Breve panoramica sulla



Scaricare 1.88 Mb.
Pagina44/94
29.03.2019
Dimensione del file1.88 Mb.
1   ...   40   41   42   43   44   45   46   47   ...   94

SANITA’ ED OSPEDALI



Roma, 4 Novembre 1853.

In ogni tempo il Magistrato Supremo di sanità ha veduto quanto importi alla conservazione dell’umana salute di rimuovere ogni causa che influire potesse ad alterare l’igiene pubblica, mezzo efficacissimo non meno per allontanare nel generale la possibilità dell’invasione di Morbi esotici e contagiosi, che per prevenirne le più fatali conseguenze, ove per gl’imperscrutabili disegni della Provvidenza gli umani sforzi e le combinazioni superiori al potere delle Magistrature apprestassero ai Morbi stessi l’adito a penetrare nello Stato, o in qualunque punto del medesimo. Questo dovere di chi possiede al delicato e nobile istituto non è cessato ai nostri giorni, nei quali da più lati si apprendono dimenticate le salutari discipline ripetutamente inculcate, ed è perciò che la Congregazione speciale di Sanità si trova obbligata a ripetere i suoi sforzi onde le sane leggi della pubblica igiene siano richiamate nel loro stretto rigore, e quindi entrando a parte a parte a sminuzzarle, ha ordinato nella sua adunanza del 26 settembre scorso, che con circolare a stampa ai Presidi delle Province s’inculchino le seguenti discipline, insistendo che si mandino ovunque alla più precisa esecuzione.

1. Si visitino le abitazioni dei poveri, s’impedisca lo abitare di molte persone in un solo non proporzionato ambiente, si vieti onninamente la coabitazione degli uomini con animali immondi e sudici, si rimuovano gli stracci, i cenci, si chiudino gli abituri umidi, sozzi, senz’aria e senza luce, e si dichiarino dalle locali Autorità Sanitarie inabitabili, operando di conseguenza a tale dichiarazione. Medesimamente si vieti lo abitare case di recente costruzione o assoggettate a grandi riparazioni finché le Deputazioni Sanitarie mediante accesso non le dichiarino asciutte, salubri ed abitabili.

2. S’incomba colla maggiore diligenza alla spazzatura delle strade, delle piazze pubbliche, cortili ed altri qualsivoglia ricettacoli d’immondezze, e ciò si faccia tanto il giorno, che la notte, asportandone il risultante letame in luoghi discosti dalle Città e Paesi abitati.

3. Si rimuovino severamente le inibizioni di gettare immondezze ed acque dalle finestre, e curino le Autorità che senza riguardi siano puniti i contravventori; così pure s’impedisca ogni ristagno di acque piovane o procedenti da qualsivoglia altra parte.

Si visitino le latrine pubbliche e private, le cloache, le fosse di letame, e si facciano vuotare e pulire di notte nell’inverno chiudendo quelle che non hanno scolo, o siano mal costrutte. Si rimuovano gli acquai e la melma, che in taluni luoghi specialmente nelle vicinanze dei fiumi fanno sedimento nelle grotte, cantine e sotterranei.

5. Abbiasi cura d’ispezionare le cisterne, i pozzi e le fontane provvedendo alla loro nettezza.

6. Una più speciale sorveglianza si porti sugli Ospedali, sulle Carceri, Luoghi di pena, Ospizi per vecchi e per fanciulli, Ospizi de’ poveri onde rimuovere ogni causa di alterazione di aria per via di esalazioni perniciose, e così pure certi opificij che potessero esalare materie graveolenti ed insalubri.

7. Ulteriore eccitamento si dà all’attivazione dei pubblici Cimiteri, aggiungendosi che ove esistono vadano di pari passo le cure delle varie Autorità per la tenuta Religiosa e veramente Sanitaria. Ove non esistono, queste cure e lo zelo il più fervido animi le Autorità medesime alla maggiore sorveglianza sulle sepolture onde vi si pratichino tutte le discipline inculcate dalle Leggi dell’igiene pubblica. Altrettanto si dice delle camere mortuarie.

8. I pubblici macelli, le botteghe di macellari, le pescherie, le stalle formano oggetto di grave interesse per le Deputazioni Comunali di Sanità. Si visitino perciò spesso e si rimuovano con ogni prontezza gl’inconvenienti che da questi stabilimenti emergono all’umana saluta. Ottimo preservativo sarà quello di spargere su questi luoghi, e così negli Ospedali, Carceri, Case di Condanne, camere mortuarie, ed in genere in tutti gli stabilimenti ove sia raduno di molte persone, del cloruro di calce165.

9. S’inculca di nuovo, e se ne impegna la corrispondenze dei Presidi, la remozione degli animali immondi dalle Città e paesi ove in qualche sito si seguitano tuttavia ad allevare con disdoro dell’odierna civiltà.

10. Per ultimo non si saprebbe mai raccomandare abbastanza la più severa ed accurata sorveglianza sui Commestibili e sulle bevande, distruggendo senza riguardi e malgrado ogni riflesso di danno privato tutti quegli articoli che con acconce perizie di probi esperti si trovassero insalubri e perniciosi a chiunque ne mangiasse e ne bevesse. I frutti immaturi, le carni ed il pesce in putrefazione ancora incipiente siano l’oggetto precipuo di spesse ed incessanti visite delle singole Deputazioni. I vini siano poi di non minore investigazione dappoiché sono universalmente note le male arti che si adoperano per adulterarli, oltrecché di natura loro sogliono corrompersi e guastarsi.

Sarebbe vano ogni ulteriore eccitamento alle varie Autorità per la precisa osservanza di tali discipline, e delle ulteriori ancora che la loro saviezza fosse per giudicare più proprie alle rispettive località, mentre oltre la sicurezza in cui la Congregazione Speciale è di tutto il buon volere, del quale per esperienza conosce generalmente parlando animate le Autorità medesime, è troppo prezioso l’argomento da cui sono meglio che dalla sua voce interessate, quello cioè dell’incolumità di tutte le Popolazioni che sono loro affidate, sicché non abbisogni al Sottoscritto altro che impegnare la cortese corrispondenza dei Presidi a dare coi mezzi che stimerà convenienti la più estesa pubblicazione della presente Circolare…



Dev .mo obb. mo Servitore
IL PRESIDENTE DEL SUPREMO TRIBUNALE DELLA S. CONSULTA

VICE-PRESID. DELLA CONGREGAZIONE SPECIALE DI SANITA’



elenco: libri
libri -> Monica Puggioni Daniela Branda Cinzia Binelli
libri -> R. T. E. (Un Sogno Riformista)
libri -> Mauro orsatti per lui, con lui, in lui
libri -> Traduzioni telematiche a cura di Rosaria Biondi, Nadia Ponti, Giulio Cacciotti, Vincenzo Guagliardo (Casa di reclusione Opera) Oscar Wilde. IL ritratto di dorian gray. Indice
libri -> Primo Levi. Se questo e' un uomo. Giulio Einaudi editore, Torino 1958. Indice. Prefazione. IL viaggio. Sul fondo. Iniziazione. Ka-Be. Le nostre notti. IL lavoro. Una buona giornata
libri -> Lev N. Tolst�j. Guerra e pace. Libro secondo. Indice. Parte prima: pagina Note: pagina 115. Parte seconda: pagina 118. Note: pagina 282. Parte terza: pagina 289. Note: pagina 449. Parte quarta: pagina 454
libri -> Lorenzo Milani. Lettere alla madre. Marietti, Genova 1997. A cura di Giuseppe Battelli. Indice. Introduzione (di Giuseppe Battelli). Nota editoriale. Bibliografia essenziale. Lettere alla madre
libri -> Ossessione (The Swan thieves)
libri -> Appunti d’idrologia medica


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   40   41   42   43   44   45   46   47   ...   94


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale