Capitolo I lo svolgimento del processo



Scaricare 1.66 Mb.
Pagina7/70
29.03.2019
Dimensione del file1.66 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   70
È vero o non è vero questo non lo so.

Dopo la sua morte dicevano che era confidente di Contrada>>.

Infine, il Marino Mannoia ha ribadito le accuse di collusione rivolte nel dibattimento di primo grado nei riguardi del funzionario di Polizia dott. Luigi Purpi, gratificato di un appartamento dal mafioso Mimmo Teresi, costruttore vicino allo stesso Bontate (pag. 50, ibidem), accuse dei cui riscontri nella sentenza appellata è stata data ampia contezza (pagine 414-430, 595-596, 610, 616 della sentenza appellata).

Ed ancora il Marino Mannoia ha confermato (pag. 20 trascrizione udienza 20 maggio 1999) di avere percepito la conversazione tra il Bontate e Giovanni Teresi, riguardante un appuntamento da fissare tra gli stessi, l’imprenditore Arturo Cassina e l’ imputato.

L’unico, apparente, elemento di novità rispetto alle dichiarazioni rese nel dibattimento di primo grado è stata la puntualizzazione: <<Non è che tutto quello che dicono in "cosa nostra" sia sempre oro colato o sia l’onestà in persona per chi parla>> (pag. 25 ibidem), cioè un distinguo motivato con l’esempio delle ingiuste accuse di collusioni mafiose, all’Agente di Polizia Natale Mondo19 - mosse, ad avviso del collaborante, “per coprire una carica più alta” - e con la stessa, reciproca diffidenza tra Bontate e Riccobono (pag. 47, ibidem).

Tale distinguo, tuttavia, è del tutto estraneo allo stretto rapporto del collaborante con il suo capofamiglia, tale da rendere impensabile, oltre che del tutto superfluo, che Bontate mentisse a Marino Mannoia.

Tornando, dunque, agli specifici rilievi mossi nell’Atto di impugnazione e nei motivi nuovi di appello sui singoli aspetti delle dichiarazioni di Marino Mannoia, la sentenza appellata ne esaurisce, in massima parte il contenuto.

Giova, tuttavia, puntualizzare, per quanto attiene alla vicenda “patente Pinè Greco, che i difensori appellanti hanno stigmatizzato come un espediente per precostituirsi una giustificazione in caso di appurato mendacio (pag. 49 del volume II, capitolo V paragrafo V.1 dell’Atto di impugnazione) le riserve con cui il collaborante ha accompagnato la sua dichiarazione : <<...L'ultima notizia che io apprendo dal Bontate è che Bontate ottiene la patente e che l'interessamento è avvenuto da parte del dott. Contrada e che non è solo la sua patente, io credo di ricordare, ma non vorrei fare errore, che il Bontate stesso insieme al Girolamo Teresi, o comunque, o Bontate o G. Teresi, si sono premurati per il piacere di portarla loro stessi, di propria mano, la patente ad un altro personaggio di "Cosa Nostra", io credo di ricordare, ma ovviamente sono passati tanti anni, di ricordare anche quella persona si chiamava Pinè Greco, un uomo d'onore di Ciaculli>>. (Pagg. 10 e 11 trascrizione udienza 29-11-1994, concetto ribadito in sede di controesame).

In realtà,la prima riserva posta dal Marino Mannoia verte non sul favore in sé, ma sulla identità del mafioso che ne fu beneficiario, individuato in Giuseppe Greco; indicazione confermata dll’esito delle indagini sullo svolgimento della pratica.

La seconda, enunciata con le espressioni <> riguarda non l’intervento di Stefano Bontate, di per sé dato per certo dal collaborante, ma le modalità del diretto recapito del documento (anch’esso certo), e cioè un aspetto marginale della vicenda, per di più appresa de relato.

Sotto altro profilo, i difensori appellanti hanno dedotto (pagine 50-52 del volume II, capitolo V paragrafo V.1) che:



  • sulla base dei documenti in atti non sarebbe dato << stabilire, accertare, desumere, arguire o sospettare semplicemente che il dott. Contrada abbia mai svolto un qualsiasi interessamento favorevole per la pratica della patente o per qualsiasi altro motivo per il mafioso Giuseppe Greco>>;

  • tenuto conto del tenore nella nota manoscritta redatta dal Questore Vincenzo Immordino in data 17 Gennaio 1980, con cui era stato espresso parere contrario alla restituzione della patente, doveva ritenersi che l’imputato, consultato nella qualità di dirigente ad interim della Squadra Mobile (:“sentito dirigente Mobile; sentito il dir. Misure di Prev.”), si fosse espresso in modo parimenti contrario;

  • l'istanza del Greco, datata 20 agosto 1979, risulta protocollata (e quindi, deve presumersi, pervenuta) con visto d'ingresso in Questura soltanto l’undici dicembre 1979, né il Questore Epifanio, "sua sponte", o perché interessato da Contrada o da altri, aveva chiesto - come avrebbe potuto - al dirigente del 1° Distretto una immediata risposta in modo da potere, a sua volta, inoltrare alla Prefettura l'istanza del Greco con parere favorevole;

  • i tempi di tale risposta, pervenuta in Questura il 28 dicembre successivo, quando lo stesso Epifanio aveva lasciato il suo incarico di Questore, dimostravano che l'interessato non nutriva alcuna favorevole aspettativa, nei riguardi di Contrada e Epifanio, separatamente o congiuntamente, per il buon esito della sua istanza.

I medesimi difensori hanno osservato, inoltre, che, se fosse rispondente alla realtà la ricostruzione della pratica in argomento fatta nella sentenza <

  1. Il Prefetto di Palermo dott. Girolamo Di Giovanni;

  2. Il Questore di Palermo dott. Giovanni Epifanio;

  3. Il V. Questore Bruno Contrada, Dirigente della Squadra Mobile e CRIMINALPOL di Palermo;

  4. Il V.Questore dott. Carmelo Emanuele, Dirigente Ufficio Misure Prevenzione della Questura di Palermo;

  5. Il V.Questore dott. Francesco Faranda, Dirigente del 1° Distretto di Polizia di Palermo>> (ibidem, pag. 54).

Le argomentazioni sin qui riassunte non intaccano, ad avviso di questa Corte, il nucleo essenziale della valutazione del Tribunale, e cioè l’esistenza dei riscontri estrinseci alla indicazione accusatoria del Marino Mannoia.

Quel giudice, invero, ha individuato il riscontro individualizzante alla indicazione dell’imputato - all’epoca titolare del doppio incarico di Dirigente della Squadra Mobile e della Criminalpol - nella già ricordata circostanza, riferita dal teste Piero Mattei, della possibilità di accesso, all’epoca del fatto e senza alcuna traccia scritta, del personale di Polizia agli archivi esistenti presso l’Ufficio patenti della Prefettura.

Tale elemento resiste alle obiezioni difensive. La richiesta di informazioni al I Distretto di Polizia, infatti, venne inoltrata a mezzo fonogramma, il giorno successivo alla data di protocollo dell’istanza, sì da presupporre la necessità di una pronta risposta, ed il I Distretto di Polizia rispose comunque in tempi assai brevi, trasmettendo le informazioni, favorevoli al Greco, dopo appena dodici giorni.

Ulteriore riscontro alla indicazione accusatoria di Marino Mannoia è stato offerto dallo stesso Giuseppe Greco, il quale, come ricordato alle pagine 629 e 630 della sentenza appellata, nel corso del proprio esame ha ammesso di avere conosciuto superficialmente Stefano Bontate. Ha affermato di non sapere se fosse stato lui a fargli recuperare il documento, ed ha precisato che l’istanza da firmare gli era stata sottoposta da un suo conoscente, tale Pino Romano, successivamente ucciso negli Stati Uniti d’America (è sintomatico, a conferma della parziale reticenza del Greco, che egli non avesse escluso di essere stato beneficato da un capo mafia che ha sostenuto di conoscere superficialmente).

D’altra parte, anche se nel processo sono emerse condotte di altri funzionari di Polizia - segnatamente il dottor Purpi ed il dottor Speranza - improntate al favoritismo nei riguardi del Bontate (sponsor dell’operazione “patente Pinè Greco”), nel periodo in esame quei funzionari non operavano più all’interno della Questura di Palermo, avendo il dottor Speranza (come dallo stesso riferito in sede di esame) diretto la sezione Rapine della Squadra Mobile sino al febbraio 1978, ed essendo stato trasferito il dottor Purpi nel 1971 prima al I° Distretto di Polizia nella via Roma ed in seguito, intorno al 1977, al Distretto di Polizia di via Libertà, fino all’epoca del proprio collocamento in pensione (cfr. pagine 425-426 della sentenza appellata).

Né, parimenti, può pretendersi che Contrada esprimesse un parere apertamente favorevole al Greco. Senza dire, comunque, che l’indicazione “sentito il dirigente della Mobile; sentito il dir. Misure di Prev.” non autorizza ad inferire che l’imputato si fosse espresso nei termini così netti con cui ritenne di farlo il Questore Immordino.

Infine, la ipotizzata necessità di un accordo tra cinque funzionari (il Prefetto, il Questore, l’odierno imputato, il Dirigente l’Ufficio Misure Prevenzione della Questura di Palermo, ed il dirigente del I Distretto di Polizia) è un argomento fuorviante, giacchè il il thema decidendum è se Contrada, per quanto le contingenze glielo consentivano, si fosse adoperato in favore del Greco perché riottenesse la sua patente, così facilitando un mafioso nei suoi spostamenti ed accrescendo il prestigio di Stefano Bontate.

Considerazioni parzialmente diverse si impongono a proposito delle anomalie nella pratica di rilascio del passaporto allo stesso Giuseppe Greco, così riassunte dal Tribunale (pag. 635-636 della sentenza appellata):



  • in data 14/3/1978 il Dirigente della Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Palermo richiedeva al Dirigente dell’Ufficio Misure di Prevenzione un parere circa l’opportunità di aderire alla richiesta di rilascio del passaporto avanzata dal Greco Giuseppe;

  • il giorno successivo, il 15/3/1978, con nota n° 90/5261 si rispondeva alla richiesta di informazioni comunicando esclusivamente che il nominato in oggetto risultava diffidato ed indiziato di appartenenza alla mafia, ma non si esprimeva alcun parere;

  • il giorno dopo ancora, il 16/3/1978, la Questura rilasciava il passaporto n° C 856019, valido per cinque anni per tutti i paesi (come si evince dalla nota della Questura di Palermo, in data 18/3/1978, categ. 22.B/77, intestata al Greco Giuseppe, indirizzata a vari uffici).

La mancanza del parere, la fulmineità nel rilascio ed il fatto che, dal registro di consegne passaporti, alla data del 16/3/1978 ed in corrispondenza del nominativo del Greco Giuseppe non risulta apposta alcuna firma per consegna nè alcuna annotazione riguardante la persona che aveva ritirato il passaporto, costituiscono elementi sintomatici di un interessamento, apparendo non conducente l’obiezione difensiva secondo cui la pretesa al rilascio del passaporto ha natura di diritto soggettivo pieno.

Tali elementi, tuttavia, non attingono autonomamente la soglia della gravità, cioè di una qualificata prossimità logica rispetto alla persona dell’imputato, né possono considerarsi alla stregua di riscontri in carenza di una specifica indicazione accusatoria del Marino Mannoia o di altri collaboranti sul rilascio del documento. Ciò, tuttavia, non inficia minimamente l’impianto accusatorio, trattandosi di uno spunto aggiuntivo rispetto alle propalazioni del collaborante, che il Tribunale ha ritenuto di valorizzare.

Quanto alle censure riguardanti la vicenda del rilascio della patente di guida a Stefano Bontate si rinvia alla successiva disamina delle propalazioni del pentito Salvatore Cancemi.

Analogamente, in ordine al presunto intervento del costruttore Angelo Graziano nel procurare un appartamento a Contrada ed al ruolo di tramite dell’imprenditore Arturo Cassina nella instaurazione di rapporti tra Stefano Bontate e l’imputato, si rimanda alla già operata disamina delle analoghe dichiarazioni di Gaspare Mutolo.

Conclusivamente, mette contro rilevare come l’istruzione rinnovata nel primo dibattimento di appello non abbia introdotto elementi di sostanziale novità nella valutazione della attendibilità intrinseca, della attendibilità estrinseca, e del contributo del Marino Mannoia, positivamente verificate dal Tribunale, che ha avuto ben presente come il dato relativo alla successione nel tempo delle sue dichiarazioni imponesse di valutarle con maggiore prudenza <

Questo principio è stato piu’ volte enunciato dalla Suprema Corte ed, in modo particolare nei confronti dello stesso Mannoia…>> (pagine 611-614 della sentenza appellata).

CAPITOLO V




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   70


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale