Comune di policoro provincia di matera


Art. 28 Contenuto e presentazione della dichiarazione



Scaricare 211 Kb.
Pagina78/87
28.03.2019
Dimensione del file211 Kb.
1   ...   74   75   76   77   78   79   80   81   ...   87

Art. 28 Contenuto e presentazione della dichiarazione


  1. I soggetti passivi dei tributi presentano la dichiarazione entro il termine del 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo. Nel caso di occupazione in comune di un’unità immobiliare, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti, utilizzando gli appositi moduli predisposti dal comune e messi a disposizione degli interessati.

  2. Ai fini della dichiarazione relativa alla TARI, restano ferme le superfici dichiarate o accertate ai fini del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) di cui al D.L. n.201/2011 art.14, della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani di cui al decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507 (TARSU), o della tariffa di igiene ambientale prevista dall'articolo 49 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (TIA 1) o dall’articolo 238 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (TIA 2)

  3. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi qualora non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo. In caso contrario la dichiarazione di variazione o cessazione va presentata entro il termine di cui al primo comma. Nel caso di pluralità di immobili posseduti, occupati o detenuti la dichiarazione deve riguardare solo quelli per i quali si è verificato l’obbligo dichiarativo.

  4. La dichiarazione, originaria, di variazione o cessazione, relativa alle utenze domestiche deve contenere:

  1. per le utenze di soggetti residenti, i dati identificativi (dati anagrafici, residenza, codice fiscale) dell’intestatario della scheda famiglia;

  2. per le utenze di soggetti non residenti, i dati identificativi del dichiarante (dati anagrafici, residenza, codice fiscale);

  3. l’ubicazione, specificando anche il numero civico e se esistente il numero dell’interno, e i dati catastali dei locali e delle aree, nonché i dati del proprietario/i dello stesso;

  4. la superficie e la destinazione d’uso dei locali e delle aree;

  5. la data in cui ha avuto inizio l’occupazione o la conduzione, o in cui è intervenuta la variazione o cessazione;

  6. la sussistenza dei presupposti per la fruizione di riduzioni o agevolazioni.

  1. La dichiarazione, originaria, di variazione o cessazione, relativa alle utenze non domestiche deve contenere:

  1. i dati identificativi del soggetto passivo (ragione e scopo sociale o istituzionale dell’impresa, società, ente, istituto, associazione ecc., codice fiscale, partita I.V.A., codice ATECO dell’attività, sede legale);

  2. i dati identificativi del legale rappresentante o responsabile (dati anagrafici, residenza, codice fiscale);

  3. l’ubicazione, la superficie, la destinazione d’uso e dati catastali dei locali e delle aree nonché i dati del proprietario/i dello stesso;

  4. la data in cui ha avuto inizio l’occupazione o la conduzione, o in cui è intervenuta la variazione o cessazione;

  5. la sussistenza dei presupposti per la fruizione di riduzioni o agevolazioni.

  1. La dichiarazione, sottoscritta dal dichiarante, è presentata direttamente all’ufficio tributi del Comune, oppure può essere inoltrata allo stesso :

  1. attraverso il servizio postale;

  2. via fax

  3. in allegato a messaggio di posta elettronica certificata

Nei casi di trasmissione previsti dai precedenti punti a), b), c), fa fede la data di invio.

  1. Gli uffici comunali, in occasione di richiesta di residenza, rilascio di licenze, autorizzazioni o concessioni, devono invitare il contribuente a presentare la dichiarazione nel termine previsto, fermo restando l’obbligo del contribuente di presentare la dichiarazione anche in assenza di detto invito.


Capitolo 1 disciplina generale “iuc”
A decorrere dall’anno 2014, non è dovuta l’imposta municipale propria
L’imposta municipale propria non si applica, altresì:
Sono considerate direttamente adibite ad abitazione principale le seguenti unità immobiliari
Sono escluse dal tributo:
La tari è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte
Per la determinazione del n° di componenti il nucleo familiare nei casi previsti dal regolamento comunale
La quota fissa della tariffa per le utenze non domestiche



Condividi con i tuoi amici:
1   ...   74   75   76   77   78   79   80   81   ...   87


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale