Classificazione decimale Dewey Corso di base



Scaricare 445 b.
22.12.2017
Dimensione del file445 b.


Classificazione decimale Dewey

  • Corso di base

  • A cura di Massimo Fedi


La classificazione

  • Classificare significa identificare e organizzare un insieme di oggetti, sia concreti che astratti, sulla base delle loro caratteristiche comuni e delle loro differenze.



Classificazione bibliografica

  • In biblioteca, la classificazione si applica non tanto a oggetti concreti (libri, fotografie, cd, dvd, etc.) quanto ai concetti astratti che rappresentano il contenuto di questi oggetti.



Gli scopi della classificazione bibliografica

  • Recupero dei documenti sulla base della classe di appartenenza (Catalogo classificato o Catalogo sistematico)

  • Collocazione dei documenti sugli scaffali (basilare soprattutto nelle biblioteche “a scaffale aperto”)



La Classificazione decimale Dewey CDD

  • La CDD è la classificazione bibliografica più usata al mondo (135 paesi, oltre 30 lingue)

  • Ideata nel 1876 dall’americano Melvil Dewey

  • Da allora si sono avute 22 edizioni integrali e 14 edizioni ridotte (abridged)



Le parti che compongono la CDD

  • L’introduzione

  • Le tavole ausiliarie (Tables)

  • Le tavole principali (Schedules)

  • L’indice alfabetico (Index)

  • Il manuale



Il principio della disciplina Uno stesso soggetto è classificato in modo diverso, a seconda del punto di vista disciplinare sotto il quale è trattato

  • Matrimonio 306.81

  • arte 700.4543

  • costumi 392.5

  • diritto 346.016

  • dottrine religiose 291.22

  • cristianesimo 234.165

  • etica 173

  • folklore 398.27

  • letteratura 808.803543

  • ….



Conseguenze del principio della disciplina

  • Per classificare, bisogna determinare la disciplina oltre al soggetto di un’opera

  • Bisogna individuare un numero per le opere interdisciplinari



Il principio della gerarchia La struttura gerarchica della CDD si configura in due modi: nella notazione e nelle istruzioni.

  • Nella notazione

  • 600 Tecnologia (Scienze applicate)

  • Agricoltura e tecnologie connesse

  • Allevamento di animali

  • 636.7 [Allevamento dei] Cani

  • 636.73 Cani da lavoro e da pastore

  • 636.8 [Allevamento dei] Gatti



Il principio della gerarchia Nelle istruzioni

  • Le note sono date al livello più alto di applicazione e valgono anche per i livelli più specifici:

  • le note hanno forza gerarchica.

  • Es.:

  • Scienze naturali e matematica

  • Classificare qui le opere interdisciplinari su scienze naturali e applicate.

  • 590 Animali

  • 598.71 Pappagalli

  • Poiché 590 è una sottoclasse di 500, le note di 500 valgono anche per 590 quindi se ho un libro che tratta dei pappagalli in modo interdisciplinare, da un punto di vista zoologico (598.71) e da quello del loro allevamento (636.6865), lo devo classificare a 598.71.



Un principio sussidiario: L’analisi a faccette

  • Le 3 classi “faccettate”:

  • Linguaggio

  • (secondo la lingua)

  • Letteratura e retorica

  • (secondo lingua, genere e periodo)

  • Geografia e storia

  • (secondo il paese e il periodo)

  • Anche le Tavole ausiliarie, come vedremo, rappresentano altrettante “faccette” che si possono aggiungere ai numeri delle Tavole principali per precisarli, per specificarli, nei casi e nei modi consentiti.



La struttura La base 10: Le 10 classi principali

  • 000 Generalità

  • 100 Filosofia e psicologia

  • 200 Religione

  • 300 Scienze sociali

  • 400 Linguaggio

  • 500 Scienze naturali e matematica

  • 600 Tecnologia (Scienze applicate)

  • 700 Le arti Belle arti e arti decorative

  • 800 Letteratura e retorica

  • 900 Geografia e storia



La struttura La base 10: Le 100 divisioni

  • Ciascuna delle 10 classi principali è suddivisa in 10 divisioni

  • Es.:

  • Divisioni della classe 300 Scienze sociali:

  • 300 Scienze sociali [Sociologia, Antropologia culturale…]

  • 310 Raccolte di statistiche generali

  • 320 Scienza politica

  • 330 Economia

  • 340 Diritto

  • 350 Amministrazione pubblica e scienza militare

  • 360 Problemi e servizi sociali; associazioni

  • 370 Educazione

  • 380 Commercio, comunicazioni, trasporti

  • 390 Usi e costumi, galateo, folclore



La struttura La base 10: Le 1000 sezioni

  • Ciascuna delle 100 dvisioni è suddivisa in 10 sezioni

  • Es.:

  • Sezioni della divisione 330 Economia:

  • 330 Economia [Sistemi, teorie, storia economica]

  • 331 Economia del lavoro

  • 332 Economia finanziaria

  • 333 Economia della terra ed energia

  • 334 Cooperative

  • 335 Socialismo e sistemi affini

  • 336 Finanza pubblica

  • 337 Economia internazionale

  • 338 Produzione

  • 339 Macroeconomia e soggetti connessi



Le Tavole principali Voce

  • 331 Economia del lavoro

  • Classificare qui le relazioni industriali, le opere interdisciplinari sul lavoro

  • […]

  • Classificare le condizioni economiche delle classi lavoratrici in 330.9, classificare le politiche del pieno impiego in 339.5

  • […]



Le Tavole principali Voce centrata

  • 562-569 Specifici gruppi tassonomici di animali

  • Classificare qui la paleozoologia tassonomica

  • Classificare le opere d’insieme in 560

  • Invertebrati fossili

  • […]

  • 563 Invertebrati fossili marini e costieri vari

  • […]

  • 564 Mollusca e molluscoidea fossili

  • etc.

  • 569 Mammalia fossili



Le Tavole principali Sommario

  • 384

  • […]

  • . 5 Comunicazione senza fili

  • Sommario

  • 384.51 Comunicazione via satellite

  • 384.52 Radiotelegrafia

  • 384.53 Radiotelefonia

  • 384.54 Radiotrasmissioni

  • 384.55 Televisione



Le Tavole principali Principali tipi di note

  • Note di definizione e d’ambito

  • 306.6 Istituzioni religiose

  • Istituzioni religiose considerate da un punto di vista laico, non religioso.

  • Note “qui” e note “altrove”

  • 612 Fisiologia umana

  • Classificare qui le opere d’insieme su anatomia e fisiologia.

  • Classificare la psicologia fisiologica in 152.

  • Note d’inclusione

  • 303.69 Risoluzione dei conflitti

  • Include la mediazione.

  • Note “vedi” e note di dislocazione

  • 346.04 Proprietà

  • La proprietà coniugale è dislocata a 346.0166

  • Per la proprietà pubblica vedi 343.02



Le Tavole principali Principali tipi di note

  • Note sulle suddivisioni standard

  • 617.1 Ferite e lesioni

  • Usare 617.1001-617.1009 per le suddivisioni standard

  • Note di addizione

  • 338.17 Prodotti [agricoli]

  • […]

  • Aggiungere al numero base 338.17 i numeri che seguono 63 in 633-638, p. es., riso 338.17318, prodotti forestali 338.17498 ….

  • Note di opzione



Le Tavole principali Principali tipi di note

  • Note o tavole per l’ordine di precedenza

  • 305 Gruppi sociali

  • […]

  • Attenersi alla seguente tavola di precedenza, p. es., giovani maschi neri cattolici romani appartenenti alle classi medie 305.235

  • (non 305.31, 305.55, 305.62 o 305.896)

  • Persone secondo le caratteristiche fisiche e mentali 305.908

  • Gruppi secondo l’età 305.2

  • Gruppi secondo il sesso 305.3-.4

  • Classi sociali 305.5

  • Gruppi religiosi 305.6

  • Gruppi linguistici 305.7

  • Gruppi razziali, etnici, nazionali 305.8

  • Gruppi professionali e gruppi vari (eccetto 305.908) 305.9



Le Tavole ausiliarie

  • Sono 7 nell’edizione integrale; solo le prime 4 in quella ridotta.

  • Tav. 1 Suddivisioni standard

  • Tav. 2 Aree geografiche, periodi storici, persone

  • Tav. 3 Suddivisioni per le singole letterature,

  • per le specifiche forme letterarie

  • Tav. 4 Suddivisioni delle singole lingue

  • Tav. 5 Gruppi razziali, etnici, nazionali

  • Tav. 6 Lingue

  • Tav. 7 Gruppi di persone



Tav. 1 Suddivisioni standard

  • -01 Filosofia e teoria

  • -02 Miscellanea

  • -03 Dizionari, enciclopedie, concordanze

  • -04 Soggetti speciali

  • -05 Seriali

  • -06 Organizzazione e gestione

  • -07 Educazione, ricerca e soggetti connessi

  • -08 Storia e descrizione del soggetto in riferimento a categorie di persone

  • -09 Storia, geografia, persone



Tav. 2 Aree geografiche

  • -1 Aree, regioni, luoghi in generale

  • [ -2 Persone (Trattamento biografico) ]

  • -3 Il mondo antico

  • -4 Europa

  • -5 Asia

  • -6 Africa

  • -7 America settentrionale e centrale

  • -8 America meridionale

  • -9 Oceania, Artide, Antartide, Mondi extraterrestri



La procedura di classificazione

  • 1) Analisi concettuale

  • 2) Traduzione del risultato dell’analisi nelle notazioni numeriche della classificazione



Analisi concettuale: i punti chiave da esaminare

  • Punti chiave indicati dallo standard ISO 5963:

  • Titolo

  • Riassunto analitico (abstract)

  • Sommario

  • Introduzione, conclusioni, frasi iniziali di capitoli o paragrafi

  • [Presentazione editoriale]

  • Illustrazioni, diagrammi, tavole (e loro didascalie)

  • Parole o gruppi di parole evidenziate nel testo

  • Si comincia sempre dal titolo, ma ciò che si ipotizza dal titolo deve sempre essere confermato, integrato o corretto dall’analisi degli altri punti chiave.



Analisi concettuale: tema di base e temi subordinati

  • L’analisi del documento porta all’identificazione di una serie di concetti che descrivono altrettanti temi all’interno del documento e le relazioni che li uniscono: il tema di base (o tema principale o complessivo) e vari temi subordinati (temi premesse, temi sviluppo, temi conclusioni, temi marginali, etc.).



Analisi concettuale: tema di base

  • Si ricostruisce attraverso un processo di riduzione dell’informazione complessa presente nel documento mediante tre operazioni:

  • Cancellazione: eliminazione delle informazioni marginali, ma anche dei temi subordinati.

  • Generalizzazione: sostituzione di concetti più specifici con un concetto più generale che li comprenda tutti.

  • Costruzione: sostituzione di una serie di enunciati specifici con un enunciato più generale che li comprenda tutti.



Analisi concettuale: Enunciato di soggetto

  • Il processo di analisi deve portare alla formulazione di un enunciato di soggetto (o frase tipo titolo), cioè una frase che contenga tutti i concetti individuati come essenziali per la descrizione del contenuto del documento.

  • Tale frase deve rispondere alla domanda:

  • “Di che cosa parla questo documento?” o “Che cos’è questo documento?”

  • Es. risposta:

  • (Parla di) coltivazione del riso nella provincia di Pavia

  • (Tratta di) impiego del laser nella cura delle malattie dei capelli

  • (E’ un) periodico di pesca sportiva

  • (E’ un’) enciclopedia sui pesci

  • soggetto

  • forma (se rilevante) in cui è trattato

  • punto di vista disciplinare sotto cui è trattato



Traduzione del risultato dell’analisi nelle notazioni numeriche della classificazione

  • Partendo dall’enunciato di soggetto:

  • Periodico di pesca sportiva in acque dolci

  • a) Si determina la disciplina (Attività ricreative, Sport)

  • b) si va a cercare nelle Tavole principali (o nell’Indice alfabetico) la notazione corrispondente al soggetto:

  • 799.11 Pesca sportiva in acque interne

  • c) si verifica sulle Tavole principali che non ci siano note particolari sull’uso delle suddivisioni standard

  • d) si va a cercare nelle Tavole ausiliarie (o nell’Indice alfabetico) la notazione per la forma “periodico”:

  • -05 Periodici (dalla Tav. 1)

  • e) si costruisce il numero completo:

  • 799.1105



Traduzione del risultato dell’analisi nelle notazioni numeriche della classificazione

  • Partendo dall’enunciato di soggetto:

  • Periodico sulla coltivazione del riso nella provincia di Pavia

  • a) Si determina la disciplina (Economia 330 o Agricoltura e tecnologie connesse 630 o altre ancora)

  • b) Si va a cercare nelle Tavole principali (o nell’Indice alfabetico) la notazione corrispondente al soggetto;

  • c) Si seguono le istruzioni presenti nelle note sotto il numero individuato, per es., sotto 338.17 Prodotti agricoli, la nota dice che per specificare un singolo prodotto (riso) bisogna prendere i numeri che seguono 63 in 633-638;

  • 338.17318 se il doc. tratta prevalentemente di aspetti economici

  • 633.18 se il doc. tratta prevalentemente di aspetti tecnico-colturali

  • d) si va a cercare nelle Tavole ausiliarie (o nell’Indice alfabetico) la notazione per il trattamento geografico:

  • -09 Storia, geografia, persone (dalla Tav. 1)

  • e) seguendo le istruzioni sotto -09, si va a cercare nella Tav. 2 (o nell’Indice alfabetico) il numero corrispondente alla provincia di Pavia:

  • -4529 Pavia Provincia (dalla Tav. 2)

  • f) si costruisce il numero completo:

  • 338.17318094529 [Aspetti economici della coltivazione del riso in provincia di Pavia]

  • oppure

  • 633.18094529 [Aspetti tecnici della coltivazione del riso in provincia di Pavia]

  • Non si può esprimere nel numero di classificazione il fatto che si tratta di un periodico, perché si è già usato la suddivisione -09 dalla Tav. 1, che ha la precedenza sulla suddivisione -05 (Periodici).



Classificazione delle opere su più di un soggetto

  • Classificare con il soggetto messo in risalto o trattato più ampiamente

  • Classificare con il soggetto su cui si esercita l’azione, es.: influssi di Petrarca su Leopardi, si classifica con Leopardi; applicazione dell’informatica all’archeologia, si classifica in archeologia

  • Regola del primo dei due: Classificare 2 soggetti parimenti trattati con quello che viene prima nelle tavole (salvo eccezioni, che però sono indicate nelle tavole, es. 611-612)

  • Regola del tre: classificare opere su 3 o più soggetti nel numero più vicino tra quelli più ampi atti a comprenderli tutti, es.: un’opera sulla lingua olandese (439.31), tedesca (430) e inglese (420) in 430 Lingue germaniche;

  • olandese, tedesca e russa in 410 Linguistica



Diagramma di flusso Classificazione opere su più di un soggetto



Classificazione delle opere interdisciplinari

  • Classificare nella disciplina messa in risalto

  • Usare il numero interdisciplinare indicato nelle Tavole o nell’Indice

  • Usare la regola del primo dei due

  • Usare la regola del tre



Diagramma di flusso Classificazione opere interdisciplinari



Opere su soggetti con più faccette in mancanza di tavola di precedenza

  • Regola dello zero: nel dubbio fra più numeri, evitare quelli con un maggior numero di zeri prima della suddivisione e quelli con lo zero in posizione più avanzata,

  • es.: Biografia di un missionario americano metodista in Cina

  • 266.0092 biografia di un missionario

  • 266.02373051 missioni degli Stati Uniti in Cina

  • 266.76092 biografia di un missionario metodista

  • Si usa il terzo numero, perché non ha uno zero in quarta posizione (cioè, perché è più specifico).



Collocazione con la CDD

  • "Il sistema è stato ideato ai fini della catalogazione e dell'indicizzazione ma, sperimentandolo, lo si è trovato altrettanto valido per numerazione e ordinamento di libri e opuscoli negli scaffali" (M. Dewey)

  • Scaffale aperto

  • Ridotta vs. integrale



Costruzione della collocazione: sequenze di base

    • 1) Sequenza numerica ricavata dalla classificazione (da 3 a 6? cifre)
    • 2) Sequenza alfabetica ricavata dalle prime lettere dell’intestazione principale
    • Classe : 004.05 Collocazione: 004 COM
    • Computers & electronics
    • Classe : 327.05 Collocazione: 327 NUO
    • Il nuovo Malaspada : rivista universitaria politico-economica
    • Classe : 579.05 Collocazione: 579 ANN
    • Annals of microbiology
    • Classe : 636.005 Collocazione: 636 ITA
    • Italian journal of animal science
    • Classe : 636.7105 Collocazione: 636.71 DOG
    • Dog & cat
    • Classe : 324.2450705 Collocazione: 324.24507 ROS
    • La rosa rossa : periodico sardo di cultura socialista
    • Le lettere di solito sono 3, ma possono essere di più per distinguere Autori che hanno lo stesso numero di classificazione, es.: Moravia e Morante
  • Classe : Classe : 853.914 Collocazione: 853 MORAN

  • Classe : Classe : 853.914 Collocazione: 853 MORAV



Costruzione della collocazione: sequenze supplementari 1

    • Seconda sequenza alfabetica (prime 3 lettere titolo), per distinguere diverse opere di uno stesso autore, es.:
    • 853 MOR ind
    • Gli indifferenti / Alberto Moravia
    • 853 MOR rom
    • La romana / Alberto Moravia
    • Per distinguere e collocare cronologicamente diverse edizioni della stessa opera si può aggiungere la data di pubblicazione es.:
    • 853 MOR ind 1929
    • 853 MOR ind 2002


Costruzione della collocazione: sequenze supplementari 2

    • La data di pubblicazione può essere aggiunta anche per distinguere le diverse annate di un periodico, es.:
    • 700.5 PAR 1950
    • 700.5 PAR 1951 etc.
  • Paragone : rivista mensile di arte figurativa e letteratura

  • Alcune biblioteche aggiungono anche il numero del volume (per le opere in più volumi) e/o quello della copia.

  • 398.2 FIA v01

  • 398.2 FIA v02

  • 398.2 FIA v01 c01

  • 398.2 FIA v01 c02

  • Fiabe italiane / raccolte … da Italo Calvino (in 2 vol.)

  • Altre ancora aggiungono alle 2 sequenze di base un “numero di catena” progressivo.

  • 398.2 FIA 01 etc.



Costruzione della collocazione: eccezioni alle sequenze di base 1

  • Per particolari categorie di opere (legislazione, giurisprudenza), può essere più efficace il curatore dell’A. principale, es.:

  • 346.45 DEN 1999

  • Codice civile / a cura di Giorgio De Nova. Ed. 1999

  • 346.45 DEN 2003

  • Codice civile / a cura di Giorgio De Nova. Ed. 2003

  • 346.45 LAM 2000

  • Codice civile / a cura di Tommaso Lamedica. Ed. 2000

  • 346.45 LAM 2002

  • Codice civile / a cura di Tommaso Lamedica. Ed. 2002

  • 346.45 CIA 1981

  • Commentario breve al Codice civile / Giorgio Cian, … Ed. 1981

  • 346.45 CIA 1995

  • Commentario breve al Codice civile / Giorgio Cian, … Ed. 1995



Costruzione della collocazione: eccezioni alle sequenze di base 2

  • In alcune discipline (es.: arte, letteratura) si può usare un sistema misto per riunire le opere di un Autore e quelle su un Autore (soggetto):

    • 759.5 FAT (non GIO)
    • Giovanni Fattori : mostra / a cura di Andrea Baboni …
    • 759.5 FAT (non DEM)
    • Giovanni Fattori / di Mario De Micheli
    • 853 MOR
    • Gli indifferenti / di Alberto Moravia
    • 853 MOR (non LAU)
    • La scrittura di Moravia / Gianluca Lauta


Costruzione della collocazione: eccezioni alle sequenze di base 3

  • In alcune discipline (soprattutto 800 letteratura) conviene utilizzare il numero di classificazione integrale, invece di quello ridotto, per distinguere i diversi periodi storici, es.:

  • 851.1 ALI (Alighieri)

  • 851.1 PET (Petrarca)

  • 851.6 FOS (Foscolo)

  • 851.7 LEO (Leopardi)

  • 851.7 MAN (Manzoni)

  • 851.8 CAR (Carducci)

  • 851.912 MON (Montale)

  • 851.914 BEN (Benni)



Costruzione della collocazione: eccezioni alle sequenze di base 4

    • Titoli di periodici
    • Continuazione di
    • 327 MAL
    • Il Malaspada : giornale di un manipolo di studenti di scienze politiche
    • 327 MAL (non NUO)
    • Il nuovo Malaspada : rivista universitaria politico-economica
    • Supplemento di
    • 589.1 NOT
    • Notiziario della Società lichenologica italiana
    • 589.1 NOT sup (facoltativo)
    • Notiziario della Società lichenologica italiana. Supplemento
    • Scissione
    • 700.5 PAR
    • Paragone : rivista mensile di arte figurativa e letteratura
    • 705 PAR
    • Paragone. Arte
    • 805 PAR
    • Paragone. Letteratura


Bibliografia di base

  • Strumenti di lavoro:

  • Dewey, Melvil, Classificazione decimale Dewey. Ed. 21. Ed. italiana a cura del Gruppo di lavoro della Bibliografia nazionale italiana. Roma : AIB, 2000

  • Dewey, Melvil, Classificazione decimale Dewey. Ed. 22. Ed. italiana [imminente pubblicazione]

  • Dewey, Melvil, Classificazione decimale Dewey ridotta. Ed. 12. Ed. italiana a cura di Daniele Danesi. Roma : AIB, 1995

  • Dewey, Melvil, Classificazione decimale Dewey ridotta. Ed. 14. Ed. italiana a cura di Silvia Alessandri e Albarosa Fagiolini [imminente pubblicazione]

  • Letture utili in italiano:

  • Crocetti, Luigi e Fagiolini, Albarosa, Classificazione decimale Dewey. Ed. aggiornata a DDC 21. 2. ed. Roma : AIB, 2001

  • Chan, Lois Mai … et al. Classificazione decimale Dewey : guida pratica. 2. ed. aggiornata a DDC 21, ed. italiana a cura di Federica Paradisi. Roma : AIB, 2001

  • Revelli, Carlo, Il catalogo. Milano : Bibliografica 1996 [ampio capitolo sulla classificazione]

  • Petrucciani, Alberto e Turbanti, Simona, Manuale pratico di catalogazione. Milano : Bibliografica, 2006 [la parte sulla classificazione è basata su DDC 21]






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale