Civilisation italienne Introduzione



Scaricare 205.11 Kb.
Pagina1/4
26.11.2017
Dimensione del file205.11 Kb.
  1   2   3   4

Civilisation italienne
Introduzione :

  • Identità italiana ?

Identità della penisola ?

8000 km di coste : zona di penetrazione tra varie civilità.

 

I quattro mari : Ligura, Adriatico, Tirreno, Ionio.



 

  • Confini terrestri definiti dalla geografia stessa.

Italia : « cuore » dell’Europa, zona d’incontro  tra vari popoli.

Crocevia (carrefour) tra nord e sud (Europa / Africa), tra est e ovest (Occidente / Oriente).

Dai Balcani alla Russia

 

Un mosaico etnico :



 

Italia « pre-romana » : gia un miscuglio di popoli diversi : etruschi (en Toscane), siculi (di Sicilia), oschi …

Influenze greche, bizantine e islamiche (da Oriente e da Sud).

Invasione barbariche (da Nord).

 

è 2 influssi magiori sulla civilità italiana :



-          l’impero romano : pagano (païenne)

-          la Chiesa romana : Cristiana

 

Un paradosso :



-          una storia millenaria e un mosaico etnico …

-          … eppure, l’Italia in quanto nazione unita esiste soltanto da meno di 150 anni !

Unità : 1870 – dopo il lungo periodi del Risorgimento.

 

Il Risorgimento : il processo unitario dell’Italia, le lotte per l’independenza avvenute nel corso dell’Ottocento.



Il Rinascimento : Tra il Quattrocento e il Cinquecento (courant artistique) à Rinascimento del « sapere antico » (pittura, architettura, musica, poesia, filologia …).

--> Symbolo del Rinascimento : « La nascita di Venere » Botticelli.

 

Capire il significato di « Risorgimento » : senso di una rinascita + per i « padri delle patria » (Garibaldi, Mazzini) è la rinascita del popolo italiano cosi detto oppresso dalla Chiesa e da potenze straniere (austriaci a Nord, Borboni = Bourbons a Sud …).



 

L’unità dell’Italia (1860-1870) : un alleanza tra la dinastia dei Savoia e i « repubblicani » italiani … nascita di un mito !

 

 

Piano cronologico del corso :



 

1/ L’Italia dalle origini alla caduta dell’impero romano

2/ Dall’Italia dei barbari ala rivoluzione dei comuni.

3/ Il Rinascimento e l’età barocca.

 

 

1/ L’Italia dalle origini alla caduta dell’impero romano :



 

            A/ Dal crogiuolo (un creuset) etnico all’unità nella « romanità » :

 

- Fin dall’origine, l’Italia è un mosaico etnico



- Si parla d’Italia “pre-romana”.

- Influenza degli indoeuropei in Italia e in tutta l’Europa, fino all’India. (carta)

 

1500-1000 aC : popoli invasori venuti dall’Est e/o dal Nord : « i veneti » distinti dai Latini (Lazio), dagli umbri, dai piceni, questi ultimi sono tutti ritenuti popoli « italici ». Il colore rinvia alla carta dell’Italia preromana.



 

Communque una mera ipotesa, c’è chi pensa pure che la lingua alla civilita indoeuropea si sia diffusa in maniera pacifica, dalla Turchia e dalla Grecia (con influenze semitiche).

 

Notate altre innumerovoli influenze profonde : i celti, i fenici (« popoli del mare »), etruschi …



 

Chi furono gli indoeuropei ?

-          Impronta (empreinte) profonda sull’ Occidente e l’India

-          Carattere rapido di tali invasioni : difatti sarebbero guerrieri e pastori a cavallo.

-          La supposta lingua indoeuropea, matrice delle principali lingue d’Europa.

-          Difficoltà scientifiche ed archeologiche di situare un « Urheimat » (terra di origine) indoeuropeo.

-          Gli indoeuropei giungiono in Grecia circa nel 2000 aC.

-          1500 – 1000 aC : invadono parte della Penisola italic, specie il Nord e il Centro …

-          Comunque si ritiene che si furono in Italia 4 ondate indoeuropee tra il terzo millennio aC (era dei menhir) e il primo millennio.

-          48,5 % della popolazione parla una lingua della matrice indoeuropea.

-          Un politeismo dominato dal culto del sole.

-           Struttura teolofica che si ritroverebbe in tutti i grandi miti europei e non solo ; pantheon greco, romano, celtico, nordico ecc.

-          Società tripartita (tri-partite) e gerarchizzata (hiérarchisée) : 3 caste

-          Teoria di Georges Dumézil, oggi ripresa da Bernard Sergent



  • 1/ I sacerdoti (le prêtre) : Roma = Giove.

  • 2/ I guerrieri (o vice versa) : Roma = Marte (Marse)

  • 3/ I produttori e i mercanti : Roma = Quirino (Quirinus)

-          Influenze profonda del sistema socio-religioso indo-europeo sulla società romana ...

-          ... e persino sull’Occidente medievale (oratores, bellatores, laboratores)

-          è società molto chiusa che dura nei secoli

-          Un esempio : i primi re di Roma (re mitici)



  • Numa (re sacerdote)

  • Tullio Ostilio (re guerriero)

  • Anco Marzio (re mercante)

 

Una parentesi : l’etimologia della parola “ITALIA” ...

-          I “viteloi” : nome grecizzeta di un popolo calabrese di allevatori

-          Totem : il vitello (le veau)

-          “Viteloi” à “italoi” (italici, popolo italico)

-          Come osservo il linguista Giovanni Semerano. “Italia”e molte altre parole non sono di origine indoeuropea : importanza dell’acadico, lingua semitica alla base della lingue della Mesopotamia (2800 aC – 2000 aC) e dell’etrusco (come l’aramaico).

-          Dopo le supposte ondate italiche seguono altre invasioni : Grechi, celti, galli, fenici, ecc. Dall’Asia Minore : gli etruschi.

-          Origine del mito di Roma :


  • -753 : Remo & Romolo (dei gemelli) raccolti dalla lupa. Sono i figli di Marte (Mars), sono abandonnati, una lupa le salva e i gemelli crescono. I gemelli creano Roma ma non possono dirigere le due dunque hanno riguardato il cielo per decidere chi dirigerà la città. Remo sarà ucciso da Romolo, Remo diviene un dio.

-->  Devise des romains : “Cosi perisca chiunque osi offendere il nome di Roma !”

  • Compiono l’unità delle prime comunità romane : esquilino, palatino, quirinale ...(il primo nucleo = noyau di Roma).

  • -753 - -509 : Era dei Re.

  • -509 – 631 : Repubblica romana.

  • La dittatura di Cesare : transizione verso l’Impero romano.

  • Uno dei più vasti imperi mai esistiti ....

  • Dalla Scozia all’Asia Minore, dal Nord Europea all’Africa del Nord.

  • Roma e il modello greco : un pantheon copiato sui greci, il genio particolare dei romani : diritto, architettura, storiografia, arte politica e militare.

  • L’origina della decadenza romana : vittima della propria espansione geografica (militare ed amministrativa).

  • 200 aC : i barbari entrano nell’esercito della repubblica romana

  • Cresce l’influenza dei cittadini non romani.(cittadinanza =  citoyenneté)

 

I primi re di Roma : l’unificazione del “Septimontum” e la progressiva espansione :

-          Seconda metà dell’VIII secolo aC.

-          Una federazione di villagi intorno al Palatino.

-          Palatino : sede dei primi re.

-          Risiedono nella cosidetta “ROMA QUADRATA”, cioe il perimetro tracciato miticamente da Romolo.

-          Il “pomerium”, o cinta sacrame.(perimetro sacrale)

-          Profonda influenza etrusca e costruzione della prima forma del FORO ROMANO, tra Palatino e Campidoglio.

-          Sede religiosa e amministrativa del regno.

-          Assemblee citadine nel COMIZIO

 

La Repubblica romana (509 – 31 aC) :

-          Origine : non è une repubblica popolare

-          Anzi : nasce da una reazione dei Patrizi (patriciens) contro leggi regali a favore della plebe.

-          Governo di consoli (magistrati), che sostituiscono il governo regale (reale).

-          Crescono l’influenza greca e le relazioni con l’estero (Cartagine)

-          V secolo aC : lotte per imporre l’autorità romana sulla Penisola.

-          IV secolo aC : definitiva vittoria romana sui rivali etruschi.

-          Pero segue subito la momentanea occupazione di Roma da parte dei galli, nell’ambito della migrazione celtica verso Francia e Spagnia.

-          Decadenza della Repubblica

-          Crisi della piccola proprietà e costituzione del latifondi(dei cittadini più ricchi).

-          Esodo rurale e crisi popolari in città.

-          Crescono la corruzione e il clientelismo

-          L’esercito romano assume sempre più mercenari.

-          Casta militare che imporrà i propri capi : origine dell’impero.

 

L’impero romano e la decadenza (27 aC – 476 dC)

-          Cesare e la fine della Repubblica : Ottavio / Augusto.

-          Il primo imperatore è Augusto.

-          Espensione fino alla Mauretania e alla Scozia.

-          Si passa da un’oligarchia ad una monarchia con imperatore divinizato.

-          Dal terzo secolo dC, l’impero entra in crisi.

-          Un secolo dopo, si moltiplicano le guerre civili.

-          Prime dinastie imperiali non italiche

-          Le due riforme dell’imperatore Costantino.



  • Roma e Costantinopoli : i due imperi, Oriente (civilità greca) ed Occidente.

  • L’Editto di Milano : la religione cristiana diventa ufficiale.

-          330 dC : Bisanzio ribattezzata “Costantinopoli”.

-          Fine del quarto secolo : scissione definitiva tra i due imperi.

 

B/ Capire la rivoluzione politico-religiosa del cristianesimo :

-          Origine geografica ?

-          Une religione nuova, a erede del giudaismo.

-          Compimento nel giudaismo ? (concezione cristiano-paolina)

-          C’erano molte sette in Italia a quest’epoca

-          Gesù Christo si declara salvatore dell’umanità perché l’umanità è considerata come peccatrice

-          Cristianesimo si radica (s’enraciner) nel Giudaismo

-          Giudaismo : religione del popolo ebraico che subiva lo schiavitù e che ha seguito Mosè per diventare libero

-          San Paolo ha perseguito gli ebraichi (ma non era un apostolo)

 

-          Il Mosè di Michelangelo (1545) : questo Mosè ricolca ai posizioni dei grandi generali o imperatori. Michelangelo porta una speciale attenzione alle pieghe (les plis) dei vestiti per dare un’impressione di movimento. Sceglie d’esagerare i formi e i proporzioni dei corpi per dare una potenza al personaggio



-          Mosè guida gli ebrei dell’Egitto all’Israele perché erano schiavi del Faraone. Ma il giudaismo non nasce con Mosè ! Il primo capo degli ebrei è Abramo*

-          Origine del giudaismo : monoteismo che sorge attorno al seconda mollennio aC.

-          Rivelazione del Dio unico a Mosè, che guida il popolo scelto verso la terra promessa.

-          I dieci comandomenti : i tavoli della legge

-          Il cristianesimo sarà poco a poco sovversivo

-          Sconvolge il giudaismo tradizionale (analisi di J. Neusner)

-          Sconvolge il politeismo e la politica romana (Roma, potenza che occupava allora l’attuale Palestina)

 

-          Duccio di Buoninsegna : Gesù guarisce un cieco (un aveugle)



-          Gli ebrei all’epoca di Gesù era una communità etnica

-          Cristianismo e universalismo : dalla famiglia di sangue alla famiglia umana (superamento delle comunità etnica) = siamo tutti fratelli, universalità del genere umano

-          La sovversione politica : il rifiuto della schiavitù (Sul piano politico, il cristianismo denuncia lo schiavitù e è il primo a farlo)

-          Difesa dei più poveri, degli oppressi e dei malati

 

-          Una minaccia per la gerarchia e l’ordine romano



-          L’universalismo del Vangelo (Évangile = Bonne Nouvelle en latin) guida le missioni d’evangelizzazione)

-          Il prezzo del sangue, i martiri : san Pietro crocifisso a Roma

 

Perché le persecuzioni contro i cristiani ?

-          Rifiuto dei cristiani di adorare l’imperatore

-          Considerano l’imperatore un mero (simple) essere umano, mortale

-          Adorano un Dio unico, presente nonsulla terra ma in cielo (paradiso : contemplazione eterna di Dio)

-          Questa è la ragione del martirio

 

Consequenze non solo spirituali e filosofiche man anche politiche

-          La separazione centrale tra potere terrestre e potere celeste è fondamentale per capire la storia europea

-          Potere temporale = potere politico

-          Parole essenziali di Cristo prima essere presentato a Ponzio Pilato (il rappresentante dell’imperatore), durante il suo processo : “rendete, dunque, a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio” (Vangelo di San Matteo)

 

Cioè implica la distinzione esenziale tra due ordini : il politico e lo spirituale

-          Terra (amministrazione politica del visibile) / Cielo (regno invisibile e transcendente di Dio)

-          La politica riguarda gli affari delle terra, cioè temporali : rispetto del bene comune, sanità, amministrazione, comercio ecc.

-          Cielo : contemplazione eterna di Dio creatore

 

Potere spirituale e potere temporale

-          Questa è l’origine della separazione dei due poteri

-          Origine della lotta strenua tra i “due poteri”, tra Chiesa e potere politico (specie nel Medioevo)

-          Indirettamente la frase di Gesù preannuncia la laicità moderna (cfr. René Girard, Gianni Vattimo)

-          Rishio di confusione dei due poteri

 

C/ Le invasioni barbariche e la ricostruzione della civilità occidentale

Roma saccheggiata tre volte

-          I barbari... prima delle invasioni!

-          390 aC: i galli compiono il primo sacco di Roma, il capo dei galli si chiama Brenna (FR: Brennus)

-          Brenno ai senatori che protestavano per il pagamento di un riscatto: “Vae victis!” (Malheur aux vaincus; leggenda della spada di ferro)

-          Complessivamente le invasioni vere e proprie iniziano alla fine del II secolo dC e durano fino al 476 (fine dell’impero romano d’Occidente)

-          Sono movimenti prevalentemente demografici

-          490 dC: i goti (era di decadenza)

-          Alarico, re dei goti, sacchegia Roma...

-          455 dC: Roma e il sacco dei vandali

-          I GOTI: in lotta con gli unni

-          Si scindono poi in due rami: visigoti e ostrogoti

-          Gli UNNI, venuti dalle steppe (origine turco-mongola)

-          Verrano respinti da una coalizione di visigoti

-          I VANDALI: sono germani (come i burgundi)

-          Inizio V secolo: giungono in Spagna e persino in Africa del Nord

-          Costantinopoli minacciata...

-          Ma riconquiste di Giustiniano nel 553, in Africa e in Italia...

 

Una parentesi bizantina: Giustiniano I

-          Giustiniano I è l’imperatore che ha compilato il Corpus iuris civilis, base del diritto occidentale

-          L’impero d’Oriente non è mai stato invaso dai barbari (nonostante l’incursione vandala)

 

E invece, sulla Penisola:

-          Invasione crollo dell’impero d’Occidente

-          I barbari conservano i costumi romani (specie nel setorre giuridico)

-          Le religioni barbarcihe, tra paganesimo ed eresia cristiana

-          Trionfo dell’eresia ariana: Ario (FR: Arius)

 

Il concilio di Nicea: 325 dC

-          Il “Credo” (dogma) della Chiesa viene precisato e fissato

-          Viene proclamata l’omousia, cioè il figlio viene definito “consubstantialem Patri” (stessa sostanza del Padre)

-          Presenza dell’ imperatore Costantino

 

II/ Dalla fine dell’impero romano alla rivoluzione dei comuni: dall’Itlaia barbarica all’età dell’oro medievale

 

A/ L’Italia delle invasioni (V-VIII secolo)

-          La Penisola divisa tra il potere imperiale bizantino e le pressioni dei Longobardi

 

Il tramonto dell’impero d’Occidente

-          Una data simbolica: 476

-          Odoacre: generale romano

-          Barbaro proveniente dalla Germania orientale: autore di un colpo di stato delle genti germaniche (gli Eruli)

-          Zenone, imperatore di Costantinopoli,delega a Odoacre ildominio su territori occidentali dell’impero

-          Zenone sperava di riunire in un unico impero l’Italia e l’impero d’Oirente ma la rottura è definitiva...

-          Comunque non è minacciata l’influenza bizantina sulla Penisola (almeno fino all’arrivo dei Longobardi)

-          L’influenza bizantina in Italia si consoliderà durante il regno di Giustiniano

 

Il dominio bizantino sulla Penisola

-          Ravenna, capitale dell’impero d’Occidente già dall’inizio del V secolo: ma numerose incursioni barbariche!



L’Italia giustinianea

-          L’imperatore d’Oriente Giustiniano unifica l’Italia e respinge i barbari: dominio bizantino imposte anche ai barbari (ostrogoti) nel 554

 

I Longobardi

-          Cuore: l’attuale Lombardia

-          Giungono in Italia nel VI secolo (200/300.000 unità)

-          Origini conosciute grazie al monaco Paolo Diacono (720-799): provenivano forse dalla Scandinavia meridionale

-          Historia Langobardorum: Fonte rara e testimonianza preziosa sul passaggio dall’impero romano all’Italia barbarica

 

Chi erano i Longobardi?

-          Società con una ferrea organizzazione militare, di stirpe (origine) indo-europea

-          Senso forte della gerarchia

-          Pagani, adotteranno poi la religione ariana (= eresia cristiana): rifiutavano l’ortodossia dunque andavano verso l’eresia

-          Dal 568, sotto la guida di re Alboino, conquistano il Friuli, il Veneto (il loro primo “ducato” = duché = villaggio fortificato, come una caserma (primo feudo = fief)), respingendo i bizantini verso il sud...

-          Conquistano la gotica (che appartiene ai goti) Pavia (vicino a Milano) nel 572: la città della Padania diventa lacapitale del loro regno

-          Il potere longobardo viene contralizzato a Pavia, ma i vari ducati (Spotelo, Benevento) conservano una relativa autonomia

-          Tale modello di potere centrale e di autonomia periferica sarà tipica dell’età medievale

 

554: proclamazione dell’esarcato d’Italia (bizantini vs Longobardi)

-          Di fronte ai Longobardi resistono i centri di potere bizantini: tensione militare tra i due occupanti, specie dopo la calata di re Alboino (568)

-          Esarcato di Ravenna (o Esarcato d’Italia): all’inizio tutti i territori sotto controllo bizantino = nome di una circoscrizione

 

Influsso profondo e durevole dell’arte bizantina (paleocristiana) in Italia

-          Rari gli affreschi e le statue

-          L’arte musiva (mosaïque) esalta la sacralità, la trascendenza

-          I mosaici sono “pezzi” di luce (luce divina)

-          Caratteristiche bidimensionali, con uno sfondo spesso dorato (simbolismo dell’oro): importanza della simetria

-          La profondità (prospettiva) dell’immagine si va riducendo: tipico poi dell’arte medievale

-          Scene codoficate: santi, imperatori, flora e fauna, motivi geometrici

-          Origine delle Madonne col bambino, influenza sull’arte senese del Duecento

-          Mosaico del Buon Pastore: Gesù è con un gregge (un troupeau) che lui deve guidare al paradiso

 

La crisi iconoclasta (Costantonopoli)

-          Origine del movimento iconoclasta (briseur d’image): l’imperatore bizantino Leone III proibisce la rappresentazione sacra di Gesù, Maria e dei santi (730)

-          Idolatria delle sacre immagini?

-          Suo figlio, Costantino V (741-775), perseguita chi continua a venerare le icone (massacri)

-          Immagine sacra di Dio incarnato?

-          787: secondo concilio di Nicea, che autorizza la venerazione e la produzione di icone

 

Le lontane origine della “Serenissima”

-          Canaletto, Il ritorno del Bucintoro (Ascensione: sposalizio (mariage) di Venezia col mare)

-          Una misteriosa laguna...

-          IV-V secolo: una zona paludosa dove si rifugiano le popolazioni vittime dei barabri: visigoti (di Alalrico), unni, ostrogoti...

-          Villaggi sparsi di pescatori, lavoro nelle saline; e albori (aube) di un commercio sempre più aperto sul mare...

-          Distinzione tra “Venetia marritima” e “Venetia interna”

-          Domina la “Venetia marritima”, con comando bizantino (Esarcato): apertura sul mare, commercio nascente nell’Adriatico e al di là (au delà)

-          La “Venetia interna” è sotto l’egida dei Longobardi (conquiste di Alboino) fino all’VIII secolo

-          751: ulteriore sviluppo del ducato di venezia e autonomia territoriale crescente

-          Il villaggio di Metamauco (futura Malamocco) è il primo centro del potere della futura città unita di “Venezia”

-          Oggi Malamocco è una semplice città sul Lido di Venezia (isola di 11km di lungo)

-          806-812: Venezia è posta sotto la ‘protezione’ dei Franchi di Carlo Magno (contro i Longobardi)

-          Il Rivo alto (Rialto) è il nuovo cuore del potere, specie dopo la vittoria sui Longobardi nel 812

-          812: anno simbolico per datare l’independenza della Repubblica (vittorie sui Longobardi)

-          Venezia resta allora nella sfera d’influenza bizantina

-          Il Rialto è un forte centro di cultura religiosa: accoglie le spoglie di san Marco nel 821 (da Costantinopoli) e il Patriarca vi si trasferisce

 

Altri paeselli integrati poi nella ‘Repubblica srenissima’

-          Malamocco

-          Torcello (isola): sede episcopale

-          Caorle: sede episcopale

 

Venezia, un sistema politico sempre più oligarchico

-          Nel X secolo Venezia sviluppa la sua rete commerciale con l’Oriente e s’impone nel Mediterraneo

-          Alla stessa epoca: l’aristocrazia locale si consolida: i “patrizi” (nome dell’elità romana)


Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio


Ce premier dossier de civilisation vous explique comment l’homme d’affaire Silvio Berlusconi a pu arriver au pouvoir, profitant de l’écroulement du vieux système politique (la « Prima Repubblica »), mis à bas par l’action anti-corruption des juges de Mani Pulite (Mains Propres) et, après la chute du mur de Berlin, par la disparition de l’opposition entre Catholiques et Communistes, entre la DC (Democrazia Cristiana) et le PC (Partito Comunista). Alors que le paysage politique italien avait été structuré depuis l’après-guerre par ces deux grands partis, la vie politique italienne connaît après 1992 une fragmentation extrême de son offre politique qui explique l’instabilité de la vie politique italienne. Ce n’est que très récemment, depuis avril 2008 et les dernières élections législatives, que l’on assiste à l’émergence d’un bipolarisme politique entre la formation politique de Silvio Berlusconi à droite (Il Popolo della Libertà) et un parti de centre gauche (il Partito Democratico), gage, peut-être, d’une plus grande stabilité. Ce dossier vous explique aussi « l’anomalie Berlusconi » et les démêlés du Président du Conseil avec la justice, jusqu’à une récente décision de la Cour Constitutionnelle italienne qui, le 7 octobre 2009, a suspendu l’immunité pénale du Président du Conseil. Vous seront aussi exposés la personnalisation du pouvoir dont fait preuve le Président du Conseil italien, les grands traits de la société berlusconienne ainsi que les mouvements de résistance qui traversent la société italienne.
1 Capire il contesto : la crisi della « Prima Repubblica »


  1   2   3   4


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale