Capitolo I lo svolgimento del processo



Scaricare 1.66 Mb.
Pagina28/70
29.03.2019
Dimensione del file1.66 Mb.
1   ...   24   25   26   27   28   29   30   31   ...   70
Il volume XII dei Motivi nuovi concerne i motivi, le finalità e le conclusioni dell’inchiesta del dott. Guido Zecca.

Trova addentellato nell’argomento in esame anche il tema, trattato al volume X dei Motivi Nuovi, delle ragioni del conferimento, in via interinale, dell’incarico di Dirigente della Squadra Mobile al dott. Contrada, che in questa sede può darsi per accertato, al di là di qualsiasi possibile congettura, fosse stato prescelto perché ritenuto la figura più idonea, non ritenendo, poi, il Questore Epifanio, a cagione della imminente scadenza del suo incarico, di procedere ad una nomina definitiva.

****

Tanto premesso, questa Corte non può esimersi dal rilevare che - come puntualmente osservato dal Procuratore Generale alle pagine 62 e 63 nella memoria depositata nel corso di questo dibattimento di appello il 14 novembre 2005 - il thema decidendum affrontato dal Tribunale <<è consistito nello stabilire: se la persistente inerzia dell’imputato nel redigere un rapporto funzionale ad un’operazione di arresti di mafiosi nella flagranza del reato permanente di associazione per delinquere – incarico conferitogli all’indomani dell’assassinio (21-7-79) del Dirigente della Mobile palermitana, riconfermato nel dicembre 1979 e successivamente sollecitato per l’eccezionale aggravarsi della situazione dell’ordine pubblico in Palermo (omicidio del giudice Terranova e dell’agente di scorta del settembre ‘79; omicidio del Presidente della Regione Sicilia, Mattarella, del 6\1\80) – possa, riguardata nel complessivo quadro probatorio, considerarsi o no espressione di collusione con l’organizzazione mafiosa e, in particolare, aderente al narrato del Mutolo, secondo il quale proprio tale tipo di denuncia Cosa Nostra aveva fermamente deciso di impedire, anche uccidendo i funzionari che non si fossero fatti ammorbidire>>.

Le proposizioni difensive sviluppate nell’Atto di impugnazione e nei volumi X,XI e XII dei Motivi nuovi eludono sostanzialmente il quesito, cui il Tribunale ha risposto affermativamente.

Tuttavia, la doverosa considerazione delle ragioni della Difesa impone di intendere nella sua massima estensione l’effetto devolutivo dell’appello.

Viene in rilievo, in tale direzione, l’incipit dell’Atto di impugnazione relativo a questo capo di sentenza (pag. 47 del volume VIII), che recita <>.

Agli atti dell’inchiesta Zecca constano, in realtà, tre relazioni a firma dell’imputato: due, in data 24-6-80, contenute rispettivamente alle pagine 525-527 e 528-545 del fascicolo, ed ad una terza, senza data e senza indicazione del destinatario, contenuta alle pagine 546-552.

Tra i temi in esse affrontati viene in considerazione, tenuto conto del devolutum, quello della fuga di notizie, poi diffuse dalla stampa, sulla mancata inclusione del nome di Michele Sindona tra quelli dei denunciati nel rapporto Spatola + 54 del 6 maggio 1980 (più esattamente, sul fatto che il nome di Sindona compariva tra quelli dei denunciati nella bozza o minuta di rapporto predisposta dall’odierno imputato ed era stato espunto nel rapporto del 6 maggio 1980).

Secondo il costrutto accusatorio, l’accertata provenienza della fuga di notizie da ambienti della Criminalpol troverebbe fondamento nella manifestazione della volontà di disconoscere la paternità del blitz del 5 maggio 1980 e delle attività ad esso propedeutiche e successive.

Un siffatto obiettivo - per di più - sarebbe stato ottenuto in modo diabolico, e cioè ammannendo alla stampa un’immagine di verginità della Criminalpol e di Contrada rispetto ad una condotta dubbia del gruppo di lavoro creato da Immordino, consistita, appunto, nella eliminazione del nome di Michele Sindona dall’elenco dei denunciati contenuto nella bozza di rapporto predisposta dall’imputato.

Sempre ai fini di una adeguata considerazione delle ragioni della Difesa, va rilevato che un qualche addentellato con lo specifico thema decidendum è offerto dal pur generico richiamo, contenuto a pag. 47 del volume VIII dell’Atto di impugnazione, al “corretto agire dell’imputato”, laddove si afferma :




Condividi con i tuoi amici:
1   ...   24   25   26   27   28   29   30   31   ...   70


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale