Diocesi di roma


La celebrazione del Battesimo – Indicazioni liturgiche



Scaricare 190.5 Kb.
Pagina48/55
29.03.2019
Dimensione del file190.5 Kb.
1   ...   44   45   46   47   48   49   50   51   ...   55
4. La celebrazione del Battesimo – Indicazioni liturgiche
Io ti battezzo nel nome del Padre

e del Figlio e dello Spirito Santo

1/ Il Battesimo e la Messa domenicale

Il Battesimo inserisce ogni persona in Cristo e dona a tutti i credenti la remissione dei peccati e la condizione di figli di Dio. Per questo, come insegna San Tommaso d’Aquino, «nessuno deve avere il minimo dubbio che ogni fedele diviene partecipe del corpo e del sangue del Signore nel momento in cui con il battesimo diviene membro del Corpo di Cristo». Tutto è già donato con il Battesimo.

Ma la figliolanza divina ha insieme un potente dinamismo, come la vita che nasce e, insieme, deve essere corroborata e svilupparsi. Per questo i battezzati, attraverso la Confermazione, ricevono il dono dello Spirito, per una più profonda configurazione a Cristo. Nell'Eucaristia si nutrono del Corpo e del Sangue del Signore, per ricevere la vita eterna e per manifestare l'unità del popolo di Dio. Questi tre sacramenti sono profondamente uniti tra loro, perché conferiscono ai credenti la maturità cristiana attraverso cui possono compiere la missione affidata dal Signore al popolo di Dio.

Per manifestare questa unità è importante che il Battesimo venga celebrato, dove è possibile, durante la celebrazione Eucaristica domenicale. Certamente nella Veglia pasquale, ma anche nelle altre domeniche. Si può prevedere che ogni mese in una delle Messe domenicali, a turno, siano battezzati i neonati.

La celebrazione dei Battesimi all’interno della Messa permette anche che la comunità cristiana vi partecipi. Le famiglie che battezzano i loro bambini possono così riscoprire la compagnia della parrocchia. D’altro canto in questo modo è la comunità ad avvertire la propria fecondità di Chiesa madre che genera nuovi figli alla fede.

Dove i bambini da battezzare sono tanti o non è possibile celebrare i Battesimi nelle Messe domenicali, perché l’ordinaria celebrazione dell’anno liturgico ne risentirebbe, è opportuno trovare altri modi per porre in risalto il legame del Battesimo con la celebrazione eucaristica e con la comunità. Ad esempio, si possono accogliere i genitori con i loro bambini la domenica prima del Battesimo alla porta della Chiesa. Il sacerdote segnerà con il segno della Croce i bambini ed inviterà le famiglie ad entrare in forma processionale all'inizio della Liturgia. Oppure, se la celebrazione del Battesimo avviene in quella stessa domenica, in orario non lontano dalla celebrazione dell’Eucarestia, i battezzandi possono essere presentati alla comunità prima o dopo la Messa, e si preghi per loro durante la preghiera dei fedeli.

Se invece il sacramento è celebrato lontano dagli orari delle Messe, il Parroco non manchi di trovare le modalità giuste per non perdere la dimensione ecclesiale del sacramento, magari affidando l’animazione a turno ad un gruppo parrocchiale che possa rappresentare la comunità e creare un’atmosfera di accoglienza e di festa.

Dove è possibile, si valorizzi il battistero, adornato e ben illuminato.



2/ Il canto

Si cerchi sempre, ove possibile, di cantare almeno l'Alleluia e le Litanie dei santi, inserendo i santi patroni dei bambini che devono essere battezzati. L'esperienza insegna che basta una breve prova prima della celebrazione perché le persone riscoprano la bellezza del canto e partecipino poi in forma responsoriale sia all'Alleluia che alle Litanie. Niente sostituisce nella liturgia il canto: esso conferisce bellezza e dignità alla celebrazione, coinvolgendo tutti nella lode di Dio e nella preghiera di invocazione.






Condividi con i tuoi amici:
1   ...   44   45   46   47   48   49   50   51   ...   55


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale