Cobalto Storia



Scaricare 255.71 Kb.
Pagina7/18
29.03.2019
Dimensione del file255.71 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   18

Gli elementi alliganti


Prima di analizzare singolarmente i vari tipi di leghe di Co e le loro varie applicazioni, è utile conoscere gli elementi che si trovano generalmente in lega con il Co e i loro effetti.

La prima cosa da tenere presente è senz’ altro il fatto che il Co non ha una struttura cristallografica fissa, bensì, come già espresso in precedenza, si osserva ad una temperatura di 421°C (in caso di metallo puro) una trasformazione allotropica dalla fase stabile alle alte temperature, a quella . Perciò una prima classificazione degli elementi in lega può essere fatta ponendo attenzione al fatto che essi possono far traslare la temperatura di trasformazione, ampliando o restringendo il campo di stabilità di una delle 2 fasi. Si distinguono perciò generalmente due grosse categorie: da una parte gli elementi che elevano tale temperatura favorendo la fase , e dall’altra quelli che la abbassano sfavorendo la fase . Vi è inoltre un’altra categoria dall’effetto un po’ più complesso: favorisce la fase in fase di riscaldamento, comportandosi in maniera opposta in raffreddamento: in sostanza risulta che T( ) > T(). Sono i cosiddetti “elementi ad effetto combinato”.

La figura sottostante offre un panorama della tavola periodica evidenziando gli elementi appartenenti alle varie categorie.





Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   18


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale