Curriculum Vitae, Studiorum, Attività Scientifica e Lavorativa



Scaricare 85.87 Kb.
03.06.2018
Dimensione del file85.87 Kb.

Curriculum Vitae et Studiorum di Tommaso Chiarusi, PhD

Tommaso Chiarusi (TC) è nato a Firenze il 12/08/1972. TC è attualmente titolare di un Assegno di Ricerca con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) Sezione di Bologna, nell’ambito del Consorzio Europeo KM3Net (WP2). Di cui ricopre la figura di Referente Nazionale INFN per il Work Package I (Data and control).

TC ha conseguito i seguenti titoli accademici:

  1. Laurea in Fisica (104/110), presso l’Università di Firenze il 28/4/1999; titolo della tesi: Misura di muoni cosmici con il rivelatore L3. Gran parte del lavoro di tesi è stato svolto al CERN, nell’ambito dell’esperimento L3+Cosmics.




  1. Dottorato di Ricerca in Fisica, presso l’Università di Bologna il 05/06/2003; titolo della tesi: Measurement of the primary cosmic ray composition with the CAKE experiment. Giudizio finale della Commissione d’Esame di Dottorato: Ottimo.




Cronologia di ulteriori titoli ed attività qualificanti:




  1. Summer Student al CERN di Ginevra (CH). Attività di ricerca complementare ai corsi: analisi dei dati presi con il rivelatore L3 al collisionatore LEP di e+ e- per la ricerca di nuove particelle nel canale a 4 jet con √s = 161 GeV.

  1. Progetto Erasmus/Socrates, svolto presso il Politecnico di Zurigo ETH, compiendo attività di studio dei muoni cosmici al CERN nell’ambito dell’esperimento L3+Cosmics.




  1. Contratto di ricerca a tempo determinato con il Politecnico di Zurigo ETH svolto nell’ambito dell’esperimento L3+Cosmics, CERN.




  1. - Borsa di Studio per il perfezionamento all’Estero (durata 1 anno) dell’Università di Padova nel 2000, espletata al CERN nell’ambito dell’esperimento L3+Cosmics.

- Attività di CERN-Guide, per la divulgazione della fisica delle particelle elementari a studenti italiani e stranieri in visita al Laboratorio .

- Titolo di Abilitazione all’insegnamento della Fisica nelle Scuole Medie Superiori, a seguito del Concorso Ordinario D.D.G. 31/03/1999 - A.D. 8 – Classe 38/A (Fisica);


  1. - Borsa di Studio A.S.I. (Agenzia Spaziale Italiana) a supporto dell’attività di Dottorato di Ricerca in Fisica, nell’ambito dell’esperimento CAKE (durata 2001-04).



- II Corso della Scuola di Dinamica della Produzione Multipla nelle Interazioni Forti.




  1. - Assegno di Ricerca in Fisica, presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna, dal 2/2/2004. Argomento: Microscopia automatica ad alta precisione per scansione di emulsioni.



- Assegno di Ricerca in Fisica, presso il dipartimento di Fisica dell’Università di Roma “La Sapienza” dal 1/12/2004. Argomento: Astronomia con neutrini di altissima energia: dimensionamento e costruzione dell’apparato rivelatore.



2006 - Contratto di Collaborazione Coordinata e Continuativa (art. 2222) con l’Istituto Nazionale di

Fisica Nucleare (INFN) per la partecipazione al lavoro del Work Package n.2 “Physics Analysis and Simulation” del progetto europeo “Design Study for a Deep Sea Facilità in the Mediterranean for Neutrino Astronomo and Associated Sciences”, KM3NET..

2007 - Assunzione a tempo indeterminato come Professore di Fisica (classe di concorso 38/A) nelle Scuole Superiore (sede provvisoria ITC F. Pacini di Pistoia), dal 01/09/2007.



- Assegno di Ricerca in Fisica, presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna dal 02/11/2007 . Argomento: Studio e sviluppo di algoritmi di trigger per Telescopi sottomarini con neutrini di altissima energia (per svolgere questo Assegno, TC è entrato in aspettativa - Legge 449/1997 art. 51 - dal suo ruolo di Docente).



ATTIVITA’ SCIENTIFICA

  1. Ante- & post- Lauream ( esperimento L3+Cosmics)

Dal 1998 alla fine del 2000, TC ha collaborato all’esperimento L3+Cosmics (L3C) al CERN, avvalendosi fin da Laureando dell’associazione INFN, presso la Sezione di Firenze, e di un contratto di ricerca a tempo determinato con l’ETH di Zurigo.

L3C, che ha finito la presa dati nel novembre 2000, aveva come scopo la misura dei muoni cosmici prodotti nell’atmosfera terrestre dalle interazioni dei raggi cosmici primari.

TC si è occupato:

    • dell’analisi dei dati raccolti per la determinazione del flusso assoluto dei muoni e del rapporto N(+)/N(-) sulla superficie terrestre.




Inoltre TC è stato responsabile:

    • della calibrazione del sistema di scintillatori per la determinazione del tempo di volo dei muoni.

    • Dello sviluppo e perfezionamento del software per la correlazione del segnale rilasciato dai muoni negli scintillatori esterni al rivelatore con quello nelle camere a deriva dello spettrometro per muoni.




TC ha inoltre partecipato ai turni per l’acquisizione dei dati del rivelatore L3C svolgendo varie mansioni, tra le quali quella di Shift Leader, occupandosi dei principali sistemi di ocntrollo (Run Control e Muon Chambers) dell’esperimento.

[in Elenco Pubblicazioni ai nn. 1, 2, 8, 15, 19, 20, R.1, R.2, R.3 ]



  1. Dottorato di Ricerca (esperimenti : CAKE e MACRO)

Nel 2000 TC ha vinto il concorso di ammissione al XV Ciclo di Dottorato di Ricerca in Fisica presso l’Università di Bologna.

La tesi di dottorato ha riguardato la misura delle abbondanze di raggi cosmici primari con energie sotto 1015 eV alla sommità dell’atmosfera con CAKE ( Cosmic Abundances below the Knee Energies), esperimento dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) su pallone stratosferico transmediterraneo.

CAKE era composto da lastre di rivelatori nucleari a tracce CR39 e Lexan, per una superficie complessiva di circa 1 m2.

TC e` stato responsabile :

  • dell’analisi dei dati. TC ha sviluppato programmi software in C++ e Fortran per la ricostruzione e l’analisi dei dati, implementando algoritmi per il tracciamento dei nuclei dei primari all’interno del rivelatore e per la selezione degli eventi d’interesse rispetto al fondo; dell’ottimizzazione ed esecuzione dell’attacco chimico delle lastre di rivelatori in soluzioni basiche;

  • della misura delle tracce mediante un sistema automatico, composto da un microscopio ottico ad alta precisione integrato con un apparato per l’elaborazione delle immagini;

  • di test-beam all’SPS - CERN, per l’esposizione delle lastre di calibrazione a fasci ultrarelativistici di ioni Pb e In.

Risultati preliminari dell’esperimento CAKE sono stati presentati da TC a varie conferenze, anche internazionali.

[ In Elenco Pubblicazioni ai nn. 7, 11, 12, 26, R.6, R.10, R.11, R.12, R14, R16]

Dal 2000 TC ha partecipato ad alcune analisi dei dati dell’esperimento MACRO ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

[ In Elenco Pubblicazioni ai nn. 3-6, 9, 10, 16]



  1. Attivita` Post Dottorato (esperimenti: SLIM, CAKE, NEMO, ANTARES, KM3-NET).



Dopo il conseguimento del titolo di Dottorato, TC ha continuato a svolgere attività di ricerca presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna fino a Novembre 2004, prima con la Borsa di Studio ASI, poi con un Assegno di Ricerca Cofinanziato INFN-Università.

Da Dicembre 2004 a Settembre 2007, TC ha svolto ricerca come PostDoc presso il Dipartimento di Fisica de La Sapiena, Università di Roma, prima con un Assegno di Ricerca Cofinanziato INFN-Università, poi con un contratto Co. Co. Co. (art. 2222) con IFNFN, Sezione di Roma.



Da Settembre 2007 ad oggi, TC è tornato a svolgere ricerca presso l’Università di Bologna con un assegno di Ricerca INFN.
Come PostDoc, TC ha dato o continua a dare il suo contributo alle seguenti attività:


Esperimento SLIM (Search for LIght Magnetic Monopoles). L’esperimento e` sito presso il Laboratorio di Chacaltaya (5230 m a. s. l.) in Bolivia ed e` formato da una matrice di pacchetti di rivelatori nucleari a tracce per una superficie complessiva di 440 m2 e ricerca monopoli magnetici di massa intermedia (IMMS) e nucleariti. TC ha contribuito:




  • allo sviluppo di una nuova soluzione chimica per l’attacco dei rivelatori nucleari a tracce, tale da migliorare il rapporto segnale-rumore;

  • allo sviluppo e alla gestione dei sistemi per la scansione automatica e la misura di tracce su emulsioni e sui rivelatori nucleari a tracce CR39 Makrofol e Lexan.

[ In Elenco Pubblicazioni ai nn. 12, 13, R.7, R.8]



Esperimento CAKE. Oltre alle mansioni già riportate nella sezione “2. Dottorato di ricerca”, TC e’ responsabile:




  • della realizzazione di un filtro preliminare off-line (in C++) per la riduzione del fondo nei dati non ricostruiti ottenuti con le scansioni automatiche ai microscopi.

  • dello sviluppo dell’algoritmo (implementato in C++) di selezione finale dei dati ricostruiti.

[In Elenco Pubblicazioni ai nn. 11, R.14, R.16]




Simulazione di sciami atmosferici nell’ambito di uno studio della dipendenza dello spettro dei raggi  secondari nell’atmosfera terrestre, in funzione della latitudine e dell’altitudine.

[ In Elenco Pubblicazioni al n. R.17]

Esperimento NEMO R&D: NEMO (NEutrino Mediterranean Observatory) è un progetto INFN per lo studio di realizzazione di un telescopio per neutrini astrofisici (E>1 TeV) da situarsi al largo di Capo Passero, in Sicilia, a grande profondita` (>3000 m), delle dimensioni di 1 km3. Il rivelatore sfrutta la luce Cerenkov emessa in acqua dai muoni prodotti nell’interazione dei neutrini con la terra sottostante.

TC contribuisce:




  • in qualità di responsabile del Trigger online di eventi muonici, e lo sviluppo del software per l’acquisizione e la selezione a terra dei dati dei fotomoltiplicatori;

  • in qualità di responsabile per lo sviluppo dell’interfaccia grafica di monitoring del funzionamento del Trigger e della produzione dei data file post-trigger .




  • in qualità di responsabile del sistema CVS per il mantenimento delle versioni del software NEMO;

  • all’analisi dei dati acquisiti durante la Fase1 (Gennaio – Maggio 2007) con lo sviluppo di algoritmi di elaborazione offline dei dati;

  • allo studio della generazione di onde di pressione sonora generate nell’interazione di neutrini con l’acqua;

  • alle operazioni in mare per il deposito e il recupero di strumentazioni utilizzate per caratterizzare le proprietà ambientali del sito abissale per NEMO (KM4) e NEMO-Fase1 (TestSite) .

TC ha presentato lo stato del progetto NEMO R&D all’Assemblea Generale 2004 della Sezione di Bologna dell’INFN; alla Conferenza Internazionale 19th ECRS a Firenze (2004), alla Conferenza Internazionale 29th ICRC a Pune, India (2005); in un seminario su invito del Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna, alla Conferenza Internazionale 20th Recontres de Blois (2008).

[ In Elenco Pubblicazioni ai nn. 16-18, 20 P R.13, R.15, RBLOIS]




Esperimento ANTARES: ANTARES e` un telescopio Cherenkov per la misura di neutrini astrofisici attualmente in costruzione al largo del golfo di Tolone in Francia. L’area efficace prevista per l’esperimento è di circa 0.1 km2. Esso costituisce un ulteriore importante opportunità di verificare le tecnologie che verranno utilizzate per il telescopio da 1 km3. TC ha contribuito

  • all’analisi dei dati di muoni atmosferici misurati con un sotto-insieme (~50%) del rivelatore, ed al loro confronto con le simulazioni MonteCarlo.

  • all’assemblamento ed alla presa dati della linea instrumentata MILOM depositata nel marzo 2005 sul sito di ANTARES, e della Linea 1, depositata nel gennaio 2006;

  • allo studio e sviluppo dell’algoritmo di ricostruzione degli sciami indotti nell’interazione dei neutrini in acqua.

  • Alla presa dati dell’esperimento con i turni in situ (presso la Control Room a La Seyne sur Mer, Tolone, Francia) o in remoto.

[ In Elenco Pubblicazioni ai nn. 19-20]



Progetto KM3Net: KM3Net è un consorzio tra Enti di Ricerca ed Università della Comunità Europea finalizzato allo studio di fattibilità di un telescopio Cherenkov per la misura di neutrini astrofisici da realizzare nel Mar Mediterraneo. Tale progetto raccoglie le competenze e le esperienze dei gruppi coinvolti già in NEMO ed in ANTARES (oltre alla collaborazione NESTOR).
Attualmente, nella secodna fase di attività di KM3-Net, denominata Preparatory Phase, iniziata nel Marzo 2008, TC è stato noinato Referente Nazionale per l’INFN in relazione al Work Package I (Data and Control).

Nella prima fase di attività, denominata Design Study, tesa alla definizione tecnica del rivelatore sottomarino e delle strutture di supporto, TC ha contribuito al Work Package n.2 (Physics and Astrophysics) con lo studio degli sciami elettromagnetici ed adronici indotti dalle interazioni dei neutrini in acqua. TC ha inoltre contribuito con lo studio dell’architettura di un Trigger di eventi muonici per un telescopio di neutrini scalabile alle dimensioni di almeno 1 km3.



  1. Presentazione a Conferenze e Scuole.

TC ha partecipato e presentato risultati del suo lavoro alle seguenti conferenze e scuole internazionali ed nazionali:

Conferenze/Scuole internazionali:





  • 2000, L3+C an atmospheric muon experiment at CERN, Astrophysical Sources of High Energy Particles & Radiation. Erice (Trapani).




  • 2001, Preliminary result of the L3+C experiment, XXXVI Rencontres de Moriond: Very High Energy Phenomena in the Universe. Les Arcs (Francia).




  • 2001, The CR39 nuclear track detector: Calibrations and Applications, 6th School of non Accelerator Astroparticle. ICTP (Trieste).




  • 2002, First results of the CAKE experiment, 18th European Cosmic Ray Symposium. Moscow (Russia).




  • 2002, Preliminary results of the CAKE experiment, 21st International Conference on Nuclear Track in Solids. Delhi (India).




  • 2004, New results of the CAKE experiments, 7th School of non Accelerator Astroparticle Physics. ICTP (Trieste).







  • 2004, The NEMO R&D project, 19th European Cosmic Ray Symposium. Firenze.



  • 2005, International School of Astro Particle Physics, Belgirate.





  • 2005, Environmental parameters and water characteristics from deep-sea measurements at the NEMO sites, 29th International Cosmic Ray Conference, Pune (India)




  • 2008, NEMO, Status Report, 20th Recontres de Blois. Blois (Francia).




  • 2008, International School of CORSIKA, Freudenstadt-Lauterbad (Germania).


Conferenze/Scuole nazionali:

  • 1999, Risultati dell’esperimento L3+Cosmics, LXXXV Congresso Nazionale Società Italiana di Fisica. Pavia.




  • 2001, L’esperimento CAKE, Scuola Nazionale INAF/INFN di Astroparticelle. Bertinoro (Forlì).




  • 2002, Raggi cosmici primari, XIV Workshop problemi della produzione di molte particelle nelle interazioni forti alle alte energie. Bologna.




  • 2003, Esperimento su pallone CAKE: risultati preliminari del volo transmediterraneo. LXXXIX Congresso Nazionale Società Italiana di Fisica. Parma.




  • 2004, Progressi e nuovi risultati dell’esperimento CAKE, XC Congresso Nazionale Società Italiana di Fisica, Brescia.

  • 2005, Caratterizzazione delle proprietà ambientali e ottiche di siti abissali marini per l’esperimento NEMO, XCI Congresso Nazionale Società Italiana di Fisica, Catania.




  • 2006, Misura dell’effetto di biofouling su un apparato Cerenkov sottomarino dedicato all’astronomia con neutrini di altissima energia, XCII Congresso Nazionale Società Italiana di Fisica, Torino



ATTIVITA’ DIDATTICA




FISICA GENERALE

  • Esercitazioni e commissione d’esame (bando deliberato nella seduta del Consiglio di Facoltà del 25/06/2008 e pubblicato in data 16/07/2008) del corso di Laboratorio di Tecniche Computazionali in Biologia (Analisi dei dati M-Z) – LT Scienze Biologiche, A. A. 2008/09.

  • Commissione d’esame per il corso di Fisica Generale 1 del c.d.l. in Matematica (Facoltà di Scienze Mat. Fis. Nat., Univ. Bologna), 2008 e 2009

  • Esercitazioni e commissione d’esame (bando 19/7/2005 Dip. Fisica Univ. Roma “La Sapienza”) del corso di Laboratorio di Fisica Computazionale I del c.d.l. in Fisica, A.A. 2006/07.

  • Commissione d’esame corso di Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare presso il Dipartimento di Fisica dell’Universita' di Roma "La Sapienza” A.A. 2006/2007

  • Esercitazioni e commissione d’esame (bando 5/9/2005 Dip. Fisica Univ. Roma “La Sapienza”) del corso di Laboratorio di Fisica Computazionale I del c.d.l. in Fisica, A.A. 2005/06.

  • Esercitazioni e commissione d’esame del corso di Laboratorio di Fisica Computazionale II del c.d.l. in Fisica (Facoltà di Scienze Mat. Fis. Nat., Univ. Roma “La Sapienza”), A.A. 2004/05.

  • Esercitazioni e commissione d’esame del corso di Fisica Generale (MZ) del c.d.l. in Informatica (Facolta’ di Scienze Mat. Fis. Nat., Univ. Bologna), 2004.

  • Lezioni di Ottica geometrica ed ondulatoria per conto dell’Assocazione Insegnamento della Fisica, 2003.

  • Divulgazione della Fisica delle Astroparticelle ed organizzazione di un laboratorio per studenti di Scuole Superiori presso il Dip. di Fisica Univ. Di Bologna, 2003/2004.

INFORMATICA


Nel 2002, TC ha tenuto un seminario dal titolo Introduzione al sistema di analisi ROOT e C++ presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna.

TESI DI LAUREA e DOTTORATO

TC è stato correlatore di :

  • 1 tesi di Laurea in Astronomia (Univ. Bologna, 2004, vecchio ordinamento);

  • 1 tesi di Laurea in Informatica (Univ. Bologna, 2004, Laurea Triennale);

  • 3 tesi di Laurea in Fisica (La Sapienza Univ. di Roma, 2005-7, vecchio ordinamento);

  • 1 tesi di Dottorato di Ricerca in Fisica (Univ. Bologna 2008, XX Ciclo);

  • 1 tesi di Laurea in Informatica (Univ. Bologna, 2008, Laurea Triennale);

  • 1 tesi di Laurea in Fisica (Univ. Bologna, 2008, Laurea Triennale);

  • 1 tesi (in fieri) di Laurea in Informatica (Univ. Bologna, Laurea Triennale);



ALTRE ATTIVITÀ PROFESSIONALI

Collaborazione con ARPAT-Circondario Empoli-Valdelsa

Nel triennio 2001-2003 TC ha avuto un contratto di ocllaborazione coordinata e continuativa con il Circondario Empolese Valdelsa, nell’ambito della Fisica Ambientale per il potenziamento della Struttura del Servizio Empoi-Val d’Elsa dell’ARPAT (Agenzia Regionale Protezione Ambiente Toscana). TC si è occupato prevalentemente di Acustica Ambientale e Campi Elettromagnetici non ionizzanti.

Nel 2002 TC ha conseguito il Titolo di Tecnico Competente in Acustica Ambientale, (n. 63 dell’albo della Provincia di Firenze, atto 3385 del 25/11/2002).


TC ha seguito con profitto i corsi di formazione su Sistemi di Gestione Ambientale, Tecniche di Controllo dell’Inquinamento Acustico e Perfezionamento delle tecniche di Controllo dell’Inquinamento Acustico.
Nel corso della sua collaborazione con l’ARPAT, TC ha tenuto i seguenti seminari di carattere divulgativo:

  • L’Acustica Ambientale, 2001, presso l’Istituto Comprensivo Statale di Scuola Materna-Elementare e Media (Montelupo F.no);

  • I Campi Elettromagnetici ed elettrosmog, 2003, presso l’ITIS Galileo Ferraris (Empoli).

[ In Elenco Pubblicazioni al n. R. 9]




Insegnamento della Fisica nelle Scuole Secondarie Superiori


A partire dal 01/09/2007, TC è stato assunto a tempo indeterminato come Professore di Fisica (Classe 38/A) nelle Scuole Superiori.
TC ha preso servizio presso l’Istituto Tecnico Commerciale F. Pacini di Pistoia, insegnando alle classi IC, IIC e IVA e C dell’Indirizzo Biologico, e V C dell’indirizzo Linguistico.
Tale attività didattica si è protratta fino al 2/11/2007, quando TC è entrato in aspettativa per motivi di ricerca. Durante il periodo di docenza TC ha svolto regolarmente prima 22 ore, poi 18 ore settimanali di atività frontale. Le lezioni sono state sia di carattere teorico in classe ma anche e soprattutto in laboratorio, secondo l’Impostazione didattica fortemente sperimentale dell’ITC F. Pacini . TC Ha preparato dispense delle sue lezioni che sono scaricabili online dal proprio sito personale (http://www.bo.infn.it/~chiarust).
Dal 01/09/2008 TC è stato trasferito definitivamente presso l’Istituto Tecnico per Geometri Fermi di Pistoia, ma ha mantenuto ininterrotta l’aspettativa di cui sopra.


CONOSCENZE INFORMATICHE
TC programma abitualmente in C++ , Fortran, Basic, Perl, CSH e derivati, e conosce ottimamente gli ambienti UNIX, Windows e MAC-OS.

Tra i programmi di uso scientifico, TC ha una pluriennale esperienza di Matematica® e ROOT e PAW, EXCEL.


TC ha frequentato con profitto i seguenti corsi specialistici:

  • Corsi specialistici di Scripting Languages (Perl), Comitato per la Transizione alle Nuove Tecnologie di Calcolo (CNTC), Bologna 5-9 Marzo 2001.

  • Corsi specialistici di C++ e Programmazione ad oggetti, Comitato per la Transizione alle Nuove Tecnologie di Calcolo (CNTC), Bologna 26-30 Marzo 2001.

  • Corso Specialistico di Introduzione alla programmazione OpenMP sui sistemi paralleli a memoria condivisa, CINECA, Casalecchio di Reno (Bo) 12 Maggio 2008.

  • Corso Specialistico di Introduzione alla programmazione Message-Passing sui Sistemi Paralleli, CINECA, Casalecchio di Reno (Bo) 13-14 Maggio 2008.

LINGUE CONOSCIUTE

TC ha una ottima conoscenza dell’Inglese parlato e scritto, ed ha una sufficiente capacità di comprensione e dialogo del Francese e dello Spagnolo.


DATI PERSONALI




  • codice fiscale: CHRTMS72M12D612M.




  • residenza: Via dell’Olivuzzo n. 67, c.a.p. 50143, Firenze.




  • telefono: 055.710.814 (abitazione); 051.209.5234 (ufficio);




  • e-mail: chiarusi@bo.infn.it, chiarusi@cern.ch;



__________________ Tommaso Chiarusi




Una copia aggiornata del seguente curriculum si trova su http://chiarusi.home.cern.ch/download/




LISTA PUBBLICAZIONI TOMMASO CHIARUSI (aggiornata al 24/05/2007)



Principali Pubblicazioni





  1. T. Chiarusi, 2000, L3+C an atmospheric muon experiment at CERN, NATO Science Series, II/ 44, 325.




  1. O. Adriani et al., 2002,The L3+C detector, a unique tool-set to study cosmic rays, NIM A 488 209.




  1. M. Ambrosio et al., 2002, Final resuts of magnetic monopole searches with the MACRO experiment, Eur. Phys. J. C 25, 511.




  1. M. Ambrosio et al.,2003, Search for the sidereal and solar diurnal modulations in the total MACRO muon data set, Phys.Rev. D67: 042002 e-Print Archive: astro-ph/0211119




  1. M. Ambrosio et al., 2003, Atmospheric neutrino oscillation from upward/throughgoing muon multiple scattering in MACRO, Physics Letters B, Volume 566, 35.




  1. M. Ambrosio et al.,2003, Moon and Sun shadowing effect in the MACRO detector, Astroparticle Physics, 20:145-156.




  1. T. Chiarusi et al.,2003, First results of the CAKE experiment, Radiat. Meas. 36,335-338.




  1. P. Achard et al.,2004, Measurement of the atmospheric muon spectrum from 20-GeV to 3000-GeV, CERN-PH-EP-2004-023, Phys. Lett.B 598, 15 -32.




  1. M. Aglietta et al., 2004, The cosmic ray , helium and CNO fluxes in the 100 TeV energy region from TeV muons and EAS atmospheric Cherenkov light observations of MACRO and EAS-TOP, Astroparticle Physics,21:223-240.




  1. M. Ambrosio et al.,2004, Final Search for lightly ionizing particles with the MACRO detector. Accepted by Phys. Rev. D. (in press) hep- ex/0402006.




  1. T. Chiarusi et al.,2004, The CAKE experiment, progresses and new results. Radiat. Meas 40 (2005) 424-427.




  1. S. Cecchini et al., 2004, Calibration of the Makrofol-DE Nuclear Track Detector using Relativistic Lead Ions. Accepted by Radiat. Meas (hep-ex/0502034, DFUB 2005-6, SLIM 2005/2).




  1. S. Cecchini et al., 2004, Search for Intermediate Mass Magnetic Monopoles and Nuclearites with the SLIM experiment. Accepted by Radiat. Meas (hep-ex/0503003, SLIM 2005/03).




  1. P.Achard et al., 2005, Measurement of the shadowing of high energy cosmic rays by the Moon: a search for TeV energy antiprotons. Astropart.Phys.23:411-434.




  1. Y. Becherini et al., 2005, Time correlations of High Energy Muons in an underground detector, Astropart.Phys.23:341-348




  1. E. Migneco et al., NEMO, Status of the Project, Nucl.Phys.Proc.Suppl.136:61-68,2004




  1. S. Aiello et al. Sensitivity of an underwater ˇCerenkov km 3 telescope to TeV neutrinos from Galactic Microquasars, accettato da Astroparticle Physics, in corso di pubblicazone.




  1. G. Riccobene et al, Deep seawater inherent optical properties in the Southern Ionian Sea, accettato da Astroparticle Physics, in corso di pubblicazione.




  1. J. A. Aguilar, The Acquisition System of the ANTARES neutrino telescope. Sottomesso a Nuclear Instruments and Methods




  1. J. A. Aguilar, First results of the Instrumentation Line for the deep-sea ANTARES neutrino telescope, Astropart.Phys. 26 (2006) 314-324 (astro-ph/0606229)




  1. E. Migneco et al., 2006, Status of NEMO, Nucl.Instrum.Meth.A567:444-451,2006




  1. P. Achard et al., 2006, A search for flaring very-high-energy cosmic g-ray sources with the L3+C muon spectrometer, Astroparticle Physics 25 (2006) 298-310.


Preprint, Proceeding e Report Tecnici





  1. R. Faccini (T. Chiarusi – Appendix A), 1996, Search for new particles in the four jet channel with the L3 experiment at Square root(s) = 161 GeV, Nota Interna L3 n. 2002.




  1. T. Chiarusi, 1999, Misura di muoni cosmici con il rivelatore L3, Tesi di Laurea e Nota Interna L3 n. 2470.




  1. T. Chiarusi, 2001, The L3+C detector at CERN, Proceeding XXXIV Rencontre de Moriond.




  1. S. Cecchini, T. Chiarusi, 2001, Future Cosmic Ray Experiment in Space, Proceeding al NATO- Workshop “Cosmic Radiation: from astronomy to particle physics”, Oujda.




  1. S. Cecchini, T. Chiarusi, 2001,Cosmic Ray experiment in space, Proceeding VI School Non-Accelerator Astroparticle Physics




  1. S.Cecchini, T. Chiarusi, A. Kumar, 2002, First Preliminary results from the CAKE exeriment, Rapporto Interno CNR n. 340.




  1. T. Chiarusi et al., The CR39 nuclear track detector: calibrations and applications, Proceeding VI School Non-Accelerator Astroparticle Physics




  1. E. Bottazzi et al., 2002, Optimal etching conditions of the Makrofol, Lexan and CR39 nuclear track detectors used in the SLIM experiment, SLIM Internal memo 2/2002




  1. T. Chiarusi, 2002, Modellistica della propagazione del rumore da superficie estesa, Nota interna ARPAT – Servizio Sub Prov. Empoli Valdelsa.




  1. S. Cecchini et al., 2003, The CAKE balloon experiment, Proceeding 28th International Cosmic Ray Conference, Tsukuba, Japan, OG 1.1, 1881.




  1. S. Cecchini et al., 2003, The CAKE experiment, Proceeding 16th PAC - European Rocket & Balloon Programmes & Related Research (ESA SP-530) , S. Gallen (CH).




  1. T. Chiarusi, 2003, Measurement of the primary cosmic ray composition with the CAKE experiment, Tesi di Dottorato.




  1. T. Chiarusi, 2004, The Nemo R&D Project, Proceeding of the 19th European Cosmic Ray Simposium (in press).




  1. T. Chiarusi, 2005, New Results from the CAKE Experiments, Proceedings VII School Non-Accelerator Astroparticle Physics




  1. T.Chiarusi et al., 2005, Environmental parameters and water characteristics from deep –sea measurements at the NEMO sites, to appear in the proceedings of 29th ICRC, Pune, India.




  1. T. Chiarusi et al., 2005, Cosmic ray abundance measurements with the CAKE balloon experiment, to appear in the proceedings of 29th ICRC, Pune, India.




  1. S. Cecchini, et al., 2005, On the altitude dependence of g-rays spectra in the Earth’s atmosphere, to appear in the proceedings of 29th ICRC, Pune, India.




  1. S. Cecchini et al., 2005, Application of Nuclear Track Detectors in Astroparticle and Nuclear Physics. Prepared for 9th ICATPP Conference on Astroparticle, Particle, Space Physics, Detectors and Medical Physics Applications, Villa Erba, Como, Italy, 17-21 Oct 2005. Published in *Como 2005, Astroparticle, particle and space physics, detectors and medical physics applications* 149-157. Url-str(9)





©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale