Basi di Dati e Sistemi Informativi



Scaricare 83 Kb.
12.11.2018
Dimensione del file83 Kb.

Basi di Dati e Sistemi Informativi A

A.A. 2012/2013 – 05/04/12 -A Prof. Paolo Brunasti




COGNOME




NOME




MATRICOLA




PC







T

AR

SQL-DML

SQL-DDL

DIAG

ER




















Teoria (2 punti)


  • Elencare i diversi livelli di astrazione dei modelli dati



  • Definire il concetto di transazione


Algebra relazionale (4 punti)
Si assuma il seguente schema di base di dati :
NAZIONE (SiglaNazione, NomeNazione )

ATLETA (NumeroMatricola, Nome, SiglaNazione, AnnoNascita )

SPECIALITA ( CodiceSpecialita, Descrizione )

GARA ( CodiceSpecialita, DataGara, Luogo, FlagFinale)

PARTECIPAZIONE ( CodiceSpecialita, DataGara, NumeroMatricola, Posizione )
(dove l’attributo Posizione della Relazione PARTECIPAZIONE indica l’ordine di arrivo nella gara, e l’attributo FlagFinale se valorizzato a TRUE indica che la gara è una finale che assegna le medaglie, con posizione=1 medaglia d’oro, posizione=2 argento, posizione=3 bronzo )
Esprimere in algebra relazionale le seguenti query: (4 punti)


  1. Nome dei vincitori di una medaglia di almeno una gara di “110 ostacoli”




  1. Nome delle nazioni che non hanno vinto nessuna medaglia d’oro


Con riferimento allo schema di basi dati precedente, si implementino in SQL le seguenti query:

  1. Nome della nazione (o delle nazioni) che ha vinto il maggior numero di medaglie




  1. Elenco di tutti i vincitori di tutte le varie specialità, riportante Descrizione, Nazione, Nome




  1. Elencare i nomi delle nazioni che hanno vinto più di una medaglia d’oro nella stessa specialità, indicando anche la specialità in cui le hanno vinte




  1. Creare una vista denominata “Medagliere” che per ogni specialità riporta le seguenti colonne: nazione e nome del primo classificato, nazione e nome del secondo classificato, nazione e nome del terzo classificato


Utilizzando l’opportuna istruzione SQL, si creino le tabelle ATLETA, GARA, SPECIALITA dello schema di base di dati sopra riportato, inserendo vincoli necessari a soddisfare i vincoli di cui sotto e utilizzando opportuni domini per gli attributi presenti nelle relazioni


Modello Entità-Relazioni
Traduzione modello E-R in modello relazionale (4 punti)
Tradurre il seguente modello Entità-Relazione nel modello relazionale, evidenziando chiavi primarie e specificando eventuali chiavi esterne.



Progettazione schema Entità-Relazione (10 punti)

Un osservatorio astronomico ha il compito di catalogare gli oggetti celesti che vengono osservati tramite i suoi strumenti.

Per ogni oggetto celeste devono essere memorizzati un numero di catalogo, la data di prima osservazione, lo strumento utilizzato per l'osservazione (uno tra quelli presenti nell'osservatorio) e l'astronomo che ha effettuato l'osservazione.

Gli oggetti celesti osservabili possono essere di vario tipo, principalmente stelle o ammassi di stelle, tutti comunque caratterizzati da una posizione nella sfera celeste, data da longitudine e latitudine, mentre in alcuni casi anche da una distanza presunta espressa in anni luce e frazioni e da una massa presunta espressa in masse solari..

Nel caso di stelle si vogliono memorizzare anche la tipologia della stella, il suo spettro luminoso e la lista di eventuali altri corpi celesti che le orbitano intorno.

Questi ultimi se non brillano di luce propria, sono detti pianeti e caratterizzati, oltre che dalle informazioni tipiche di un qualsiasi altro corpo celeste, da una classificazione dell'oggetto, da un periodo di orbita, da una distanza orbitale (espressa in unità astronomiche) e da un'inclinazione del piano dell'orbita.

Se invece gli oggetti orbitanti intorno ad una stella brillano di luce propria si tratta a loro volta di stelle.

In alcuni casi (di difficilissima osservazione e per questo ancor più importanti da catalogare) intorno ad un pianeta possono orbitare delle lune, ognuna caratterizzata a sua volta da un periodo di orbita, una distanza orbitale ed un'inclinazione del piano dell'orbita.

Nel caso invece di ammassi di stelle, è necessario registrare la categoria a cui l'ammasso appartiene (classificazione definita da un elenco molto lungo di classi ognuna caratterizzata da una sigla internazionale, da una massa minima e una massa massima, un numero minimo e uno massimo di stelle che la compongono, la presenza o meno di nuvole di polveri oscure, una descrizione verbale della forma tipica di tale classe), il numero stimato di stelle che lo compongono, e l'eventuale lista di stelle direttamente osservabili in tale ammasso e un flag che indichi l'eventuale presenza di nubi.

Esistono infine alcuni oggetti celesti detti “oscuri”, come buchi neri e quasar, che non sono stelle e neppure ammassi, ma hanno una massa (almeno presunta), ed eventualmente uno spettro di emissione fuori dalla regione della luce visibile che dev'essere comunque registrato.




Pagina di


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale