la Casa Museo “Pietro Ghizzardi” sia riconosciuta come polo culturale importante sul territorio.

Durante l’opening verrà presentato il volume La città del disincanto (Rogiosi Editore, Napoli).

LA CITTÀ DEL DISINCANTO

Nota dell’autore Giovanni Scotti

Quando si affronta un viaggio come quello mio a Edenlandia, si va incontro a dei rischi. Significa lasciarsi attraversare dal dramma dell’esistenza e dell’essere cresciuti, dal dramma della memoria; significa oltrepassare quella soglia che mi ha voluto di nuovo bambino in un mondo di fantasia, semplificato e in miniatura, che solo i bambini sanno immaginare, ripercorrere quei luoghi dell’anima, incontrare di nuovo i personaggi e gli elementi che li popolano, predisporsi all’ascolto e dar voce ai loro silenzi, con la consapevolezza che un raggio di sole li illumina e il buio in un castello li imprigiona. Ci vuole coraggio. Perché non si è mai grandi abbastanza per affrontare la morte di un’illusione, mai abbastanza piccini per superare l’orrore della cronaca.

Benvenuti a Edenlandia, la città dei divertimenti di Napoli.

Estratto dal catalogo de La città del disincanto

a cura di Giovanni Chiaramonte

Costruito nel 1965, a solo dieci anni di distanza da Disneyland, inventato da Walt Disney nella periferia di Los Angeles, Edenlandia è stato il primo parco tematico in Europa, dove due generazioni di bambini napoletani, in compagnia dei loro genitori, hanno avuto il loro forse più forte incontro con il mondo della fiaba, prima di essere chiuso e assimilato al degrado della periferia che lo circonda.

La scelta di rappresentare un luogo ormai morto alla ragione che lo aveva creato e fatto vivere, la decisione di incontrare ancora il tempo ormai svanito dell’infanzia fotografando la visibile rovina delle figure che avevano magicamente animato le prime immagini della memoria significa affrontare il nodo originario del mondo dell’uomo e di ogni uomo che, come Scotti, cerca una nuova immagine del mondo.

[...]


Vladimir Propp ci ricorda che il racconto di fate incomincia con una menomazione o con un danno arrecato a qualcuno … oppure col desiderio di possedere qualche cosa … e si sviluppa attraverso la partenza del protagonista dalla casa paterna, l’incontro con un donatore che gli offre il mezzo fatato … per mezzo del quale egli trova l’oggetto delle sue ricerche.

Il danno subìto, la sofferenza a cui cerca di porre rimedio Giovanni Scotti attraverso la propria opera è la crisi senza apparente via d’uscita in cui versano Napoli e l’Italia. L’esoterico architetto del Giardino di Bomarzo fece scrivere su una pietra la frase Sol per sfogare il core, nella consapevolezza che è il dolore a donare la forza che permette di superare la prova continua dell’esistenza umana.


7 Maggio – 5 Giugno 2016

Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi”, via De Rossi 27/B Boretto (RE)



La città del disincanto
di Giovanni Scotti


Ingresso gratuito.

Mostra visitabile in tutti i fine settimana del mese di maggio su prenotazione.



Info e prenotazioni Mob. 340. 5072384 – 342. 9637325 | info@pietroghizzardi.it | www.pietroghizzardi.it

Giulia Morelli - Comunicazione e Promozione [giulia_morelli@hotmail.com]




CREDITS
GIOVANNI SCOTTI

Giovanni Scotti nasce a Napoli nel 1978. Nel 2007 si è diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli e nel 2009 si trasferisce a Milano, dove ha conseguito il Master in Photography & Visual Design presso NABA/Forma. Ha partecipato ad alcune residenze in Italia e all’estero, tra cui ARI 1 presso l’Accademia di Belle Arti e Design Università di Lubiana, e la residenza del Mountain Photo Festival.


Nel 2014 inizia la sua collaborazione con la Galleria PrimoPiano di Napoli e solo recentemente con la Galleria Poggiali e Forconi di Firenze. Selezionato al Festival Photissima 2014 Torino “Time Out” con il progetto “La città del disincanto”.
Attualmente vive e lavora tra Napoli e Milano. Già disegnatore e pittore di solida preparazione, la poliedricità che ne ha fatto anche un musicista lo ha spinto negli anni a dedicarsi in maniera attenta alla fotografia. La sua è una ricerca di matrice esistenziale: sul tempo e sulla condizione umana. Il suo lavoro ruota attorno al tema della percezione fotografica della realtà ed è il frutto di una profonda riflessione sui concetti di tempo e spazio. Fondamentale per la sua formazione è stata la collaborazione con gli autori Francesco Jodice e Luca Andreoni, per avvicinarsi poi alla figura e all’opera di Giovanni Chiaramonte per approfondire la sua ricerca nell’ambito della fotografia italiana di paesaggio.

Ha esposto i suoi lavori presso: PAN di Napoli; Complesso del Vittoriano, Roma; Studio Museo Ettore de Conciliis, Fiano Romano; Pala Riviera, S. Benedetto del Tronto (III Expo d’Arte Contemporanea MCdA); Catacombe di S. Gennaro, Napoli (Paleocontemporanea 2013); Palazzo Ziino, Palermo; Fondazione Tito Balestra - SI FEST #23 "Atlante Italiano", Longiano (FC); Photissima Art Fair & Festival 2014, Torino; Casa della Poesia, Urbino; Castel dell'Ovo, Napoli; Galleria Poggiali e Forconi, Pietrasanta; Galleria PrimoPiano, Napoli. [www.giovanniscotti.com]


GIOVANNI CHIARAMONTE

Nato nel 1948 a Varese da genitori di Gela, Giovanni Chiaramonte comincia a fotografare alla fine degli anni Sessanta, operando per la ripresa della forma figurativa, seguita alla grande stagione astratta e informale di certe tendenze della Pop-Art e dell’Arte Concettuale. L’immagine di Chiaramonte si genera sin dall’inizio nella tradizione teologica ed estetica di H.U. von Balthasar e della Chiesa d’Oriente, incontrata in P. Evdokimov, O. Clément, A. Tarkovskij, e ha come tema principale il rapporto tra luogo e destino nella civiltà occidentale.

Tra le sue opere: Giardini e paesaggi, 1983; Terra del ritorno, 1989; Penisola delle figure, 1993; Westwards, 1996; Ai confini del mare, 1999; Milano. Cerchi della città di mezzo, 2000; In corso d’opera, 2000; Frammenti dalla Rocca. Cefalù, 2002; Dolce è la luce, 2003, Abitare il mondo. Europe, 2004; Berlin, Figure, 2004; Attraverso la pianura, 2005; Senza foce, 2005; Come un enigma_Venezia, 2006; Nascosto in prospettiva, 2007; In Berlin, 2009; L’altro_Nei volti nei luoghi, 2010-11; Via Fausta, 2011; E.I.A.E. – Et In Arcadia Ego, 2012; Interno perduto_L’immanenza del terremoto, 2012.

Tra le sue mostre personali: Diaframma, Milano 1974; Galleria d’Arte Moderna, Modena 1975; Studio Marconi, Milano 1983; Deutsches Architekturmuseum, Frankfurt/M. 1986; Biennale di Venezia 1992, 1993, 1997 e 2004; Hunter College, New York 1997; Ikona-Magazzini del Sale, Venezia 1998; Fondazione Stelline, Milano 2005; Palazzo Sarcinelli, Conegliano 2005; Bugno Art Gallery Venezia, 2006; Museo Civico, Padova 2007; Triennale di Milano 2000-2009-2011; Palazzo Costa Grimaldi, Acireale 2010, Palazzo Sertoli, Sondrio 2010; Palazzo Corbelli, Fano 2011.

Ha fondato e diretto collane di fotografia per Jaca Book 1980-89, Federico Motta Editore 1990-93, S.E.I. 1994-97, Edizioni della Meridiana 1998-2005, Ultreya 2005-2014.

Per la ventennale collaborazione con riviste (Lotus, Domus, Casabella, Abitare) e istituzioni nazionali e internazionali (IBA Berlino, Triennale Milano, Biennale Venezia, CCA Montréal) l’Università di Palermo gli conferisce la Laurea honoris causa in Architettura il 25 ottobre 2005. Nel 2006 il professor Italo Zannier gli assegna il Premio Friuli-Venezia Giulia per la Fotografia. Nel 2010 è presente all’Expo di Shangai con Nascosto in prospettiva.

Insegna Storia e Teoria della Fotografia allo IULM di Milano e alla Facoltà di Architettura di Palermo e al Master di “Forma” in Milano. [www.giovannichiaramonte.it
PIETRO GHIZZARDI (1906 – 1986)

L’artista, ad oggi considerato uno dei massimi esponenti dell’Art Brut europea, nasce in un’umile famiglia contadina nel mantovano. Precocissima si manifesta la sua attitudine e passione per il disegno e la pittura, eseguiti con mezzi di fortuna, ricavati da processi quasi alchemici: i colori di Ghizzardi saranno sempre distillati dalla caligine, dall’erba medica, dalla terra, dal sangue.

Nel 1961 partecipa alla mostra d’arte ‘Città di Guastalla’ e una sua opera viene premiata con medaglia d’oro. Zavattini è tra i primi a riconoscerne il valore. Nel 1965 viene realizzato e distribuito in tutta Italia dalla Film Luce il documentario Pietro Ghizzardi. Pittore Contadino con la regia di Michele Gandin e lo splendido commento di Leonardo Sinisgalli.

Nel 1968 Ghizzardi alla mostra nazionale dei NaÏfs ‘Città di Luzzara’ riceve la medaglia d’oro del Presidente della Repubblica. Nel 1969 Ghizzardi dipinge il ciclo d’affreschi di Casa Soliani-Pini (Villa Falugi) a Boretto, a cui nel 1983 la rivista FMR dedicherà un ampio reportage. Nel 1975 Ghizzardi viene immortalato da Gianni Berengo Gardin, durante i sopralluoghi emiliani per Un paese vent’anni dopo.

Nel 1976 viene pubblicata da Einaudi nella collana degli Struzzi l’autobiografia dell’artista Mi richordo anchora, a cura di Giovanni Negri e Gustavo Marchesi con prefazione di Zavattini. Nel 1977 l’opera vince il Premio Letterario Viareggio. Nel 1979 RaiUno produce il documentario Mi richordo anchora. Conversazione con Pietro Ghizzardi per il ciclo Le memorie, gli anni, con la regia di Gian Vittorio Baldi, già produttore di Pasolini e Bresson.

Il 1980 vede la pubblicazione del secondo libro di Ghizzardi: A Lilla quatro pietre in mortalate, edizione Vanni Scheiwiller e la realizzazione del documentario Ballata di un paese di Walter Marti per la televisione svizzera .

Nel 1985 Mi richordo anchora viene adattato per il teatro dalla Compagnia del Collettivo del Teatro Due di Parma, con la regia di Gigi Dall’Aglio e l’interpretazione di Enzo Robutti, e va in tournée a Milano, Roma e Bologna. Il libro Mi richordo anchora è anche inciso su disco dall'Ariston: Ghizzardi legge brani della propria autobiografia, canta ed esegue musiche da lui composte con l’armonica a bocca. La curatela musicale è di Giancarlo Nalin.

Pietro Ghizzardi muore il 7 dicembre 1986 e viene trasportato al cimitero su un carro trainato da un cavallo.

Quell’anno, curati da Giovanni Negri, escono, per i Tipi Pivetti di Mirandola, due inediti letterari dell’artista dal titolo: giugliètta e romeo e il bambino di viareggio rapito in concomitanza con una grande antologica di inediti proposta prima a Mirandola e poi a Mantova, presso la Casa del Mantegna

Hanno scritto di lui e per lui: Marzio Dall’Acqua, Raffaele De Grada, Mario De Micheli, Vittorio Erlindo, Anatole Jakowsky, Renzo Margonari, Lando Orlich, Vittorio Sgarbi, Franco Solmi, Giancarlo Vigorelli, Cesare Zavattini. Le sue opere sono presenti in alcune importanti sedi museali internazionali (Musée d'Art Naïves de l'llê de France di Vicq, Musée Vieux Chateâu di Laval, Musée International d'Art Naïf Anatole Jakowsky di Nizza in Francia, Sammlung Charlotte Zander in Germania, Setagaya Art Museum di Tokyo in Giappone, Collection Arnulf Rainer di Vienna).



CASA MUSEO AL BELVEDERE "PIETRO GHIZZARDI"
ASSOCIAZIONE CULTURALE “PIETRO GHIZZARDI” – CENTRO DOCUMENTALE E ARCHIVIO STORICO

La Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” è il luogo in cui Pietro Ghizzardi (1906-1986) – considerato tra i maggiori rappresentanti dell’Art Brut europea – visse gli ultimi vent’anni della propria esistenza. La Casa Museo Al Belvedere “Pietro Ghizzardi” nasce a Boretto (RE) nel 1992 su iniziativa di Nives Pecchini Ghizzardi, nipote dell’artista, ed ospita la più ampia collezione di opere dell’artista, che includono opere pittoriche, murales, sculture, incisioni, manoscritti delle opere letterarie e materiali d’archivio fotografico e video.


L’istituzione si spende per promuovere, valorizzare e conservare il patrimonio artistico di Ghizzardi e presiedere alla catalogazione e archiviazione delle opere dell’artista, in quanto unico ente autorizzato.
Dal 2012 l'Associazione Culturale Pietro Ghizzardi – Centro Documentale e Archivio Storico affianca la Casa Museo nell’adempiere, con la collaborazione di privati ed istituzioni, alla promozione e diffusione dell’opera del Mestro e degli studi e ricerche ad essa rivolti. L’Associazione si occupa anche del censimento e documentazione dell’opera ghizzardiana onde consentire il raggiungimento dei collezionisti e degli appassionati.

L’impegno profuso dalla Casa Museo e dall’Associazione Ghizzardi ha portato le opere dell’artista a partecipare a numerose rassegne italiane ed internazionali tra cui: Surrealismo Padano. Da De Chirico a Foppiani 1915-1986, Piacenza (2002), Tête-à-tête, Nizza (2003), Pietro Ghizzardi - Rétrospective, Nizza (2004), Il Male. Esercizi di pittura crudele, Torino (2005), Arte, genio e follia, Siena (2009), Banditi dell’arte, Parigi (2012), Borderline. Artisti tra normalità e follia. Da Bosch a Dalì, dall’Art Brut a Basquiat, Ravenna (2013), I colori delle parole. Omaggio a Pietro Ghizzardi, Modena (2013), Homage to Henri Rousseau. The World of Naive painters and Outsiders, Tokyo (2013), Fuori Quadro, Bergamo (2013).



NICOLÒ CECCHELLA

Nato nel 1985 in provincia di Reggio Emilia, è artista e fotografo. I suoi lavori sono stati esposti in Italia, Francia e Russia. Nel 2013 è premiato a Portfolio Europa – International Portfolio Review (Festival Fotografia Europea) da una giuria internazionale di critici e curatori. Hanno scritto di lui: Grazia Neri, Giovanni Chiaramonte, Marina Cicogna, Carlo Petrini, Laura Incardona, Lynda Frese. Nel 2014 è segnalato al Premio Combat (Livorno), finalista al Premio Mantegna (Mantova) e al Premio Arte (Milano), promosso dall'omonima rivista. La sua pratica artistica si esplica anche tramite la parola scritta (critica estetica e poesia), le arti visive ed il teatro. È uno dei membri fondatori del Teatro Sociale di Gualtieri. | [www.nicolocecchella.com]



GIULIA MORELLI

Nata a Parma nel 1986, cresciuta a Brescello, si laurea in Filologia Moderna all'Università Cattolica di Milano con tesi sul teatro britannico contemporaneo. È critica teatrale, studiosa di teatro, drammaturga. Lavora nella redazione del Teatro di Rai5 a Roma e collabora come critico e curatore editoriale con alcune fra le principali riviste teatrali nazionali (Hystrio, Sipario, Il Tamburo di Kattrin). Ha inoltre collaborato con diversi teatri e festival nazionali ed esteri ( Piccolo Teatro, Milano; YMT UK, Londra; Orchestra del Teatro Regio, Parma; Lenz Rifrazioni – Nd’T, Parma; Biennale Teatro, Venezia) nella produzione, organizzazione e comunicazione. Dal 2012 è segretaria della Casa Museo “Pietro Ghizzardi” dove coordina l’attività museale e la comunicazione.



Giulia Morelli
Comunicazione e Promozione
Casa Museo Al Belvedere "Pietro Ghizzardi"
Associazione Culturale "Pietro Ghizzardi" - Centro Documentale e Archivio Storico
v. De Rossi, 27/B 42022 Boretto (RE)
T. 3429637325| info@pietroghizzardi.it  giulia_morelli@hotmail.com
 www.pietroghizzardi.it | Facebook /casamuseopietroghizzardi | Twitter
@MuseoGhizzardi





©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale