Diocesi di roma


/ La necessità di ricreare una mentalità che aiuti a comprendere chi è un padrino ben prima di doverlo scegliere per un Battesimo



Scaricare 190.5 Kb.
Pagina31/55
29.03.2019
Dimensione del file190.5 Kb.
1   ...   27   28   29   30   31   32   33   34   ...   55
2/ La necessità di ricreare una mentalità che aiuti a comprendere chi è un padrino ben prima di doverlo scegliere per un Battesimo

Ma è altrettanto evidente che non si risolve il problema semplicemente intervenendo in prossimità del Battesimo con gli opportuni dinieghi o assensi.

Si tratta ben più profondamente, con un lavoro che non potrà che avere tempi lunghi, di aiutare tutti a riscoprire ben prima del momento della scelta dei padrini in prossimità del Battesimo i termini della questione. È opportuno per questo che si parli del ruolo dei padrini a tutta la comunità cristiana, non solo in occasione del Battesimo ormai programmato.

Per esempio, sarà importante che se ne cominci a parlare ai genitori nel momento in cui accompagnano i figli nel cammino di preparazione all'Eucarestia. Essi debbono sapere che, se non aiuteranno i figli a continuare il cammino con la Confermazione, non solo li terranno lontani dal Vangelo in un'età in cui invece ne avranno estremo bisogno, ma li priveranno anche della grande gioia di poter esser padrini quando, raggiunta la maggiore età, in prossimità del Battesimo di un nipotino o di un cuginetto qualcuno chiederà loro di diventare padrini. Quando il sacerdote spiegherà loro che, non essendo cresimati, non potranno esserlo, sarà almeno chiaro che il dolore che proveranno dipenderà non dalla rigidezza della Chiesa, ma dall'incoscienza dei loro genitori a cui era stato suggerito di comportarsi diversamente a tempo debito. Insomma, la questione dei padrini aiuterà a comprendere che non è la stessa cosa essere o non essere cresimati.





Condividi con i tuoi amici:
1   ...   27   28   29   30   31   32   33   34   ...   55


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale