Costruire la trama



Scaricare 70.5 Kb.
14.11.2018
Dimensione del file70.5 Kb.

COSTRUIRE LA TRAMA

La trama si può costruire in tanti modi, a seconda dei generi letterari, del gusto, dell’epoca, della nazione, dell’appartenenza ad un eventuale movimento letterario. Esistono però dei punti di riferimento che ci possono aiutare. Uno di questi è la domanda drammaturgica principale. Pensate alle Braci di Sandor Marai, la domanda che ci tiene incollati fino alla fine del racconto è: la moglie era complice nel tentativo di omicidio del marito? O ancora in Per chi suona la campana di Hemingway ci si chiede se il protagonista si salverà dalla missione militare, o nei Promessi Sposi, Renzo sposerà Lucia? Ne il Vecchio e il mare : il protagonista riuscirà a vincere la sua sfida?

La domanda drammaturgica principale , è in altre parole, ciò che spinge il lettore ad andare avanti nella lettura, per vedere come va a finire. Essa è collegata all’intero universo narrativo e scaturisce dalla combinazione di tre elementi: il protagonista, il suo obiettivo e l’ostacolo al raggiungimento del suo obiettivo. La risposta che il narratore darà alla domanda drammaturgica principale potrà essere di tre tipi: sì, no, forse, l’importante è che la risposta ci sia e che giustifichi la storia; Renzo e Lucia si sposeranno sì, no, forse, ma non si sarebbe potuta concludere dicendo ad esempio Renzo troverà un nuovo lavoro, lasciando aperta tutta la questione del matrimonio.

ESERCIZIO

Provate ad individuare la domanda drammaturgica principale dei vostri racconti preferiti, Ovviamente, non sempre la si individua con facilità, dovrete riflettere, tenete presente che la risposta termina con un sì, un no, un forse.

DOMANDA DRAMMATURGICA PRINCIPALE

Personaggio obiettivo ostacolo al raggiungimento del suo obiettivo



PERSONAGGIO

L’obiettivo risponde al desiderio del personaggio.

Il personaggio ha un forte desiderio, la realizzazione del quale risponde alla domanda drammaturgica principale Jane Eire ama mister Rochester, il suo padrone; obiettivo: coronare il suo sogno d’amore; ostacolo la moglie pazza, la diversa condizione sociale ecc.

I desideri possono essere di vario tipo, consci o inconsci, astratti o concreti, l’importante è che si intreccino tra di loro in maniera tale da poter avviare una storia, in altre parole gli obiettivi astratti devono essere legati a qualcosa di concreto ad esempio la libertà ad una causa, il potere ai soldi e così via.

CONFLITTO

I conflitti possono essere sia di natura interiore che legati ad ostacoli esterni del personaggio. I conflitti interiori sono quelli che generalmente creano maggiore coinvolgimento, si pensi ad esempio a Raskol'nikov, protagonista di Delitto e Castigo di Dostoievskij, e agli effetti emotivi, mentali e fisici che seguono il duplice omicidio. E’ ovvio che nella realizzazione della vostra storia, gli ostacoli devono essere veritieri e difficili da superare. Più duro è il conflitto, maggiore risulta il coinvolgimento del lettore.



ESERCIZI

  • Immaginare un personaggio, attribuitegli un desiderio il cui raggiungimento è ostacolato da qualcosa.

  • Provate, leggendo le vostre storie preferite ad elencare i conflitti presenti in ognuna. Inserire le descrizioni in una storia è veramente molto difficile, perché si devono tenere in considerazione una serie di accorgimenti: non essere noiosi né banali, evitare cliché e inutili ripetizioni. Una descrizione, all’interno della storia, deve essere leggera ed elegante, deve creare atmosfera e dare intensità all’azione e ai sentimenti, in altre parole serve a dare risalto al contesto non ad appesantirlo.

LE TAPPE DI UNA TRAMA

Quello che segue è uno dei possibili schemi in cui si articolano le varie fasi di una trama, che in questo caso, suggerisce un’ascesa lenta e progressiva da un’iniziale situazione di stabilità alla creazione di un conflitto che via via aumenta fino al momento culminante di massima crisi, seguito da una rapida discesa verso lo scioglimento e la risoluzione della vicenda.





EVITARE GLI ERRORI DI UNA TRAMA IN SETTE MOSSE

  • Non essere informati sull’argomento. Ogni singola scena descritta, ogni dettaglio deve essere credibile, se si rappresenta un ambientazione alla corte del Re Sole non si possono descrivere gli interni come se fossero arredati con lo stile dei castelli medioevali.

  • Non organizzare gli eventi narrati secondo una logica ferrea. Ogni singolo elemento narrativo deve riannodarsi al filo invisibile che fa di una narrazione un corpo letterario. Ogni scena rappresentata , pur nella sua autonomia, deve essere funzionale alla trama.

  • Non creare il giusto equilibrio tra le scene rappresentate. Destinare due pagine di descrizione paesaggistica ad un luogo che il personaggio vede casualmente attraverso il finestrino dell’auto in corsa è inutile ed annoia il lettore.

  • Non cambiare il punto di vista del narratore. Una volta scelto il punto di vista da cui narrare la storia non deve mutare.

  • Non inserire nella giusta prospettiva il o i personaggi principali. Generalmente il personaggio principale è uno, è lui che deve fare da motore alla vicenda, se fino a metà del romanzo abbiamo scelto un personaggio principale e poi a metà dello stesso non gli diamo più importanza, senza averne dato preventivo avviso ai lettori, si crea< un senso di spaesamento negativo.

  • Non dare una risposta alla domanda drammaturgica principale.

  • Non avere una motivazione seria per costruire la trama. Solo da una motivazione seria può scaturire un’autentica motivazione interiore che da forza al racconto.



Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale