Calabrese levi



Scaricare 1.08 Mb.
22.12.2017
Dimensione del file1.08 Mb.

RETE DEI LICEI VERONESI PER L’ARCHEOLOGIA
LICEO GINNASIO “ARNALDO”, BRESCIA - I.S.I.S.S. “CALABRESE – LEVI” SAN PIETRO IN CARIANO (VR) – LICEO SCIENTIFICO STATATLE “NICCOLO’ COPERNICO”, VERONA

LICEO CLASSSICO STATALE “GIOVANNI COTTA”, LEGNAGO (VR) - LICEO SCIENTIFICO STATALE “GALILEO GALILEI”, VERONA –

LICEO SCIENTIFICO STATALE “ENRICO MEDI” ,VILLAFRANCA DI VERONA – LICEO SCIENTIFICO STATALE “ANGELO MESSEDAGLIA”, VERONA

LICEO STATALE “CARLO MONTANARI”, VERONA




Accademia Toscana di Scienze e Lettere “La Colombaria”
Seminario di approfondimento
“Civiltà e cultura materiale dell’Etruria Meridionale”
Firenze

Mercoledì 23 – Sabato 26 Marzo 2011

Dispense di Terminologia delle Forme Ceramiche

Importanza della ceramografia
Lo studio della ceramica non ha soltanto valore fine a se stesso; è emerso infatti, soprattutto negli ultimi decenni, come la ceramografia permetta di comprendere, per riflesso, molti aspetti della società antica. La qualità e la quantità dei vasi rinvenuti nei siti archeologici (specialmente nelle necropoli), i dati relativi alla produzione e all'esportazione dei manufatti ci informano con molta precisione circa le condizioni socio-economiche in cui versava la società produttrice. Lo studio della ceramica, inoltre, acquista notevole rilevanza anche in relazione alla questione delle datazioni. I vasi greci infatti consentono di essere datati, almeno sino ad età ellenistica, con un margine di errore massimo di dieci anni; è evidente dunque che, nel momento in cui vengono rinvenuti dei manufatti associati a uno o più vasi essi possono essere datati (purché si verifichino le opportune condizioni) assieme al vaso. Le decorazioni offrono infine, a partire dal periodo figurativo attico, elementi utili a comprendere aspetti importanti dell'antropologia del mondo antico (legati soprattutto alla quotidianità descritta dalle scene dipinte sui vasi) e del mito greco. Non è raro che la filologia classica si appelli alla ceramica antica nella ricostruzione e nell'esegesi del mito.
Come studiare la ceramica
Studio tipologico: condizione preliminare.

Studio cronologico: la presenza di ceramiche in contesti chiusi o le iscrizioni sulle ceramiche rendono la ceramica un elemento datante.

Studio economico: la circolazione delle ceramiche è prova dei rapporti commerciali tra i vari siti e permette di ricostruire le direttrici commerciali.

Studio degli aspetti tecnologici: permette, grazie agli apporti dell’archeometria, la conoscenza delle tecniche di produzione artigianale e dei processi produttivi.

Studio sociologico: analisi delle ceramiche come strumento per definire lo status sociale e la funzione economica dei siti.
Studio tipologico
Classificazione: operazione con la quale si riconduce una molteplicità di oggetti a un certo numero di tipi gerarchicamente ordinati, per potersi orientare tra di essi conoscendone le dipendenze reciproche.

Tipologia: strumento utile a ricavare dalle diverse categorie di oggetti le risposte alle domande di ordine storico che è possibile porre. La tipologia ideale è quella che consente di attribuire un tipo a un centro di produzione e di datarlo.

• Incrocia vari parametri: morfologia, funzione, repertorio decorativo, analisi degli impasti.


Classe

E’ la famiglia più ampia, che raggruppa oggetti accumunati:

– dalla stessa funzione

– da caratteristiche tecniche particolari

– dalla provenienza da uno stesso centro di produzione
Forma

La definizione di forma si basa su caratteristiche funzionali comuni: i vasi vengono suddivisi a seconda del loro uso (vasi per trasporto e conservazione, tra i quali alcuni con uso prevalentemente rituale, vasi per mescolare, recipienti per versare, coppe e tazze, vasellame da mensa, contenitori per toilette).


Tipo

Il concetto di tipo è più astratto: rappresenta il modello mentale degli artigiani, che noi tentiamo di ricostruire basandoci su elementi comuni individuati su esemplari concreti che risultano affini.




Nomenclatura delle parti del vaso



Nella descrizione di un vaso si fa riferimento:

- al corpo umano per le parti essenziali in cui si articola il vaso (collo, spalla, corpo, piede)

- a termini architettonici (gola, toro, echino)

- alla geometria solida per il vaso come corpo solido (emisferico, globulare, troncoconico, cilindrico)

- alla geometria piana per il profilo della parete, ossia per la proiezione del vaso su un piano
Le forme ceramiche si dividono in forme chiuse (il diametro dell'apertura è inferiore al diametro massimo del corpo del vaso) e in forme aperte (quando invece il diametro dell'apertura è uguale al diametro massimo del corpo del vaso).

Un vaso si compone di diverse parti, che possono assumere diverse forme, caratterizzando i diversi tipi di vaso e le loro varianti. Queste parti hanno un'origine funzionale, ma le forme che possono assumere dipendono anche da motivi estetici e decorativi. Queste parti, non sempre tutte presenti nelle diverse forme ceramiche, sono il labbro/orlo, il collo, le anse, la spalla e la pancia (che insieme formano il corpo) e il piede (che a volte può essere rialzato su uno stelo).




Imboccatura (Bocca): apertura superiore del vaso, ampia stretta o tendente a restringersi.

Labbro/orlo: il labbro è il segmento terminale, distinto o riconoscibile, della parete del vaso posto in prossimità dell’imboccatura. L’orlo è il limite sommitale del labbro, costituente l’imboccatura vera e propria.

Collo (forme chiuse): elemento distinto, posto tra il labbro e la spalla del vaso, assimilabile come forma ad una figura solida (cilindrico, troncoconico, imbutiforme).

Spalla (forme chiuse): parte rigonfia, tondeggiante o angolata, posta al di sotto del collo e costituente la parte superiore del corpo.

Corpo (forme chiuse): la parte compresa fra il collo e il fondo del vaso, assimilabile come forma ad una figura solida (ovoide, globulare, troncoconico, cilindrico, lenticolare).

Vasca (forme aperte): la parte compresa fra il labbro e il fondo del vaso, assimilabile come forma ad una figura solida (emisferica, troncoconica) e distinta in base alla profondità (schiacciata, poco profonda, profonda, molto profonda).

Fondo: elemento che costituisce la base del vaso.

Piede: elemento aggiuntivo che prolunga le pareti del vaso al di sotto del fondo.

Forme ceramiche legate al consumo del vino e dell’olio nella ceramica figurata attica
Classi ceramiche: ceramica attica figurata realizzata nella tecnica a figure nere (600-525 a.C.) e rosse (525-425 a.C.).

Forme: anfore, crateri, oinochoai, kylikes
Tecnica a figure nere

È una tecnica della ceramica greca, sviluppatasi in Attica dal VI secolo a.C. È chiamata così perché le raffigurazioni sono di colore prevalentemente nero su uno sfondo uniforme rosso.

Il procedimento era lungo, ma alla fine si otteneva una pittura dai colori brillanti, praticamente indelebili nel tempo.

Il vaso veniva modellato con l'argilla. Una volta che si era essiccato, la superficie veniva levigata usando delle pietre abrasive. Quindi veniva immerso in un bagno di colore ocra, per rendere uniforme e più intenso il colore dell'argilla.

Su questa superficie uniforme si incidevano i contorni delle figure, entro i quali con un pennellino si stendeva una miscela ottenuta mescolando argilla liquida con sostanze ferrose e carbonato di sodio (la futura 'vernice nera'). I particolari si ottenevano incidendo le figure dipinte con linee sottilissime che scoprivano il fondo rosso naturale del vaso. Si potevano anche aggiungere tocchi di rosso (ocra) e/o di bianco (argilla depurata) per rendere più comprensibili alcune parti anatomiche. Si passava poi alla cottura, una fase importantissima del procedimento perché era nel forno che le sostanze ferrose diventavano nere mentre il carbonato dava brillantezza alle parti dipinte. Per ottenere questi risultati la cottura era effettuata in tre fasi, continue, con temperature tra gli 800° e i 1000° gradi. Nella prima fase l'argilla assumeva un colore rosso brillante, sia nello sfondo che nei dettagli delle figure. Nella seconda fase (ad atmosfera riducente) si immettevano sostanze fumogene nel forno cosicché le parti dipinte diventavano nere, a causa della reazione chimica delle sostanze ferrose. Nella terza fase si immetteva aria (ossigenazione): le parti dipinte in rosso tornavano rosse, quelle in nero rimanevano tali e diventavano lucenti, quelle in bianco restavano inalterate.
Tecnica a figure rosse
Questa tecnica si sviluppa a partire dal 530 a.C. circa, come una evoluzione di quella a figure nere, che finirà per essere soppiantata. Con quest'ultima il procedimento di produzione presenta molte affinità, ma anche significative differenze.

La fase iniziale (modellazione, preparazione della superficie, bagno di ocra) era analoga a quella usata nella tecnica a figure nere. Come nella tecnica precedente, sulla superficie uniforme si incidevano i contorni delle figure. Ma la miscela colorata che dava la 'vernice nera' si stendeva non entro i contorni delle figure ma al di fuori di essi, coprendo la superficie del vaso. Rispetto alla tecnica precedente, le silhouettes venivano perciò realizzate "in negativo" o “a risparmio”, facendole emergere dallo sfondo nero: il rosso delle figure è quindi quello dell'argilla grezza. Invece di essere incisi, i dettagli delle figure erano dipinti sul fondo attraverso linee di differente spessore, creando così maggiori particolari (negli atteggiamenti, direzione ed espressione dei volti, movimento dei panneggi) e dando un effetto tridimensionale alle figure. Insomma, si ottenevano risultati di maggiore naturalismo.

La cottura procedeva in modo analogo, ma con alcune modifiche, ad esempio eliminando le sostanze fumogene e ossigenando in modo diverso il forno.
Anfora
L’anfora è tra le forme più comuni: era generalmente usata come contenitore di liquidi, vino ed olio in particolare, ma poteva servire anche per contenere cibi, probabilmente marinati o in salamoia, o granaglie. Il nome anfora deriva dal termine greco ἀμφορεύς, che significa“trasportabile da entrambi i lati”. La forma è caratterizzata da un collo stretto e da un corpo rastremato inferiormente, ed è dotata di due anse impostate sul collo e sulla spalla. Nella ceramica attica si distinguono due gruppi principali di anfore, a seconda se il profilo tra spalla e collo segue una curva continua (anfore a profilo continuo), ovvero presenta uno stacco netto (anfore a collo distinto, o neck-amphorae).
Anfore a profilo continuo (2 tipi)
Tipo B (600-550 a.C.) – il più antico nella tecnica a figure nere, è diffuso nella prima metà del VI sec. a.C.

I caratteri morfologici distintivi del tipo B sono: labbro a profilo trapezoidale, corpo ovoide a profilo continuo, piede ad echino rovesciato, anse verticali a bastoncello a sezione cilindrica.





Tipo A (550-500 a.C.) – modello successivo nella tecnica a figure nere, entra in uso a partire dalla metà del VI sec. a.C.

I caratteri morfologici distintivi del tipo A sono: labbro a profilo trapezoidale, corpo ovoide a profilo continuo, piede sagomato a doppio scalino, anse verticali a nastro a sezione appiattita terminanti con flangie laterali.





Anfore a collo distinto, o Neck-amphorae (3 tipi)
Neck-amphora standard (550-500 a.C.) – è il tipo più comune e diffuso nella seconda metà del VI sec. a.C.

I caratteri morfologici distintivi del tipo standard sono: labbro ad echino, collo cilindrico distinto a profilo concavo, corpo ovoide panciuto con spalla molto pronunciata, piede a disco, anse verticali a triplice bastoncello a sezione ellittica.





Neck-amphora ovoide (550-500 a.C.) – tipo meno comune del precedente, è in uso nella seconda metà del VI sec. a.C.

I caratteri morfologici distintivi del tipo ovoide sono: labbro a profilo trapezoidale, collo cilindrico distinto a profilo quasi rettilineo, corpo ovoide con spalla dal profilo sfuggente, piede ad echino rovesciato o troncoconico, anse verticali a bastoncello a sezione cilindrica.





Anfora panatenaica (560-200 a.C.) – tra le anfore con il collo distinto una variante è rappresentata dall'"anfora panatenaica", così chiamata perché era usata quale premio riservato ai vincitori delle gare atletiche che si svolgevano durante le “Grandi Panatenee”, le feste istituite dal tiranno Pisistrato, che si celebravano ad Atene in onore della dea patrona ogni quattro anni (luglio-agosto). Il vaso conteneva l’olio proveniente dagli uliveti sacri alla dea. Le scene dipinte sono disposte sul entrambi i lati del corpo: su un lato era rappresentata Atena guerriera (Promachos) posta tra due colonne, con l'iscrizione ton Athenethen Athlon, cioè “dalle gare ateniesi” e con il nome dell'arconte eponimo per l'anno in corso, sull'altro era dipinta la disciplina nella quale l'atleta era risultato vincitore.

I caratteri morfologici distintivi dell’anfora panatenaica sono: labbro ad echino; collo cilindrico a profilo rettilineo o concavo; corpo ovoide fortemente rastremato verso il basso; piede ad echino rovesciato o troncoconico; anse verticali a bastoncello a sezione cilindrica.





Crateri
Il cratere (kratèr dal verbo greco κεράννυμι, "mischiare") era un grande vaso, provvisto di bocca larghissima e corpo molto capiente, che veniva utilizzato per mescolare vino e acqua nel simposio greco. Nel corso del banchetto i crateri venivano posti al centro della stanza e venivano riempiti di vino, a cui veniva aggiunta acqua per diluirlo ed abbassare il contenuto alcolico. In Grecia, come in Etruria, non si beveva vino puro, ma lo si mescolava all’acqua in ragione di una parte a tre, con aggiunta di miele.

Nella ceramica attica figurata si conoscono quattro tipi principali di crateri, distinti in base alla forma delle anse o del corpo.


Cratere a colonnette (600-525 a.C.) – questo tipo, chiamato in greco kelèbe, è stato prodotto dalla prima metà del VI sec. a.C., ed è stato preferito fino al terzo quarto del secolo, quando comincia a decadere, perdurando però nella tecnica a figure rosse fino alla metà del V sec. a.C.

La forma è contraddistinta dalle anse, costituite da due elementi verticali per parte, cilindrici, che partono dal corpo e sono uniti superiormente da una sporgenza sagomata del labbro piatto. Il corpo, fortemente rastremato verso il basso, è di forma globulare, il collo è distinto e di forma cilindrica, il piede è sagomato a doppio scalino.




Cratere a volute (575-300 a.C.) – questo tipo è stato introdotto nella tecnica a figure nere nel secondo quarto del VI sec. a.C., e perdura negli esemplari a figure rosse fino al IV secolo a.C. Nelle redazioni più antiche (ad es. il “Vaso François”) la forma è contraddistinta da un labbro ad echino, da un collo troncoconico con spalla sfuggente, da un corpo globulare espanso e fortemente rastremato verso il basso e da un piede sagomato a doppio scalino. Le anse sono a nastro, impostate verticalmente sulla spalla e sormontanti il labbro, dove formano un girale a voluta semplice. La forma diventa più snella col passare del tempo, e negli esemplari a figure rosse si assiste a delle variazioni: ora il labbro è estroflesso e ingrossato con orlo arrotondato, il collo cilindrico, la spalla è breve ed il corpo ovoide, il piede è sagomato a doppio scalino. Le anse sono a nastro, impostate verticalmente sulla spalla e sormontanti il labbro, dove formano un girale a forma di spirale.


Cratere a calice (550-425 a.C.) – questo tipo si diffonde a partire dalla seconda metà del VI secolo, e risulta essere la forma era preferita nell'età delle figure rosse, utilizzata fino alla fine di questa tecnica. Il tipo è contraddistinto da un corpo articolato in due parti, che richiama la forma di un calice di fiore. La parte superiore è di forma troncoconica con un profilo che si apre maggiormente verso l’imboccatura, quella inferiore è convessa. Il labbro è estroflesso e ingrossato con orlo arrotondato, il piede ad echino rovesciato e le anse a bastoncello a sezione cilindrica impostate obliquamente sul corpo, nella parte inferiore, e ricurve verso l’alto.



Cratere a campana (500-400 a.C.) – questo tipo è stato introdotto dopo l'inizio delle "figure rosse" e preferito specialmente dopo la metà del V secolo a.C. I caratteri morfologici distintivi sono: il labbro estroflesso e ingrossato con orlo arrotondato, il corpo a forma di campana rovesciata, il piede a disco, le anse a bastoncello a sezione cilindrica impostate obliquamente sul corpo, al disotto del labbro, e ricurve verso l’alto.



Oinochoai
Come indica il nome - in greco antico οἰνοχόη, da οἶνος "vino" e χέω "versare" - il vaso è un equivalente delle nostre brocche, utilizzato per versare il vino, e compare spesso nelle rappresentazioni vascolari, proprio nella funzione di mescere nelle coppe il vino attinto dai crateri. La forma è nota nella ceramica attica già agli inizi del VI sec. a.C., nella tecnica a figure nere, e perdura fino alla fine del V sec. a.C., negli esemplari a figure rosse.

In base ai caratteri morfologici dell’imboccatura si distinguono due tipi principali di oinochoai:


L’oinochoe “a bocca trilobata”, è caratterizzata da una bocca espansa a forma di trifoglio, da un collo troncoconico a profilo concavo e distinto dal corpo ovoide rastremato in basso, da un’ansa sormontante a nastro ingrossato con sezione pressoché semicircolare, e da un piede a basso echino rovesciato.


L’oinochoe “a bocca rotonda”, detta anche “olpe”, è caratterizzata da una imboccatura di forma circolare con labbro a profilo trapezoidale, corpo ovoide affusolato a profilo continuo, piede a toro, ansa verticale a nastro ingrossato a sezione ellittica, sormontante il labbro.



Kylikes
La kylix è una coppa da vino in ceramica, il cui uso, nell' antica Grecia, è attestato a partire dal VI sec. a.C.

Tipico manufatto dei corredi simposiaci, coppa da libagione e da bevuta, raggiunse il massimo della diffusione a partire dalla fine del VI secolo rimanendo in auge fino al IV secolo a.C., quando il kantharos, l'elegante calice a volute dei rituali dionisiaci, ne prese il posto quale la coppa da vino più diffusa. La kylix aveva una vasca espansa e poco profonda, sostenuta da un piede in genere su stelo. Per l'impugnatura era provvista di due piccole anse impostate poco sotto il labbro e spesso quasi orizzontali. All'interno, il fondo, tendenzialmente piano, si presenta spesso decorato da scene, raffigurazioni o decorazioni: queste, occultate dal vino depositato sul fondo, si rendevano gradualmente visibili solo durante l'atto del bere. I soggetti raffigurati erano quindi molto spesso concepiti in funzione di questo effetto.

Nella ceramica attica figurata si distinguono, in base alla morfologia del corpo e allo schema decorativo sei tipi principali di coppe, in alcuni casi ulteriormente suddivisi in sottotipi per variazioni del registro figurativo.

Coppa dei Comasti (600-575 a.C. circa) – questo primo tipo di coppa attica a figure nere da prototipi corinzi, deve il suo nome al soggetto figurativo prevalente sulle pareti esterne del vaso, caratterizzato da scene di danze orgiastiche (kòmos), per le quali la ceramografia attica si mostra chiaramente debitrice a motivi decorativi corinzi.

Presenta un breve labbro estroflesso, stretto e poco pronunciato, ma nettamente angolato rispetto alla vasca, piuttosto profonda e di forma emisferica, la quale poggia su un basso piede svasato. Le anse, a bastoncello a sezione cilindrica, sono impostate obliquamente sulla vasca al di sotto del labbro. La decorazione riguarda unicamente le pareti esterne, mentre l'interno del manufatto ne è privo. Sulle pareti il fregio inferiore, più in evidenza, contiene le scene figurative mentre il registro superiore, coincidente con il labbro, è decorato con motivi floreali.








Coppa di Siana (575- 550 a.C.) – il nome deriva dall'omonima località dell'isola di Rodi, sito di rinvenimento di molti esemplari. Pur rimanendo simile nel complesso alla coppa dei Comasti, questa versione ne differisce per la maggiore altezza del labbro e del piede. Il labbro si presenta ancora estroflesso e nettamente spiccato dal corpo ma, rispetto al precedente, occupa una fascia visibilmente più larga. Anche il piede svasato appare più alto, snello e slanciato. Le anse, a bastoncello a sezione cilindrica, sono impostate obliquamente sulla vasca al di sotto del labbro. La decorazione è sempre a figure nere, ma, a differenza del tipo precedente, interessa anche l' interno della coppa, dove è presente un tondo figurato, e per quanto riguarda le pareti esterne si distinguono facilmente due tipologie decorative. Nel tipo decorativo detto overlap la decorazione esterna è unica e invade anche il bordo, mentre nella variante detta double decker la decorazione si presenta invece scandita, come nel tipo dei comasti, in due fasce sovrapposte: il registro inferiore presenta scene figurative mentre quello superiore esibisce motivi floreali.





Overlap Double Decker
Coppe dei Piccoli Maestri (550-525 a.C.) – il nome Piccoli Maestri (Kleinmeister) è stato attribuito da studiosi di scuola tedesca riferendosi allo spiccato gusto miniaturistico elaborato dei maestri ceramografi attici, che le dipinsero utilizzando la tecnica a figure nere. Queste kylikes si caratterizzano morfologicamente per un piede dallo stelo slanciato e, in genere, per l'assenza del tondo interno decorato.

Si distinguono su base morfologica (profondità della vasca) e per schema decorativo due tipi principali di coppe: Lip-Cups e Band-Cups.

Le Lip-Cups sono così denominate dalla presenza di un labbro appena estroflesso, dal profilo ancora distinguibile dalla vasca, generalmente poco profonda. Il piede è a disco su alto stelo e le anse, a bastoncello a sezione cilindrica, sono impostate obliquamente sulla vasca al di sotto del labbro.

La campitura in vernice nera interessa esternamente sia il piede che la parte bassa della vasca. La fascia orizzontale risparmiata dalla vernice, tra le due anse, è scandita orizzontalmente da una risega sottolineata da una linea sottile tracciata un po' al disopra delle anse. Al di sopra di questa si sviluppa una decorazione consistente in una raffigurazione animale o in una figura umana. Al di sotto è dipinta una iscrizione, spesso l'unica pittura della coppa, che si distende tra due piccole palmette presenti alla giunzione delle anse. La scrittura, resa in una grafia misurata, con caratteri minuti e accurati, rivela la sua natura decorativa.

Le Band-Cups si distinguono morfologicamente dalle precedenti per una maggiore profondità della vasca. Esse presentano un labbro appena estroflesso, dal profilo ancora distinguibile dalla vasca, generalmente piuttosto profonda. Il piede è a disco su alto stelo e le anse, a bastoncello a sezione cilindrica, sono impostate obliquamente sulla vasca al di sotto del labbro, e ricurve verso l’alto. Queste coppe, quasi completamente verniciate di nero, si caratterizzano per presenza di una banda orizzontale risparmiata fra le due anse che riporta spesso un' iscrizione o una decorazione floreale e, occasionalmente, raffigurazioni animali in configurazioni antitetiche. Il tondo centrale è figurato o dipinto a cerchi concentrici.





Lip-Cup Band-Cup




Coppa A (525-500 a.C.) – in questo tipo di coppa, affermatosi nell'ultimo quarto del VI secolo a.C., la vasca è larga e poco profonda. Il labbro non è più estroflesso, ma il suo profilo prolunga senza alcuna discontinuità il disegno della vasca. Il piede a disco, molto largo, presenta uno stelo più basso e nettamente separato dalla vasca per mezzo di un anello prominente (collarino). Le anse, a bastoncello a sezione cilindrica, sono impostate obliquamente sulla parte centrale della vasca e ricurve verso l’alto.

Nella decorazione di questa coppa a figure nere è frequente la raffigurazione «ad occhioni», una simbologia che, nella sua tipicità, doveva avere una presumibile funzione apotropaica.








Coppa B (510-500 a.C.) – nell'evoluzione del suo disegno, il tipo B, più delicato del precedente, si presenta con una vasca larga e poco profonda, quasi schiacciata. Il labbro non è più estroflesso, ma il suo profilo prolunga senza alcuna discontinuità il disegno della vasca. Il piede, sagomato a doppio scalino, presenta uno stelo alto e sottile, e, caratteristica importante, unito alla vasca da un profilo continuo. Le anse, a bastoncello a sezione cilindrica, sono impostate obliquamente sulla parte centrale della vasca e ricurve verso l’alto. Gli esemplari più antichi sono stati realizzati con la tecnica a figure nere, ma la diffusione di questo tipo è comunque legata soprattutto alla tecnica a figure rosse, il cui schema decorativo tipico è la presenza di un tondo figurato all’interno della coppa.










Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale