Avvento prima settimana domenica gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!»



Scaricare 89.32 Kb.
Pagina39/54
29.03.2019
Dimensione del file89.32 Kb.
1   ...   35   36   37   38   39   40   41   42   ...   54
Ferie verso Natale
17 DICEMBRE
Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. Abramo generò (sacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli... (Mt 1,1s.).
MEDITATIO
«C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d'antico»: l'inizio de L'aquilone di Giovanni Pascoli potrebbe introdurre la prima pagina di Matteo. Un passato è ricapitolato ed un fiammante presente incendia la storia. Nonostante le apparenze. Una scheletrica lista di nomi dà il benvenuto a chi si avventura nella lettura. Sembra posta lì per scoraggiare e indisporre, stendendo un velo opaco alla nostra comprensione che stenta ad orientarsi in tanti nomi esotici.

Eppure, dietro la fredda cortina di nomi scorre un rivolo di freschezza e di attualità che sarà apprezzato anche dal lettore moderno. Matteo ha ricapitolato quasi duemila anni di storia, offrendo subito una chiave di lettura. La ricca storia di Israele, carica di fremiti e di sussulti, nel suo turbinoso incedere si muove verso un punto preciso: la persona di Gesù. Lui è il frutto maturo di una plurisecolare attesa, il compimento di una storia che tocca il suo punto omega. A Matteo riconosciamo la genialità di dirci tanto in poco spazio e la finezza teologica di averci orientato subito verso il centro. Nel ritmo incalzante della storia, emerge Gesù, radicato nel tessuto del tempo e atteso dal suo popolo.

Una danza di nomi al ritmo della storia. Le generazioni si susseguono e scandiscono gli anni e i secoli, eventi gloriosi e tristi si intrecciano, figure illustri e meschine si alternano, la vita sembra scorrere dimentica del passato e ignara del futuro. Invece tutto prende senso e valore in questo stupendo affresco, quando Matteo ricapitola la storia tracciando un diagramma così nitido e preciso che solo la mano di Dio può aver disegnato. Gesù arriva nella famiglia umana preparato da tutti coloro che lo hanno preceduto perché tutti, ciascuno a proprio modo, nel bene o nel male, "fanno storia". Bisogna saper leggere in profondità gli avvenimenti, causati dagli uomini, ma determinati da Dio.

Lui è in ultima analisi il pilota della storia, sebbene gli uomini possano rallentare o deviare, ma mai impedirne il progetto. Risulta a caratteri evidenti l'azione della provvidenza di Dio. Quello che gli uomini non avevano preventivato o addirittura ritenuto non idoneo e disprezzato, ciò che sembrava o era marginale, tutto questo è stato inglobato e utilizzato per tessere con mano silenziosa il piano di Dio, per spianare la corsia su cui arrivava il personaggio più illustre. Tutto il piano diventa luminosamente chiaro per coloro che nella semplicità del cuore sono disposti a riconoscerlo.

La storia diventa allora il palcoscenico delle rappresentazioni degli uomini, il luogo dove si dispiega l'amore di Dio, una festa segnata da un primordiale applauso alla vita.

Il arosello di nomi lascia percepire il fremito della storia. tovo e antico continuano a darsi appuntamento. Ancora oggi.


PER LA LETTURA SPIRITUALE
Non potremo mai spiegarci completamente il misterio disegno di Dio che ha voluto manifestarsi nel corso della iria. Un lungo cammino, durante il quale gli uomini han-imparato, come bambini dal proprio padre, a riconosce-il volto di Dio. Nessuna rivelazione del Signore era parziale: in se stessa, misteriosamente, abbracciava la totalità I mistero del disegno salvifico. Ma noi uomini l'abbiamo parato a poco a poco, in modo graduale, a causa della rezza del nostro cuore. Accade lo stesso nella storia periate di ciascuno: il Signore si rivela "storicamente" nel stero insondabile di una persona che cerca Dio, che si cia cercare da lui, che lo rifiuta e se ne allontana... Ov'o, nel mistero storico del cammino di grazia e peccato. Nel corso dell'intera storia «il Signore continuò ad apparire» (1 Sam 3,21). Questa stessa storia di salvezza si ende all'attuale vita cristiana, alla nostra piccola grande

Imparare a rileggere la nostra vita alla luce dei passaggi fondamentali della storia della salvezza ci aiuterà a scoprila rivelazione che si offre nell'annuncio evangelico. La storia della rivelazione di Dio al popolo eletto ci indica, indi, le norme che dobbiamo osservare nel cammino di le, preceduti da «tale moltitudine di testimoni» (Eh 12,1) e guardavano alle promesse, le accoglievano da lontano, perché aspettavano la salvezza che sarebbe arrivata.

L'intera manifestazione di Dio anticipa, sempre, l'epifania di suo Figlio, Gesù Cristo nostro Signore. Il Dio dei nostri padri si è manifestato non solo per mezzo di parole e profezie, ma anche attraverso le sue opere: le sue imprese, i suoi prodigi. La parola di Dio spiegava il senso di tali opere ed esse, a loro volta, confermavano la Parola.

Se considerassimo la storia della salvezza come chiusa in se stessa, in quanto manifestazione di gesta, parole e legge di Dio, ma senza arrivare alla pienezza di Cristo, non saremmo capaci di ricevere la manifestazione definitiva che ci redime, non saremmo liberi. Dio parla e si manifesta al suo popolo, lo indirizza, lo guida, ma sempre verso la manifestazione definitiva di Cristo, che sarà una volta per sempre.

La nostra vita, se vuole penetrare la manifestazione di Dio, deve inserirsi in questa storia e, soprattutto, essere riletta alla luce delle pietre miliari di questa storia. Così raggiungerà la completa spiegazione e il più alto significato: tutto è nostro, è vero, ma «noi di Cristo e Cristo di Dio».

Nei racconti della natività, Gesù si manifesta ai semplici: pastori e umili saggi (i Magi). Nelle preferenze di Dio non rientrano né gli aspetti sociali né la scienza di questo mondo, ma solo la semplicità e l'umiltà che fanno sì che un uomo, nell'inserirsi nella storia, lo faccia come servo dell'unico "Servo", e cioè colui che dà significato all'intero cammino O.M. BERGOGLIO, Aprite la mente al vostro cuore, Rizzoli, Milano 2013, 113-116, passim).





Condividi con i tuoi amici:
1   ...   35   36   37   38   39   40   41   42   ...   54


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale