Chi emittente-autore del messaggio cioè del quadro? (Brevi cenni – ricerca sulla vita e le opere) edvard munch…



Scaricare 35.05 Kb.
22.05.2018
Dimensione del file35.05 Kb.

https://mm.tt/1064731378?t=7EwOjZLlaE

TITOLO DELL'OPERA: ESEMPIO "L'URLO" di Edvard Munch (1893)
INSERISCI QUI L’IMMAGINE DELL’OPERA

CHI


1. EMITTENTE-AUTORE del messaggio cioè del quadro? (Brevi cenni – ricerca sulla vita e le opere) EDVARD MUNCH…

SPIEGAZIONE: (Brevi cenni – ricerca sulla vita e le opere. Occorre analizzare la vita dell’artista in maniera dettagliata per comprenderne:

Nella lettura dell’opera non si può scindere l’opera dall’artista, sono due aspetti intrecciati; la comprensione si basa sulla capacità di noi fruitori di saper trovare le connessioni tra l’opera e l’intenzionalità dell’artista nel comunicare ed esprimere i propri sentimenti.

RAPPORTO TRA ARTISTI Molte opere d’arte sono nate dopo varie vicissitudini che hanno coinvolto diversi artisti; a volte il rapporto era di rivalità (Bernini e Borromini, Ghiberti e Brunelleschi),a volte di amore-odio (Gauguin e Van Gogh), altre volte l’allievo superava il maestro (Leonardo allievo del Verrocchio, Raffaello allievo del Perugino).

2. DESTINATARIO (o COMMITTENTE) e/o RICEVENTE (FRUITORE) del messaggio?

SPIEGAZIONE Il dipinto potrebbe essere stato destinato ad una persona particolare o ad un pubblico particolare, oppure essere stato commissionato da qualcuno. I riceventi sono invece tutti coloro che si pongono di fronte all’opera.


DOVE E QUANDO


  1. CONTESTO: in quale periodo storico (datazione dell’opera), zona geografica (dove viveva il pittore) , contesto artistico (cenni sul movimento artistico di appartenenza) e' stata eseguita l'opera?

SPIEGAZIONE Data di esecuzione del quadro. Dove viveva il pittore quando lo ha eseguito. A che movimento apparteneva. Spiega dunque il movimento di appartenenza, ovvero il contesto artistico.



  1. COLLOCAZIONE : in quale museo si trova l’opera ora?

SPIEGAZIONE: dove si trova l’opera ora.

3.COSA


  1. Definisci se si tratta di un’opera FIGURATIVA (realistica, interpretata, stilizzata) o un’opera ASTRATTA.

SPIEGAZIONE: La RAPPRESENTAZIONE (realistica) e’ un’operazione di riproduzione del dato reale così com’è. L’immagine che ne deriva si dice FIGURATIVA: i suoi elementi sono sempre riconoscibili come appartenenti al mondo REALE. L’ INTERPRETAZIONE e’ un’operazione di modifica del dato reale: interpretare significa rappresentare la realta’ modificando forme e colori per evidenziare alcune caratteristiche o per comunicare le sensazioni che essa ci suggerisce. L’ interpretazione sta a meta’ strada tra rappresentazione realistica e astrazione. L’autore se vuole che l’immagine risulti figurativa non deve mai eliminare del tutto le caratteristiche relative alla forma del soggetto, affinche’ questo sia riconoscibile. Viceversa, allontanandosi progressivamente dalla realtà, l’operazione interpretativa va verso l’astrazione. L’ ASTRAZIONE e’ un’operazione di allontanamento-abbandono del dato reale. Nell’immagine ASTRATTA non e’ piu’ riconoscibile la realta’: essa e’ spesso un’insieme di forme e colori che sembrano non avere significato. Di fatto l’immagine astratta rispecchia spesso sentimenti, stati d’animo, concetti, altre volte e’ semplicemente una ricerca di tipo estetico-formale.

  1. SOGGETTO: Descrivi brevemente il soggetto del quadro.

SPIEGAZIONE: Il SOGGETTO è il contenuto dell’opera, è il suo TEMA.

Dal primo Novecento, con le avanguardie storiche, l’arte si è svincolata dalla ricerca del soggetto; “nell’arte moderna il soggetto non conta più o conta poco”. Questo concetto trova il suo momento di maggiore realizzazione nell’astrattismo, in cui il contenuto corrisponde alla forma stessa.

ELEMENTI CHE COSTITUISCONO L'OPERA. In questa fase si descrivono gli elementi più significativi dell’opera: se è figurativa si analizzano oggetti, uomini e animali, paesaggi; se è astratta si analizzano forme e colori. Vanno distinti gli elementi principali da quelli secondari: si dividono FIGURA e SFONDO, gli elementi naturali, le presenze architettoniche ed umane, gli ambienti interni da quelli esterni, gli oggetti e il contesto spazio-temporale in cui sono raffigurati (natura del luogo, ora del giorno, stagione, etc.) Descriviamo lo sfondo (se è un ambiente naturale o artificiale) e lo definiamo in modo quanto più possibile preciso. Per approfondire definiamo:

ASPETTO FISICO (uomo/donna, età, altezza, corporatura, forma del viso, forma e colori degli occhi e dei capelli, forma del naso e della bocca, insomma si descrivano tutti quegli elementi che possano contraddistinguerlo)



  • ABBIGLIAMENTO (se nudo o vestito, cercando di dare un nome agli indumenti, attribuendo colori e fogge)

  • LA POSA (dei personaggi è prevalentemente:(aiutati con gli aggettivi) frontale/ di profilo /di ¾, rigida o morbida, statica o dinamica, eretta o seduta o sdraiata. le figure risultano appiattite o tridimensionali

  • GESTUALITA’-POSIZIONI (del volto, delle braccia, delle gambe, per esempio allargate, lungo i fianchi, etc., del busto, ma anche se interagisce con altri soggetti).

  • L’ATTEGGIAMENTO dei personaggi risulta (aiutati con gli aggettivi): ieratico – aulico – amoroso –amorevole-amichevole – minaccioso – ostile …altro?

  • L’ESPRESSIONE DEI VOLTI è (aiutati con gli aggettivi): allegra – sorridente – serena – dolce –dolorosa – inespressiva – neutra – drammatica -felice-infelice - ironica - seria…altro?

3) CONTENUTO: Cerca di definire se si tratta di un'opera a contenuto storico, mitologico, allegorico-simbolico, religioso, sociale-umanitario, politico, fantastico, espressionista o di "genere" come scene di vita domestica, natura morta, paesaggio, ritratto (singolo o di gruppo), nudo, veduta. Prova a decifrare i principali elementi iconografici se presenti.

SPIEGAZIONE: Un’opera può rappresentare un soggetto religioso oppure un paesaggio, una natura morta, un ritratto, una scena storica o allegorica. Talvolta il soggetto è già evidenziato dal titolo dell’opera e basta approfondirne i contenuti. Nell’opera figurativa vanno approfondite le notizie utili a comprenderne il soggetto: in un quadro storico, ad esempio, si ricostruisce l’evento narrato; in un’allegoria, si ricostruisce il mito di origine o si individuano i riferimenti simbolici, le fonti letterarie, ecc.

Lettura iconografica (ICONOGRAFIA): la parola iconografia indica la descrizione delle immagini o meglio dei temi contenuti in esse.

Se il soggetto dell’opera è religioso o mitologico, è bene individuare le figure allegoriche (es. una donna con la bilancia in mano) o i simboli (es. una croce) presenti.

Per fare un esempio, la corona di spine e l'aureola sulla testa di un uomo torturato sulla croce identificano il personaggio come Gesù Cristo, rispetto ad altri che, pur subendo la stessa tortura, hanno invece un'altra identità (per esempio i due ladroni crocifissi, secondo i Vangeli, insieme a Gesù.) Ma anche esseri dall'aspetto umano,

ma alati, diventano angeli o amorini, o altro, a seconda degli altri attributi iconografici presenti. Infatti se per esempio tiene fra le mani un arco, si tratterà senz'altro di un amorino (iconografia pagana).




4.COME


  1. CANALE: TECNICA E MATERIALI E DIMENSIONI del quadro?

SPIEGAZIONE: qual è il CANALE usato? (tecnica e supporto ovvero materiali fisici di cui l’oggetto è composto e la tecnica con cui è lavorato) (per esempio affresco, mosaico, dipinto su tavola, su tela, su carta, tempera, olio, acrilico, acquarello, incisione, fotografia, ecc.?) Dimensioni in cm.

  1. STILE

      1. STILE PITTORICO E FORMALE: tipo di stesura pittorica. Per esempio a puntini, a piccoli tratti, a larghe pennellate, a zone piatte, a sfumatura, a macchia?



        SPIEGAZIONE: perché l’artista' ha dipinto il soggetto in quel modo, spiega il suo STILE, ecc.).

        Lo STILE è l’organizzazione dell’oggetto artistico, il suo carattere formale, l’impronta personale dell’artista che lavora laSPIEGAZIONE: Primo livello di descrizione: descrivo gli elementi del linguaggio visivo cioe': PUNTI, LINEE, SUPERFICI,

        materia in un dCOLORI, LUCI E OMBRE rispondendo alle domande. eterminato modo. Lo stile è anche il contrassegno di un gruppo o di una corrente di artisti, di una “scuola” complessiva di un’intera epoca storica.

      2. ELEMENTI DEL LINGUAGGIO VISIVO:

    1. Che tipo di articolazioni lineari sono presenti? curvilinee, rettilinee, spezzate, alternate - MORBIDE/RIGIDE? Fai degli esempi.

    2. Che tipo di andamenti lineari prevalgono? orizzontali, verticali, obliqui? Fai degli esempi.

    3. Quali elementi dell' immagine sono resi con tessiture (texture) o superfici particolari (TEXTURE

DECORATIVE/GEOMETRICHE/DI MATERIALE)?

    1. Quali contrasti o abbinamenti di colore sono presenti?(rispondi a tutti i punti): -contrasto di colori puri - di chiaroscuro - di complementari – di caldo-freddo - di quantita' - di qualita'?

    2. I colori sono prevalentemente: CALDI/FREDDI-----ACCESI/SPENTI------- SATURI/INSATURI----CHIARI/SCURI----

BRILLANTI/OPACHI

    1. Sono presenti colori acromatici? (bianco, nero, grigio) Quali e dove?

    2. Vi è o prevale un'unica tonalità?

si tratta di dipinto MONOCROMO o POLICROMO?

    1. Il rapporto tra i colori e' di tipo TIMBRICO o TONALE?

    2. La luce è DIRETTA o DIFFUSA? crea ombre NETTE o SFUMATE?

    3. La direzione della luce e' frontale, laterale, dal basso, dall'alto, radente, controluce?

SPIEGAZIONE Secondo livello di descrizione: descrivo l’organizzazione spaziale, le regole percettive, le regole compositive rispondendo alle seguenti domande:

    1. E' rappresentata la profondità dello spazio? Se si, attraverso quali indici o metodi viene data l'idea di profondità: deformazione sovrapposizione trasparenza Prospettiva centrale Rimpicciolimento grandezze Tessitura luce e ombra Prospettiva accidentale

    2. LO SPAZIO RISULTA (aiutati con gli aggettivi):

AMPIO o RISTRETTO-----COMPRESSO o DILATATO------PROFONDO o SU 2 PIANI o SU UN UNICO PIANO-----REALE o IRREALE-ASTRATTO.

    1. LA COMPOSIZIONE RISULTA (aiutati con gli aggettivi): SIMMETRICA o ASIMMETRICA -------ORDINATA o DISORDINATA-------STABILE o INSTABILE------STATICA o DINAMICA-----EQUILIBRATA o DISEQUILIBRATA-----RITMICA o ARITMICA

    2. Individua le linee-forza della composizione (segnale direttamente sull’immagine con un pennarello).


5.PERCHE'





  1. FUNZIONI del MESSAGGIO: quali funzioni ha il messaggio?: informativa, narrativa, espressivaemotiva, immaginativa, esortativa, estetica, celebrativa, devozionale, provocatoria? Qual e’ il

MESSAGGIO che l'opera vuole comunicare, contestualizzato nel periodo, nel luogo e nelle intenzioni personali dell'autore e del suo committente, qualora ci fosse; PERCHE' l'artista ha scelto quel soggetto…

SPIEGAZIONE: L’opera d’arte ha sempre una funzione comunicativa. Si possono però ulteriormente individuare dei sottotipi di funzione: le immagini che raccontano vicende, eventi storici, miti, hanno funzione narrativa. Le immagini di soggetto sacro hanno funzione devozionale. Le immagini che esprimono i sentimenti dell’autore e coinvolgono l’aspetto emozionale dell’osservatore hanno funzione espressivo-emotiva. La funzione estetica è espressa da opere fatte per il piacere di essere guardate. Sono immagini dove le linee dei profili, la scelta e gli accostamenti dei colori, l’esecuzione tecnica, la disposizione degli elementi sono particolarmente curati per ottenere effetti di equilibrio, perfezione e piacevolezza visiva, cioè effetti fortemente estetici. Le immagini realizzate per celebrare una persona o un evento hanno funzione celebrativa. Le immagini sorprendenti, al di fuori delle regole, hanno funzione provocatoria. Spesso un’opera assolve a più funzioni.)



SPIEGAZIONE: Le MOTIVAZIONI PERSONALI e socio-culturali che hanno determinato l’opera; esistono motivazioni personali che spingono l’autore, all’interno del suo percorso artistico, a produrre un particolare manufatto. Ci sono poi motivazioni più globali, di cui l’artista può anche essere inconsapevole, dettate dal periodo storico, sociale e politico.



  1. SIGNIFICATO dei SINGOLI ELEMENTI, eventuali SIMBOLI O ALLEGORIE PRESENTI racchiusi in esso (ICONOLOGIA). SIGNIFICATO GLOBALE dell'opera, citando anche fonti e interpretazioni di critici d’arte

SPIEGAZIONE: Lettura iconologica (ICONOLOGIA) =significati culturali, simbolico-allegorici e valori espressivi. L'ICONOLOGIA (dal greco eikon, immagine e Logía: discorso, quindi descrizione approfondita dell’immagine) è una branca della storia dell’arte che si occupa di ricercare il significato delle immagini, dei simboli e delle figure allegoriche dell’arte. L’iconologia si differenzia dall’iconografia, perché questa si occupa della descrizione dei temi presenti nell’opera figurativa, mentre l’iconologia ha lo scopo di interpretare gli stessi temi)

SIMBOLI e ALLEGORIE, vanno decifrati rintracciando il significato che in ogni epoca hanno assunto sulla base di precisi valori religiosi, mitologici, culturali.

L’opera può nascondere SIGNIFICATI diversi da quelli direttamente espressi dal soggetto. Una battaglia può avere solo valore celebrativo, ma può anche esprimere valori ideologici, simboleggiare, ad esempio, la lotta di un popolo per la conquista della libertà. Un tema apparentemente banale, perché descrive situazioni quotidiane o anonime, può, invece, essere portatore di forti valori emozionali e si presta, comunque, a rappresentare una pagina del momento storico e culturale in cui è stato realizzato. (Es. Il Bacio di Hayez) Un’opera espressionista, ad esempio, contiene evidenti deformazioni dei dati naturali relativi agli oggetti rappresentati: è proprio questa la chiave di lettura che l’autore ci offre per comprenderne il significato.



  1. CONSIDERAZIONI PERSONALI

  2. INVENTA L’INTERPRETAZIONE O UNA STORIA PARTENDO DAL DIPINTO

SPIEGAZIONE (perché ti piace, o hai scelto questo dipinto, cosa ne pensi, cosa ti comunica, ecc.)

Prova ad inventare una storia legata al soggetto rappresentato nel dipinto



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale