Corso di Studio


Modulo: La letteratura dello Jung-Wien, fra “modernità” e tradizione



Scaricare 1.1 Mb.
Pagina7/11
14.11.2018
Dimensione del file1.1 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11

Modulo: La letteratura dello Jung-Wien, fra “modernità” e tradizione


Docente: Dott.ssa Gabriella Bianconi

Tipologia modulo: istituzionale obbligatorio (caratterizzante)

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Obiettivi formativi: tematiche, sperimentazione linguistica e consapevolezza dei limiti del linguaggio, nuova modalità di rapporto sociale nella letteratura viennese a cavallo dei due secoli.

Programma: Tra gli anni 1890-1910, sullo sfondo di un diffuso malessere, la cultura viennese diviene il laboratorio della modernità. Il modulo si propone di percorrere questo grande momento di civiltà attraverso le testimonianze di una letteratura che, rispecchiando i tratti nervosi del presente storico, partecipa al gioco di scambi fra la vita un sogno e il sogno una vita, attraverso le moderne esigenze del linguaggio poetico fino all’approdo all’incomunicabilità e la conseguente ricerca di un punto di interazione fra passato e presente, fra modernità e tradizione.

Bibliografia relativa alla prova di esame: Hermann Bahr, Il superamento del naturalismo. Saggi e documenti del Novecento, SE ( la scelta dei saggi verrà indicata nel corso delle lezioni) . Per l ‘edizione tedesca: Die Wiener Moderne. Literatur, Kunst und Musik zwischen 1890-1910, hrsg, von G.Wunberg, Reclam Universal-Bibliothek; Richard Beer-Hofmann, La morte di Georg, Guida Editori (edizione in tedesco: Der Tod Georgs, Reclam Universal-Bibliothek); Hugo von Hofmannsthal, La novella della 672ª notte, in: H.v.H. La mela d’oro e altri racconti, Piccola Biblioteca Adelphi. Per l’edizione tedesca, Hugo v. Hofmannsthal, Erzählungen, Reclam; Hugo von Hofmannsthal, Lettera di Lord Chandos (Ein Brief),Bur (Edizione bilingue) Hugo von Hofmannsthal, Ognuno. Il dramma della morte del ricco , Tea (con testo tedesco a fronte).

Per la parte generale: Carl.E.Shorske, Vienna Fin de siècle, Bompiani; Hermann Broch, Hofmannsthal, Editori Riuniti. Inoltre documentazioni e altro materiale di studio relativo agli argomenti trattati sarà distribuito in fotocopia nel corso delle lezioni.



Ulteriori informazioni: Iscrizione telematica:

http://host.uniroma3.it/dipartimenti/linguistica/

letteratura RUSSA

S.S.D. L-LIN/21

1 ANNO

(CFU totali 4)





  • Modulo: Letteratura russa I

Docente: Prof.ssa Claudia Lasorsa

Tipologia modulo: istituzionale obbligatorio

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Obiettivi formativi: Il corso intende delineare in un rapido scorcio i caratteri distintivi e i momenti salienti dell'evoluzione letteraria russa, attraverso l'osservazione ravvicinata delle opere più rappresentative.

Programma: Lineamenti di civiltà letteraria russa: La letteratura della Rus' medievale, della Moscovia, e la moderna letteratura russa. L'Ottocento: da Pushkin a Nekrasov.

Bibliografia relativa alla prova di esame: Storia della civiltà letteraria russa, a cura di M. Colucci e R. Picchio, Torino, UTET; E. Lo Gatto, Profilo della letteratura russa. Dalle origini a Solzhenicyn, Oscar Mondadori; A. Pushkin, Evgenij Onegin; M.. Lermontov, Un eroe del nostro tempo; N. Nekrasov, Chi vive bene in Russia?








2 ANNO

(CFU totali 4 )





  • Modulo: Letteratura russa 2: testi e contesti

Docente: Prof.ssa Carla Solivetti

Tipologia modulo: istituzionale obbligatorio

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Programma: SiConoscenza dei movimenti e delle problematiche principali del novecento. Strumenti di analisi del testo. Lettura degli autori più rappresentativi.



Bibliografia relativa alla prova di esame: Storia della civiltà letteraria russa, a cura di M. Colucci e R. Picchio, Torino, UTET, v.II. La bibliografia completa sarà fornita ad inizio del modulo.

filologia e linguistica romanza

S.S.D. L-fil-let/09


2 ANNO

(CFU totali 4 )




  • Modulo: Filologia e linguistica romanza

Docente: Dott. Andrea Giannetti

Tipologia modulo: istituzionale obbligatorio (caratterizzante)

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Obiettivi formativi: Apprendimento delle nozioni di base della critica testuale. Conoscenza del quadro d’insieme della frammentazione linguistica dal latino volgare al pre-romanzo, alle diverse varietà romanze.

Programma: Il modulo si articola in due parti. Nella prima si offrono agli studenti gli strumenti per affrontare i problemi della critica del testo con lettura esemplificativa di tradizioni manoscritte medievali e di edizioni critiche moderne. Nella seconda verrà proposto un panorama completo del passaggio dal latino alle lingue romanze con particolare attenzione alla struttura di ogni lingua romanza e alla loro comparazione.

Bibliografia relativa alla prova di esame: Il materiale didattico sarà fornito all’inizio dell’a.a.

Ulteriori informazioni: Iscrizione tramite computer del Dipartimento o sito web (w3.uniroma3.it/didattica/dipartimenti/ling/linguistica).






3 ANNO

(CFU totali 4 )





  • Modulo 1: Morire d'amore. Fin’amors, cortesia e cultura europea

Docente: Prof. Corrado Bologna

Tipologia modulo: istituzionale (a scelta)

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 

Coefficiente:

Obiettivi formativi: Attraverso l’analisi di alcuni testi lirici romanzi (soprattutto provenzali, francesi e italiani antichi) il corso metterà in luce l’importanza dell’ideologia cortese per il costituirsi e il diffondersi di categorie letterarie e comportamentali comuni nell’Europa medievale, con ampie prospettive verso quella moderna.

Programma: Alle radici della cultura europea moderna si riconoscono alcuni modelli di pensiero e di comportamento plasmati nelle corti signorili del Sud della Francia all’inizio del XII secolo, e rapidamente diffusi in tutta l’Europa romanza e germanica. I testi lirici dei trovatori provenzali dapprima, quelli dei trovieri in lingua d’oïl, dei Minnesänger tedeschi e dei poeti siciliani poi (alcuni dei quali verranno letti e commentati), testimoniano nel contempo l’“invenzione” di un modo nuovo di pensare e di vivere, e l’importanza che l’attività letteraria assume nel contesto socio-politico elaborato nelle corti. Si diffonde in tutta l’Europa (sia pure in tempi e con modalità diversificate nelle singole aree) l’idea che l’esistenza intera ruota intorno all’Amore: l’esperienza della fin’Amors, radicale e rivoluzionaria, iniziatica e tragica, sviluppa uno stile di scrittura che si fa anche stile di vita. Soprattutto, introduce per la prima volta la figura del Soggetto come Io lirico, espressione di un’individualità e di un’interiorità che rimarranno alla base della letteratura europea fino all’età romantica.

Bibliografia relativa alla prova di esame: C. Bologna, Morire d’amore. Storie di amanti felici e sventurati, Bruno Mondadori, Milano, 2004; M. Mocan, I pensieri del cuore. Per una semantica del provenzale cossirar, Bagatto Libri, Roma 2004.

_______________________________________________________




  • Modulo 2: Da Rolando a Don Chisciotte: metamorfosi del cavaliere.

Docente: Prof. Corrado Bologna

Tipologia modulo: istituzionale (a scelta)

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Obiettivi formativi: Attraverso l’analisi di alcuni testi epici e narrativi romanzi (soprattutto francesi antichi) il corso metterà in luce come dalla chanson de geste e dal romanzo in versi in lingua d’oïl si sviluppi e si diffonda in tutta l’Europa medievale un modello di cavalleria che si conserva e si trasforma progressivamente, fino alle ultime, grandi e rivoluzionarie prove del Furioso e del Quijote.

Programma: La cavalleria, così come possiamo ricostruirne la formazione e la metamorfosi attraverso i cicli epici in lingua d’oïl (soprattutto la Chanson de Roland e la Chanson de Guillaume) e i grandi romanzi francesi del XII secolo (soprattutto quelli di Chrétien de Troyes e quelli legati alle materie “antica” e “arturiana”), costituisce un modello ideologico di grande complessità, che rimarrà a lungo ispiratore di comportamenti e di modi di pensare nella cultura europea, non solo romanza. Il cavaliere-predone dell’epica si riflette e si rimodula nel cavaliere-cortigiano del romanzo, divenendo il “cercatore del senso del mondo”. Per l’influsso dei modelli cortesi elaborati dai poeti lirici nelle corti del Sud della Francia, anche gli eroi della narrazione storico-romanzesca, che affascinano anzitutto le corti del Nord, assorbono e riformulano un “tipo” antropologico che condensa le principali virtù del Cavaliere: prodezza, coraggio, lealtà, fedeltà, cortesia. I cavalieri dell’Ariosto e quello folle e paradossale di Cervantes riprenderanno questo “tipo” e lo condurranno all’esito ultimo, aprendo nel contempo la strada alla nuova forma del Romanzo moderno.

Bibliografia relativa alla prova di esame: C. Bologna, La macchina del “Furioso”. Lettura dell'“Orlando” e delle “Satire”, Einaudi, Torino 1998; A. Limentani-M. Infurna, L’epica, Il Mulino, Bologna, 1968.

filologia germanica

S.S.D. L-fil-let/15


2 ANNO

(CFU totali 4 )




  • ModuloISTITUZIONI DI FILOLOGIA GERMANICA

Dott. Paolo Vaciago

Tipologia modulo: istituzionale obbligatorio (caratterizzante)

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Obiettivi formativi: Il corso si propone nella sua prima parte di dare le informazioni essenziali sui processi attraverso i quali la diversità dei contesti storici e sociali determinò i modi, le forme e le convenzioni della comunicazione scritta nel mondo germanico; nella sua seconda parte si propone di fornire le norme metodiche corrette per poter recuperare o ricostruire la forma genuina dei testi riportandoli alla loro presumibile integrità originale e alla loro originaria funzione.

Programma: A. Il segno scritto in area germanica: I. La scrittura runica; II. Le scritture alfabetiche: alfabetismo e cultura scritta presso i Germani a) nell’Oriente greco e b) nell’Occidente latino: i Germani insulari (gli Anglosassoni), continentali e settentrionali.

B. Codici e copisti: III. La composizione materiale del libro medievale e le tecniche di esecuzione; IV. “Scriptoria” e scribi; V. La trascrizione dei manoscritti. C. Il recupero storico del testo: VI. La “Recensio”: la critica della tradizione; la ricostruzione delle vicende della tradizione; la costituzione del testo “ope codicum”; VII. La “Emendatio”: la costituzione del testo “ope ingenii”; L’edizione di un testo.

Bibliografia relativa alla prova: A.M. Luiselli Fadda, “La Tradizione germanica”, in P. Boitani et alii (a cura di), Lo spazio letterario del Medioevo. Il Medioevo volgare, vol. II, Salerno editrice, Roma, 2002, pp. 643-681;A. M. Luiselli Fadda, Tradizioni manoscritte e critica del testo nel medioevo germanico, Laterza, Roma – Bari, 2004, 5° ed.

Gli studenti impossibilitati a frequentare sono invitati a prendere contatto con il docente (vaciago@uniroma3.it) all’inizio del semestre per permettere l’organizzazione di eventuali incontri di orientamento.






3 ANNO

(CFU totali 4 )




  • Modulo: ANALISI LINGUISTICA E STORICO–CULTURALE DEL POEMA ANGLOSASSONE BEOWULF

Docente: Prof.ssa Carla Falluomini

Tipologia modulo: istituzionale obbligatorio (caratterizzante)

CFU: 4 CFU

Carico didattico: 32 ore

Coefficiente: 3 (lezione frontale)

Obiettivi formativi: Il corso si propone di avvicinare lo studente ad uno dei testi più significativi anglosassoni sotto il profilo linguistico, culturale e della tradizione testuale.

Programma: Lettura e commento del testo indicato sopra.

Bibliografia relativa alla prova di esame: Beowulf, a cura di Giuseppe Brunetti, Carocci, Roma 2003. Ulteriore materiale bibliografico verrà fornito durante il corso.


filologia slava

S.S.D. L-LIN/21




2 ANNO

(CFU totali 4 )

Si rinvia alla guida del Corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere.







3 ANNO

(CFU totali 4 )

Si rinvia alla guida del Corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere.
Curriculum

OPERATORI

DELLA COMUNICAZIONE

INTERCULTURALE

1. Percorso formativo (tabelle)




Lingue attivate
Docente: dott.ssa gabriella bianconi tipologia modulo:



1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale