Comune di velo d’astico provincia di Vicenza sportello unico per l’edilizia residenziale e produttiva



Scaricare 0.86 Mb.
Pagina1/3
11.12.2017
Dimensione del file0.86 Mb.
  1   2   3


DOCUMENTO EDITABILE AGGIORNATO AL 22.10.14


MARCA


DA BOLLO

16,00 €




COMUNE DI VELO D’ASTICO

Provincia di Vicenza

SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE E PRODUTTIVA

P.zza IV Novembre, 5


C.F. P.IVA 00460580244

Tel. 0445/741799 -- Fax 0445/741818

E-mail: tecnico@comune.velodastico.vi.it





PERMESSO DI COSTRUIRE

(art. 20 D.P.R. 380/2001)



DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI NOTORIETÀ

(artt.46 e 47 del d.p.r. n.445/2000)






    DATI ANAGRAFICI DEL/I COMMITTENTE/I:



   ,      , nato a       in data      ,       ,  a      , in via       n.     CAP      , tel.      , fax       e-mail      , in qualità di

 


 

(Nel caso di due o più richiedenti compilare l’allegato “2” Richiedenti)

(Allegare copia del/i Documento/i di Identità in corso di validità)

ai sensi degli art. 11 e 20 del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380,



CHIEDE IL RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE
 IN FORMA ORDINARIA (ART. 10 DEL D.P.R. 380/01)

 IN VARIANTE AL PERMESSO DI COSTRUIRE N.       DEL       Prot.n.     , RELATIVO ALLA PRATICA EDILIZIA      /PE/     

 IN SANATORIA (ART. 36 DEL D.P.R. 380/01)

 IN SANATORIA (ART. 37 DEL D.P.R. 380/01)

 AI SENSI DEL PIANO CASA (L.R. 14/2009 – L.R. 13/2011)

 IN DEROGA AGLI STRUMENTI URBANISTICI (ART. 14 DEL D.P.R. 380/01)

 IN ALTERNATIVA ALLA SCIA (ART. 22 COMMA 7° DEL D.P.R. 380/01)

per la realizzazione delle opere di seguito descritte:




     

Consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di atti falsi, richiamate dall’art. 76 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000, delle sanzioni previste dal Codice di Procedura Penale, art. 483 e delle leggi penali in materia di falsità negli atti, oltre alle conseguenza amministrative.

Consapevole che, qualora dovesse emergere la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni presentate, decadranno i benefici derivanti dal provvedimento emanato ai sensi di quanto disposto dall’art. 75 del D.P.R. 445/2000.

Vista la vigente normativa in materia edilizia ed urbanistica, indica di seguito le caratteristiche specifiche dell’intervento richiesto.


Identificare l’intervento in base alla tipologia
A) per i seguenti interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio:
INTERVENTI SUBORDINATI AL PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 10 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)
Nuova costruzione (art. 10.1 lettera a) del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380)

 Costruzione di manufatto edilizio fuori terra o interrato (art. 3.1 lettera e.1) del D.P.R. 380/2001)

 Ampliamento di manufatto all’esterno della sagoma dell’esistente (art. 3.1 lettera e.1) del D.P.R. 380/2001)

 Intervento pertinenziale che comporta la realizzazione di un volume superiore al 20% del volume dell’edificio principale (art. 3.1 lettera e.6) del D.P.R. 380/2001)

 Intervento di urbanizzazione primaria e secondaria realizzato da soggetti diversi dal Comune (art. 3.1 lettera e.2) del D.P.R. 380/2001)

 Realizzazione di infrastrutture e impianti, anche per pubblici servizi, che comporti la trasformazione permanente di suolo inedificato (art. 3.1 lettera e.3) del D.P.R. 380/2001)

 Installazione di torri e tralicci per impianti radio-rice-trasmettenti e di ripetitori per i servizi di telecomunicazione (art. 3.1 lettera e.4) del D.P.R. 380/2001)

 Installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati e di strutture di qualsiasi genere (roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro oppure depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee) (art. 3.1 lettera e.5) del D.P.R. 380/2001)

 Realizzazione di depositi merci o di materiali (art. 3.1 lettera e.7) del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380)

 Realizzazione di impianti per attività produttive all’aperto ove comportino l’esecuzione di lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo edificato (art. 3.1 lettera e.7) del D.P.R. 380/2001)

 Realizzazione/installazione di impianti tecnologici protesi al risparmio energetico, a servizio di edifici esistenti con soglia inferiore o pari a 20 KW (L.R. 10/2010).



Ristrutturazione Urbanistica (art. 10.1 lettera b) del D.P.R. 380/2001)

 Interventi rivolti a sostituire l’esistente tessuto urbanistico-edilizio con altro diverso, mediante un insieme sistematico di interventi edilizi, anche con la modifica del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale.

Ristrutturazione Edilizia (art. 10.1 lettera c) del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 come mod. dal D.Lgs. 301/2002)

 Interventi che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso.
B) per i seguenti interventi non comportanti trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, per i quali, pur se realizzabili tramite Denuncia di Inizio Attività, si richiede il rilascio del Permesso di Costruire (art. 22.3 del D.P.R. 380/2001)

INTERVENTI REALIZZABILI CON DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (art. 22.3 del D.P.R. 380/2001)

Interventi edilizi minori

 Opere interne di singole u.i. che non comportino modifiche della sagoma e dei prospetti, non rechino pregiudizio alla statica dell’immobile e, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A di cui al D.M. 1444/68, non modifichino la destinazione d’uso (art. 2 comma 60.7 lettera e) legge 662/96)

 Opere di eliminazione delle barriere architettoniche in edifici esistenti consistenti in rampe o ascensori esterni, ovvero che alterino la sagoma dell’edificio (art. 2 comma 60.7 lettera b) legge 662/96)

 Interventi di manutenzione straordinaria (art. 3.1 lettera b) del D.P.R. 380/2001)

 Interventi di restauro e risanamento conservativo (art. 3.1 lettera c) del D.P.R. 380/2001)

 Revisione o installazione di impianti tecnologici al servizio di edifici o di attrezzature esistenti

 Volumi tecnici che si rendano indispensabili, sulla base di nuove disposizioni

 Recinzioni, muri di cinta, cancellate (art. 2 comma 60.7 lettera c) legge 662/96)

Interventi di ristrutturazione edilizia (art. 3.1 lettera d) del D.P.R. 380/2001)

 Consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica

Interventi di ristrutturazione edilizia (art. 10, comma 1, lett. c) del D.P.R. 380/2001, come modificato dal D.Lgs. 301/2002)

 che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti.

Interventi pertinenziali:

 Parcheggi pertinenziali nel sottosuolo del lotto su cui insiste il fabbricato (art. 2 comma 60.7 lett. h legge 662/96)

 VARIANTE AL PERMESSO DI COSTRUIRE che non incide sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, non modifica la destinazione d’uso e la categoria edilizia, non altera la sagoma dell’edificio e non viola la prescrizioni contenute nel permesso di costruire (art. 22.2 del D.P.R. 380/2001)

 Interventi sottoposti a concessione disciplinati da piani attuativi che contengono precise disposizioni plano-volumetriche, tipologiche, formali e costruttive, la cui sussistenza sia stata esplicitamente dichiarata dal C.C. in sede di approvazione degli stessi piani o di ricognizione di quelli vigenti (art. 1,comma 6, lettera c) legge 443/2001)

 Interventi di nuova costruzione qualora siano in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche (art. 1,comma 6, lettera b) legge 443/2001)

 Interventi di sopralzo, addizione, ampliamento e le nuove edificazioni in diretta esecuzione di idonei strumenti urbanistici diversi da quelli indicati alla lettera c) dell’art. 6 della legge 443/2001, ma recanti analoghe previsioni di dettaglio (art. 1,comma 6, lettera d) legge 443/2001)

 Demolizioni, reinterri e scavi che non riguardino cave o torbiere


TIPO DI PROVVEDIMENTO



1. TITOLO ONEROSO 




PAGAMENTO

ONERI




UNICA SOLUZIONE AL RILASCIO 

2. CONVENZIONATO 





RATEIZZATO* 
* dovrà essere prodotta polizza fidejussoria a garanzia degli importi da versare

3. SCOMPUTO 



N.B.: qualora non venga riportato, nella successiva riga alcun riferimento circa il tipo di provvedimento edilizio assoggettato alla disciplina dello scomputo, si attiverà la procedura del rilascio del provvedimento edilizio a titolo oneroso

TIPO DI SCOMPUTO:      



4. GRATUITO 






N.B.: qualora non venga riportato, nella successiva riga alcun riferimento circa il tipo di provvedimento edilizio assoggettato alla disciplina della gratuità, si attiverà la procedura del rilascio del provvedimento edilizio a titolo oneroso

TIPO DI GRATUITÀ:      







DATI RELATIVI ALL’IMMOBILE OGGETTO DI INTERVENTO







UBICAZIONE

(via/piazza)
     


(civico, interno)
     

PIANO

   



CIVICO DA ASSEGNARE




DATI URBANISTICI P.I.






ZONA TERRITORIALE OMOGENEA




ZTO



Sottozona

     

Località



DESTINAZIONE URBANISTICA






DESTINAZIONE D’USO









DATI CATASTALI









Fg



Mp

     

Sub

     



Fg



Mp

     

Sub

     



Fg



Mp

     

Sub

     



Fg



Mp

     

Sub

     



Fg



Mp

     

Sub

     




RIFERIMENTI







PER LE OPERE OGGETTO DELLA RICHIESTA:

 Non sono in corso di trattazione altri progetti edilizi

 È stata presentata domanda di Condono ex lege 47/85, in data       Prot.n.     

 È stata presentata domanda di Condono D.L. 26 luglio 1994, n. 468 e SS.MM.II., in data       Prot.n.     

 È stato approvato il PUA (Piano Urbanistico Attuativo) denominato “     “ approvato con DCC n.     del      

 È stata approvata variante a PUA denominato “     “ approvato con DCC n.     del      

 È stata presentata istanza di rilascio di Autorizzazione Paesaggistica (D.Lgs. 42/04 e SS.MM.II) in data       Prot.n.     , rilasciata in data       Prot.n.     , relativa alla pratica edilizia      

 È stata stipulata specifica convenzione




VINCOLI URBANISTICI




PER LE OPERE OGGETTO DELLA RICHIESTA:

 Sussiste il Vincolo ai sensi della parte Seconda del D.Lgs. 42/2004

 Sussiste il Vincolato ai sensi della parte Terza del D.Lgs. 42/2004

 Sussiste Altro tipo di Vincolo (Specificare vincolo):      

ALLA PRESENTE DOMANDA SI ALLEGANO I SEGUENTI PARERI E DOCUMENTI:

 Visto preventivo dei Vigili del Fuoco o dichiarazione sostitutiva

 Autorizzazione della Provincia

 Altro (Specificare Ente):      


FIGURE PROFESSIONALI INCARICATE


PROGETTISTA DELLE OPERE




Cognome e Nome

     

Nato/a a

     

Il      

Codice Fiscale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 a      

Via      

n.     

CAP      

Tel.      

Fax.      

Cel.      

Albo 

Provincia      

n.      



DIRETTORE LAVORI




Cognome e Nome

     

Nato/a a

     

Il      

Codice Fiscale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 a      

Via      

n.     

CAP      

Tel.      

Fax.      

Cel.      

Albo 

Provincia      

n.      




COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE DEI LAVORI




Cognome e Nome

     

Nato/a a

     

Il      

Codice Fiscale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 a      

Via      

n.     

CAP      

Tel.      

Fax.      

Cel.      

Albo 

Provincia      

n.      



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale