Canale è la connessione materiale o psicologica che collega l'emittente al destinatario, permettendo la trasmissione del messaggio. IL canale può essere la scrittura



Scaricare 17.23 Kb.
21.12.2017
Dimensione del file17.23 Kb.

CANALE

È la connessione materiale o psicologica che collega l'emittente al destinatario, permettendo la trasmissione del messaggio. Il canale può essere la scrittura (in varie forme), l'oralità faccia a faccia, il telefono, il video, la rete e altro.



DEISSI

Riferimento, interno all'enunciato, allo spazio e al tempo in cui avviene l'enunciato (qui, sopra, quello, ora, domani, fra una settimana), e alle persone che partecipano all'enunciazione (io, tu, mio).



SEMANTICA

La parte della linguistica che studia il significato nel suo valore astratto o logico. Vedi anche Pragmatica.



PRAGMATICA

La pragmatica è una parte della linguistica che studia la lingua non come sistema astratto ma nel suo uso concreto. Il significato pragmatico si distingue dal significato semantico perché è calato in un contesto e non analizzato in astratto.



SINTASSI

La sintassi è il livello della lingua che analizza la combinazione dei morfemi tra loro. Il dominio della sintassi è la frase. Vedi anche Morfologia.



MORFOLOGIA

La morfologia è il livello della lingua che analizza la forma delle parole (i morfemi): nella parola amarono possiamo distinguere un morfema lessicale (am-) e un morfema grammaticale che indica la terza plurale del perfetto indicativo (-arono); nella parola ragazzi distinguiamo un morfema lessicale (ragazz-) e un morfema grammaticale che indica il maschile plurale (-i).



FUNZIONE GLOSSATORIA

Funzione esplicativa di un termine o di un concetto. Nella frase Il feed-back, cioè la possibilità di verificare le reazioni del destinatario, è una caratteristica dell'oralità, la funzione glossatoria è svolta dall'inciso (cioè la possibilità di verificare le reazioni del destinatario) che spiega la parola precedente (feed-back).



FEED-BACK

Fenomeno per cui l'emittente può percepire gli effetti della comunicazione (attraverso manifestazioni linguistiche o extralinguistiche dei destinatari).



MORFOLOGIA

La morfologia è il livello della lingua che analizza la forma delle parole (i morfemi): nella parola amarono possiamo distinguere un morfema lessicale (am-) e un morfema grammaticale che indica la terza plurale del perfetto indicativo (-arono); nella parola ragazzi distinguiamo un morfema lessicale (ragazz-) e un morfema grammaticale che indica il maschile plurale (-i).



COSTITUENTE

Unità linguistica che fa parte di una costruzione più ampia ed eventualmente a sua volta formata di elementi più piccoli. Tra i costituenti vigono rapporti di dipendenza. I costituenti si dicono immediati se dipendono dallo stesso nodo: per es. nella frase I ragazzi hanno visitato la casa della nonna, I e ragazzi sono costituenti immediati perché dipendono dal nodo S[intagma] N[ominale], cioè insieme formano una unità che ha autonomia rispetto all'unità SV[erbale], costituita dal resto della frase; tuttavia, all'interno del SV, si può distinguere un costituente V (hanno visitato) da un costituente SN (la casa della nonna); analogamente, all'interno di quest'ultimo si può distinguere tra il SN vero e proprio (la casa) e un suo Sprep[osizionale] (della nonna), a sua volta diviso in Prep (della) e N (nonna).



SINTAGMA

La combinazione di due o più elementi linguistici linearmente ordinati nella catena fonica.



TEMA

Il tema di una frase è l'argomento su cui si dice qualcosa. Ciò che si dice sull'argomento è il rema. Per es. nella frase Maria ha mangiato la mela il tema è Maria e il rema è ha mangiato la mela; nella frase La mela, l'ha mangiata Maria il tema è La mela e il rema è l'ha mangiata Maria.



REMA

Il rema di una frase è ciò che si dice su un argomento o tema. Per es. nella frase Maria ha mangiato la mela il tema è Maria e il rema è ha mangiato la mela; nella frase La mela, l'ha mangiata Maria il tema è La mela e il rema è l'ha mangiata Maria.



TEMATIZZAZIONE

La tematizzazione è la strategia in base alla quale si mette a tema un elemento della frase che nell'ordine naturale si troverebbe in una posizione diversa. Un caso frequente di tematizzazione è l'anacoluto.



DISLOCAZIONE

Trasformazione dell'ordine sintattico naturale o non marcato spostando un componente più avanti (dislocazione a sinistra) o più indietro (dislocazione a destra) nella frase: per es. nella frase Mario ha mangiato la mela, si può operare una dislocazione a sinistra nella forma La mela, Mario l'ha mangiata e a destra in quella Mario l'ha mangiata, la mela. In entrambi questi esempi la dislocazione si combina alla ripresa pronominale.



REGISTRO

Si definiscono registri, le varietà del codice linguistico che permettono di scegliere tra vari livelli del codice stesso. I registri sono in rapporto alla situazione comunicativa più o meno alta (registro aulico, formale, informale, ecc.).



BRAINSTORMING

Letteralmente la tempesta del cervello. È l’attività, individuale o più spesso di gruppo, con cui si attivano le idee e le conoscenze utili a un’operazione comunicativa, richiamandole alla mente e permettendo libere associazioni che ne richiamino altre.



INFERENZA

Il meccanismo che permette di dedurre delle informazioni implicite da quelle presenti. Nell’uso concreto non si trasmettono tutte le informazioni, ma ci si basa sulla capacità che gli attori della comunicazione hanno di dedurre gran parte delle informazioni o dei significati facendo leva sul contesto. A partire dal contesto si operano perciò delle inferenze che permettono, spesso in modo inconsapevole, le informazioni esplicite.



STILEMA

Elemento formale o della lingua tipico delle consuetudini di un testo, di un autore o di un genere.



PERIFRASI

Circonlocuzione per dire qualcosa che potrebbe essere detta in modo più breve o diretto.



REGGENZA

Tradizionalmente il termine indica i casi in cui una categoria grammaticale (più spesso il verbo) attiva a sua volta una categoria grammaticale in un'altra parola che fa parte dello stesso sintagma. Per es. in italiano la forma verbale rendersi conto regge la preposizione di, cioè rendersi conto di qualcosa e non, poniamo, per qualcosa o con qualcosa.



PLASTISMO

I plastismi sono parole o locuzioni che estendono il loro uso al di fuori del loro significato originario, e vengono utilizzate in molti significati: per es. valenza nel senso di problema, caratteristica, importanza, argomento, ecc.



ANAFORA E CATAFORA

Relazione tra un elemento linguistico e un altro che lo precede e ne determina il riferimento. Per es. in Carlo ha comprato una macchina nuova. L'ho vista ieri il pronome è anaforico di una macchina nuova e per conoscerne il riferimento si deve risalire indietro fino al nome. Quando l'elemento linguistico rimanda, per il riferimento, a un altro che si trova più avanti si parla di 'catafora', come in Te l'ho già detto: non ci credo! In cui lo rimanda alla frase non ci credo!



NOMINALIZZAZIONE

Il passaggio di una parte del discorso, in particolare il verbo, a nome, come nel passaggio da Preferisco studiare il latino a Preferisco lo studio del latino.



TRASLATO

È la figura retorica che indica il fatto che una parola venga usata in un significato diverso da quello comune. Per es. quando parliamo del collo di una bottiglia, estendiamo, per similitudine, la parola che designa una parte del corpo umano a una parte di un oggetto inanimato; lo stesso se parliamo della gamba di un tavolo.



FIGURA RETORICA

Una deviazione consentita rispetto all'andamento regolare del discorso, con cui si vuole conferire ad esso ornamento o espressività. Tra gli esempi più noti la metafora, la ripetizione, l'interrogazione retorica (usata cioè per affermare).












©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale