Compagnia Filodrammatica



Scaricare 106.31 Kb.
Pagina1/4
03.06.2018
Dimensione del file106.31 Kb.
  1   2   3   4

Compagnia Filodrammatica

NonSoloRagionieri



Come finì don Ferdinando Ruoppolo

Commedia in due parti


di

Peppino De Filippo



Personaggi (in ordine di entrata)
Elide, cameriera, si esprime in gergo romanesco

Oberdan Silla, il figlio di Ferdinando, si esprime in dialetto romanesco

Zio Vincenzino, fratello di Ferdinando, sordo e si esprime con difficoltà

Rosa, moglie di Ferdinando, si esprime in dialetto napoletano

Maria, figlia di Ferdinando, si esprime in italiano

Graziella, figlia di Ferdinando, si esprime in italiano

Ferdinando, si esprime con accento napoletano

Sor Augusto, si esprime in dialetto romanesco

Federico, si esprime con accento romano

Avvocato Cacione si esprime in italiano

Dottor Morsetti, si esprime in italiano

Clementina, sorella di Ferdinando, suora, si esprime con accento napoletano
Voce femminile registrata, fuori scena

Voce maschile registrata, fuori scena

L’azione si svolge in Roma


Rappresentata per la prima volta al Teatro delle Arti di Roma, 1969
Interpreti

Elide Francesca Cassarini

Oberdan Silla Nicolsas Tenerani


Zio Vincenzino Mario Cassarini

Rosa Michela Vitamia

Maria Chiara Venturi

Graziella Giulia Lorenzelli

Ferdinando Giuseppe Beccaglia

Sor Augusto Michele Paccaglia

Federico Alessandro Pinelli

Avvocato Cacione Michele Pazzaglia

Dottor Morsetti Mario Cassarini

Clementina Francesca Cassarini
Voce maschile Alessandro Pinelli

Voce femminile Erica Giusti

Parte Prima

(siamo nel mese di Agosto. N.d.R.)

La scena è in penombra. Una camera da pranzo-salotto in una costruzione verso il quartiere Prati in Roma. Una porta a sinistra in seconda quinta. Una porta a destra in prima quinta. Sul fondo, verso destra, un vasto balcone con piante. Alle due pareti di .fondo, bene in vista, ai lati del balcone, due foto ingrandite in cornice oro, una di ufficiale dell’esercito 1915 e l’altra di una donna anziana epoca 1910. A sinistra, sulla parete in prima quinta, un grande e caratteristico quadro ad olio del golfo di Napoli che mostra il Vesuvio. A sinistra in prima quinta, un apparecchio televisivo e accanto un mobiletto bar. Buffet, divani, mobili e quadri alle pareti, di gusto antiquato. Lampadario al centro. Sono le ore 19 di un caldo pomeriggio di estate e fuori il cielo mostra un bel tramonto.



Elide (è la serva di casa. E’ giovane, trasandata nel vestito che indossa e di modi sguaiati. Entra dalla sinistra asciugandosi le mani con uno strofinaccio da cucina. Borbottando va al telefono a rispondere) Pronto ?.. Pronto ?... (forte) Pronto? ?... (riattacca la cornetta sbuffanda) Ve possino ammazzavve! (avviandosi alla porta dalla quale è entrata) Tutta la santa giornata! Chissà chi è che se diverte. (il telefono squilla di nuovo) Ancora! (ritorna verso il telefono) ‘Sta casa me pare er centralino der Ministero. (risponde al telefono) Pronto ?... (più forte) Ma che sete sordo? (forte) Pronto? (spazientita al massimo) Io me lo magnerei ! ... Ci hanno tempo da perde. (riattacca la cornetta e si avvia per uscire di scena; passando davanti al televisore preme il pulsante e resta in attesa. Dopo poco l’apparecchio comincia a trasmettere un ballabile; Elide, attratta dal motivo, si mette a ballare)
Ober. Silla (entra dalla porta a destra. Indossa una maglietta ca nottiera ed un paio di vecchi pantaloni, ha un libro. E’ il figlio minore di Ferdinando e Rosa Ruoppolo. I suoi modi sono sgarbati) Di’? Tu er televisore mica
lo devi tocca.


Elide (interrompendo il ballo e chiudendo l’apparecchio) Vo levo solo vede si era finita la ti-vu dei ragazzi...

Ober. Silla Sì? E poi se se guasta l’apparecchio, lo fai riparà te?


Elide Ma chi ‘o tocca? (fa per uscire di scena)



Ober. Silla Chi era?


Elide Nisuno.


Ober. Silla Come nisuno? Er telefono sona pe’ conto suo?


Elide E che ne so? Ha sonato, ho risposto, e ‘nc’era nisuno, ‘mbè? Non è mica la prima vorta che succede.


Ober. Silla Quante vorte ha sonato er campanello?


Elide Perché, una adesso bisogna puro che sta attenta pe senti si er telefono sona due, tre o quattro vorte?


Ober. Silla Se capisce! Una cameriera come se deve ce sta’ at tenta.


Elide Ma chi jel’ha detto a lei che io me considero la came riera de ‘sta casa?


Ober. Silla Perché chi te credi d’esse?


Elide Una che deve lavorà pe’ portà li sordi a casa e fino a che me conviene ce sto, quanno che me sarò stufata me ne vado.


Ober. Silla Ma visto e considerato che lo fai nun è mejo che te l’impari ‘sto mestiere?


Elide Ma me faccia er piacere! (si avvia per uscire di scena)


Ober. Silla (le grida alle spalle)
Portami un pezzo de pane con quarche cosa, ‘sciamannata!


Elide Dico: ma lei un po’ de maniera nun ceIl’ha?


Ober. Silla (le si avvicina e quasi ridendo cerca di palparle il se dere) Senti na cosa...


Elide (risentita e scostandosi) Le mani a posto!


Ober. Silla Si faccio fortuna penso pure a te. Te sistemo.
Elide Me sistema? E come?


Ober. Silla Te metto ner letto a panza sotto.


Elide (offesissima) Ce metta su sorella! Me ce facevo mette proprio da lui a panza sotto.


Ober. Silla E da chi?


Elide So’ fatti mia.


Ober. Silla Ma perché te sposi? Er matrimonio in Italia è ‘na ca tena. ‘Na catena che spesso tié legati due infelici che un giorno, pe’ interesse o per amore, se so creduti di poté esse felici e invece.., ce vo’ er divorzio! Quella
si che è ‘na legge civile. Nun ce credemo più, bene! Spartimose. Ognuno se faccia li fatti sua senza rim pianti e, quello che è bello, senza odio da nessuna par te. (cerca di attirare a sé Elide, ma questa si libera)


Elide
Ma nun dica frescacce! E se stia fermo con le mani, ha capito signorino Oberdan Silla? (si libera da Oberdan che cerca ancora di abbracciarla e poi dice ridendo) Oberdan Silla! A me ‘sto nome me fa tanto ride. Me pare er nome de ‘no shampoo. ! Ma perché j’hanno appioppato ‘sto nome?


Oberdan.Silla Ma che te ne importa? (poi fa per avvicinarsi di nuovo alla ragazza) Vié qua, te’o spiego... Nun fa la scema! Annamo...


Elide (sempre sfuggendogli) Le mani a posto. Si no je ‘o dico a su’ padre.


Oberdan.Silla E chi se ne frega? Capirai! Sai che paura?


Elide E che nun ce lo so? Tanto pe’ quello che conta, po veraccio, dentro ‘sta casa.


Ober. Silla Beh, ma de che te impicci tu?


Elide Lassamo perde. So cose che nun me riguardeno, però a lei sì. A lei je dovrebbero d’ariguardà! (esce di scena)


O ber. Silla (gridando)
Portami er pane!


Elide (di dentro con sgarbo) Se lo venga a pijà lei!


Ober. Silla (forte verso la porta dove è uscita Elide) ‘A sgallet tata!
(musica, vocio e rumori stradali in sotto fondo provenienti dalla strada)


Elide (ritornando furiosa)
Sgallettata sarà ... (si tappa la bocca)
È mejo che me sto zitta. (minacciando) Ma n’antra vor ta che...


Ober. Silla (gridando) E vattene!


Elide (esce borbottando) Te faccio vede io, te faccio vede. (esce)


O ber. Silla (va all’apparecchio telefonico, forma un numero e poi
parla sottovoce)
Pronto sono io... Oberdan Silla... (scandendo perché l’altro non capisce) O-b-e-r~d-a-n S-i-I- 1-a !... Ruoppolo, insomma! Dottò è lei? Mi avete te lefonato, stavo a dormì e la cameriera mi ha chiamato solo adesso.., è urgente? …e’ quanno ?… Io conosco bene tutte le entrate der palazzo... ma la prova l’ab biamo fatta... Sì, assieme a Bellicapelli.. Ieri sera co ‘a millecento. Non ve preoccupate, ce riesco. V’assicuro che ce riesco... fidateve de me... È ‘na cosa che me preme assai ! ... A che ora ?... Alle dieci ? Va bene... No, a casa nun c’è nessuno, so’ solo.., la cameriera è ‘na mezza deficiente... A stasera ...

D’accordo ! ... (riattacca)





Zi’ Vincenz. (entira dalla sinistra. Cerca qualcuno e farfugliando chiama) ... dinà ... dinà... (non ha la parola facile, si esprime con difficoltà: è un ometto piccolo e maci lento, quasi calvo, i capelli che gli restano sono bianchi e tagliati a spazzola. Pallido e con gli occhi incavati. Non ha né baffi né barba. Calza un vecchio paio di pantofole nere e indossa un vestito di tela grigia leg-
gera composto di pantaloni e giacca con bavero a pi stagnina dalla quale spunta fuori una logora camicia chiara di fustagnina. Entra camminando a stento, len tamente, appoggiandosi ad una piccola sedia come fosse un bastone. Mostra il suo lato sinistro paralizzato)



Ober. Silla (gli grida all’orecchio)
Zio... papà nun è ancora tor nato!


Zi’ Vincenz. (c. s.) ... dinà!... dinà !... (esce sul balcone e siede) dinà...
Ober. Silla ... te saluto! (esce)


Rosa (entra seguita da Maria. Accende il lampadario cen trale. E’ una donna ancora piacente e veste con ricer catezza. Ha in mano alcuni pacchetti)
Ferdinando non è ancora tornato. (depone i pacchetti sul tavolo, poi li
svolge e mostra alcuni oggetti da toilette e una borsa nuova, ammirandola)
Pensi che starà bene sul tailleur marroncino? Del resto lo hai visto no? C’era anche sul modello pubblicato su « Bella moda » : taierino marrone e scarpe nere ! A papà, ricordati, gli dirò di averla comprata con i buoni premio del concorso dei detersivi, come abbiamo detto per il cappotto di Gra ziella. Se no, giustamente, chissà che va a pensare. Le idee sue, lo sapete, sono quelle che sono. Stiamo a Roma da 25 anni, da 25 anni abbiamo lasciato Napoli e quello tiene ancora a certi pregiudizi di marca me ridionale. In fondo, poi, finisce sempre per convin cersi. È tanto buono.


Mairia Io gliel’ ho detto, sai?


Rosa A tuo padre?


Maria No, a Ruggero. « Bada, se non mi sposi ti ammazzo ».


Rosa Figlia mia, non te la prendere. Adesso, il padre, l’egre gio onorevole, il consenso lo deve dare per forza se non vuole vedere il figlio in galera: in galera

Maria Mammà, quando parli cosi mi fai venire un nervoso !...

Se noi abbiamo fatto quello che abbiamo fatto è stato perché ci vogliamo bene, se no...




Rosa E chi lo mette in dubbio? Solo che adesso, l’onorevole, non può più fare la voce grossa. Se lui è milanese io sono napoletana. Suo figlio è un galantuomo? Allora ha il dovere di sposarti. Se lui è ricco e tu no, perché
sei la figlia di un onesto pensionato, in compenso, sei giovane, bella e minorenne: minorenne! Io non di scuto se Ruggero sia un bravo ragazzo o un mascal zone, però adesso deve sposarti e tu devi diventare la signora De Gerardo. Suo padre sarà un pezzo grosso ma bisogna che si rassegni a diventare nostro stretto parente. (accende una sigaretta)
Maria Sarà come dici tu, ma io ho paura lo stesso. Una scusa oggi, un pretesto domani e... ti saluto matrimonio! (ac cende una sigaretta)
Rosa Tu poi, benedetta figlia, non ci hai pensato due volte, dico: due volte, per andarci a letto? Che testa sven tata! Questo sei: ‘na capa sventata!

Zi’ Vincenz. (a questo punto si sarà avvicinato a Rosa e a gesti le

vuole dire che cerca suo fratello) ... dinà? dinà!


Rosa (a Zi’ Vicenzino con tono forte come chi parla ad uno che non ode) Ferdinando nun è ancora tornato... Adesso andate sul balcone. Jate a vedé ‘a gente che passa.., tengo che ffa! Jate, ja! (Zi’ Vincenzino si rivolge a Maria)
Maria (parlandogli come gli ha parlato Rosa) Più tardi, zio, più tardi!(Zi’ Vincenzino ritorna sul balcone lenta mente, piagnucolando e di mala voglia siede)


Rosa (va al mobile-bar, si serve un bitter e lo sorseggia mentre dice)
Per chiarire, io ho detto soltanto: sic come il partito è ottimo sarebbe stupido, un peccato perderlo. Così, se invece di una carezza, un bacetto... vuole qualche cosa di più, e va bene.., non ti rifiutare: incoraggialo! A volte l’uomo è timido. Ma non mi sono mai, mai sognata di dire che ci dovevi andare a letto insieme. Comunque, non ti preoccupare, fa quello che ti dico io, se sei sicura che ti vuoI bene, inten diamoci!


Maria Questo sì... ma è papà che è così noioso! Vuol sapere sempre tutto!


Rosa Ci penso io. Poi mi ringrazierà quando gli racconterò come è andata la faccenda. Lascia fare a me!


Maria Però non mi sembra giusto che uno si sposi solo per la paura di andare in galera.

Rosa Ma non hai detto che ti vuole bene? Che vi volete bene? Gué, nenné, tempo da perdere non ce n’è. Tra otto mesi, a marzo, il bambino nascerà, tra un paio di mesi cominceremo a vederti la pancia ... e che succede
allora? Se ti sposi nel mese prossimo si potrà sempre dire che il bambino è nato settimino. Maria, tu tiene vent anni, devi sposarti. E bene. E ti sposerai, te lo dice tua madre! Anche tua sorella Graziella si sposerà come Dio comanda, alla faccia di tutti! Riccardo è un ragazzo in gamba. Un traffichino. Si vede subito il tipo sveglio. L’uomo di cinema, di rottura.
Maria (ironica) Sì, rottura! Quello fa il capo-comparse a Cinecittà.
Rosa Capogruppo! Capogruppo, cretina! Tu non capisci niente. Quanti hanno cominciato così e poi sono diventati produttori, attori, grandi stelle del cinema, manager. Riccardo ci ha l’occhio esercitato, sa cogliere il particolare, la finezza, quel non so che » che ti fa diventare una diva. Lui appena vide Graziella a Cine città rimase come folgorato. Me lo disse lui stesso: « A
Graziella la lancio io, però voglio l’esclusiva! »


Maria E si vede che ce l’ha l’esclusiva. Stanno sempre as sieme, tra poco non la riporta neanche più a casa!
Rosa Naturale! Se la deve lanciare è necessario che la faccia vedere, che la presenti a gente importante, no?
Maria Ieri, io e Ruggero, siamo andati con la sua macchina verso Grottaferrata. Gli ho voluto far vedere una chiesetta che mi piace tanto e che sta da quelle parti. Lui, davanti all’altare, mi ha giurato che il mese prossimo saremo marito e moglie. Ha detto: « Ora più che mai è mio dovere sposarti. Abbiamo mancato e devo riparare. Mio padre si convincerà. Senza di te non vivo più! »
Rosa E allora? Non farti scrupoli inutili. L’anno prossimo, di questi tempi, sarai la signora De Gerardo e noi i signori parenti della famiglia dell’onorevole De Ge rardo. Vai, porta questa roba di là


Ober. Silla (entra mentre Maria esce di scena) Papà ancora non è
rientrato? Io alle otto e mezzo debbo uscire.


Rosa E dove vai? Lo sai che tuo padre non vuole sapere che stai in giro di notte. Poi se la prende con me.


Ober. Silla Allora pe’ nun fa sta in pensiero paparino che faccio?
Me ne resto bono, bono in casa? A fare che?
Rosa A studiare mettendoci buona volontà. La scuola costa,
lo sai o no? Se quel santo uomo di tuo padre viene a sapere che sei stato bocciato un’altra volta, che asino eri e asino sei rimasto, gli viene un colpo. Proprio per questo non gli ho ancora detto niente, perché in que sta casa, chi pensa e provvede a tutto, sono sempre io!


Ober. Silla Ma che faccio de male? Già è abbastanza quello che sopporto. Da anni, capisci?



Rosa Per esempio?


Ober. Silla Er nome! (ripete caricando il tono) « Er nome » (imi-
tando)
‘o nomme... ‘o nomme... come dice papà!


Rosa ‘O nomme! Embè? Che tiene ‘a di’?


Ober. Silla Come che ci ho da di’? Ma dico io, come se fa a chiamà ‘n ragazzino « Oberdan Silla » ? Come se fa? Come se fa?


Rosa E’ un nome come un altro, no?


Ober. Silla Ma statte zitta! È roba che quanno me chiamano per la strada manco me rivorto perché me vergogno!


Rosa Overo!


Ober. Silla Nome e religione, stamme a sentì, ce li dovremmo sce glie noi figli nun appena raggiunto l’uso de ragione! Sto nome? Nun me piace! Me vojo chiamà così e così. Sta religione? Nun me convince! Vojo esse buddista,
ateo, maomettano. Pe’ convinzione, capisci? Mica pe’ convenienza uno dovrebbe accettà certe cose. Quando il signor Ruoppolo ebbe a Roma nella capitale dell’Impero il sospiratissimo figlio maschio, patriottico, nazio nalista come è, lo rovinò affibbiandogli il nome di due personaggi, legati alle sue fissazioni: Oberdan e Silla.


Rosa Animale! «Oberdan » è il nome della strada a Napoli dove io e tuo padre ci demmo il primo appuntamento d’amore. « Silla », il nome della strada dove c’era la nostra prima casa qui a Roma, e dove tu sei nato. Hai
capito?


Ober. Silla ... e allora è venuto fuori «Oberdan Silla” ! E meno male che quanno so nato non abitavate in via della scrofa! Oberdan Silla! Me pare er nome d’uno shampoo.
Rosa Gué? Shampoo o non shampoo, Silla o non Silla, a me non mi piace che te la fai con certa gente.


Ober. Silla Quale gente?


Rosa Mi hanno detto che te la fai con persone pericolose. Ti ha visto il tabaccaio.


Ober. Silla E capirai, er tabaccaro! Si capisce, quello è un capita lista fetente, che poteva dire? Ma vedrai che un gior no o l’altro gliela bruciamo la bottega a quel verme, e jela brucio io!


Rosa Ma che sei pazzo? Non metterti nei pasticci. Ricor dati che tuo padre sarà quello che sarà.., ma è un ga lantuomo...


Ober. Silla . .. un pensionato onesto e dignitoso. Ma che ha fatto,
in vita sua? Gnente! Ha avuto sempre paura di com promettere l’onore della sua famiglia. E che ci ha gua dagnato, lui? E che ci avemo guadagnato, noi? « Que sto non sta bene, quest’altro non si fa! L’onore, la stima, la rettitudine...! » Lasciamo perde, va... mm me fate di’ cose che nun vojo di’ e che tu stessa pensi! Se fosse per me in questo quartiere farei veni’ ‘a rivo luzione! Lo volete capire o no che qui se deve cambià tutto. Er monno se deve rivortà come un pedalino. Tutto da capo! Tutto da capo! (calmo alla madre) Hai tre mila lire! ? (azione di Rosa) Mi servono per l’affitto d’a motoretta
Rosa Ieri ti ho dato duemila lire. Io non sono la banca di Italia! Dove vuoi che li prenda? Se tuo padre viene a sapere che ti do sempre dei soldi, che penserà?


Ober. Silla Mi padre, mi padre: ma che ne sa lui dei guai miei?


Rosa Quali guai?


Ober. Silla Guai, guai! Tutti i miei compagni marciano come si deve.

Chi si è comprato lo scooter, chi la Cinquecento, chi la barca a motore...




Rosa ... e il canotto di gomma che ti ho comprato?


Ober. Silla Non è la barca a motore! La domenica tutti se ne vanno in gita a Fregene, a Ostia, in campagna e io rimango qua a guardamme zi’ Vincenzino sordo, muto e paralizzato. Sai che bel divertimento! Ma deve finì. Hai sentito ieri sera quello che hanno detto in televisione? Ammazzalo, come parla bene quello! Quello si che è n’omo! Ha detto che er popolo è stanco e che se rivorterà contro er potere temporale.
Rosa Tu stai a sentire solo quello che fa comodo a te. Senti, invece, come parla bene Padre Marziano...
Ober. Silla Bono quello: bono! La famiglia qua, la famiglia là, il padreterno, la Madonna, gli angeli custodi co’ le ali: ce ne avemo vicino uno pe’ persona de angeli custodi che ci assiste e ci protegge. In Italia ce ne avemo cinquanta mijoni. A ciascuno er suo volatile E Ma pare ‘n gallinaro, sta nazione! Nelle chiese, poi, nun ne parliamo quanti ce ne sono. Da quelli in miniatura a quelli più grandi, belli, paffutelli. Hai visto mai un bambino affamato dalla miseria tanto da non reggesse in piedi dalla debolezza, dietro chi ci ha? Ci ha n’angelo che sbotta de salute, che se Io guarda e se lo protegge. E meno male che il bambino affamato nun lo vede, perché l’angelo nun se fa vedé se no quello, co’ la fame che se ritrova, se lo magnerebbe.
Rosa Finiscila e vergognati! Come puoi parlare cosi! Con una zia suora di santa Zita. Lo sai o non lo sai che hai una zia, la sorella di tuo padre, che si è fatta suora a sedici anni?


Ober. Silla Te la raccomando quella li. L’ho vista ‘na sola vorta e voleva che me facessi prete. Ma che m’avete fatto castrà da ragazzino?


Rosa Scomunicato! Scomunicato! Scomunicato! (dalla strada, in sottofondo, rumori stradali)


Zi’ Vmcenz. (scoppia a piangere come un bambino e grida)
... dinà?
dinaà... dinaà! (cerca suo fratello che non vede tornare a casa)


Rosa
Che c’è?


Zi’ Vincenz. (a gesti fa capire anche che vorrebbe andare a letto)
Rosa (cercando di rabbonirlo) È presto, Ferdinando non è ancora tornato. È presto...


Zi’ Vincenz. (indicando le reni fa capire che la parte gli duole)


Rosa
È il solito dolore. Adesso Elide non vi può mettere a letto, tene che ffa! Andate sul balcone a vedere la gente che passa. Andate... (Zi’ Vincenzino brontolando si allon tana ed esce sul balcone, poi rientra e se ne va per la porta di sinistra)


Ober. Silla
Insomma quei sordi me li dai o no?


Rosa Se almeno avessi voglia di lavorare. Non era buono il posto alla Rinascente che ti era capitato?


Ober. Sill a Sì, a rompermi la schiena a pulire per terra dalla mat tina alla sera per una miseria. (arrabbiandosi) Se almeno avessi avuto un po’ di voce.., neanche quella! Un po’ di voce! A quest’ora starei al Cantagiro. Invece...


Rosa (dandogli il denaro) Te’...


Graziella (entra dal fondo, giovane e attraente) Buonasera. Che
corsa! Sono tutta sudata. Quando si passa per il centro ce ne vuole per tornare a casa. Macchine, gente, autobus. Riccardo ha telefonato?


Rosa Non credo. Io sono rientrata da poco. (Oberdan Silla esce di scena)


Graziella
Buone notizie, mammà! Quasi certamente Riccardo m’ha
combinato il contratto per un fumetto e forse, forse an che per dei « Caroselli ». Oggi mi hanno fatto due ser vizi fotografici anche in due pezzi, siamo andati ad Ostia, sai? Io mi vergognavo un po’, ma Riccardo ha detto che sono venuta benissimo e che la prossima volta, il « servizio » me lo vuole fare lui! Così ha detto!
Rosa E quello te lo fa: te lo fa!


Graziella Ha detto che lui solo sa come mi deve sfruttare. Ab biamo anche mangiato al ristorante sul mare. È stato bellissimo.


Rosa Ti tratta bene, eh?


Graziella E’ sempre tanto carino. Il conto l’ho pagato io perché lui era rimasto a secco. Ha tante spese per questo lancio mio. Lui ci crede!
Rosa E tu no?


Graziella Certo. Gobba non sono. Riescono tante in cinema che
sono meno belle di me! Ho visto un vestito da sposa, mammà, che è una meraviglia! Semplice, moderno. Un tailleur primaverile con giacchino a double face lillà chiaro, chiaro. A Riccardo è piaciuto molto.

Rosa Senza velo da sposa. Peccato!


Graziella E chi lo usa più il velo? Mamma! Ti avverto che sta sera devo uscire con Riccardo. Dobbiamo vedere un produttore. Sta preparando un western. Forse è la volta buona, mammà!


Rosa Uffà con questa storia, papà non vuole che uscite la sera, Graziè!


Graziella Uffà! Lo volete capire che sono una attrice e come tale devo andare al Festival di Cannes o di Venezia o a Punta dell’Est. Che faccio? Ci vado di nascosto?


Rosa E va bene, se si deve andare a Punta dell’Est ci andiamo. Che bisogno c’è d’arrabbiarsi tanto?


Graziella Ma papà quando ritorna? Ci farà cenare tardi e finirà
che dal produttore non ci posso andare più! (esce di scena)


Elide (entra)
Signò, io me ne vado. Ho fatto la cucina e la cena è pronta. A Zio Vincenzino j’ho dato da magnà perché ci aveva fame. Poco fa m’è toccato da daje n’antra vorta ‘na pulita. Se l’è fatta addosso. A me sta cosa me
fa senso, si je lo devo di .


Rosa Bella mia, a te ti fa senso tutto. Ormai è come se fosse un ragazzino.


Elide Ma che ragazzino? Quello ci ha cent’anni. Lì se tratta de pulillo due o tre vorte ar giorno. Ma che davero, davero? Anzi giacché stiamo dentro a ‘sto discorso, je dico subito che a me ‘sta cosa mica me conviene. Ce
potrebbero pure penzà le figlie sue, lei stessa, er fra tello... Io qua mica so venuta a fà l’infermiera o la balia ar centenario. (avviandosi)


Rosa
Come?


Elide Sarebbe a di che vostro cognato lo potreste pure mette all’ospedale. Fa ‘na pena, poveraccio, a vedello girà pe’ casa tutta la santa giornata senza che nessuno je dà retta, a comincià proprio dar fratello.


Rosa Queste sono cose che non ti riguardano. Hai capito? Se lo teniamo in casa è perché ci piace così. Ci man cherebbe anche la spesa dell’ospedale, come se ci fosse speranza di guarigione. Va, va sbrigati! E se qua non
ci stai bene, vattene. Nessuno ti trattiene. Tanto di gua dagnato. Con tante necessità che abbiamo.


Elide Sì? E che è corpa mia si ci avete le necessità? Accon tentateve de meno e tante necessità nun ce l’avrete più. Magnate bene, bevete bene, amici nun ve ne mancano... nun lo so io!...


Rosa Ah mangiamo bene, beviamo bene, amici non ce man cano. Che vorresti dire, sul fatto che amici non ce ne mancano? Quali sono questi amici?

Elide Ma lassamo perde... è mejo!


Rosa Invece non lasciamo perdere niente. Intanto vattene e domani puoi anche fare a meno di venire!


Elide Lei me dia quello che me spetta e me ne vado: tredi cesima, anzianità, ferie e marchette.


Rosa Anzianità? Ma se sei con noi da appena un mese !…




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale