Capitolo I lo svolgimento del processo



Scaricare 1.66 Mb.
Pagina6/70
29.03.2019
Dimensione del file1.66 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   70
Perché questa differenza, dice l’avvocato.

FRANCESCO MARINO MANNOIA: innanzitutto volevo dire questo, se ci sono state arrabbiatine questo e quell’altro, certamente questi illustri magistrati non avevano ammazzato a nessuno a me, erano li per farsi il loro lavoro, il loro dovere.

Se è capitato che mi sono soffermato diffusamente su altre situazioni e non sul dottore Contrada poteva succedere viceversa prolungarmi sul dottor Contrada e non soffermarmi sulla strage di Capaci.

È assolutamente casuale>>.

Lo stesso collaborante, invero, ha riferito di non ricordare <<fatti particolari a carico del dottor Contrada>>, soggiungendo << Non è che io dico che non volevo parlare del dottor Contrada, per l’amor di Dio, perché se i ricordi vengono allora vengono, se non vengono non vengono, io aspettavo i signori Procuratori della Repubblica, in particolare il dottore Caselli e la sua équipe, poiché avevo fatto sapere dal mio legale che avevo intenzione di dire a loro le mie responsabilità personali degli omicidi che avevo commesso, cosa che in Italia non avevo parlato prima.



Poiché l’avevo già confessato al Governo degli Stati Uniti, ai procuratori degli Stati Uniti di New York, allora mi faceva dovere informare la procura che venisse a interrogarmi su questi fatti.

Al che il 2 e il 3 aprile, il 2 aprile mi vedo presentare dinanzi a me, una flotta di persone, tra cui il dottor Di Nebra 16il dottor Caselli, vi erano parecchie e parecchie persone, fra cui i miei legali ed altre persone (pagine 11 e 12 trascrizione udienza 20 maggio 1999)>>.

Né vale ad infirmare la credibilità del Marino Mannoia il fatto che questi, nel corso del suo esame, non avesse detto che anche il 2 aprile 1993 gli era stato chiesto cosa sapesse sul conto dell’odierno imputato: non sorprende, cioè, che egli non si ricordasse di avere risposto su un tema del quale aveva dichiarato di non ricordare nulla, se non la veste di funzionario di Polizia dell’imputato.

E’ assolutamente plausibile, per contro, che la figura di Contrada fosse stata da lui mentalmente associata allo specifico frangente in cui - opponendo di non essere più in grado di scavare nei propri ricordi - egli aveva cercato di porre fine al lunghissimo interrogatorio del 3 aprile 1993.

Oltretutto, è la stessa frammentarietà di tali ricordi che spiega il perché della loro progressiva emersione: nell’interrogatorio del 27 gennaio 1994 i dati sovvenuti al dichiarante sono l’esistenza di un rapporto personale tra l’imputato e Rosario Riccobono, additato a sospetto, come si dirà, dal mafioso Stefano Giaconia; la crisi, intervenuta e personalmente constatata negli anni 1979-1980, tra lo stesso Bontate e Rosario Riccobono; la diffidenza del primo nei confronti del secondo, sospettato di essere autore di delazioni.

In dibattimento, invece, vengono delineati altri fatti di più difficoltosa messa a fuoco, e segnatamente la conversazione tra Stefano Bontate ed il suo sottocapo Giovanni Teresi, dipendente di Arturo Cassina, vertente su un appuntamento da fissare per il tramite di Cassina con Contrada, e gli episodi delle patenti ottenute dallo stesso Bontate e da “Pinè Greco” mercè l’interessamento dell’imputato.

Né è inverosimile, a dispetto di quanto dedotto a pag. 12 del volume II capitolo V paragrafo V.1 dell’Atto di impugnazione, che, tenuto conto della notorietà di Contrada, in prima linea nell’apparato investigativo della Questura di Palermo, Marino Mannoia non ricordasse nemmeno genericamente di averne sentito parlare come funzionario colluso da una certa epoca in poi (che il Mutolo aveva collocato successivamente al proprio arresto).

Ed invero - operando l’omertà anche come regola interna a “Cosa Nostra” - lo stretto rapporto con il capofamiglia non autorizzava il collaborante a rivolgere domande riguardanti funzionari di Polizia, pur rendendosi occasionalmente possibile la percezione di rapporti personali tra costoro e soggetti mafiosi (come accaduto de visu anche a Gaspare Mutolo ed a Gioacchino Pennino nei riguardi del dott. Purpi), ovvero la percezione di specifici episodi di favoritismo (come avvenuto, per esperienza diretta del Marino Mannoia, nei riguardi del dott. Speranza).

Non stupisce, dunque, che il Marino Mannoia avesse focalizzato il ricordo di un rapporto di conoscenza diretta tra Bontate e Contrada, mediato dall’imprenditore Arturo Cassina, ancorandolo ad una reminiscenza specifica di un fatto occasionale come la conversazione Bontate – Teresi nel giardino della villa di Stefano Bontate.

In tale colloquio, peraltro, egli non aveva titolo per ingerirsi, trovando, dunque, piena giustificazione le espressioni, stigmatizzate dai difensori appellanti, del tipo <>.

Per queste ragioni non colgono nel segno i rilievi, svolti alle pagine 16 e 17 del volume 16 dei Motivi nuovi di appello, secondo cui:


  • se effettivamente Bruno Contrada e Stefano Bontate avessero avuto rapporti tra loro nel quinquennio tra l’affiliazione del collaborante e l’uccisione del suo capo famiglia”, cioè tra 1976 e l’aprile 1981, Marino Mannoia ne avrebbe necessariamente constatato l’esistenza e la consistenza avendo, pur da semplice soldato, un rapporto diretto con il Bontate;

  • se rapporti siffatti fossero esistiti, anche Salvatore Contorno, mafioso di notevole spessore criminale e, poi, pentito di rilievo sin dal 1984, affiliato alla "famiglia" di mafia di Santa Maria di Gesù, ne avrebbe parlato, cosa che non era mai avvenuta.

In altri termini, il silenzio di Salvatore Contorno (che non è dato sapere se sia stato interpellato su Contrada), ha la medesima spiegazione della scarsità di notizie di Marino Mannoia: non è scontato, cioè, che, date le regole interne a “Cosa Nostra”, l’uno o l’altro dovessero sapere più di quanto hanno dichiarato di sapere.

E’ parimenti plausibile, per la necessaria occasionalità di questo tipo di conoscenze, la spiegazione, offerta dal Marino Mannoia , di avere appreso dei contatti tra il Contrada e Riccobono nel frangente in cui Stefano Bontate gli aveva esternato i suoi dubbi sulla affidabilità del capo mandamento di Partanna Mondello, sospettato di essere un delatore17.

D’altra parte, per quanto è emerso dal processo, il rapporto dell’odierno imputato con Stefano Bontate è stato meno intenso - e di gran lunga meno rilevante rispetto al paradigma del concorso esterno in associazione mafiosa - rispetto a quello con Rosario Riccobono, essendo genericamente funzionale, nella strategia di Bontate, ad un ammorbidimento del funzionario di Polizia. Si spiega, dunque, la maggiore quantità di informazioni di Gaspare Mutolo, che del Riccobono era stato il braccio destro e con lui ed i familiari aveva addirittura vissuto sotto lo stesso tetto un periodo di latitanza.

Per altro verso, le parole <<Con tanti nomi di poliziotti potrei anche confondermi>>, pronunziate il 3 aprile 1993, si armonizzano perfettamente con una condizione di estrema stanchezza, e dunque con quella difficoltà di mettere a fuoco i propri ricordi che è stata ravvisata dal Tribunale.

La stessa pretesa dei difensori appellanti di stabilire una durata media della redazione di ciascuna pagina del verbale (45 minuti), e di inferirne che la risposta sul Contrada era intervenuta alquanto prima della chiusura del verbale stesso, non tiene conto di tale circostanza, e comunque muove da una astrazione che non risponde al concreto procedere di una verbalizzazione riassuntiva, non necessariamente coincidente con i tempi delle dichiarazioni verbalizzate.

Peraltro, la predetta risposta è riportata alla fine e non, come si sostiene nell’atto di appello, all’inizio della pagina 18, ed il verbale si chiude all’inizio della pag. 21, come emerge dalla lettura del documento, acquisito all’udienza del 19 maggio 1995 .

Superati, dunque, i rilievi riguardanti le risposte agli interrogatori del 2 e del 3 aprile 1993 e le relative giustificazioni date dal collaborante, va parimenti disatteso l’assunto secondo cui la progressione dei suoi ricordi denoterebbe un “adattamento manipolatorio”.

Ferma restando, infatti, la considerazione che un ipotetico complotto avrebbe implicato una regia complessiva delle collaborazioni, il condizionamento del Marino Mannoia avrebbe dovuto necessariamente essere fatto con l’avallo del governo degli Stati Uniti D’America, che al pentito aveva accordato protezione nel suo territorio. Senza dire che l’ipotesi del pedissequo adeguamento non può desumersi dal semplice fatto che il collaborante abbia riferito fatti riferiti da altri o descritto il medesimo contesto collusivo già delineato da altri.

Su questo aspetto, non può che farsi rinvio alle pagine 611-615 dell’appellata sentenza, ed alla positiva verifica, operata dal Tribunale, della originalità e della attendibilità estrinseca delle dichiarazioni rese dal collaborante su particolari ed episodi nuovi, rivelatori di autonomia rispetto ad altre fonti propalatorie (pagine 615-654 della sentenza di primo grado).

Prima, tuttavia, di passare alle censure riguardanti tali particolari ed episodi nuovi, giova rilevare che - ad onta di quanto sostenuto dalla Difesa in questo giudizio di rinvio all’udienza del 27 ottobre 2005 - l’esame di Marino Mannoia in grado di appello non ha introdotto alcun elemento di discontinuità o di contraddizione rispetto alle dichiarazioni rese in primo grado.

Nel primo giudizio di appello,infatti, il collaborante ha confermato tutte le sue precedenti dichiarazioni con riguardo ai punti sui quali è stato interpellato.

Segnatamente (pag. 21 della trascrizione) ha confermato che, recatosi a trovare “verso il 1976”, su mandato di Stefano Bontate, il mafioso Stefano Giaconia, gli aveva sentito muovere al Riccobono l’accusa di averlo tradito con una delazione fatta a Contrada, accusa che aveva contribuito a fare deliberare ed eseguire la soppressione fisica del Giaconia. Come si ricava dalla sentenza di primo grado, anni dopo, però, lo stesso Bontate sembrava avere mutato avviso, ed analoghi sospetti, dopo la morte del Riccobono, erano stati manifestati al collaborante in carcere dal codetenuto Pietro Lo Iacono (cfr. pagine 651 e segg. della sentenza appellata) <“ forse, forse, aveva ragione quel disonesto del Giaconia nei confronti del Riccobono”, si era già verificata un’incrinatura nei rapporti tra il Bontate ed il Riccobono a causa di antagonismi interni agli schieramenti mafiosi, il che giustifica il risentimento del Bontate e l’uso strumentale di quella accusa del Giaconia che lo stesso Bontate, nell’immediatezza del suo verificarsi, aveva ritenuto del tutto infondata.

Allo stesso modo Lo Jacono Pietro quando il Riccobono era già stato vittima della guerra di mafia dei primi anni “80, dopo la sua scomparsa “per lupara bianca”, aveva reso edotto il Mannoia del suo risentimento nei confronti del predetto avanzando il sospetto postumo che il Giaconia avesse potuto avere ragione ad accusare il Riccobono di essere un confidente della Polizia, collegando tale convincimento ad un ulteriore piu’ recente sospetto, e cioè che il Riccobono avesse potuto collaborare con le Forze di Polizia nell’operazione del c.d. “blitz” di Villagrazia del 1981.

In relazione a quanto riferito dal Lo Iacono al Mannoia, va precisato che i sospetti avanzati dal Giaconia circa un “tradimento” del Riccobono quale presunto autore di “soffiate” alla polizia, anche dopo quanto dichiarato dal teste della difesa Corrado Catalano che ha affermato che quella operazione era scattata a seguito di una notizia confidenziale, di cui non ha ritenuto di disvelare la fonte, possono essere considerati una presunzione del Lo Iacono.

In realtà si tratta di una semplice supposizione del predetto che si era limitato ad immaginare che le cose fossero andate in un certo modo ed in tal senso aveva dato la sua interpretazione del c.d. “blitz” di Villagrazia>>).

E’ appena il caso di rilevare che l’episodio della soppressione e della riabilitazione postuma del Giaconia, pur non intercettando specifiche condotte collusive dell’odierno imputato, attesta la problematicità con cui, nell’ambito dell’organizzazione mafiosa, veniva visto il personale rapporto - dato per acclarato - tra Contrada e Rosario Riccobono.

Tale rapporto, sempre negato da Contrada anche nella forma da di una relazione da confidente a poliziotto, aveva costituito motivo di mormorii mentre era vivo il Riccobono, non essendo ammesse critiche esplicite ai capi; soppresso questi, però, aveva dato luogo a sospetti ormai manifestati senza remore18.

Lo stesso Marino Mannoia, del resto, nel corso dell’esame reso in grado di appello, ha ribadito questo concetto prendendo spunto dal riferimento alla vicenda Giaconia (cfr. pag. 21 della trascrizione relativa all’udienza del 20 maggio 1999: << Io ho saputo dopo la scomparsa di Saro Riccobono, perché prima non lo dicevano, ho saputo che Rosario Riccobono era confidente di Contrada…>>).

Piena conferma al narrato del collaborante, per questo aspetto, è stata offerta, come meglio si dirà:


  • nel giudizio di primo grado, dai collaboranti Tommaso Buscetta e, indirettamente, Salvatore Cancemi (quest’ultimo, de relato da Giovanni Lipari, suo capo-decina e successivamente sotto-capo della famiglia di Porta Nuova,ha riferito delle assicurazioni che, in seno alla “Commissione provinciale “ erano state date circa la lealtà del Riccobono e l’utilità di quel rapporto per il sodalizio mafioso);

  • nel giudizio di appello, dai collaboranti Giovanni Brusca (de relato di Salvatore Riina) ed Angelo Siino (de relato di Stefano Bontate).

Il Marino Mannoia ha, parimenti, ribadito che il Bontate gli aveva detto di avere ottenuto, grazie all’interessamento dell’imputato, la patente “per un noto esponente di cosa nostra”, confermando che si era trattato di Giuseppe, detto “Pinè, Greco (pagine 24-25-26 trascrizione udienza 20 maggio 1999) pur non essendo facile per lo stesso Bontate <<ottenere (…)la patente che era stata in precedenza levata per motivi appunto di appartenenza, diciamo schedati come persone pericolose>> (pag. 26 ad finem).

Lo stesso collaborante, inoltre, pur perseverando nel non ricordare il nome della traversa della via Ammiraglio Rizzo nella quale si trovava l’abitazione di Rosario Riccobono, ne ha fornito le esatte coordinate, precisando che << vi erano dei magazzini, sotto vi era un macellaio, vi erano dei box posteggio macchine>>, in perfetta sintonia con gli accertamenti compiuti dal teste Luigi Bruno, del centro operativo della D.I.A. di Palermo in ottemperanza alle deleghe di indagine riguardanti la ricerca dei riscontri alle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Mutolo, rispettivamente illustrati dal medesimo teste alle udienze del 19 settembre 1995 (per Mutolo), dell’undici e del 18 marzo 1999 (per Onorato).

Ha riferito, inoltre, di avere appreso dal mafioso Salvatore Federico, uomo d'onore della famiglia di Bontade (pag. 46 trascrizione udienza 20 maggio 1999) che, grazie ad una soffiata, in una occasione il Riccobono era riuscito a fuggire per tempo da quell’appartamento (pag. 53 e 54 ibidem), ed ancora (pag. 47, ibidem) << Sempre per quello che ho saputo appunto da parte di Stefano Bontade che Rosario Riccobono era in ottimi rapporti e riusciva a sfuggire sempre alla cattura tramite appunto informazioni del dottor Contrada.




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   70


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale