Dal greco bizantino katàstichon, che significa registro; dal greco bizantino katàstichon, che significa registro



Scaricare 445 b.
Pagina1/3
21.12.2017
Dimensione del file445 b.
  1   2   3



DAL GRECO BIZANTINO KATÀSTICHON, CHE SIGNIFICA REGISTRO;

  • DAL GRECO BIZANTINO KATÀSTICHON, CHE SIGNIFICA REGISTRO;

  • ANTICAMENTE DETTO CENSO, FORMA ARCAICA DI “CATASTO” DELL’EPOCA ROMANA;

  • DAL TERMINE LATINO CAPITASTRUM, OSSIA UN QUALSIVOGLIA INVENTARIO DI BENI O SEMPLICE ELENCO DEGLI STESSI.



É L’INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI ESISTENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE;

  • É L’INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI ESISTENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE;

  • É COSTITUITO DI UN COMPLESSO DI DOCUMENTI NEI QUALI SI REGISTRANO LE CARATTERISTICHE TECNICO-ECONOMICHE DEGLI IMMOBILI (TRA CUI SI ANNOVERANO I TERRENI COLTIVATI, LE AREE IMPRODUTTIVE DI REDDITO, I FABBRICATI CON LE LORO PERTINENZE) E DEI RELATIVI POSSESSORI E IN CUI SI TIENE NOTA DELLE MUTAZIONI CHE SI VERIFICANO NEL TEMPO.



1.FISCALI. SI DETERMINANO I REDDITI IMPONIBILI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E INDIRETTE. ORA IL R.C. É UTILIZZATO COME BASE IMPONIBILE PER L’IRE, L’ICI, L’IMPOSTA SULLE DONAZIONI E SUCCESSIONI, L’IMPOSTA DI REGISTRO E LE IMPOSTE IPOTECARIE E CATASTALI.

  • 1.FISCALI. SI DETERMINANO I REDDITI IMPONIBILI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E INDIRETTE. ORA IL R.C. É UTILIZZATO COME BASE IMPONIBILE PER L’IRE, L’ICI, L’IMPOSTA SULLE DONAZIONI E SUCCESSIONI, L’IMPOSTA DI REGISTRO E LE IMPOSTE IPOTECARIE E CATASTALI.



LO SCOPO FISCALE DEL CATASTO É PERCIÓ DETERMINARE GLI ESTIMI CATASTALI E DI CONSEGUENZA LE TARIFFE D’ESTIMO.

  • LO SCOPO FISCALE DEL CATASTO É PERCIÓ DETERMINARE GLI ESTIMI CATASTALI E DI CONSEGUENZA LE TARIFFE D’ESTIMO.



GLI ESTIMI CATASTALI SONO LE RENDITE DEI TERRENI OVVERO DEI FABBRICATI CALCOLATE DAL CATASTO CON RIFERIMENTO ALLA MONETA CORRENTE IN UN DETERMINATO PERIODO (LA COSIDDETTA EPOCA CENSUARIA).

  • GLI ESTIMI CATASTALI SONO LE RENDITE DEI TERRENI OVVERO DEI FABBRICATI CALCOLATE DAL CATASTO CON RIFERIMENTO ALLA MONETA CORRENTE IN UN DETERMINATO PERIODO (LA COSIDDETTA EPOCA CENSUARIA).



LE TARIFFE D’ESTIMO SONO LE RENDITE PER ETTARO (Ha) DI SUPERFICIE DI OGNI QUALITÁ (TIPO DI COLTURA) E CLASSE (LIVELLO DI PRODUTTIVITÁ) OVVERO PER CONSISTENZA DI OGNI UNITÁ IMMOBILIARE (TIPO DI CATEGORIA) E CLASSE (LIVELLO DI PRODUTTIVITÁ) CON RIFERIMENTO ALLA MONETA CORRENTE DELL’EPOCA CENSUARIA.

  • LE TARIFFE D’ESTIMO SONO LE RENDITE PER ETTARO (Ha) DI SUPERFICIE DI OGNI QUALITÁ (TIPO DI COLTURA) E CLASSE (LIVELLO DI PRODUTTIVITÁ) OVVERO PER CONSISTENZA DI OGNI UNITÁ IMMOBILIARE (TIPO DI CATEGORIA) E CLASSE (LIVELLO DI PRODUTTIVITÁ) CON RIFERIMENTO ALLA MONETA CORRENTE DELL’EPOCA CENSUARIA.



2.CIVILI. SI INDIVIDUANO ESATTAMENTE E SI TENGONO DISTINTE LE PROPRIETÁ IMMOBILIARI.

  • 2.CIVILI. SI INDIVIDUANO ESATTAMENTE E SI TENGONO DISTINTE LE PROPRIETÁ IMMOBILIARI.



3.GIURIDICI. É LA POSSIBILITÁ DI ATTRIBUIRE AI DOCUMENTI CATASTALI VALORE PROBATORIO DELLA PROPRIETÁ O DEGLI ALTRI DIRITTI SUGLI IMMOBILI. IN ALTRI TERMINI, É LA FORMAZIONE DI UN AUTENTICO STATO CIVILE DELLE PROPRIETÁ FONDIARIE, A GARANZIA DI TUTTE LE POSSIBILI OPERAZIONI AVENTI COME OGGETTO IL TRASFERIMENTO O LA COSTITUZIONE DI DIRITTI REALI SUGLI IMMOBILI. AL MOMENTO QUESTA POSSIBILITÁ NON É ATTUATA IN ITALIA.

  • 3.GIURIDICI. É LA POSSIBILITÁ DI ATTRIBUIRE AI DOCUMENTI CATASTALI VALORE PROBATORIO DELLA PROPRIETÁ O DEGLI ALTRI DIRITTI SUGLI IMMOBILI. IN ALTRI TERMINI, É LA FORMAZIONE DI UN AUTENTICO STATO CIVILE DELLE PROPRIETÁ FONDIARIE, A GARANZIA DI TUTTE LE POSSIBILI OPERAZIONI AVENTI COME OGGETTO IL TRASFERIMENTO O LA COSTITUZIONE DI DIRITTI REALI SUGLI IMMOBILI. AL MOMENTO QUESTA POSSIBILITÁ NON É ATTUATA IN ITALIA.



4.SOCIALI. É LA POSSIBILITÁ DI DETERMINARE L’ESISTENZA O MENO DEL DIRITTO ALL’OTTENIMENTO DI ALCUNE PRESTAZIONI SOCIALI (SOVVENZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEGLI IMMOBILI, BORSE DI STUDIO…).

  • 4.SOCIALI. É LA POSSIBILITÁ DI DETERMINARE L’ESISTENZA O MENO DEL DIRITTO ALL’OTTENIMENTO DI ALCUNE PRESTAZIONI SOCIALI (SOVVENZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEGLI IMMOBILI, BORSE DI STUDIO…).



5.AMMINISTRATIVI. É LA POSSIBILITÁ DI ELABORARE PROGETTI RELATIVI A LAVORI PUBBLICI E PRIVATI.

  • 5.AMMINISTRATIVI. É LA POSSIBILITÁ DI ELABORARE PROGETTI RELATIVI A LAVORI PUBBLICI E PRIVATI.



6.TOPOGRAFICI. É LA POSSIBILITÁ DI FISSARE L’IMMAGINE DEL SUOLO E DI TUTTE LE SUE DIVISIONI TERRITORIALI, CON ESPOSIZIONE DETTAGLIATA DI TUTTI I FRAZIONAMENTI E CON MENZIONE DELLE PROPRIETÁ E DELLE CATEGORIE O QUALITÁ DEGLI IMMOBILI.

  • 6.TOPOGRAFICI. É LA POSSIBILITÁ DI FISSARE L’IMMAGINE DEL SUOLO E DI TUTTE LE SUE DIVISIONI TERRITORIALI, CON ESPOSIZIONE DETTAGLIATA DI TUTTI I FRAZIONAMENTI E CON MENZIONE DELLE PROPRIETÁ E DELLE CATEGORIE O QUALITÁ DEGLI IMMOBILI.



7.STORICI. É LA POSSIBILITÁ DI STUDIARE L’EVOLUZIONE STORICA DELLE PROPRIETÁ FONDIARIA.

  • 7.STORICI. É LA POSSIBILITÁ DI STUDIARE L’EVOLUZIONE STORICA DELLE PROPRIETÁ FONDIARIA.



8.ECONOMICO - ESTIMATIVI. É LA POSSIBILITÁ DI RILEVARE DATI ECONOMICI PER FACILITARE OPERAZIONI DI BILANCIO O VALUTAZIONI IMMOBILIARI.

  • 8.ECONOMICO - ESTIMATIVI. É LA POSSIBILITÁ DI RILEVARE DATI ECONOMICI PER FACILITARE OPERAZIONI DI BILANCIO O VALUTAZIONI IMMOBILIARI.



CATASTO DEI TERRENI;

  • CATASTO DEI TERRENI;

  • CATASTO DEI FABBRICATI.



DESCRITTIVO / GEOMETRICO;

  • DESCRITTIVO / GEOMETRICO;

  • PER PROPRIETÁ / PARTICELLARE / PER MASSE DI COLTURA;

  • PROBATORIO / NON PROBATORIO;

  • A ESTIMO DIRETTO / INDIRETTO.



DESCRITTIVO: ATTUATO CON UNA DESCRIZIONE PIÚ O MENO SOMMARIA DEGLI IMMOBILI SENZA RILIEVO PLANIMETRICO. LA VALUTAZIONE É EFFETTUATA QUASI SEMPRE SULLA BASE DELLE DENUNCE PRESENTATE DAI SINGOLI POSSESSORI;

  • DESCRITTIVO: ATTUATO CON UNA DESCRIZIONE PIÚ O MENO SOMMARIA DEGLI IMMOBILI SENZA RILIEVO PLANIMETRICO. LA VALUTAZIONE É EFFETTUATA QUASI SEMPRE SULLA BASE DELLE DENUNCE PRESENTATE DAI SINGOLI POSSESSORI;

  • GEOMETRICO: BASATO SULLA MISURA (RILIEVO TOPOGRAFICO PLANIMETRICO DEI TERRENI CENSITI), OLTRE CHE SULLA RACCOLTA DI DATI E NOTIZIE PER RILEVARNE IL POSSESSO E IL CENSO, OSSIA LA BASE IMPONIBILE AI FINI FISCALI.



PER SINGOLE PROPRIETÁ: L’INVENTARIO É ESEGUITO POSSESSORE PER POSSESSORE, O MEGLIO FONDO PER FONDO SENZA ULTERIORI SUDDIVISIONI E SENZA TENERE CONTO DEI TIPI DI COLTURA PRATICATI. CAMBIANDO PERCIÓ I POSSESSORI ERA NECESSARIO REDIGERE NUOVE PLANIMETRIE, PER CUI RISULTAVA DIFFICILE MANTENERLI AGGIORNATI;

  • PER SINGOLE PROPRIETÁ: L’INVENTARIO É ESEGUITO POSSESSORE PER POSSESSORE, O MEGLIO FONDO PER FONDO SENZA ULTERIORI SUDDIVISIONI E SENZA TENERE CONTO DEI TIPI DI COLTURA PRATICATI. CAMBIANDO PERCIÓ I POSSESSORI ERA NECESSARIO REDIGERE NUOVE PLANIMETRIE, PER CUI RISULTAVA DIFFICILE MANTENERLI AGGIORNATI;

  • PER MASSE DI COLTURA: BASATO SOLO SULLE QUALITÁ DI COLTURA. I CONFINI SEGNATI INDICAVANO ZONE RISULTATE OMOGENEE QUANTO A QUALITÁ DI COLTURA;

  • PARTICELLARE: RILEVATO PER PARTICELLE.



ESISTONO 2 DEFINIZIONI: LA PRIMA É INDICATA DALLA LEGGE ISTITUTIVA DEL CATASTO ITALIANO (LEGGE DEL 01.03.1886, N. 3682) E LA PIÚ RECENTE INDICATA NEL D.M. DEL 02.01.1998, N. 28.

  • ESISTONO 2 DEFINIZIONI: LA PRIMA É INDICATA DALLA LEGGE ISTITUTIVA DEL CATASTO ITALIANO (LEGGE DEL 01.03.1886, N. 3682) E LA PIÚ RECENTE INDICATA NEL D.M. DEL 02.01.1998, N. 28.



AI SENSI DELLA LEGGE DEL 01.03.1886, N. 3682, LA PARTICELLA CATASTALE É UNA PORZIONE CONTINUA E UNIFORME DI TERRENO O UN FABBRICATO CHE SIANO SITUATI IN UN MEDESIMO COMUNE, APPARTENENTI ALLO STESSO POSSESSORE E SIANO DELLA MEDESIMA QUALITÁ E CLASSE O ABBIANO LA STESSA DESTINAZIONE ECONOMICA. QUINDI, SE LA PARTICELLA É COSTITUITA DA TERRENO COLTIVABILE, SI FA RIFERIMENTO ALLA QUALITÁ E CLASSE, MENTRE PER LE PARTICELLE COSTITUITE DA FABBRICATI O AREE NON COLTIVATE (AIE, SPIAZZI, LAGHI, STAGNI DA PESCA, CONCIMAIE…) SI FA RIFERIMENTO ALLA DESTINAZIONE ECONOMICA.

  • AI SENSI DELLA LEGGE DEL 01.03.1886, N. 3682, LA PARTICELLA CATASTALE É UNA PORZIONE CONTINUA E UNIFORME DI TERRENO O UN FABBRICATO CHE SIANO SITUATI IN UN MEDESIMO COMUNE, APPARTENENTI ALLO STESSO POSSESSORE E SIANO DELLA MEDESIMA QUALITÁ E CLASSE O ABBIANO LA STESSA DESTINAZIONE ECONOMICA. QUINDI, SE LA PARTICELLA É COSTITUITA DA TERRENO COLTIVABILE, SI FA RIFERIMENTO ALLA QUALITÁ E CLASSE, MENTRE PER LE PARTICELLE COSTITUITE DA FABBRICATI O AREE NON COLTIVATE (AIE, SPIAZZI, LAGHI, STAGNI DA PESCA, CONCIMAIE…) SI FA RIFERIMENTO ALLA DESTINAZIONE ECONOMICA.



AI SENSI DEL D.M. DEL 02.01.1998, N. 28 (ART. 13, COMMA 2), LA PARTICELLA DI POSSESSO É COSTITUITA DA UNA PORZIONE DI TERRENO, SITO NELLO STESSO COMUNE E FOGLIO DI MAPPA, CARATTERIZZATA DA CONTINUITÁ FISICA E ISOPOTENZIALITÁ PRODUTTIVA, NONCHÉ DA OMOGENEITÁ DEI DIRITTI REALI SULLO STESSO ESISTENTI.

  • AI SENSI DEL D.M. DEL 02.01.1998, N. 28 (ART. 13, COMMA 2), LA PARTICELLA DI POSSESSO É COSTITUITA DA UNA PORZIONE DI TERRENO, SITO NELLO STESSO COMUNE E FOGLIO DI MAPPA, CARATTERIZZATA DA CONTINUITÁ FISICA E ISOPOTENZIALITÁ PRODUTTIVA, NONCHÉ DA OMOGENEITÁ DEI DIRITTI REALI SULLO STESSO ESISTENTI.



LA PIÚ RECENTE DEFINIZIONE IDENTIFICA LA PARTICELLA SEMPRE COME UNA PORZIONE DI TERRENO E MAI COME UN FABBRICATO. INFATTI, IN CASO DI UN FABBRICATO, LA PARTICELLA CATASTALE INDICA SOLTANTO L’AREA COPERTA DAL CORPO DI FABBRICA, EVENTUALMENTE COMPRENSIVA DI AREE SCOPERTE DI PERTINENZA DELL’EDIFICIO, MENTRE LA CONSISTENZA DEL FABBRICATO É COSA DIVERSA E NON CONFONDIBILE CON LA PARTICELLA.

  • LA PIÚ RECENTE DEFINIZIONE IDENTIFICA LA PARTICELLA SEMPRE COME UNA PORZIONE DI TERRENO E MAI COME UN FABBRICATO. INFATTI, IN CASO DI UN FABBRICATO, LA PARTICELLA CATASTALE INDICA SOLTANTO L’AREA COPERTA DAL CORPO DI FABBRICA, EVENTUALMENTE COMPRENSIVA DI AREE SCOPERTE DI PERTINENZA DELL’EDIFICIO, MENTRE LA CONSISTENZA DEL FABBRICATO É COSA DIVERSA E NON CONFONDIBILE CON LA PARTICELLA.



INOLTRE, CON LEGGE DEL 26.02.1994, N. 133 E SUCCESSIVO D.M. DEL 02.01.1998, N. 28 NASCE IL CATASTO DEI FABBRICATI, CON FUNZIONE DI REALIZZARE UN INVENTARIO COMPLETO E UNIFORME DEL PATRIMONIO EDILIZIO, COMPRENDENTE SIA I FABBRICATI CIVILI, SIA QUELLI RURALI, CON LE LORO PERTINENZE, DIPENDENZE E ACCESSORI.

  • INOLTRE, CON LEGGE DEL 26.02.1994, N. 133 E SUCCESSIVO D.M. DEL 02.01.1998, N. 28 NASCE IL CATASTO DEI FABBRICATI, CON FUNZIONE DI REALIZZARE UN INVENTARIO COMPLETO E UNIFORME DEL PATRIMONIO EDILIZIO, COMPRENDENTE SIA I FABBRICATI CIVILI, SIA QUELLI RURALI, CON LE LORO PERTINENZE, DIPENDENZE E ACCESSORI.



A ESTIMO DIRETTO: LE RENDITE SONO CALCOLATE DIRETTAMENTE SU OGNI PARTICELLA;

  • A ESTIMO DIRETTO: LE RENDITE SONO CALCOLATE DIRETTAMENTE SU OGNI PARTICELLA;

  • A ESTIMO INDIRETTO: LE RENDITE SONO CALCOLATE PER QUALITÁ E CLASSI.



UNIFORME: SE FORMATO CON CRITERI CHE ASSICURANO PER TUTTI I RILIEVI UNA PIENA UNIFORMITÁ DI RISULTATI;

  • UNIFORME: SE FORMATO CON CRITERI CHE ASSICURANO PER TUTTI I RILIEVI UNA PIENA UNIFORMITÁ DI RISULTATI;

  • NON UNIFORME.



FONDATO SULLA MISURA: SE HA COME BASE IL RILEVAMENTO TOPOGRAFICO DELLA FIGURA E DELL’ESTENSIONE DELLE SINGOLE PROPRIETÁ E PARTICELLE, NONCHÉ LA RAPPRESENTAZIONE SU MAPPE PLANIMETRICHE;

  • FONDATO SULLA MISURA: SE HA COME BASE IL RILEVAMENTO TOPOGRAFICO DELLA FIGURA E DELL’ESTENSIONE DELLE SINGOLE PROPRIETÁ E PARTICELLE, NONCHÉ LA RAPPRESENTAZIONE SU MAPPE PLANIMETRICHE;

  • NON FONDATO SULLA MISURA.



GEOMETRICO;

  • GEOMETRICO;



  1   2   3


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale