Contro il metodo speculativo hegeliano



Scaricare 28 Kb.
27.11.2017
Dimensione del file28 Kb.

CONTRO IL METODO SPECULATIVO HEGELIANO

Nella Sacra Famiglia, opera pubblicata nel 1845, i giovani Marx ed Engels sotto­pongono ad una serrata critica la Sinistra hegeliana ed in particolare Bruno Bauer com'è evidenziato nel sottotitolo: Critica della critica contro Bruno Bauer e soci. Sul piano metodologico l'errore fondamentale compiuto da Bauer e soci, secondo Marx ed Engels, è lo stesso del loro comune maestro, cioè Hegel, e consiste nel cosiddetto mi­sticismo logico (come Marx l'aveva definito in un'opera precedente). Ispirandosi esplicitamente alla critica empiristica di Hegel da parte di Feuerbach, gli autori de­nunciano il capovolgimento idealistico di soggetto e oggetto, di concreto e astratto, e ritengono che il procedimento logico corretto consiste nel risalire dal particolare all'universale.
Se io, dalle mele, pere, fragole, mandorle, reali, mi formo la rappresentazione gene­rale , se vado oltre e immagino che «il frutto», la mia rappresentazione astratta, ri­cavata dalle frutta reali, sia un'essenza esistente fuori di me, sia anzi l'essenza vera della pera, della mela, ecc., io dichiaro – con espressione speculativa – che «il frutto» è la «so­stanza, della pera, della mela, della mandorla, ecc. Io dico quindi che per la pera non è essenziale essere pera, che per la mela non è essenziale essere mela. L'essenziale, in queste cose, non sarebbe la loro esistenza reale, sensibilmente intuibile, ma l'essenza che io ho astratto da esse e ad esse ho attribuito, l'essenza della mia rappresentazione «il frutto». Io dichiaro, allora, che mela, pera, mandorla, ecc. sono semplici modi di esi­stenza, modi «del frutto». Il mio intelletto finito, sorretto dai sensi, distingue certamente una mela da una pera e una pera da una mandorla, ma la mia ragione speculativa di­chiara questa diversità sensibile inessenziale e indifferente. Essa vede nella mela la stes­sa cosa che nella pera, e nella pera la stessa cosa che nella mandorla, cioè «il frutto». Le particolari frutta reali non valgono più che come frutta parventi, la cui vera essenza è «la sostanza>, «il frutto». [...]

Se la mela, la pera, la mandorla, la fragola non sono in verità altro che «la sostanza», «il frutto», ci si chiede come avviene che «il frutto» mi si presenti ora come mela, ora come pera, ora come mandorla; ci si chiede donde venga questa parvenza della molte­plicità che contraddice così evidentemente la mia intuizione speculativa dell'unità, «della sostanza», «del frutto».

Questo avviene, risponde il filosofo speculativo, perché «il frutto» non è un'essenza morta, indistinta, immobile, ma un'essenza vivente, autodistinguentesi, in moto. La di­versità delle frutta profane ha senso non solo per il mio intelletto sensibile, ma anche per «il frutto» stesso, per la ragione speculativa. Le diverse frutta profane sono estrin­secazioni vitali diverse dell'«unico frutto», sono cristallizzazioni che «il frutto» stesso forma. [...]

È chiaro che il filosofo speculativo opera questa continua creazione solo perché tratta le proprietà universalmente note, della mela, della pera, ecc., trovantisi nell'intui­zione reale, come determinazioni inventate da lui; perché dà i- nomi delle cose reali a ciò che solo l'astratto intelletto può creare, cioè alle astratte formule intellettuali; infine perché dichiara la sua propria attività, mediante la quale egli passa dalla rappresenta­zione mela alla rappresentazione pera, essere l' autoattività del soggetto assoluto, «del frutto».

Questa operazione si chiama, con espressione speculativa: concepire la sostanza co­me soggetto, come processo interno, come persona assoluta, e questo concepire forma il carattere essenziale del metodo hegeliano.

K. Marx - F. Engels, La Sacra Famiglia

ANALISI DEL TESTO

1-10. Marx ed Engels con questo esempio in­tendono ridicolizzare il procedimento speculativo di Hegel, ma anche di una parte della Sinistra he­geliana. Tale procedimento consiste nell'entificare il concetto universale derivato dagli enti individua­li capovolgendo il loro rapporto in modo tale che assurdamente l'universale appare il soggetto della realtà e l'individuale appare solo un suo predicato. Dunque, nella fattispecie, reale appare il frutto, mentre le mele, le pere, ecc., sarebbero soltanto sue manifestazioni secondarie (per cogliere l'ispi­razione feuerbachiana di questa critica si vedano nel capitolo precedente di questo volume i brani ll rovesciamento della filosofia speculativa e L'hege­lismo teologia razionalizzata).

10-15. Gli autori ricordano a questo proposito la distinzione hegeliana di intelletto finito e ragio­ne speculativa, per la quale quest'ultima pretende di declassare le varie qualità di frutti reali ricono­sciute dall'intelletto con i sensi, a fenomeni della sostanza universale frutto.

16-20. Marx ed Engels poi osservano che alla filosofia speculativa si pone il problema di spie­gare come avviene il passaggio dalla sostanza ai predicati, dall'unità alla molteplicità, ovvero dal frutto alle frutta empiriche.



21-26. La filosofia speculativa crede di risolve­re il problema dichiarando che la molteplicità èprodotta dal movimento della sostanza, la quale infatti per la sua stessa natura dinamica deve oggettivarsi nella molteplicità degli enti individuali profani (l'uso ironico dell'aggettivo profano rap­presenta anch'esso un'allusione al misticismo lo­gico della filosofia speculativa e riecheggia la de­mistificazione feuerbachiana della religione: è il sacro che deriva dal profano e non viceversa).

27-36. Il filosofo speculativo spaccia le pro­prietà della realtà a tutti note tramite la conoscen­za empirica per determinazioni da lui dedotte dal concetto universale ed in generale egli non fa altro che invertire l'ordine delle cose ed il processo conoscitivo. Si noti che anche l'uso della parola creazione, riferito al filosofo speculativo, è ironico; poco prima infatti gli autori hanno scritto: «L'uo­mo comune non crede di dire niente di straordi­nario quando dice che ci sono mele e pere. Ma il filosofo, quando esprime queste esistenze in mo­do speculativo, ha detto qualcosa di straordinario. Egli ha compiuto un miracolo, ha prodotto, dal­l'essere intellettuale irreale "il frutto", gli esseri na­turali reali, la mela, la pera, ecc.» (p. 64). Questa critica è rivolta in primo luogo al metodo di Hegel, ma anche al metodo di Bauer, Strauss ed altri esponenti della Sinistra hegeliana accusati di con­cepire la Storia come processo di autorealizzazio­ne dello Spirito universale.



Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale