Comprehensive assessment of at risk mental states



Scaricare 0.58 Mb.
Pagina1/11
08.12.2017
Dimensione del file0.58 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11



C A A R M S

V E R S I O N E M E N S I L E 2 0 0 6

VALUTAZIONE GENERALE DEGLI STATI MENTALI A RISCHIO



A. Yung, L. Phillips, M.B. Simmons, J. Ward, K. Thompson, P. French, P. McGorry




Nome: ___________________

CRF #: ___________________

Valutatore: ___________________

Date: _____ / _____ / _____

The PACE Clinic

Dipartimento di Psichiatria

Università di Melbourne

Melbourne, Australia

© 2006 Yung, Phillips, Simmons, Ward, Thompson, French, McGorry




Introduzione alla CAARMS



Finalità:

  • Stabilire se una persona può essere definita in uno “stato mentale a rischio” secondo i criteri indicati.

  • Escludere o confermare i criteri relativi all’acuzie psicotica.

  • Individuare nel tempo una serie di fattori psicopatologici e funzionali nei giovani ad elevatissimo rischio di psicosi.


Struttura della CAARMS:

  • Le valutazioni sono articolate in una serie di sottopunteggi che trattano diversi aspetti psicopatologici e funzionali. Sulla base di tali valutazioni è possibile estrapolare informazioni utili al raggiungimento delle finalità enunciate.


Quadro dei sintomi e del funzionamento – Mutazione longitudinale:

  • Alla prima intervista (e non a quelle di follow-up), la CAARMS serve a ottenere un quadro generale del cambiamento dalla fase premorbosa nel soggetto intervistato. E’ opportuno utilizzare tutte le informazioni disponibili.

  • Registrate l’epoca del primo cambiamento rilevato – data e età in anni dell’intervistato:

Data: ………………………………

Età: ………………………………




  • Prima comparsa in assoluto di sintomi o segni:

………………………………………..……

………………………………………..……

………………………………………..……

………………………………………..……

………………………………………..……


  • Riepilogo del decorso da allora – rappresentazione grafica diacronica p.es.




primo cambiamento periodo peggiore stato attuale tempo



  • Timeline attuale:


primo cambiamento periodo peggiore stato attuale tempo



INDICE

1: SINTOMI POSITIVI pagina

1.1 CONTENUTO INSOLITO DEL PENSIERO 1

1.2 IDEE NON BIZZARRE 3

1.3 ANOMALIE PERCETTIVE 5

1.4 ELOQUIO DISORGANIZZATO 7
2: ALTERAZIONI COGNITIVE NELL’ATTENZIONE/CONCENTRAZIONE

2.1 ESPERIENZA SOGGETTIVA 9

2.2 ALTERAZIONI COGNITIVE OSSERVATE 11
3: DISTURBI EMOTIVI

3.1 DISTURBI EMOTIVI SOGGETTIVI 12

3.2 APPIATTIMENTO AFFETTIVO OSSERVATO 14

3.3 AFFETTIVITA’ INAPPROPRIATA OSSERVATA 15


4: SINTOMI NEGATIVI

4.1 ALOGIA 16

4.2 AVOLIZIONE/APATIA 17

4.3 ANEDONIA 18


5: CAMBIAMENTI COMPORTAMENTALI

5.1 ISOLAMENTO SOCIALE 19



    1. RIDOTTO FUNZIONAMENTO SOCIALE 20

    2. COMPORTAMENTO DISORGANIZZATO/STRANO/STIGMATIZZANTE 21

    3. COMPORTAMENTO AGGRESSIVO/PERICOLOSO 22


6: CAMBIAMENTI FISICO-MOTORI

    1. PERCEZIONE SOGGETTIVA DI RIDOTTA FUNZIONALITA’ MOTORIA 23

    2. DISTURBI DEL FUNZIONAMENTO MOTORIO RIFERITI O

OSSERVATI DALL’INFORMATORE 24

    1. PERCEZIONE SOGGETTIVA DI SENSAZIONI CORPOREE ALTERATE 25

    2. PERCEZIONE SOGGETTIVA DI ALTERAZIONI

VEGETATIVE 26
7: PSICOPATOLOGIA GENERALE

    1. MANIA 27

    2. DEPRESSIONE 29

    3. SUICIDALITA’ E AUTOLESIONISMO 31

    4. FLUTTUAZIONI DELL’UMORE/LABILITA’ 32

    5. ANSIA 33

    6. SINTOMI OSSESSIVO-COMPULSIVI 34

    7. SINTOMI DISSOCIATIVI 35

    8. RIDOTTA TOLLERANZA AL NORMALE STRESS 36


8: CRITERI DI INCLUSIONE 37
9: SOGLIA PSICOTICA 38
10: RITIRO DALLO STUDIO 38



1: Sintomi Positivi




1.1 Contenuto insolito del pensiero

Umore delirante e perplessità (“idee non cristallizzate”)

  • Hai avuto l’impressione che stia accadendo qualcosa di strano che non sai spiegare? Di che si tratta?

  • C’è qualcosa che ti fa sentire confuso? Gli ambienti noti ti sembrano strani?

  • Ti sembra di essere cambiato in un modo o nell’altro?

  • Ti sembra che gli altri o il mondo siano in qualche modo cambiati?





Idee di riferimento


  • Idee di riferimento: Ti è sembrato che quanto accadeva attorno a te avesse un significato speciale o che le persone volessero trasmetterti un messaggio? Com’era? Com’è cominciato?







Idee bizzarre (“Idee cristallizzate”)

  • Pensieri, sensazioni, impulsi avuti: Hai sentito che qualcuno o qualcosa fuori di te stava controllando i tuoi pensieri, sentimenti, azioni o pulsioni? Hai mai avuto sentimenti o impulsi che sembravano non provenire da te?

  • Passività somatica: Provi sensazioni strane nel corpo? Sai da cosa sono causate? La causa potrebbero essere altre persone o forze al di fuori di te?

  • Inserimento del pensiero: Hai la sensazione che ti vengano messi in testa idee e pensieri non tuoi? Come fai a sapere che non sono tuoi? Da dove provengono?

  • Furto del pensiero: Hai mai avuto la sensazione che idee e pensieri ti venissero estratti dalla mente? In che maniera?

  • Trasmissione del pensiero: I tuoi pensieri vengono trasmessi sicché altre persone riescono a sapere cosa stai pensando?

  • Lettura del pensiero: Gli altri sono in grado di leggerti la mente?





Contenuto insolito del pensiero – Scala di Valutazione Globale


0

Mai, assente

1

Dubbio

2

Lieve

3

Moderato

4

Moderatamente grave

5

Grave

6

Psicotico e grave

Nessun pensiero insolito.

Modesta elaborazione delle convinzioni condivise da una parte della popolazione

Vaga sensazione di qualcosa di diverso o sbagliato nel mondo, di un cambiamento che non riesce ad articolare chiaramente.

Il soggetto non è assorbito/ preoccupato per questa sensazione.



Perplessità. Una maggiore incertezza in merito ai propri pensieri rispetto a 2.



Idee di riferimento in cui si attribuisce un significato particolare e insolito a taluni eventi, oggetti o persone.

Sensazione che l’esperienza possa venire dall’esterno di sé. Convinzione non assoluta, il soggetto è in grado di dubitarne. Non si manifesta con un cambiamento comportamentale.



Pensieri insoliti di contenuto assolutamente originale e altamente improbabile.

Il soggetto sa metterli in dubbio (non li afferma con convinzione delirante) o non vi crede con continuità.

Possono verificarsi mutamenti nel comportamento, ma di minore entità.


Pensieri insoliti di contenuto assolutamente originale e altamente improbabile affermati con convinzione delirante (assenza di dubbio).

Spesso con effetti significativi sul comportamento.





Data esordio: ________________ Data remissione: ________________


Frequenza e durata

0

1

2

3

4

5

6

Assente

Meno di una volta al mese

Da una volta al mese a due volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta


Da una volta al mese a due volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

da 3 a 6 volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta



Da 3 a 6 volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

ogni giorno per meno di un’ora



Ogni giorno per più di un’ora ogni volta

Oppure

più volte al giorno



Continua



Schema dei sintomi

0

1

2

Non si osserva alcuna relazione con l’uso di sostanze

Si verifica in concomitanza con l’uso di sostanze e anche altre volte

Si osserva solo in concomitanza con l’uso di sostanze


Intensità del disagio dinanzi ai sintomi



0 100

Nessun disagio Disagio estremo



1.2 Idee non bizzarre

Idee non bizzarre (“Idee cristallizzate”)

  • Sospettosità, idee persecutorie: C’è qualcuno che ti perseguita o che ti vuole fare del male? Hai l’impressione che la gente parli di te, rida di te o ti guardi? Cosa fanno? Come fai a sapere che si riferiscono proprio a te?

  • Idee di grandezza: Ti senti molto importante per qualche motivo o senti di avere poteri speciali per fare cose che gli altri non sanno fare?

  • Idee riferite al corpo: Hai l’impressione che stia accadendo qualcosa di strano nel tuo corpo che non sai spiegare? Cosa provi? Hai l’impressione che il corpo sia cambiato o che la forma del tuo corpo non vada bene?

  • Idee di colpa: Pensi di meritarti una punizione per qualche errore che hai commesso?

  • Idee nichilistiche: Hai mai pensato di non esistere, o che una parte di te non esista o sia morta? Hai mai l’impressione che il mondo non esista?

  • Idee di gelosia: Sei un tipo geloso? Ti preoccupi per i rapporti che il coniuge/fidanzata/fidanzato intrattengono con altri?

  • Idee mistiche: Sei molto religioso? Hai avuto esperienze mistiche?

  • Idee erotomaniache: Qualcuno si è innamorato di te? Chi? Come fai a sapere che è proprio così? Contraccambi i suoi sentimenti?




Idee non bizzarre – Scala di valutazione globale


0

Mai, assente

1

Dubbio

2

Lieve

3

Moderato

4

Moderatamente grave

5

Grave

6

Psicotico e grave

Nessuna idea non bizzarra.

Sottili alterazioni forse motivate da fatti reali. Es. Elevata coscienza di sé.

Aumento della coscienza di sé, sensazione che altri lo guardano o parlano di lui.

Senso di accresciuta importanza di sé. Soggetto in grado di dubitarne.



Pensieri strani o insoliti non del tutto privi di plausibilità, con qualche base logica. Maggiore evidenza rispetto a 4.

Pensieri di contenuto non originale: gelosia, lieve paranoia.



Convinzioni evidentemente idiosincrasiche “plausibili” ma prive di alcun fondamento logico.

Minore evidenza rispetto al punteggio 3.

Es.: l’idea che gli altri vogliano male al soggetto può essere facilmente fugata.

I pensieri relativi al possesso di poteri speciali vengono facilmente fugati.



Pensieri insoliti su cui il soggetto nutre qualche dubbio (non sostenuti con convinzione delirante) o a cui crede solo una parte del tempo.

Può portare a modifiche del comportamento di minore entità.



Pensieri insoliti con contenuti originali e altamente improbabili, affermati con convinzione delirante (assenza di dubbio)

Possibili ricadute importanti sul comportamento.





Data esordio: ________________ Data remissione: ________________


Frequenza e durata

0

1

2

3

4

5

6

Assente

Meno di una volta al mese

Da una volta al mese a due volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta


Da una volta al mese a due volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

da 3 a 6 volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta



Da 3 a 6 volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

ogni giorno per meno di un’ora



Ogni giorno per più di un’ora ogni volta

Oppure

più volte al giorno



Continua



Schema dei sintomi

0

1

2

Non si osserva alcuna relazione con l’uso di sostanze/stress

Si verifica in concomitanza con l’uso di sostanze e anche altre volte

Si osserva solo in concomitanza con l’uso di sostanze


Intensità del disagio dinanzi ai sintomi



0 100

Nessun disagio Disagio estremo


1.3 Anomalie Percettive


Alterazioni visive

  • Distorsioni, illusioni: Hai notato un cambiamento nell’aspetto delle cose? Ti sembrano forse un poco diverse o anormali? Noti cambiamenti nel colore o nella luminosità degli oggetti (che sembrano avere colori più brillanti o più opachi)? Noti alterazioni nella forma e nelle dimensioni degli oggetti? Ti sembra che le cose si muovano?

  • Allucinazioni: Hai visioni o vedi cose che forse non esistono? Vedi mai oggetti che gli altri ti sembra non riescono a vedere? Cosa vedi? Quando vedi queste cose, quanto ti sembrano reali? Ti rendi conto subito che non sono reali o solo successivamente?






Alterazioni uditive

  • Distorsioni, illusioni: Hai notato un cambiamento nei rumori dell’ambiente? Ti sembrano forse un poco diversi o anormali? Ti sembra di avere un udito più acuto o più sensibile? Ti sembra di udire i suoni in modo attutito o meno chiaro?

  • Allucinazioni: Ti capita mai di sentire cose che forse non esistono? Senti mai cose che gli altri sembrano non udire (p.es. suoni o voci)? Cosa senti? Quando senti queste cose, quanto ti sembrano reali? Ti rendi conto subito che non sono reali o solo successivamente?



Alterazioni olfattive

  • Distorsioni, illusioni: Il tuo olfatto sembra cambiato, nel senso che è più intenso o meno intenso del solito?

  • Allucinazioni: Ti capita di sentire odori che gli altri non percepiscono? Quanto ti sembrano reali questi odori sul momento? Ti rendi conto subito che non sono reali o solo successivamente?



Alterazioni gustative

  • Distorsioni, illusioni: Il tuo senso del gusto sembra cambiato, ossia è più intenso o meno intenso del solito?

  • Allucinazioni: Ti capita di percepire sapori strani in bocca? Quando senti questi gusti, quanto ti sembrano reali? Ti rendi conto subito che non sono reali o solo successivamente?


Alterazioni tattili

  • Distorsioni, illusioni, allucinazioni: Ti capita di avere strane sensazioni sulla pelle o sottopelle? Quando le senti, quanto ti sembrano reali? Ti rendi conto subito che non sono reali o solo successivamente?



Alterazioni somatiche

NOTA: Item impiegati anche per valutare le Sensazioni corporee alterate, p. 26



  • Distorsioni, illusioni: Ti capita di avere sensazioni corporee strane, p.es. senti che qualche parte del corpo è cambiata o che funziona in maniera diversa da prima? Senti/pensi di avere un difetto in qualche parte del corpo o in tutto il corpo, ovvero che sembra diverso agli altri o che è diverso in un modo o nell’altro? Quanto ti sembra reale?

  • Allucinazioni: Hai notato un cambiamento nelle sensazioni fisiche, per esempio una maggiore o minore intensità? O provi sensazioni fisiche insolite come tensioni, fitte, bruciori, intorpidimento, vibrazioni?




Anomalie Percettive – Scala di valutazione globale


0

Mai, assente

1

Dubbio

2

Lieve

3

Moderato

4

Moderatamente grave

5

Psicotico ma non grave

6

Psicotico e grave

Nessuna esperienza percettiva anomala.




Percezioni acuite o ridotte, distorsioni, illusioni (es. luci/ombre).

Non causano particolare disagio.

Esperienze ipnagogiche/ ipnopompiche


Vissuti più sconcertanti: distorsioni/ illusioni più intense e vivide, mormorii indistinti, ecc.

Soggetto incerto quanto alla natura di queste esperienze.

In grado di allontanarle.

Non causano disagio.

Derealizzaz., depersonaliz.


Esperienze molto più forti di 3, p.es. voci che chiamano nomi, telefono che suona, ma possono essere transitorie.

In grado di dare una spiegazione plausibile a questo vissuto.

Può essere associato a un lieve disagio.


Vere allucinazioni, p.es. sente voci o conversazioni, sensazione di qualcosa a contatto con il corpo.

Soggetto in grado di mettere in dubbio il suo vissuto, con uno sforzo.

Può essere motivo di paura o disagio.


Vere allucinazioni che il soggetto ritiene reali sul momento e anche dopo.

Può essere fonte di grave disagio.






Data esordio: ________________ Data remissione: ________________


Frequenza e durata




0

1

2

3

4

5

6

Assente

Meno di una volta al mese

Da una volta al mese a due volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta


Da una volta al mese a due volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

da 3 a 6 volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta



Da 3 a 6 volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

ogni giorno per meno di un’ora



Ogni giorno per più di un’ora ogni volta

Oppure

più volte al giorno



Continua



Schema dei sintomi

0

1

2

Non si osserva alcuna relazione con l’uso di sostanze

Si verifica in concomitanza con l’uso di sostanze e anche altre volte

Si osserva solo in concomitanza con l’uso di sostanze



Intensità del disagio dinanzi ai sintomi



0 100

Nessun disagio Disagio estremo


1.4 Eloquio disorganizzato

NOTA: Item impiegati anche per valutare l’Alogia, pag. 16
Alterazioni soggettive:

  • Ti sembra di avere difficoltà nel parlare o nel comunicare con gli altri?

  • Hai difficoltà a trovare la parola giusta nel momento giusto?

  • Ti capita di utilizzare parole che non sono proprio quelle giuste o che sono completamente fuori tema?

  • Ti capita di partire per la tangente quando parli e di non giungere mai al punto? E’ una cosa che accade da poco?

  • Ti rendi conto di parlare di cose che non c’entrano o di divagare?

  • Ti sembra che gli altri abbiano talvolta difficoltà a comprendere ciò che stai dicendo/ ti risulta difficile farti capire?

  • Ti accorgi mai di stare ripetendo le parole degli altri?

  • Ti capita di dover ricorrere alla gestualità o mimica per comunicare perché hai difficoltà a esprimerti verbalmente? Quanto è grave?

  • E’ così grave che talvolta preferisci stare zitto e non dire nulla?




Valutazione obiettiva dell’eloquio disorganizzato


  • E’ talvolta difficile seguire il discorso del soggetto a causa del ricorso a parole sbagliate e della sua circostanzialità o tangenzialità?

  • Il soggetto è vago, eccessivamente astratto o concreto? Le sue risposte possono essere condensate?

  • Va spesso fuori tema e si perde nel suo discorso? Sembra esservi una difficoltà a reperire le parole giuste?

  • Ripete le parole che avete utilizzato voi o inframezza la normale conversazione con parole strane o inesistenti?







Eloquio disorganizzato – Scala di valutazione globale


0

Mai, assente

1

Dubbio

2

Lieve

3

Moderato

4

Moderatamente grave

5

Grave

6

Psicotico

Eloquio logico normale, non disorganizzato, nessun problema a comunicare o farsi capire.




Lievi difficoltà soggettive, es.: difficoltà a trasmettere il messaggio

Non osservabile dagli altri.



Eloquio vago o irrilevante, alcuni segni di circostanzialità.

Sensazione di non essere compresi.



Evidenza chiara di eloquio e pensiero leggermente sconnessi. Nessi tra concetti piuttosto tangenziali.

Maggiore frustrazione nella conversazione



Marcata circostanzialità o tangenzialità nell’eloquio, ma segue la strutturazione dell’intervista.

Può aver necessità di ricorrere alla gestualità o mimica per comunicare.



Mancanza di coerenza, eloquio inintelleggibile, evidente difficoltà a seguire un filo.

Associazioni sconnesse nell’eloquio







Data esordio: ________________ Data remissione: ________________


Frequenza e durata




0

1

2

3

4

5

6

Assente

Meno di una volta al mese

Da una volta al mese a due volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta


Da una volta al mese a due volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

da 3 a 6 volte la settimana – per meno di un’ora ogni volta



Da 3 a 6 volte la settimana – per più di un’ora ogni volta

Oppure

ogni giorno per meno di un’ora



Ogni giorno per più di un’ora ogni volta

Oppure

più volte al giorno



Continua



Schema dei sintomi

0

1

2

Non si osserva alcuna relazione con l’uso di sostanze

Si verifica in concomitanza con l’uso di sostanze e anche altre volte

Si osserva solo in concomitanza con l’uso di sostanze



Intensità del disagio dinanzi ai sintomi



0 100

Nessun disagio Disagio estremo





Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale