Daniele Guolo



Scaricare 6.12 Kb.
01.06.2018
Dimensione del file6.12 Kb.


Luca Beatrice

“Alex Pinna, l’uomo nero”, Ciocca artecontemporanea, Milano, 1997



Alex Pinna
L’infanzia non è soltanto il periodo più felice e spensierato della vita, non è vero che tutto funziona sempre per il meglio.



Certe volte basta un niente perché il mondo ti cada addosso, oppure ti sembra di aver subito una terribile ingiustizia, tipo se la mamma t'ordina di stare dalla parte della strada e non all’interno del marciapiede quando accompagni il fratellino a scuola, così se una macchina vi investe prende prima te e poi lui, come racconta Francesco Piccolo nel suo “Storie di primogeniti e figli unici”.

E non è vero che gli eroi dell’infanzia sono quelli che ha stabilito per te il mondo degli adulti: Peter Pan ad esempio, quell’insignificante folletto con le scarpe a punta, cosa volete abbia da spartire con il vecchio Capitan Uncino, un pirata grande come Francis Drake, raffinato e crudele, un avventuriero che ha visto il mondo, mentre l’altro appunto sta in un’isola che manco c’è.

E lo struzzo Bip Bip, solo capace di correre e di suonare il clacson, il petulante Titti protetto da quell’insopportabile vecchiaccia, il grillo parlante saccentone che non si è mai divertito in vita sua, l’avaraccio Zio Paperone, il classico capitalista di merda!

Non è vero che da piccoli non si sa scegliere: io sono sempre stato dalla parte di Wile E. Coyote, di Silvestro, di Lucignolo, di Rockerduk, dalla parte dei nevrotici, di chi si fa venire l’ulcera pur di non mollare.

E mi piaceva molto Macchia Nera, il nemico pubblico numero uno di Topolino, che però sui giornalini compariva solo ogni tanto, per non turbare la vita piccolo borghese del topo più autoritario che si ricordi.

Sono quindi piuttosto contento che il nostro Alex Pinna abbia pensato a lui, al mitico Macchia Nera, forse la figura più astratta del fumetto disneyano, per questa sua nuova opera. Macchia Nera è uguale all’Uomo Nero, altro inquietante abitatore dell’infanzia, evocato dalle mamme più sadiche se il bimbo non fa la nanna, se fa i capricci, se è troppo vivace, se fa troppe domande.



Il vecchio Alex allora ci fa questo Macchia Nera/Uomo Nero bello grande e con la testa a pera, dopo aver ucciso lo struzzo e titti, dopo i feti, i pinocchietti i lettini che sono tutto tranne che carini. E ora stai attento, sennò dopo viene Macchia Nera e ti porta via!

Luca Beatrice



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale