Capitolo I lo svolgimento del processo



Scaricare 1.66 Mb.
Pagina4/70
29.03.2019
Dimensione del file1.66 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   70
"L'accusa" non è risultata vera, mentre è risultata vera la "non accusa".

Si è invertita l'una con l'altra : secondo la sentenza, la "non accusa", cioè il fatto lecito, è diventata "l'accusa", cioè il fatto illecito>>(cfr. pagine 99 e 101 , volume V dei motivi nuovi).

Orbene, ad avviso di questa Corte, non è dato ravvisare l’elusione dell’obbligo motivazionale denunciata dai difensori appellanti.

L’iter logico del Tribunale va pienamente condiviso per tre ordini di ragioni.

In primo luogo, perché, lungi dall’invertire “accusa” e “non accusa”, valorizza quale riscontro - come si è già detto - il dato della frequentazione della Via Jung da parte dell’imputato, collegato al trapasso dalla fase degli appostamenti demandati a Gaspare Mutolo e Salvatore Micalizzi alla fine del 1975 ad una pacifica compresenza, in quella strada, dell’odierno imputato e di Rosario Riccobono (impostazione, questa, recepita nella sentenza della Suprema Corte di annullamento con rinvio, pagine 237 e 238).

In secondo luogo, perché l’indicazione di Angelo Graziano, al di là della sua imprecisione, è inserita in un contesto non collusivo: Contrada è descritto come un obiettivo ed il fabbricato di via Jung n. 12 come luogo di appostamenti e Angelo Graziano, come si è detto, non è ancora noto come mafioso (elemento anch’esso valorizzato nella sentenza di annullamento con rinvio).

In terzo luogo, perché anche a volere attribuire alla indicazione del Mutolo una valenza accusatoria che la stessa non ha, in giurisprudenza è costante l’affermazione del principio della frazionabilità della chiamata, nel senso che l'attendibilità delle dichiarazioni accusatorie del collaborante <<anche se denegata per una parte del racconto, non coinvolge necessariamente tutte le altre che reggano alla verifica giudiziale del riscontro; così come, per altro verso, la credibilità di una parte dell'accusa non può significare l'automatica attribuzione di attendibilità dell'intera narrazione, giacchè, accertata l’attendibilità di talune circostanze non può automaticamente comunicarsi a quelle non riscontrate, non essendo ipotizzabili reciproche inferenze totalizzanti>> (in termini, Cass. pen. sez. I sentenza n. 4495 del 1997, sez. VI 17248 del 2004; sez. I sentenza 468/2000).

D’altra parte, non si può escludere né che il Graziano si fosse attribuito un merito inesistente, né che avesse inteso considerare la fruizione di uno dei due appartamenti al piano attico da parte dell’imputato come indirettamente dovuta ai suoi buoni uffici nei riguardi di uno degli inquilini.

Conclusivamente, anche su questo tema le censure della difesa devono essere disattese.

*****


Il principio della frazionabilità della chiamata in correità viene in considerazione a proposito dell’episodio del presunto acquisto di una autovettura Alfa Romeo, per una donna del dr. Contrada, a cagione del quale, secondo il narrato del Mutolo, in occasione delle festività natalizie del 1981, mentre venivano fatti i conti relativi ai proventi dell’associazione unitamente al Riccobono, questi gli aveva detto che era necessario detrarre la somma di 15 milioni di lire, già utilizzata per acquistare un’autovettura Alfa Romeo da destinare ad una amante del Contrada.

L’argomento è stato diffusamente trattato dal Tribunale (pagine 486-526) che, pur non avendo rinvenuto sufficienti riscontri <<alla sicura identificazione della destinataria dell'autovettura "Alfa">> ha considerato quali <<elementi indiretti di concordanza con il racconto, invero poco dettagliato, del Mutolo sull’episodio in oggetto>>:



  1. la precisa corrispondenza tra la data del colloquio riferito da Mutolo ed il periodo di permesso dallo stesso fruito a Palermo;

  2. l’individuazione di un concessionario d’auto “Alfa Romeo” a Palermo, Calogero Adamo, avente tutti i requisiti soggettivi corrispondenti al venditore d’auto di fiducia presso il quale effettuare l’acquisto riferito dal collaborante;

  3. gli stretti rapporti dell’Adamo con molti “uomini d’onore”, ed in particolare con Stefano Bontate e Rosario Riccobono, verso i quali egli attuava un trattamento di particolare attenzione e cortesia con riferimento alla sua attività di concessionario;

  4. la compiacenza dell’Adamo nei confronti di “uomini di Cosa Nostra” manifestatasi anche come disponibilità ad intestazioni di comodo in loro favore che, esorbitando dalla sua attività, denota un singolare atteggiamento di rispetto e deferenza (sul punto il tribunale ha segnalato le numerose intestazioni di auto al sig. Adamo, ai suoi familiari ed alle sue società, evidenziate dalle indagini condotte dal cap. Bruno cfr. ff. 22 e ss. ud. 12/10/1995);

  5. i buoni rapporti esistenti tra Calogero Adamo e l’odierno imputato, tali da giustificare, al di là delle versioni offerte dagli interessati, rivelatesi parziali e reticenti, reciproci favori e frequentazioni (vedi l’interessamento di Contrada per pratiche rilascio passaporto ad Adamo - intervento di Contrada presso Adamo per acquisto auto Ingoglia- visita presso la villa dell’Adamo annotata nell’agenda dell’imputato);

  6. le frequentazioni femminili da parte dell'imputato e l'effettuazione di taluni acquisti di autovetture "Alfa" presso il concessionario Adamo da parte di donne legate da rapporti personali al dott. Contrada (Fisher - Ingoglia).

Alla trattazione di questo argomento sono dedicati il volume IV, capitolo V, paragrafo V.1 dell’Atto di impugnazione (pagine 17-24) e soprattutto, l’intero volume 4 dei Motivi nuovi.

Deducono i difensori appellanti, in estrema sintesi che:



  • stando al narrato del Mutolo, all’epoca del colloquio con il Riccobono (festività Natale ‘81) il prezzo dell’autovettura era già stato sborsato, conclusione imposta dall’uso delle locuzioni: <<i quindici milioni erano serviti>>, <<quindici milioni di soldi che erano serviti>>, <>, <>, <>, <> ;

  • del tutto inconducenti, dunque, anche a volere prescindere dalla inconsistenza delle osservazioni riguardanti i rapporti personali tra il dr. Contrada e le signore Fisher ed Ingoglia, sono gli accertamenti di Polizia Giudiziaria (effettuati incrociando i nomi di donna risultati dalle agende dell’imputato con gli acquisti di autovetture Alfa Romeo presso il concessionario Calogero Adamo), in ordine all’epoca del pagamento del prezzo delle autovetture rispettivamente acquistate dalla Fisher e dalla Ingoglia;

  • quest’ultima, infatti, aveva acquistato una “Giulietta 1600”, in data 17/6/1982, per un prezzo di £ 12.000.000, pagato quanto a £ 5.000.000 in data 14/6/1982 e quanto a £ 7.000.000 in data 22/6/1982, mentre la Fisher si era resa acquirente di una “Alfa Sud” targata Bolzano, come da fattura emessa in data 24 Giugno 1982, per un prezzo di lire 8.101.000, pagato in più soluzioni tra il 27 maggio 1982 ed il 22 giugno 1982;

  • le emergenze dibattimentali avrebbero, addirittura, offerto la prova contraria del fatto affermato dal Mutolo de relato di Rosario Riccobono;

  • ed infatti, , nel giugno 1981 era stata acquistata presso l’Adamo una “Golf” per la somma di lire 10 milioni, pagata per cassa, con intestazione a nome di Rosalia Vitamia, moglie del Riccobono, mentre nel novembre dello stesso anno risultava l’acquisto di una FIAT 127, per la somma di lire 5 milioni e mezzo, con intestazione a Margherita Greco, madre del Riccobono, anch’essa pagata per cassa, per un complessivo ammontare di quindici milioni mezzo di lire.

Osserva questa Corte che l’acquisto di autovetture per i propri familiari, da parte del Riccobono, non costituisce una smentita del narrato del collaborante: il Mutolo, invero, ha menzionato, de relato del suo “capofamiglia” una autovettura Alfa Romeo e non DI UNA “Golf” e di una “FIAT 127” che lo stesso Adamo, concessionario Alfa Romeo, escusso all’udienza del 25 ottobre 1994, ha riferito di avere prelevato presso altri rivenditori a titolo di cortesia nei riguardi del Riccobono, conseguendo un margine di guadagno irrisorio.

D’altra parte, come persuasivamente osservato dal Tribunale, non è realistica l’ipotesi che il Riccobono avesse avvertito l’esigenza di trarre in inganno il Mutolo per pagare con la cassa della famiglia mafiosa gli acquisti di due vetture per la sua famiglia anagrafica, dati i <>(pagina 524 della sentenza appellata).

E’ pur vero, però, che la esclusione dell’ipotesi del mendacio da parte del Riccobono non elide la necessità dei riscontro al narrato del Mutolo, laddove gli <<elementi indiretti di concordanza>> evidenziati dal Tribunale hanno una mera dignità congetturale che non basta a rendere credibile la specifica indicazione accusatoria dell’esborso di quindici milioni di lire per l’acquisto di una autovettura Alfa Romeo, prima delle festività natalizie del 1981, destinata ad una amante dell’imputato (dono di notevole valore, equivalendo detta somma, all’attualità, a circa venticinquemila euro).

L’episodio, d’altra parte, non essendo stato provato il movente corruttivo della condotta di concorso esterno ritenuta a carico dell’imputato, non può nemmeno legittimare la cd. traslazione dei riscontri, ammissibile allorché il chiamante in correità renda dichiarazioni che concernono una pluralità di fatti-reato commessi dallo stesso soggetto e ripetuti nel tempo e sussistano ragioni idonee ad imporre una valutazione unitaria delle dichiarazioni accusatorie, quali l'identica natura dei fatti in questione, l'identità dei protagonisti o di alcuni di loro, l'inserirsi dei fatti in un rapporto intersoggettivo unico e continuativo (cfr. ex plurimis, Cass. Pen. sezione VI, sentenze n. 3945/99 e n. 1472/98).

Una siffatta lacuna non è stata colmata dalle dichiarazioni rese nel primo dibattimento di appello dai collaboranti Giovan Battista Ferrante e Francesco Onorato.

Segnatamente, all’udienza del 18 febbraio 1999, il Ferrante, già uomo d’onore della famiglia di San Lorenzo, ricadente nel mandamento di Partanna Mondello, ha riferito che, nello stesso torno di tempo della sua formale affiliazione, avvenuta nel dicembre 1980, il suo sottocapo Pippo Gambino aveva comunicato che non c’erano soldi in cassa perché Rosario Riccobono aveva preteso dalle quattro famiglie del suo mandamento un contributo di tre o quattro milioni di lire, destinato all’acquisto di una autovettura da regalare al dott. Contrada. Lo stesso Ferrante ha sostenuto di avere sentito parlare, per la prima volta, dell’odierno imputato in quella circostanza.

Indipendentemente, infatti, dal giudizio di attendibilità intrinseca del Ferrante (sulle cui dichiarazioni non risulta compiuta alcuna attività integrativa di indagine per la ricerca di eventuali riscontri11), è palese come lo stesso si sia riferito ad un prelievo nell’imminenza del Natale 1980 e non del 1981, incidente sulle casse delle famiglie del mandamento di Partanna Mondello e non, esclusivamente, della famiglia del Riccobono ( le cui finanze, peraltro - ha chiarito il Mutolo - ben floride grazie ai proventi del traffico degli stupefacenti, non erano state depauperate più di tanto dalla trattenuta dei quindici milioni di lire).

Oltretutto, stando al narrato del Ferrante, il Riccobono non avrebbe avuto ragione di detrarre quindici milioni di lire in sede di conteggi, avendo già ottenuto il denaro per pagare l’autovettura con un prelievo straordinario dalle casse delle famiglie.

In sostanza, le dichiarazioni del Ferrante appaiono positivamente apprezzabili unicamente come indicatore dell’assenza di qualsiasi ipotesi di complotto - proprio perché una preordinazione di esso avrebbe imposto una lettura lucida ed orientata degli atti del giudizio di primo grado - ma non hanno corroborato in alcun modo quelle del Mutolo.

Considerazioni analoghe possono farsi a proposito delle propalazioni del collaborante Francesco Onorato, il quale, all’udienza del 19 gennaio 1999 (pag. 35 della trascrizione) ha dichiarato che Calogero Adamo, recatosi al bar “Singapore”, luogo di incontri dei mafiosi della famiglia di Partanna Mondello, avrebbe ricordato a Salvatore Micalizzi <<che Riccobono doveva dargli dei soldi, perché aveva dato una macchina al dott. Contrada>>.

Ora, a parte la carenza di riferimenti temporali, questo episodio non si concilia con il presupposto della detrazione dei quindici milioni di lire, cioè con il loro pagamento.

Lo stesso Adamo, del resto, escusso nel primo dibattimento di appello all’udienza del 17 marzo 2000, non si è limitato a smentire l’episodio (cosa che avrebbe avuto interesse (cosa che, al limite, avrebbe avuto interesse a fare), ma ha riferito che il Riccobono era un ottimo cliente, avvezzo a pagare in contanti, o talvolta con assegni, ma comunque sempre per cassa, le autovetture che acquistava (pag. 100 della trascrizione).

Tali precisazioni, non smentite in alcun modo dalle risultanze processuali , appaiono credibili alla stregua della caratura mafiosa del Riccobono, tale da rendere poco verosimile la sua messa in mora, così come,a monte, il suo inadempimento.

In conclusione, l’indicazione accusatoria del Mutolo, relativa alla detrazione del prezzo di una Alfa Romeo”, non è corroborata da adeguati riscontri esterni ma non ridonda nemmeno a detrimento della complessiva attendibilità del collaborante, così come della notevole portata del suo contributo, positivamente verificate dal Tribunale.


CAPITOLO IV



Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   70


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale