Comunicato stampa 02/08/2017 premi ricerca per lo sviluppo 2017: sive-oenoppia a chagas, assoenologi-versini a fracassetti



Scaricare 3.9 Mb.
Pagina1/3
29.03.2019
Dimensione del file3.9 Mb.
  1   2   3

COMUNICATO STAMPA

02/08/2017


PREMI RICERCA PER LO SVILUPPO 2017: SIVE-OENOPPIA A CHAGAS, ASSOENOLOGI-VERSINI A FRACASSETTI
Si è concluso il percorso di selezione dei lavori scientifici candidati ai Premi 2017 Ricerca per lo Sviluppo, una competizione promossa dalla Società Italiana di Viticoltura ed Enologia per favorire il dialogo tra ricerca e produzione in campo vitivinicolo. I Premi Ricerca per lo Sviluppo si avvalgono del supporto di Assoenologi e di contributi da parte della Fondazione Edmund Mach e di Oenoppia.

Peculiarità del riconoscimento è il ruolo primario dato ai tecnici agronomi e enologi nella definizione dei vincitori, preliminarmente selezionati da un qualificato Comitato Scientifico, composto nel 2017 da 49 scienziati del settore, di cui 23 italiani, 16 europei e 10 extra-europei.

La presentazione ai tecnici delle ricerche candidate selezionate è avvenuta ad Enoforum, il convegno biennale luogo privilegiato di incontro e dialogo tra tecnici, ricercatori e fornitori del settore vitivinicolo internazionale, che ha celebrato nel 2017 a Vicenza la sua decima edizione.
Con un successivo comunicato saranno rese note le modalità di consegna dei premi.

Al Premio ASSOENOLOGI VERSINI 2017, giunto alla sua VI edizione, dedicato alla memoria dello scomparso scienziato trentino e riservato ai ricercatori italiani, hanno concorso quest’anno 38 lavori scientifici prodotti da 23 centri di ricerca della penisola. Il Comitato Scientifico ne ha inseriti 15 nel programma di Enoforum 2017.




La classifica definitiva vede vincitori Daniela Fracassetti, Sara Limbo, Antonio Tirelli, del DeFENS dell’Università degli Studi di Milano, con il lavoro “Il gusto di luce nel vino bianco: meccanismi di formazione e prevenzione”, che si focalizza sull’effetto di composti ad attività antiossidante per limitare le interazioni tra metionina e riboflavina e la fotodegradazione di quest’ultima.

Il fondo di ricerca su cui opera la Dott.ssa Fracassetti riceverà un contributo di € 7.500 da parte di Assoenologi.


Oltre al vincitore, compongono il gruppo dei migliori classificati (in ordine alfabetico dell’autore principale):


  • Piergiorgio Comuzzo, Rosanna Tonioli, DISAAA Università degli Studi di Udine con il lavoro “Approccio elettroanalitico per lo studio di antiossidanti ad uso enologico”

  • Paola Domizio, Livio Cencioni, Lorenzo Portaro, GESAAF Università di Firenze; Linda Bisson, University of California, Davis CA, con il lavoro “Schizosaccharomyces japonicus: lievito con elevata capacità di rilascio di polisaccaridi. Valutazione dell’impatto sulla stabilità proteica dei vini”

  • Matteo Perini, Federica Camin, Fondazione Edmund Mach, San Michele a/A, con il lavoro “Un metodo innovativo per identificare l'annacquamento del vino”

  • Laura Rustioni, Osvaldo Failla, DISAA Università di Milano, con il lavoro “Scottature e conseguente ossidazione dei tannini: danno o miglioramento delle uve”

Il Premio SIVE OENOPPIA 2017 è dedicato alla Ricerca Internazionale ed è giunto alla sua III edizione, essendo stato istituito nel 2013; è sponsorizzato dall’associazione Oenoppia che raggruppa i principali attori coinvolti nella produzione e nello sviluppo di prodotti enologici e che intende in questo modo contribuire all’avanzamento della conoscenza nel settore vitivinicolo.

Hanno partecipato alla competizione internazionale 36 lavori scientifici da 26 gruppi di ricerca, di cui 12 selezionati dal Comitato Scientifico per essere presentati oralmente ad Enoforum 2017.




È risultato vincitore Ricardo Chagas, del LAQV REQUIMTE, Universidade Nova de Lisboa (Portogallo), che con i colleghi Luisa Pinto Ferreira, Ricardo Boavida Ferreira, Ana Lourenço ha presentato i risultati della sua ricerca sul tema “Formazione di torbidità proteica nel vino bianco - il ruolo base della SO2 nel meccanismo di aggregazione proteica”. Il lavoro riguarda il ruolo, fino ad oggi misconosciuto, svolto dall’anidride solforosa presente nel vino nell’indurre formazione di ponti disolfuro tra le proteine instabili, che conducono all’aggregazione e successiva precipitazione delle proteine stesse.

Il premio in denaro di € 7.500 versato sul fondo di ricerca del laboratorio è finanziato da Oenoppia.
Hanno ottenuto i migliori punteggi nella valutazione, oltre al vincitore (in ordine alfabetico dell’autore principale):


  • Panagiotis Arapitsas, Fulvio Mattivi, Fondazione Edmund Mach San Michele all’Adige; Maurizio Ugliano, Università di Verona con il lavoro: “Wine-Oxygen-Antioxidants: How to address more effectively the winemaker choices”

  • Carmen Berbegal, Lucìa Polo, Isabel Pardo, Sergi Ferrer, ENOLAB, ERI BioTecMed, Universitat de València, M.José Garcia Esparza, Univesitat Politecnica de València (Spagna) con il lavoro “Immobilizzazione dei lieviti in trucioli di rovere e in polvere di cellulosa per la fermentazione in bottiglia dello spumante”

  • Tommaso Bonciani, Luciana De Vero, Paolo Giudici, Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Modena e Reggio Emilia con il lavoro “Evolutionary strategies to develop high-Glutathione yeast strains for winemaking”

  • Magali Picard, Gilles de Revel, Stéphanie Marchand, ISVV, Université de Bordeaux (Francia) con il lavoro “Deciphering the wine ageing bouquet: sensory and molecular study of a complex olfactory concept”

La SIVE (Società Italiana di Viticoltura ed Enologia) è un’associazione senza fini di lucro a cui aderiscono tecnici vitivinicoli e aziende di tutta Italia. Dal 1996 è attiva nel campo della formazione e dell’aggiornamento tecnico; ha al suo attivo l’organizzazione di oltre 100 tra convegni, seminari, incontri tecnici e viaggi studio in Italia e all’estero. Svolge funzioni di segreteria operativa la società VINIDEA, assieme alla quale SIVE organizza ogni due anni il convegno Enoforum con sede itinerante.

Dal 2005 la SIVE si è data l’obiettivo di “Sostenere una maggiore collaborazione tra le aziende produttive e il mondo della ricerca enologica e viticola”, aiutando il mondo della produzione nella formulazione della domanda ed il mondo della ricerca nella definizione della propria offerta di conoscenze utili alla produzione. I premi SIVE Ricerca per lo Sviluppo sono stati istituiti per contribuire al raggiungimento di tale obiettivo e - dal 2007 ad oggi - si sono candidati ben 293 lavori di ricerca italiani e stranieri, che rappresentano quindi una rassegna molto ampia della produzione scientifica vitivinicola dell’ultimo decennio, che è stata così portata a conoscenza del mondo della produzione.




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale