Bergson (1859-1941)



Scaricare 20.53 Kb.
Pagina5/5
29.03.2019
Dimensione del file20.53 Kb.
1   2   3   4   5

La morale e la religione


In Le due fonti della morale e della religione, Bergson anticipa un tema che sarà ripreso da Popper. Egli infatti identifica due tipi di organizzazione sociale: la società chiusa e la società aperta. La società chiusa è quella autoritaria, in cui l’uomo è spinto a identificarsi con il gruppo sociale e ad accettare i suoi rigidi valori. In essa prevalgono le esigenze di coesione sociale, di staticità e di mantenimento dello status quo e dominano il conformismo e la paura del cambiamento. La società aperta, invece, promuove la libertà e la creatività degli individui; in essa l’obiettivo è la realizzazione dell’umanità e lo sviluppo di sempre nuove modalità di convivenza e di collaborazione volte al progresso sociale.

A queste due forme di morale corrispondono due atteggiamenti religiosi: la religione statica, che si serve dei miti e delle sue superstizioni per proteggere l’uomo dalle sue paure (il timore della morte, dei pericoli della vita, degli insuccessi) e dargli una speranza consolatoria; e la religione dinamica, la quale si identifica con la vita dei mistici e, dunque, è abbastanza rara. Essa consiste nella partecipazione, grazie all’amore, allo slancio creatore della vita e nell’unificazione con Dio (lo slancio creatore è Dio stesso). Bergson vede nella mistica l’unico rimedio ai mali morali e sociali e invoca un supplemento di anima, per un mondo che vede pervaso dalla tecnica e dalla meccanica.






Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale