Determinazione dei criteri di valutazione della prova pratica e della prova orale



Scaricare 6.15 Kb.
02.01.2018
Dimensione del file6.15 Kb.

ESTRATTO


del Verbale della Commissione esaminatrice dell’avviso pubblico, per prova pratica e prova orale, per la costituzione di rapporti di lavoro a tempo determinato nel profilo professionale di Collaboratore Amministrativo Professionale Esperto - Categoria Ds - da assegnare all’USS Legale Interno e Audit.


  1. DETERMINAZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA PROVA PRATICA E DELLA PROVA ORALE

La Commissione esaminatrice, in conformità a quanto stabilito dall’art. 8 del DPR 220/01, dispone per le prove di esame complessivamente di 40 punti, così ripartiti:

20 punti per la prova pratica;

20 punti per la prova orale.
Come indicato nell’avviso di indizione della procedura, le prove di esame saranno le seguenti:

- prova pratica: esecuzione di tecniche specifiche o predisposizione di atti connessi alla qualificazione professionale richiesta;

- prova orale: vertente sugli argomenti della prova pratica.

Il superamento di ciascuna delle due prove d’esame è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici di almeno:

14/20 per la prova pratica;

14/20 per la prova orale.



La Commissione esaminatrice determina, ai sensi dell’art. 9, comma 3, del D.P.R. 220/01, i criteri e le modalità di valutazione delle prove d’esame come segue:
Prova pratica: Dissertazione esaustiva su tematiche di diritto di lavoro o di diritto amministrativo da cui si evinca la capacità critica e tecnica di redazione degli atti processuali o amministrativi.



Prova orale: Capacità di contestualizzare l’argomento chiesto, di cogliere ed evidenziare gli elementi fondamentali per la ricostruzione dell’istituto giuridico.



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale